Il dialetto barese è Bari: la sua storia, la sua anima, la ragione stessa dell'essere suo.  ( Armando  Perotti )               * * *               Non si creda che i dialetti siano destinati a sparire, se mai si moltiplicheranno, pur tenendosi stretti alla lingua  " scritta  "  di Dante.  (Francesco Babudri)               * * *               Il dialetto è l’anima del popolo, la parte meno obliabile, non l’orpello o l’ignoranza come alcuni credono.  (Pasquale Sorrenti)               * * *               Non si può avere piena intelligenza della Divina Commedia senza tenere l’occhio rivolto al dialetto.  (Abbate Giuliani)               * * *              Il dialetto è un potente mezzo di comunicazione e ha diritto di cittadinanza nella scuola, e non solo a livello sperimentale. (Francesco Mininni)               * * *               Io credo che il poeta dialettale può e deve restare fedele al suo dialetto, se non lo fa, rischia di offrire ai suoi lettori, componimenti redatti o un dialetto annacquato o in un italiano adulterato.  (Oronzo Parlangeli)               * * *              Nella città di Bari, sono ancora in molti che identificano il dialetto con la povertà o come marchio di appartenenza agli strati più umili, gretti e ignoranti della società, al contrario di quanto avviene in altre città dove l’uso del dialetto è vezzo, sciccheria e ostentazione. (Alfredo Giovine)               * * *            I dialetti sono specchi più fedeli, più spontanei, forse anche primigenii dell'interiore linguaggio che precede ogni fatto linguistico. (Pio XII)
  BENVENUTO      
 
Immagini

Immagini di repertorio
Don Dialetto(13522)


Eventi
<
Marzo
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- -- 01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 -- -- -- -- --




Visitatori
Visitatori Correnti : 10
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 283
Ultimo iscritto : GIUPPI
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 44
 
 Commenti: 15
 
 Immagini: 9902
 Immagini viste: 6122682
 
 Articoli: 87
 Pagine: 1362
 Pagine lette: 7243018
 
 Siti web: 6
 
 Notizie on line: 18
 
 Preferiti: 81
 Siti visitati: 282508
 
 Post sui forum: 17
 
 Libro degli ospiti: 24
 
 Eventi: 1603

Sponsor

Contattateci  per  inserire  la  vostra  Pubblicità



 
 

 


 
Ultimi inserimenti

Data:  31/12/2013 Sezione  Mercatino Ultimo Inserimento:  Calendario Barese 2014  - Data:  28/03/2015 Sezione  Articoli Ultimo Inserimento - Controlla l'ultima pagina di:  La Semàna Sande  - Data:  16/03/2015 Sezione  User Ultimo Iscritto:  GIUPPI  - Data:  01/01/1900 Sezione:   Ultimo Inserimento:   - Data:  26/03/2015 Sezione  Immagini Ultimo Inserimento:  Locandina: Polifonica Barese "Biagio Grimaldi" -  - Data:  01/01/1900 Sezione   Ultimo Inserimento:   - Data:  29/03/2015 Sezione  News Ultimo Inserimento:  Demèneche de le Palme: La laneche che le sècce chiène

Benvenuti sul sito web
Pagina di Benvenuto

Benvenuti sul sito web www.dondialetto.it

Gigi De Santis

Il portale dei Baresi nel Mondo

 

 
DonDialetto.it


Teniamo alta la BANDIERA
della STORIA, della TRADIZIONE, del DIALETTO di BARI,
ma senza...

Improvvisazioni - Errori - Strafalcioni - Scopiazzature - Alterazioni - Mistificazioni - Compromessi - Contaminazioni.

Il Dialetto,  innanzi tutto, è una cosa seria
(Grammatica, Scrittura, Lettura, Declamazione, Recitazione, Canto).

                                        
DonDialetto.it

La Voce... Il Suono... La Parola... La Gestualità... La Storia... Il Folclore...
I Racconti... I Canti... La Saggezza... Il Dialetto...
.La Pausì....
U Ndrattìine... U u-addòre... U Tiàdre... La Uascèzze...

 

DonDialetto.it

la BARESITÀ D.O.C. contributo al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione della Cultura Popolare e della Lingua Barese.

 

29 marzo 2015
Demèneche de le Palme: La laneche che le sècce chiène
29 marzo 2015
Domenica delle Palme (2015)
28 marzo 2015
La Demèneche de le Palme (2015)
27 marzo 2015
Venerdì di Passione 27 marzo 2015
25 marzo 2015
CASAMASSIMA D'ALTRI TEMPI: MOSTRA FOTOGRAFICA
24 marzo 2015
la Lingua Barese, attreverso i giochi di strada d'un tempo dei fanciulli e ragazzi baresi
23 marzo 2015
Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 4
23 marzo 2015
Editoria Barese: iì sò de BBare
22 marzo 2015
Vremecìidde che le cozze chiène
21 marzo 2015
BBare Premavère 2015
11 novembre 2014
Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
05 giugno 2014
COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
04 giugno 2014
PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
02 aprile 2014
Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
09 marzo 2014
Grammatica Barese: La i che cambia i suoni
16 novembre 2013
Lingua Barese: Problema Grafico - Denuncia dell'Accademia della Lingua Barese "Alfredo Giovine"
13 agosto 2013
CULTURA e DIALETTO BARESE
08 marzo 2009
NOVITÀ BIBLIOGRAFICA BARESE ASSOLUTA su INTERNET
  
Top 5 - Forum
therock - 29/10/11 20:38:26
Vi posto il link, tratto da youtube, del...
mauror58 - 01/03/11 13:24:37
egr.dott.desantis, vedo che ha fatto presto...
mauror58 - 06/01/11 11:01:18
Grazie Dott. DeSantis, mi scuso se non...
Gigi - 05/01/11 09:32:10
Gentile signor Mauro, ricambiamo con gioia...
mauror58 - 04/01/11 22:12:10
salute a tutti voi, sono nuovo del forum...

Demèneche de le Palme: La laneche che le sècce chiène
Inserito il 29 marzo 2015 alle 10:35:00 da Gigi. IT - Cucina barese

La laneche che le sècce chiène

Nella festività delle Palme, oltre al tradizionale scambio dei ramoscelli di ulivo e quello delle palme (gesto simbolico in tutto il mondo cattolico, è pegno di pace, di prosperità, di solidarietà, d’amicizia, di rigenerazione), a Bari si rispetta l’indicativo avvenimento anche a tavola preparando il menù fatto di solo pesce. Fra i tradizionali primi piatti che si preparavano, c’era (fortunatamente c’è ancora) uno più speciale degli altri, “la laneche che le sècce chiène”. Piatto tradizionale della cucina locale (i baresi che rispettano la tradizione lo preparano anche nella “Demèneche de le Palme”).

La laneche che le sècce chiène

Se mbaste nu chile de sèmmue, se spianèsce cu laganàre e se mètte ad assecuà pe mmènza scernate. Pò se tagghie a fettucce longhe vindicìnghe cendrìmetre e se lassen’assecuà angore. Ndratande se prepàrene le sècce ca vonne pelzate levanne u u-èsse, le malandre, u fèdeche (ca fasce nu fìite e ttène nu chelore ca non dande piàsce), la vocche, l’ècchie, le calècchie (sono due cilindretti di colore marrone) e la pèdde ca stà sott’a la vènde. Le cìire, addò arresedièsce sèmme nu picche de ggnore o de rène, vonne lavate scherzuànnele m-mènz’a le mane finghe acquànne devèndene bbianghe-bbianghe. La pèdde de sop’a la vènde s’allasse sane percè fasce na sbèggie de palde pe mmètte iìnde u mbaste fatte d’ove battute, fremmagge e ppèpe, pedresìne e iègghie. S’achiùde la palde chesènne che nn’ache e u file da mbastì pe nno ffà assì u ddinde (fuoriuscita degli ingredienti).

