Il dialetto barese è Bari: la sua storia, la sua anima, la ragione stessa dell'essere suo.  ( Armando  Perotti )               * * *               Non si creda che i dialetti siano destinati a sparire, se mai si moltiplicheranno, pur tenendosi stretti alla lingua  " scritta  "  di Dante.  (Francesco Babudri)               * * *               Il dialetto è l’anima del popolo, la parte meno obliabile, non l’orpello o l’ignoranza come alcuni credono.  (Pasquale Sorrenti)               * * *               Non si può avere piena intelligenza della Divina Commedia senza tenere l’occhio rivolto al dialetto.  (Abbate Giuliani)               * * *              Il dialetto è un potente mezzo di comunicazione e ha diritto di cittadinanza nella scuola, e non solo a livello sperimentale. (Francesco Mininni)               * * *               Io credo che il poeta dialettale può e deve restare fedele al suo dialetto, se non lo fa, rischia di offrire ai suoi lettori, componimenti redatti o un dialetto annacquato o in un italiano adulterato.  (Oronzo Parlangeli)               * * *              Nella città di Bari, sono ancora in molti che identificano il dialetto con la povertà o come marchio di appartenenza agli strati più umili, gretti e ignoranti della società, al contrario di quanto avviene in altre città dove l’uso del dialetto è vezzo, sciccheria e ostentazione. (Alfredo Giovine)               * * *            I dialetti sono specchi più fedeli, più spontanei, forse anche primigenii dell'interiore linguaggio che precede ogni fatto linguistico. (Pio XII)
  BENVENUTO      
 
Immagini

Immagini di repertorio
Don Dialetto(12378)


Eventi
<
Settembre
>
L M M G V S D
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 -- -- -- -- --




Visitatori
Visitatori Correnti : 11
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 270
Ultimo iscritto : FULMINE
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 43
 
 Commenti: 12
 
 Immagini: 2977
 Immagini viste: 5393853
 
 Articoli: 87
 Pagine: 1300
 Pagine lette: 6806525
 
 Siti web: 6
 
 Notizie on line: 16
 
 Preferiti: 77
 Siti visitati: 264865
 
 Post sui forum: 18
 
 Libro degli ospiti: 24
 
 Eventi: 1557

Sponsor

Contattateci  per  inserire  la  vostra  Pubblicità



 
 

 


 
Ultimi inserimenti

Data:  31/12/2013 Sezione  Mercatino Ultimo Inserimento:  Calendario Barese 2014  - Data:  12/09/2014 Sezione  Articoli Ultimo Inserimento - Controlla l'ultima pagina di:  La Fère du Levànde  - Data:  03/09/2014 Sezione  User Ultimo Iscritto:  FULMINE  - Data:  01/01/1900 Sezione:   Ultimo Inserimento:   - Data:  19/09/2014 Sezione  Immagini Ultimo Inserimento:  Le ciggere che le meggneuìcchie  - Data:  01/01/1900 Sezione   Ultimo Inserimento:   - Data:  20/09/2014 Sezione  News Ultimo Inserimento:  BARI 78^ FIERA DEL LEVANTE 13-21 SETTEMBRE 2014

Benvenuti sul sito web
Pagina di Benvenuto

Benvenuti sul sito web www.dondialetto.it

Gigi De Santis

Il portale dei Baresi nel Mondo

 

 
DonDialetto.it


Teniamo alta la BANDIERA
della STORIA, della TRADIZIONE, del DIALETTO di BARI,
ma senza...

Improvvisazioni - Errori - Strafalcioni - Scopiazzature - Alterazioni - Mistificazioni - Compromessi - Contaminazioni.

Il Dialetto,  innanzi tutto, è una cosa seria
(Grammatica, Scrittura, Lettura, Declamazione, Recitazione, Canto).

                                        
DonDialetto.it

La Voce... Il Suono... La Parola... La Gestualità... La Storia... Il Folclore...
I Racconti... I Canti... La Saggezza... Il Dialetto...
.La Pausì....
U Ndrattìine... U u-addòre... U Tiàdre... La Uascèzze...

 

DonDialetto.it

la BARESITÀ D.O.C. contributo al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione della Cultura Popolare e della Lingua Barese.

 

20 settembre 2014
BARI 78^ FIERA DEL LEVANTE 13-21 SETTEMBRE 2014
19 settembre 2014
Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso la cucina mediterranea
17 settembre 2014
Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso i giochi di strada
12 settembre 2014
FIERA DEL LEVANTE: STORIA, PERSONAGGI, SIMBOLI, CURIOSITA' - N° 6
11 settembre 2014
La Fère du Levane: Colore ed Efficacia della Lingua Barese attraverso uno speciale menù
10 settembre 2014
La Fère du Levande: Colore ed Efficacia della Lingua Barese
08 settembre 2014
FIERA DEL LEVANTE: STORIA, PERSONAGGI, SIMBOLI, CURIOSITA' - n° 4
31 agosto 2014
Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 2
05 giugno 2014
COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
04 giugno 2014
PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
02 aprile 2014
Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
28 marzo 2014
Don Dialetto su Youtube: Cucina Tipica in Lingua Barese
09 marzo 2014
Grammatica Barese: La i che cambia i suoni
16 novembre 2013
Lingua Barese: Problema Grafico - Denuncia dell'Accademia della Lingua Barese "Alfredo Giovine"
13 agosto 2013
CULTURA e DIALETTO BARESE
08 marzo 2009
NOVITÀ BIBLIOGRAFICA BARESE ASSOLUTA su INTERNET
  