Iìnd’a nnu tiàne se mèttene mìinze quinde d’ègghie, nu specudde d’agghie tagghiàte a stozzarèdde e se mètte sop’o ffuèche. Acquànne u u-àgghie acchemmènz’a ffà russe, s’ammènene iìnde le sècce. Dopo ca s’honne sfritte nu picche, s’ammène la salze de pemedòre, sale, pèpe, pedresìne e nnu picche d’acque. Se lasse cosce pezzinghe acquànne sò ccotte e se lèvene da iìnd’o tiàne. Iìnd’a nna cazzaròla granne se mètte iàcque e ssale e se lasse cosce la laneche. Acquànne iè ccotte se iègnene le piatte e ssope s’ammène u suche de le sècce ca se mangene dope le maccarùne.    

 

Traduzione sintetica

Fettuccine con le seppie ripiene

Si prepara la pasta di semola che si spiana con un matterello. Si lascia asciugare e si taglia a fettuccine lunghe venticinque centimetri che si lasciano ancora ad essiccare. Nel frattempo si preparano le seppie che vanno preventivamente pulite ben bene togliendo l’osso, la vescichetta del nero, il fegato (che emana un fetore e un colore molto sgradevole), la bocca e la pelle sotto il ventre. I tentacoli, nelle cui ventose più tenacemente residua lo sporco, vanno lavati strofinandoli fra le mani finché diventano bianchi senza alcuna traccia di nero. La pelle che si trova nella parte superiore va lasciata perché forma una specie di saccoccia entro cui deporre l’impasto fatto con uova sbattute, formaggio grattugiato, pepe, prezzemolo, aglio tagliuzzato. Si chiudono le tasche cucendo con filo bianco per evitare la fuoriuscita degli ingredienti. In un tegame si versano centro grammi d’olio e uno spicco d’aglio tagliuzzato. Quando l’aglio comincia a imbiondire si calano nel tegame le seppie. Si lasciano soffriggere un po’, si versa la salsa di pomodoro, un po’ di pepe e sale, prezzemolo e un po’ d’acqua. Quando le seppie sono cotte si tolgono dal fuoco, sul quale si pone una casseruola con acqua e un pizzico di sale per cuocere le fettuccine. Giunte alla giusta cottura si tolgono, si scolano e si pongono nei piatti; su di esse si versa il sugo rosso, e le seppie saranno servite come seconda portata. 

Canto popolare: “La megghière du Mèricàne / Vèn’a BBare a cattà u ppane / Mange cudde fatt’a ttrècce / E la laneche che le sècce. / Pur’u sinneche de Lècce / Vèn’a BBare a cattà le sècce. / Disce u sinneche de BBare: / No nge stonne sècce a LLècce / «C’ha da menì a BBare a cattà le sècce?» / Respònne u sinneche de Lècce: / «Pur’a LLècce stonne sècce / Ma le chidde ca stonn’a BBare / Sò cchiù frèscke e nnon zò ccare»”.

BBone Palme a ttutte... a nnù cchiù de tutte.

La grafia della ricetta scritta in barese è stata aggiornata con regole grammaticali dell’Associazione «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Bibliografia: Alfredo Giovine, «U Sgranatòrie de le Barìse», Edizioni Fratelli Laterza, Bari, 1981; Giovanni Panza, «La checine de nononne», Schena Editore, Fasano (BR), 1982; Gigi De Santis, «Calannàrie Barèse millenovecìindenovandasètte», Tipografia Uniongrafica Corcelli, Bari 1996; “U Corrìire de BBàre”, Direttore responsabile Felice Giovine, Bari, febbraio 2012. 

, e Foto: «Sècce e ssècce chiène». Libro “a tavola sulla costa barese”, Vito Buono / Angela Delle Foglie, Levante Editore, Bari, 2006; fototeca «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Foto:  «Sècce chiène». “La cucina regionale italiana - Puglia -”, Paola Loaldi,  Mondadori Electa, Milano, 2008; fototeca «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Lingua e Cucina Tipica Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 1 | Dettagli... (9 parole)

Domenica delle Palme (2015)
Inserito il 29 marzo 2015 alle 09:55:00 da Gigi. IT - Auguri

BBona Palme, pasce a ttutte.

La Demèneche de le Palme

Ce Demèneche iè cchèsse de le Palme!

 La fèste de la pasce e de l’amore;

 Oggn’e ccore anasprìte stà cchiù ccalme;

Sparèssce oggne vendètte e oggne rangore. 

 

Quanda rame d’auuì! e cce ssò bbèdde!

L’ave vasate u sole stamatìne, 

Stonn’aggestate iìnd’a le canestrèdde,

Addorene de cambe e de ciardìne.

 

Pertàdeve nu rame benedìtte,

Mettìduue a ccape lìitte o a la porte;

Date la palme a ccì stà sèmb’afflìtte;

Stu done, ngi-av’a ièsse de gran ghenvòrte.

Poesia di Agnese Palummo, estratta dal libro: «La poesia di una colomba», Adda Editore, Bari, 1992.

La lirica è stata trascritta e aggiornata con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Clicca su canale «Folclore», categoria “La Semàna Sande” articolo <La Domenica delle Palme>.

Per una approfondita ricerca sulle Ricorrenze Notevoli Baresi

Foto: «“Le Palme”», Artistica lavorazione di fiori freschi “La Palma” unica sede,  Via Francesco Crispi, 83/a, in attività da sessantacinque anni  (1950-2015), fototeca,  Gigi De Santis, Archivio Centro Studi “Don Dialetto”, Bari (1976-2015).

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 

 


Commenti : 0 | Letto : 2 | Dettagli... (9 parole)

La Demèneche de le Palme (2015)
Inserito il 28 marzo 2015 alle 10:05:00 da Gigi. IT - La Semana Sande

La Demèneche de le Palme

Con la Domenica delle Palme si dà inizio ufficialmente ai riti della Settimana Santa per commemorare il trionfale ingresso di Gesù Cristo in Gerusalemme accolto festosamente con palme e rami d’ulivo dal popolo giudeo accorso numeroso.

A Bari, nei tempi andati, la Domenica delle Palme era molto seguita sia negli aspetti sacri, sia in quelli folclorici. Nelle settimane che precedevano la festività dedicata al simbolo della pace, le cronache degli anni ’50 / ’60 del secolo scorso riferiscono che gruppi di uomini e ragazzi, abusivamente si procuravano rami di palme e d’ulivo. I ragazzi più scaltri riuscivano a procurarsi la materia prima assaltando anche gli alberi dei giardini pubblici. Fu il periodo più nero tant’è che si ricorse alla vigilanza delle guardie municipali e forze di polizia; ancora oggi, purtroppo, si continua con furti e sfregi di palme e di rami d’ulivo.

La preparazione delle palme aveva un rito tutto particolare; finite nella lavorazione dell’intrecciatura, per farle ingiallire le lasciavano, chiuse “iìnd’a nu settane” (in un basso che dà sulla via) o “abbassce o scandenate” (giù nello scantinato).

Negli anni a venire le palme si confezionarono pure con fronde d’ulivo. Dalla sera precedente gli ambulanti si accaparravano, con bancarelle di fortuna, gli spazi più vicini e ben visibili alle chiese per esporre le loro palme di diverse forme e colori: triangolari, circolari, romboidali, gialle, argentee, dorate, abbellite da carta o nastri colorati e da altri ornamenti ben confezionate da foglio trasparente, il «cellofan». Di primo mattino, le chiese erano già gremite di fedeli i quali assistevano alle funzioni religiose dopo aver acquistato una palma o rami d’ulivo nell’attesa di essere benedette. Tutte le chiese e, soprattutto, la Cattedrale e la Basilica, con il trascorrere della mattinata diventavano sempre più affollate e molta gente era costretta a seguire la messa fuori della parrocchia. Finita, la funzione, il vescovo o il parroco dava inizio alla benedizione con l’acqua santa. I fedeli tenendo in alto il loro simbolo di pace, rigenerazione e prosperità, speravano che qualche goccia bagnasse la loro palma perché se si fosse verificato, erano convinti che la loro salute non corresse pericolo. La credenza era più veritiera e di buon auspicio, se la palma era posta vicino all’altare o al tavolo del sacerdote. Dopo la benedizione, i baresi si scambiavano rami d’ulivo e palme benedette con parenti e conoscenti per rinverdire vincoli d’amicizia, a rinsaldare quelli affievoliti. I credenti, soprattutto donne, bruciavano la palma benedetta in modo che la cenere fosse messa sul capo con l’intento penitenziale. 

Le ragazze nubili “le vacandìne”, rincasando si affrettavano a porre sulla brace accesa, la foglia più bella della loro palma recitando per tre volte i seguenti versi: “Palma benedètte, ca vìine na vold’o u-ànne. Dimme: agghie avè nu madremònie agguànne?” (Palma benedetta, che vieni una volta l’anno. Dimmi: mi sposerò nel presente anno?). La foglia, se bruciava regolarmente, voleva dire no. Se, invece, scoppiettava e saltellava la risposta era affermativa.

Nel mondo agricolo i proprietari di terreni appendevano la palma su un albero o la piantavano nei poderi o messa sui pagliai per augurare sia per un buon raccolto, sia per allontanare fulmini e alluvioni, mentre la palma o il ramo d’ulivo dell’anno precedente, li bruciavano recitando dei Pater Noster e delle Ave Maria. C’era anche un pregiudizio, se per volontà o distrazione si distruggeva la palma benedetta, il terreno coltivato doveva essere devastato da grandine o da calamità.  Altro uso e importanza che si dava alla palma era, quando si cambiava residenza. Occupata la nuova abitazione, veniva appesa dietro la porta d’ingresso contro l’invidia del vicinato. La palma benedetta sostituisce in casa quella dell’anno precedente, appesa dietro la porta d’ingresso contro l’invidia o messa al capezzale del letto “a ccape lìitte” e vicino ai quadri o figure di santi contro la iettatura. Si portava persino sulle terrazze “sop’o u-àscre”, per fugare dalle case le disgrazie. In tempi remoti si abbinò, insieme alla palma, qualche frutta conservata gelosamente perché si credeva che avessero potere medicinale e si mangiavano in caso di gravi malattie. I poveri offrivano palme ai signori per ottenere qualche cosa di buono, così si comportavano anche i facchini e altri lavoranti con i loro datori di lavoro i quali ricambiavano il gesto di pace offrendo loro doni in natura. I sagrestani si comportavano alla stessa maniera con i fedeli che appartenevano alla loro parrocchia nella speranza di ottenere in cambio qualche soldo.

La palma si offriva soprattutto con chi si era in collera “arragàte” e il gesto non poteva essere rifiutato perché l’offerta della palma era il simbolo di una nuova conciliazione quindi al gesto si rispondeva con un abbraccio e un bacio in segno di pace duratura. Ancora oggi, si porta la palma o un ramoscello d’ulivo sulla tomba dei cari defunti. Piacevole era, quando si notavano due ragazzini scambiarsi una crocetta di palma o un ramoscello d’ulivo e, dopo, ognuno dava all’altro il mignolo della mano destra e all’intrecciarsi delle dita, recitavano il seguente detto: «Pace, pace di Gesù, non lo faccio più». Alla pronuncia del detto seguiva un bacio sulle guance e la pace era «firmata».

La palma significa, pure, innocenza e candore; nei tempi passati il popolano quando giurava si esprimeva con tutta sincerità: “U ggiùreche sop’a la palme de chèdda figghie” (Lo giuro sulla palma di quella figlia) mettendo in risalto, l’innocenza della figlia che è al di sopra di ogni sospetto, come garanzia della sua buona fede.

Tra fidanzati ufficialmente la palma significa eterno amore. Il futuro sposo di un tempo, comprava alla sua futura anima gemella, la più bella palma e la ornava di fiorellini colorati o con piccoli coralli dorati o inargentati oppure “che le fettucce” (con nastri colorati) arricchendola con un regalo d’impegno: “u-anìidde d’ore” (l’anello d’oro) o “nu bracciàle” (bracciale) o “nu pare de recchìine” (un paio d’orecchini) o “u brelloque” (ciondolo con vetrini per poter contenere un ciuffo di capelli dell’amato bene). Negli anni ’50 del secolo scorso, a Bari Vecchia, era in voga confezionare una palma speciale per gli innamorati. Era composta con bianchi confetti infilati l’uno dietro l’altro formando un caratteristico «ventaglio» da offrire alla promessa del cuore e futura compagna della vita la quale si disobbligava inviando a Pasqua, a casa del fidanzato, doni accompagnati “do pegherìidde” (dall'agnellino) zuccherato con il rosso vessillo della Resurrezione o “na scarcèdde” (dolce caratteristico di Pasqua) arricchito con un pensierino d’amore e di fedeltà che consisteva: “n’arlogge” (un orologio) o “nu pare de gèmèlle d’ore pe le pulze de la cammise” (bottoni in oro per i polsi della camicia).  Sulla palma si sono scritti anche sonetti popolari contro l’invidia e il male. Ne riporto uno dello storico e demologo Alfredo Giovine: “Palma bbèlla benedètte / Palma de la bbona nove / Palme de scarcèdde e iòve / Cacce u ddiàuue a ddò stà ccove” (Palma bella benedetta / Palma della buona sorte / Palma di “scarcella” e uova / Caccia il diavolo dove cova). Il popolino barese, rispetta ancora la tradizione di mangiare a pranzo solo pesce la Domenica delle Palme, soprattutto il primo piatto è preparato, dalla padrona di casa, o “La Laneche che le sècce chiène” (Fettuccine con le seppie ripiene) o “Vremecìidde che le cozze chiène” (Vermicelli con le cozze ripiene) -Clicca sul canale <La cucina>, categoria <U u-addòre>-.

Articolo in continuo aggiornamento. Pagina emendata e accresciuta sia nella ricerca delle ricorrenze notevoli sia nella grafia trascritta e aggiornata con regole grammaticali dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Bibliografia ed emerografia: Saverio La Sorsa, «Il Folklore nelle scuole di Puglia», Società Editrice Dante Alighieri di Albrighi, Segati & C., Milano-Roma-Napoli, 1926; Alfredo Giovine: «Ricorrenze Notevoli del Popolino Barese» edito dallo stesso autore, Bari 1966; Liborio Lojacono, «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari, 30-03-1985; Gigi De Santis, «Puglia d’Oggi», Bari, 8-04-2001; «Bari sera», Bari, 12/13-04-2003; Gigi De Santis, «La Semana Sande» (dal Venerdì di Passione a Lunedì dell’Angelo), Spettacolo Teatrale, Bari, 5-04-2003. 

Foto: «Palme benedette», fototeca, Nico Tomasicchio, Bari,  2012. fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Foto: «Le Palme», fotografia Ficarelli - Bari, Libro, «Ricorrenze Notevoli del Popolino Barese», edito dallo stesso autore, Bari 1966, Alfredo Giovine; fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Foto: “L’ulivo di Cristo”,  Francesco Cipriani; fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Storia, Religione, Folclore, Lingua Barese,

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 2 | Dettagli... (9 parole)

Venerdì di Passione 27 marzo 2015
Inserito il 27 marzo 2015 alle 07:35:00 da Gigi. IT - La Semana Sande

Venerdì di Passione

Arciconfraternita “Maria SS.ma della Pietà e di S. Antonio” Convento – Parrocchia “S. Antonio” - BARI -

Venerdì 27 marzo ore 10:00

PROCESSIONE DELLA SS.ma ADDOLORATA 

 

Accompagnano i Concerti Bandistici

“A. PLANELLI” diretto dal m° Nicola Cotugno

e

 “T. TRAETTA” diretto dal m° Simone Mezzapesa

ITINERARIO

Anche quest’anno la processione uscirà dalle ore 10:00.

Dopo 44 anni (1969-2013) si è ritornati all’antica  tradizione.

 Ore 10:00. CHIESA SANT’ANTONIO, inizio processione. Piazzetta Sant’Antonio - (Quartiere Madonnella): Piazza Luigi di Savoia - Via Carulli - Piazza Madonnella - Corso Sonnino - Via Cardassi - (Borgo Muratiano): Via Beatillo - Via Melo - (Centro Storico): Strada San Benedetto - Chiesa San Michele - Strada Gironda - Via Degli Orefici - Piazza Mercantile - Strada Palazzo di Città - Chiesa Sant’Anna - Corte del Catapano Piazza San Nicola - Basilica San Nicola - Piazza 62 Marinai - Via Delle Crociate - Strada del Carmine - Strada San Marco - Chiesa San Marco dei Veneziani - Strada del Carmine - Chiesa del Carmine - Piazzetta Bisanzio Rainaldo - Piazza dell’Odegitria - CATTEDRALE (sosta fino alle ore 15:00).

Piazza Federico II di Svevia - Chiesa SS. Medici - Via Attolini - Strada Bianchi Dottula - Strada Boccapianola - Arco Giandomenico Petroni - Chiesa S. Giuseppe - Strada Sagges - Via Filippo Corridoni - Piazza Chiurlia - Strada Palazzo Intendenza - Strada S. Domenico - Chiesa Maria SS.ma del Rosario in S. Domenico - Chiesa Maria SS. degli Angeli - Via Boemondo - Piazza Federico II di Svevia - (Borgo Muratiano): Via San Francesco D’Assisi - Piazza Garibaldi - (Quartiere Libertà): Chiesa Maria SS.ma del Rosario in San Francesco - Via Francesco Crispi - Via Colonnello De Cristoforis - Chiesa San Carlo Borromeo - Corso Mazzini - Via Pietro Ravanas - Via Francesco Crispi - Via Manzoni (Borgo Muratiano): Via Putignani - Chiesa San Rocco - Via Sagarriga Visconti - Corso Vittorio Emanuele II - Corso Cavour - Via Carulli - Piazza Luigi di Savoia - Piazzetta Sant’Antonio - CHIESA DI SANT’ANTONIO DEI FRATI MINORI - (rientro ore 21:00 circa).

 

Maria, nostra Madre Addolorata cammina sempre con noi.

E noi camminiamo con Lei per le strade della nostra città in rigoroso silenzio e rispetto.

Nessuno deve mancare a questo religioso APPUNTAMENTO

AVVISO SACRO - Comunicato Stampa a cura dei Frati L’Arciconfraternita Bari, aprile 2014.

A Bari, in passato, l’ultimo periodo di Quaresima era rigorosamente sentito e rispettato. Durante la settimana che precedeva quella Santa, era consuetudine che tutte le case erano sottoposte a pulizia generale e all’imbiancatura. Il Venerdì di Passione, antecedente la Domenica delle Palme, si digiunava tutto il giorno e con la processione della Madonna Addolorata chiamata dal popolino “La Madonne de la Pietà”, (negli anni precedenti e qualche anno dopo il 1877, la processione veniva denominata “La Madonne de le taralle”, - delle ciambelle -), ricorda il mesto pellegrinaggio della Beata Vergine in cerca di suo figlio Gesù Cristo. Era il prologo ai riti della Settimana Santa. 

 Le donne anziane del centro storico recitavano, insieme alle figlie, al passaggio de la Ndeloràte e per tutto il periodo della Settimana di Passione, in lingua barese, alcune preghiere che ho estratto dai libri dello storico e demologo Alfredo Giovine: «Canti Popolari Religiosi Baresi» edito dallo stesso autore, Bari 1963. Sono canti religiosi «autentici», come scrisse Giovine nella prefazione: «... veramente popolari, creati realmente nei vicoli e nelle case povere, con un linguaggio tutto particolare e con immagini del tutto impensate all’uomo di cultura».

 

Fra le tante preghiere, abbiamo scelto “Preghìire a la Madonne du Resàrie”, canto inedito, fonte: poeta Giuseppe De Benedictis alias Giudebbe che aprrese la poesia dalle labbra della mamma nel 1900. La grafia è stata aggiornata con la grammatica dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”. 

«Viàta mè, la Vergina Marì,

devota mè, te vogghe sèmm’amà,

u tìine a mmènde cusse amore mì

sèmme u resàrie t’agghie a recetà. 

 

Appène ca me iàlzeche la matine

subbete pìgghieche la «crona» m-mane

e voche decènne pe strate e pe vvì

le «poste» du «resàrie» a mmane a mmane.

 

E mmà ca iàgghie pavure strata strate

e mmà ca de malamòrte agghie a merì

e mmanghe iìnd’o mbìirne agghie a scì

percè ì sò devote de Marì,

 la vita sanda sande vogghie fà.

 

E ttu Madonne ca sì Mamme de DDì

tu pe le bbuène muèrte ha da pregà.

Ah! ce legrèzza bbèlle recève Marì,

care sorèlle ì vu diche a ttutte

quande razziùne ave fatte DDì?

ma u «resàrie» iè cchiù maggiòre a ttutte.

N-gìile stà la Trenetà,

ddà stà u Padre, u Figghie, u Spirde Sande 

La Trenetà ca sèmme sì lodate,

 viàte a cci la prèche sande e ssande.

 

Vita bbrève e muère cèrte

du merì iè ll’ore ngèrte,

n’anema sole ca si ha

chi si perde, chi sarà?

Finisci preste, finisci preste

L’aternetà ca nom benisci mà»

(Mia beata Vergine Maria,  mia devota; ti voglio sempre amare, tienilo a mente questo amore mio, sempre il rosario ti reciterò. Non appena mi alzo il mattino, prendo subito la «corona» in mano e vado dicendo per istrada e per via le poste del rosario mano mano.  Per la strada non ho mai paura. Di malamorte mai morirò.  All’inferno non andrò mai perché io son devota di Maria e voglio vivere in odor di santità. E tu Madonna, che sei madre di Dio, per i poveri morti devi pregare. Ah! che allegrezza bella riceve Maria, care sorelle, lo dico a tutte voi: Quante orazioni ha fatto Dio? Ma il rosario ha maggior valore. In cielo c'è la Trinità. Là c'è il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo. La Trinità, e sempre sia lodata, beato chi prega tutti i santi. Vita breve e muori con certezza. Del morire è l'ora incerta. Un'anima sola possediamo. chi si perde, chi sarà? tutto finisce presto, l’eternità non finisce mai)

Fare clic sui canali «Folclore», categoria “La Semana Sande” articolo <“La Ndeloràte (Il Venerdì di Passione)> e «Liriche», categoria “U mmiscke” articolo <“La Ndeloràte”> .

Per un’approfondita ricerca sulle Ricorrenze Religiose Baresi

 

Foto: ««“La Madonne Ndeloràte iìnd'a la chièsie de Sand'Andònie”», fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).  

Foto: «“La Madonne Ndeloràte” a Piazza Carabellese, Quartiere Madonnella», fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).  

3ª, 4ª, 5ª, «“La Madonne Ndeloràte”, Centro Storico», Fototeca Nico Tomasicchio, Bari,  aprile 2011. «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Foto: «“La Madonne Ndeloràte”, Quartiere Libertà», fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).   

Lingua, Religione, Folclore Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 5 | Dettagli... (9 parole)

CASAMASSIMA D'ALTRI TEMPI: MOSTRA FOTOGRAFICA
Inserito il 25 marzo 2015 alle 21:10:00 da Gigi. IT - Folk Pugliese


Commenti : 0 | Letto : 4 | Dettagli... (9 parole)

la Lingua Barese, attreverso i giochi di strada d'un tempo dei fanciulli e ragazzi baresi
Inserito il 24 marzo 2015 alle 11:35:00 da Gigi. IT - Estate

Giochi di strada d’un tempo dei bambini e ragazzi baresi

Ritornando nel mondo della fanciullezza c’era un altro gioco molto praticato da un bel numero di ragazzi ed era la ‘cavallina’, in dialetto era chiamato... 

 

 

A sguìnge

(Alla cavallina)

 

Nu scèche ca se facève sèmme iève “a sguìnge”. S’acchecchiàvene uètte o dèsce uaggnùne e, ammenànne u tècche, ce ièvene uètte a scecuà, le prim’e qquatte c’assèvene, chendann’o chendràrie (al contrario) accom’aggìre u-arlògge, se mettèvene sotte.

Iùne de le quatte facève “u chesscine” (il cuscino) mettènnese a le m-bìite de spadd’o mure (in piedi,  appoggiandosi di spalle al muro), u seconde uaggnòne se chechiàve (si piegava) e s’asseduàve (si sistemava), mettènne la cape m-bbacce a la vènde e auuandànnese forte che le vrazze misse drèt’a le rine de cudde ca facève “u chesscine”.

U tèrze e u quarte uaggnòne, se sestemàvene drèt’o seconde pegghiànne la stèssa posezziòne che le vrazze passate da sott’a la vènde du chembagne “de sguìnge” (con la testa messa a destra o a sinistra, all’altezza dell’anca del compagno che lo precedeva) strengènnese che le mane acchecchiàte e che le discete iùne mmènz’o u-àlde, a iùse de micce (le dita che s’intrecciano).

Acquànne u gruppe de sotte se sendève secure, lecquàve (gridava): «Sciàm’o prime» e acchesì u prime d’u u-àlde gruppe (dell'altro gruppo) chiamàte de le “sobrane” (soprani, che stanno sopra) pegghiàve la veiàte (rincorsa) e zembave sop’a le sckène de le chembagne ca stèvene chiecàte ca ièvene chiamàte u gruppe de “le sguìnge”.

U zzumbe avèv’a ièsse cchiù vecin’o uaggnòne ca facève “u chesscine” pe dà la possebeletà o seconde chembagne de zembà faggelmènde e acchecchiàrse drèt’a iìdde p'aggevolà u tèrze e u quarte chembagne de zembà sènza deffecoldà e de assedduàrse (sistemarsi) a cavadde sènz’abbeggià le pìite n-dèrre.

Ce scève tutte regolàre e le chidde de sotte se stangavene a tenèlle n-guèdde (addosso), lecquàvene: «sguìnge».

Le chidde de sope asscennèvene e u scèche acchemenzàv’arrète a la stèssa manère, cangiànnese asselute de poste: u cudde c’avève fatte u chesscine pegghiàve u poste du tèrze  o du seconde o du quarte e n’aldune facève u chesscine.

U stèsse facèvene chidde ca zembàvene cangiànnese de turne (cambiando la sequenza). Ma ce cchidde c’avèvene zembate, non ièrene sciùt’assedduàrse a rèule (regolarmente) sop’a le sckène de chidde de sotte, - cudde ca zembave apprime, non avève date u slange c’avèv’a dà e, nom betènne dà u poste o u-àlde, chisse o cadèvene, o ièvene chestrètte abbeggià le pìite n-dèrre - e prondamènde le chidde ca stèvene sotte gredàvene «sguìnge» allevànnese da sotte e passavene do gruppe de le “sguìnge” o gruppe de le “sobrane”, acchemenzànn’arrète u scèche atteccuànn’a llore, a zembà.

L’articolo è stato trascritto e aggiornato con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

 

Bibliografia: Gigi De Santis, «Calannàrie Barèse, Dumìle e trè», Edizioni del Tirso, Bari, 2002. 

Foto: Rivista, «Rassegna delle Tradizioni Popolari di Puglia, Basilicata, Calabria», diretta da Franco Noviello, Gravina in Puglia (BA), Lug.-Set. 1991; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2015).

Foto: Libro, «Amà scequà? Giochiamò?», Carmela Dacchille, Nuova tipolitografia “Resta” - Bari 2004; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2015).

Foto: Libro, «Dai giochi della memoria ai giorni nostri», Daniele Giancane, Edizione C.R.S.E.C. BA/8-BA/9-BA/11-BA/13-BA/17 Regione Puglia, Levante Editore, Bari, 2002; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2015).

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 6 | Dettagli... (9 parole)

Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 4
Inserito il 23 marzo 2015 alle 15:45:00 da Gigi. IT - Comunicato stampa

La veretà iùscke!

U besciàrde av’a tenè bbona memòrie.

 

Non si possono usare le parole del Santo Padre...

 

essendo acceccato d’ira contro il prossimo. Per essere stato scoperto, per l’ennesima volta, con le mani nella marmellata. Per quello che si vuole apparire, ma non si è. L’abito non fa il monaco.

 

Non si possono usare le parole del Santo Padre...

 
Accusando d’invidia chi lo ha scoperto nel commettere plagi, mistificazioni, millanterie.
 
Non si può usare la lingua barese scrivendo il seguente strafalcione:

NZÒMME “JÈ NU POVER'A JÌDDE”

 
La consonante straniera j=gei  che  viene  pronunciata erroneamente  i lunga, non esiste negli alfabeti barese, italiano e latino. 
Nella grammatica italiana la vocale i, a inizio di parola, con un’altra vocale, è semiconsonante, al contrario della grammatica barese che è semivocale formando un semidittongo, che l’italiano non ha.  Il trattino indica che la parola è una locuzione e non un vocabolo. 
Quindi, la corretta grafia in barese è:

N-ZOMME “IÈ NU POVER'A IÌDDE”

 
Confermando la sentenza: “Ce sckute n-gìile, m-bbacce nge vène.

Scherza coi fanti e lascia stare i santi.

Soprattutto San Nicola in Lingua Barese, e non solo.

 

La Cultura Barese (storia, folclore, lingua)

 è di  pubblico dominio, non può essere riservata solo, a parenti e amici. 

«... non si deve guardare al fiume di libri e di scritture facili dei nostri giorni in cui tutti col copia e incolla subito costruiamo montagne di stupidaggini ...».

(Raffaele Nigro, La Gazzetta del Mezzogiorno, Bari 22-10-2014).

Uno scoop nello scoop… ancora scoop... più Scoop.

Il lupo continua a perdere il pelo ma non il vizio.

 

Pestrìgghie pestregghiàte, chìine de nguàcchie nguacchiàte.

 

«Saltar di palo in frasca» (Il proverbio evidenzia il comportamento, peraltro non insolito, di chi, per superficialità o fretta, passa, parlando o scrivendo, da un argomento a un altro senza alcun nesso logico e facendo, ovviamente, molta confusione).

 

«Raglio d’asino non arriva in cielo» (le parole calunniose e le dicerie degli sciocchi non hanno effetto).

 
Ha scritto la grande poetessa,  Alda Merini: «La cattiveria è degli sciocchi, di quelli che non hanno ancora capito che non vivremo in eterno».
 

«Sacco vuoto non sta in piedi» (l’espressione va riferita a chi si vanta di particolari meriti e di virtù che non ha, ma la sua pochezza finisce presto per essere smascherata).

 

«La sella d’oro non migliora il cavallo» (se uno non ha talento o non è dotato di iniziativa e ingegno non può certamente comprarlo o mascherarlo con facili escamotage. È un po’ come dire che l’abito non fa il monaco).

 

Chiamare gli altri,  invidiosi e gelosi senza un nesso logico è come aver lanciato un boomerang che si ritorce su sé stesso. 

 
Ci iè ccudde? Lassue a pèrde, s’attacche a ttutte le pelidde e a la feliscene (Chi è quello? Lascialo perdere, si attacca a tutti i peluzzi e alla fuliggine). Si dice dei cavillosi, per i quali ogni pretesto è buono per attaccar briga.

Domenica 8 giugno 2014, per  la XXI Edizione del «Premio Internazionale di Poesia e Narrativa “Città di Bitetto” 2013-2014», la giuria, con il presidente del Premio, il prof. Michele Lucatuorto, grazie alla denuncia di uno dei partecipanti al concorso, ha scoperto, dopo la classificazione dei premiati, nella sezione B «Poesia singola in vernacolo, inedita, a tema libero», la poesia spedita dal furbetto era “edita” e, prontamente, è stata radiata.

Il furbetto non è nuovo a simili azioni, infatti, anche in un’altra manifestazione è stato scoperto partecipando al VII «Concorso di Poesie in Vernacolo Pugliese» Anno 2011-2012 organizzato dalla UIL PENSIONATI di  BARI e di PUGLIA e dall’«A.D.A di Puglia» (Associazione di volontariato per i Diritti dell’Anziano), perché ha inteso partecipare con altra poesia edita, (mentre il regolamento del concorso specificava, con la dichiarazione firmata dal partecipante sottoscrivendo (approvare incondizionatamenteche la poesia è inedita),

Ma chi è il furbetto che si è fatto cogliere con le mani nel miele? Tentando, da buon italiano, di aggirare le regole? Sempre lui, colui che continua a dichiararsi giornalista (invece è pubblicista), scrittore (e non abbiamo ancora visto pubblicare un suo libro scritto di proprio pugno, frutto della sua capacità inventiva), che più volte si firma quale ‘esperto di dialetti e tradizioni’ e dichiara:  «... io non scrivo in dialetto ma mi piace seguire e scrivere eventualmente qualche considerazione, quindi non posso dare alcun apporto in materia» e poi, si permette di correggere chi si diletta con il dialetto barese, demolendone lo scritto con critiche aspre e violente; uno che di ortografia barese non capisce e non ha mai capito niente di grammatica barese.

Ma chi è costui? Non c’è bisogno di citarlo è ARCINOTO negli ambienti della cultura dialettale barese e, soprattutto, più volte nominato nel presente sito «cliccate sui canali Dialetto, categoria Dialetto barese: Errori dialettali, Pestrìgghie pestregghiàte e nella  stessa categoria agli articoli <Critiche Severissime>, <Pestrìgghie pestregghiàte (Critiche Severissime)>  e <Dialetto barese: Nguàcchie Nguacchiàte (Critiche Severissime)»; «Folclore», categoria Decève tagrànne che mammarànne”, articoli <Decève Vastiàne posa piàne>, <Decève la sroche a la nore> e categoria A ccì appartìine (soprannomi)”, articolo <Le sopanòme (4)> ; «Personaggi», categoria “Le puète”, articoli <Giuseppe Romito> e <Giovanni Lotito>).

L’espertologo ( ! ) ha carpito per ben due volte, partecipando a concorsi di poesia, la buona fede dei Presidenti, delle soprascritte organizzazioni, dott. Rocco Matarozzo e prof. Michele Lucatuorto.

Ci siamo domandati: con quale coraggio, con che faccia continua a presentare il suo cosiddetto nuovo libro (che è tutto dire, dichiarato pomposamente barese) che, come nelle sue precedenti pubblicazioni, è un copia-incolla, senza una spiegazione di note linguistiche per agevolare la lettura del dialetto barese, campo nel quale regna l’anarchia grafica assoluta, ciascuno adopera un proprio sistema, il barese viene scritto in tanti dialetti quanti sono gli autori.

Alla presentazione (ha evidenziato che si accede solo per invito. L’espertologo ha avuto timore di rispondere alle domande di studiosi seri, competenti della lingua barese e non solo. La Cultura Barese (storia, folclore, lingua), non può essere riservata solo, a parenti e amici, ma è di pubblico dominioDivulgare la Cultura Locale è una vera e propria missione, se non si vuole continuare ad avere ancora pregiudizi, in modo particolare, sulla lingua barese scritta e orale), ci hanno riferito: non un cenno, neanche le più elementari e condivise regole di grammatica barese, l’espertologo ha illustrato agli astanti (confermando la sua totale incompetenza sull’ortografia e ortoepia barese), i fenomeni di gruppi consonantici all’inizio e nel corpo della parola che per lui non esistono soprattutto a inizio di parola.

Asserisce che è cosa del tutto personale e ignora, invece, che è regola grammaticale non solo barese, ma delle parlate meridionali.

Non sa rispondere all’abuso del j=gei (consonante straniera) che lui pronuncia erroneamente  i lunga (che non esiste negli alfabeti barese, italianolatino). 

Non chiarisce perché in alcune poesie e componimenti in prosa è usato il gei (j) e in altri no?

Perché alcuni autori usano la doppia B scrivendo in dialetto BBare e altri no?

Perché (è questo è gravissimo), alcuni, e soprattutto lui, usano accentare la vocale a, con l’accento acuto (á), mentre in molti usano correttamente l’accento grave (à)? (La (á) con l’accento acuto nella lingua barese come nella lingua italiana non viene scritta e pronunciata chiusa, perché è l’unica vocale di massima apertura).

Perché gli autori hanno adoperato, nelle loro poesie, parole con l’accento grave e nel suo libro, sono state modificate con l’accento acuto e viceversa?

Perché ha modificato parole, accenti, punteggiatura ad alcune poesie? 

Non si è accorto inserendo per intero con il più classico copia-incolla, errori storici e linguistici: «Il poemetto in dialetto barese inedito del sec. XVIII» inserito all’inizio del libro, non documentandosi se esiste la copia originale, perché non si capisce, per esempio, il canonico Francesco Bux, nato a Bari nel 1885, diventa ordinato sacerdote nel 1888, a tre anni dalla nascita. 

Perché in alcune pagine cita la fonte e in alcune no, come a pag. 134, volutamente ha omesso l’autore del capitolo «Poesie dialettali baresi», appropriandosi dello scritto?

E va dicendo e scrivendo in giro che altri sono invidiosi di lui. Di che? Di che cosa? Che si impadronisce degli scritti altrui?

Perché a pag. 38 spiega a chiare lettere: (...) «… Infine non per tutti c’è la traduzione nella lingua italiana, poiché non sempre riportata dagli autori nelle loro originali composizioni.», mentre alle pagg. 87, 88, 163, 164 e 165 inserisce la traduzione di alcuni vocaboli di quattro poesie scritte da Vito Barracano e Agnese Palummo, che non le hanno tradotte?

Perché a pag. 124 nel titolo della poesia è scritto () e nella prima quartina del componimento (du) senz’accento? Qual è la definizione giusta spiegando nella lingua italiana?

Perché in alcuni racconti e poesie non si distingue la vocale (e) tonica da quella atona scrivendo tutte e due senz’accento? Mentre in altre liriche vengono evidenziate?

Perché in alcune poesie la (e) senz’accento a fine vocabolo non è scritta, ma sostituita con un apostrofo?

Come si spiega a pag. 123 il nome Nicola, nelle due lingue: italiano e barese, è scritto con l’accento acuto la vocale (ó), quando è ben documentato che la pronunzia è aperta come si evidenzia correttamente in altre poesie?

E ci fermiamo qui! PE MMÒ! (PE MMÒ, si scrive in barese con l’accento grave sulla (Ò) e no apostrofare (PE MMO’), come ha scritto l’espertologo. 

Continua a dire e scrivere  che siamo invidiosi.

Invidiosi di che? Che continua a fare il furbetto partecipando a concorsi di poesia, non rispettando il regolamento, carpire la buona fede degli organizzatori?

Invidiosi di che? Che ha pubblicato libri che sono copia-incolla?

Invidiosi di chi? Che non risponde alle domande specifiche sull’ortografia barese?

Di sicuro l’espertologo non risponderà, come non ha mai risposto agli inviti di alcuni studiosi dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”, che più volte lo hanno cortesemente invitato a un confronto pubblico, nel quale possa spiegare perché la sua insistenza nel dire che Bari non ha una grammatica, mentre in una delle sue pubblicazioni ha scritto che la sua collaboratrice, studiosa del dialetto barese, ha contribuito alla redazione di regole grammaticali e ortografiche per la stesura del testo.

Il colmo è che anche nella nuova pubblicazione ha citato nella bibliografia, libri di Alfredo Giovine, il più autorevole autore barese (come è stato definito recentemente dal prof. Pasquale Corsi, docente Ordinario, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi Aldo Moro - Bari e dal prof. Daniele Giancane, docente del Dipartimento di Scienze Pedagogiche e Didattiche dell’Università di Bari), il quale ha prodotto la Grammatica del Dialetto di Bari (a cura di Felice Giovine).

Come spiega questa grave incongruenza?

Non ha ancora risposto alle nostre sopraindicate affermazioni. È bravo solo nello scrivere che siamo invidiosi e gelosi... di chi? Di che? Che cosa c’entra l’invidia, la gelosia se abbiamo semplicemente posto domande specifiche nel difendere, a spada tratta, la storia, le tradizioni e la lingua barese?  

Non c’è che dire, l’individuo in questione, per l’ennesima volta è stato scoperto con le mani nella marmellata, al pari di un plagio commesso, e non solo.

Speriamo fortemente che negli ambienti culturali e, soprattutto, nel mondo dell’Università degli Studi di Bari, si dia degna considerazione e rispetto alla Baresità autentica (Storia-Lingua-Folclore). 

Comitato Difesa Baresità

Ogni componente, anche individualmente, si impegna, in qualunque luogo, occasione e con ogni mezzo, ad intervenire, contrastando, riprendendo, correggendo affermazioni false e inquinanti, mistificazioni, banalizzazioni, da chiunque provengano, tendenti a distorcere, diffondere inesattezze e travisare la storia, la cultura, la lingua e le tradizioni di Bari e della sua Terra. L’invito ad Aderire è indirizzato a chiunque si riconosca e condivida gli scopi che il Comitato si prefigge, compresa l’uniformità della grafia dialettale.

Campagna di Sensibilizzazione

a cura dei siti web:

www.centrostudibaresi.it (Felice Giovine)

www.dondialetto.it (Gigi De Santis)

La Redazione


Commenti : 0 | Letto : 534 | Dettagli... (9 parole)

Editoria Barese: iì sò de BBare
Inserito il 23 marzo 2015 alle 08:35:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

     

Il nuovissimo libro di cultura popolare

 

iì sò de BBare

(2021 modi di dire)

 

a cura di

Felice Giovine

presidente

dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”.

 

l’anima intima dell’arguto popolo barese

 

in vendita

nelle librerie e  nelle edicole “specializzate”,

 

al costo di

 € 15.00

 

Punti Vendita

 Edicola: Sebastiani Antonio - Via Abate Gimma, 95.

Edicola: De Natale Gianluca - Via Stefano Iacini, (ang. Via G. Pavoncelli).

Edicola: Sassanelli Giovanni - C.so Benedetto Croce, 132.

Edicola: Viola Francesco - V.le Einaudi, (ang. Via G. Salvemini).

Edicola: Schiavulli Francesco - Via Lucarelli (ang. Via G. Petroni).

Edicola: Abbiati Dany - Viale della Resistenza 172.

Edicola: Colella Stefano  - Via Cardassi, 78.

Edicola: Marino Michele - Via Francesco Crispi, 5/B.

Edicola: Naccari Valeria - Via Quintino Sella, 223.  

Edicola: Caputo Chiara -  C. V. Emanuele, 76 (Bari-Palese).

Edicola: Lorusso Vito - Via Napoli, 96 (Bari-Santo Spirito). 

 

 

Non v’u site facènne sfescì, percè iè nu libbre barèse o cìinde cenquànde pe ccìinde (150%) 

 

Disce u ditte: «Ci tìimbe aspètte, tìimbe pèrde»…

Amengepàte!

 

Sènza fodde, a iùn’a la volde... Non ve site cazzanne le cepodde.

 

iì sò de BBare

 

Un libro coi fiocchi!

 

Un volume che premia la corretta e uniforme scrittura barese.

 

Iì non zò Germanèse,

Nè Frangèse e nnè Nglèse.

Spaggnùle? Nèmmànghe.

Amerecàne? Manghe.

 

Iì sò na cosa rare…

 

iì sò de BBare

 

 Dare al popolo un linguaggio diverso da quello che ha appreso dalla voce materna, che sente ripetere ad ogni momento per la via, nella casa, dovunque esso si aggira e vive, è come voler falsare la natura.

(Engardo: Dalla prefazione del poema di Gaetano Granieri,  Bari, 1912).

 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 128 | Dettagli... (9 parole)

Vremecìidde che le cozze chiène
Inserito il 22 marzo 2015 alle 09:45:00 da Gigi. IT - Cucina barese

 Cucina in Lingua Barese

Mancano esattamente sette giorni alla festività, «Domenica delle Palme» - clicca nel canale «Folclore»,  categoria La Semàna Sande” -, e a pranzo in molte famiglie baresi e, in modo particolare, i Barivecchiani continuano a rispettare la tradizione preparando un menù a base di pesce. Soprattutto il primo piatto è preparato con “la laneche che le sècce” (fettuccine e seppie ripiene - o “vremecìidde che le cozze chiène” (vermicelli con le cozze ripiene). Oggi vi presento

Vremecìidde che le cozze chiène

Le cozze chiène non zò necessàrie ca sò de Tarde; anze, iè mmègghie ce ssò de Spèzzie (La Spezia), o d’alde vanne, mò se iàcchiene pure chidde de la Spagne. Se pigghie le cozze grosse acchesì se iègnene mègghie. Se pelìzzene le cozze levanne da sop’a le scorze l’èrve e u terrène ca s’adèrsce rasckanne che nu chertìidde; pò se iàbbre, lassanne sgarassàte e le mettite cape-sotte a cuà l’acque iìnd’a nnu piàtte. Se prepare, ndratande, nu mbaste sbattènne trè o quatt’ove a seconde de la quandetà de le cozze da iègne, nzìim’a la bastanze de meddiche de pane spenzate iìnd’a ll’acque, fremmagge grattate, pedresìne, agghie e ppèpe, nudde sale, ca le cozze sò ggià salate pe ccunde lore. Acquànne u mbaste iè ppronde, non dande muèdde e nnon dande tèste, se pìgghiene le cozze, se mètte iìnde, nu picche, s’achiùdene e s’attacchene cu ghettone da mbastì (ce non z’attacchene, u mbaste se ne ièsse appène s’ammènene le cozze m-mènz’o vugghie). Cu suche, s’acconzene le vremecìidde e le cozze se mangene, pe seconde piàtte.

La grafia della ricetta scritta in barese è stata aggiornata con regole grammaticali dell’Associazione «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

 

Traduzione sintetica

Vermicelli con le cozze ripiene

Le cozze non sono necessarie che siano di Taranto; anzi è meglio se provengono da La Spezia, o da altre località le cui varietà, più grosse, sono più agevoli da riempire. Ora se ne trovano con provenienza spagnola. I mitili vanno puliti con molta cura raschiando dal guscio ogni impurità; dopo ben lavati, si aprono a metà, senza staccare i gusci e si mettono a sgocciolare in un piatto. Si prepara, intanto, un impasto sbattendo tre o quattro uova, secondo la quantità delle cozze, unendovi mollica di pane bagnata in acqua e strizzata, formaggio grattugiato, prezzemolo, aglio e pepe (niente sale perché le cozze sono di per sé già salate). Appena l’impasto è bene amalgamato, non troppo consistente e non troppo soffice, si mette un po’ in ogni cozza, si riavvicinano le due valve e si legano con un po’ di cotone se non si vuole che durante la cottura, l’impasto ne venga fuori rovinando il sugo. Con tale sugo si condiscono i vermicelli, mentre le cozze si mangiano per secondo piatto.

BBuèn’appetìte a cci se l’av’a mangià, lassanne u u-addòre a cci non le pote assaprà.

 

 Bibliografia: Giovanni Panza, «La checine de nononne», Schena Editore, Fasano (BR), 1982. Il libro è giunto alla quarta edizione.

 : Foto: «Le cozze chiène». Libro “La terra dell’ulivo”, Nicola Borri, Mario Adda Editore, Bari, 1993; 

Foto: «Vremecìidde che le cozze chiène». Libro “a tavola sulla costa barese”, Vito Buono/Angela Delle Foglie, Levante Editore, Bari, 2006.

Lingua e Cucina Tipica Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 7 | Dettagli... (9 parole)

BBare Premavère 2015
Inserito il 21 marzo 2015 alle 09:25:00 da Gigi. IT - Primavera

BBare premavère  

 

E BBare tu sì com’o sole    

Chemborm’a ttande stèdde d’ore

E cche nu cìile chiàre chiàre

Chìine de varchecèdde stà u mare.  

 

E sse sènde da lendane     

 De candà u marenare     

La luna rite m-mènz’a le stèdde 

 E ddìsce a ttutte: BBare ci-è bbèdde.

 

 BBare iè la premavère,

 Ca profumàte e cchiène de sole

 Stonn’a mmill’a mmille

 Le rennenèdde candatòre.

 

 E qquande, quand’armenì

 De stà la notte e ppure la dì

 Ca te fasce annamerà

Lendane da tè BBare 

 Non ze pote stà.

 

 BBare non de canùssce cchiù,

 Quanda bellèzze tìine tu.

 Che le fendane sì cchiù bbèll’angore

 Oggn’e menute l’acque cange chelore.

 

 Do Fertine, do Lungomàre,

 Se vète la Luna chiàra chiàre

 Ca ddò nge vèn’a saletà

 Tutte le sère se ne và.

 

 BBare iè la premavère,

 Ca profumàte e cchiène de sole

 Ca te fasce annammerà

 Lendane da tè BBare

 Non ze pote stà.

 

Canzone incisa negli anni Sessanta su disco (45 giri).

Versi: Vincenzo Abbrescia, musica: Vincenzo Esposito.

Trascrizione di Gigi De Santis

La grafia in dialetto del brano musicale è stata trascritto e aggiornato con regole grammaticali dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”»..

 Foto: «Bari Panoramica verso il Mare», fototeca, “Centro Studi Don Dialetto”, Gigi De Santis, Bari (1976- 2015). 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari


Commenti : 0 | Letto : 8 | Dettagli... (9 parole)


 
Menu

 

 
 

 


Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:


Cerca nel Web
Google


Top - Siti web
Centro Studi Baresi (IT)
Riccardo Guglielmi - Cardiologo (IT)
Wip Edizioni (IT)
Angela Guglielmi (IT)
Mondo Antico (IT)
Modugno.it (IT)

I preferiti
Associazione Onlus Mondo antico e Tempi Moderni (32453)
Angela Guglielmi - Web master (22183)
Modugno.it Il Portale della Comunità Modugnese (21293)
GioArt di Giovanni Cellamare (15852)
Università Popolare Pugliese Terza Libera Età Ause (14578)
PugliaTeatro-L'Eccezione (13838)
Forza San Paolo - Bari (13073)
Sapore tipico (12073)
Promuoviamo il Turismo in Puglia (11461)
Libreria Culture Club Cafè (11423)
Telestreet Bari (11243)
Web Aperto (10899)
Premio Letterario Osservatorio (10720)
Teatro Abeliano - Bari (10705)
TirsoMedia -Bari- (10632)
Wip Edizioni (10611)
Liliana Carone (10420)
Helicam service (9905)

Statistiche
Siamo on line dal 1° Novembre 2006 e ci hanno visitato in:

Il tuo indirizzo IP è: 50.16.103.159

 

Tema grafico a cura di
 Nessuno
 © Don Dialetto di Gigi De Santis - © Rielaborazione Grafica e Webmaster Angela Guglielmi - © AspNuke Gli "Articoli, gli E lementi grafici e quant'altro" presenti su Dondialetto.it  sono da considerarsi d'esclusiva proprietà di http://www.dondialetto.it L'Associazione "Don Dialetto" di Bari adirà alle vie legali contro chi, intenzionalmente, abusa dei contenuti pubblicati sul nostro portale senza alcuna comunicazione, convenzione e autorizzazione della redazione 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 Grafica prodotta da "Artimedia" - www.studioquattro.com
Questa pagina è stata eseguita in 1,264648secondi.
Versione stampabile Versione stampabile