Top 5 - Forum
therock - 29/10/11 20:38:26
Vi posto il link, tratto da youtube, del...
mauror58 - 01/03/11 13:24:37
egr.dott.desantis, vedo che ha fatto presto...
therock - 07/01/11 14:40:35
Se seguite attentamente dal minuto 8:25,...
mauror58 - 06/01/11 11:01:18
Grazie Dott. DeSantis, mi scuso se non...
Gigi - 05/01/11 09:32:10
Gentile signor Mauro, ricambiamo con gioia...

BARI 78^ FIERA DEL LEVANTE 13-21 SETTEMBRE 2014
Inserito il 20 settembre 2014 alle 07:14:00 da Gigi. IT - Fiera del Levante

78ª FIERA DEL LEVANTE

≈ BARI 13-21 SETTEMBRE 2014 ≈

 

LA FÈRE DU LEVANDE

 

A la Fère du Levande

Nge ne sciàme tutte quande,

Passe passe, nnande nnande,

Chèssa Fère iè nu vande.

 

A la Fère du Levande

Prè, cherrite tutte quande

Uè, frastìire, ce menite,

Vu restate stravedite.

 

GGià, la Fère, cuss’ald’anne,

Av’a ièsse assà cchiù ggranne,

Sta netìzzie sime lètte

Probbie sop’a la Gazzètte.

 

Ce ffodde, ce uascèzze

Ce llusce, ce sblendore

Na vèra fandasì

Ca abbègne iècchie e ccore.

 

Accorre tutte u Munne,

Chengòrre oggn’e Nazziòne,

E iè pe BBare nèste

Na granne sfazziòne.

 

Prè cherrite a chiamendà

Tande bbèdde novetà

Ce se vole devertì

A la Fère av’a menì.

I versi in barese sono stati trascritti e aggiornati con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

 

La Fiera del Levante è un nuovo contenitore di opportunità. Ha un vastissimo spazio espositivo, ricco di ambienti versatili, tanto che oggi giorno costituisce un unicum nel Mezzogiorno. Fin dalla prima edizione del 1930, la rassegna ha lo scopo di aprire al mercato internazionale l’economia del Meridione 

 

Per notizie storiche e curiosità in lingua barese fare clic sui rispettivi canali «Storia», categoria «La Fère du Levande»; «C’era un volta», categoria «Benedetto Maggi - Quadretti Baresi»; «La cucina», categoria «La beffètte», articolo «La mangiàte da l’assute da la Fère».

I versi in barese sono una miscellanea dei poeti (in ordine di inserimento) Gigi De Santis, Agnese Palummo, Giuseppe Lembo.

) Foto:  «Cartellone Pubblicitario, zona San Paolo-Bari»,  Gigi De Santis,  fototeca, «Centro Studi “Don Dialetto”» - Bari (1976-2014). 

e ) Foto:  fototeca, collezione Nico TomasicchioGigi De Santis, fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Bari (1976-2014). 

) Foto: «Ingresso Monumentale», libro, “Bari e la sua Terra”, Edizioni l’Orbicolare, Bari, 2004; Gigi De Santis, fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Bari (1976-2014). 

) Foto: «Logo Fiera del Levante 2009»;Gigi De Santis, fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Bari (1976-2014). 

Evvìve la Fère de BBare


Commenti : 0 | Letto : 21 | Dettagli... (9 parole)

Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso la cucina mediterranea
Inserito il 19 settembre 2014 alle 09:24:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Ciggere o fasule che la ppaste

  

Se pigghie nu mìinze rète de ciggere o fasule e se mèttene a bbagne la sèra prime de checenàlle iìnd’a nu tiàne d’acque che na pezzecàte de sale. Se lassene stà finghe a la matina apprìisse.

(Tìimbe ndrète nzìim’a le ciggere o fasule se mettèv’a sponze pure u “pemìidde” ca iève chemboste de na pèzze che la cènere iìnde. Chèsse facève devendà tìinere le ciggere o le fasule. A la matine se scettave l’acque, se lavavene bbèlle bbèlle le ciggere o le fasule e se mettève l’acqua nove).

Iìnd’a nn’alde tiàne se mèttene le ciggere o le fasule che nu picche de becarbonàte e se lassene cosce a ffuèche lìinde.

Come se strusce l’acque se sciònge l’alde, none frèdde, ma calde, a se no le legume devèndene credìuue.

Quanne le ciggere o le fasule se sò ccuètte se lèvene e se mèttene iìnd’a le piàtte.

Pò se sciònge la paste e u u-ègghie crute. Se mmèscke e ssò pronde pe mangià.

N’alda variànde o condemènde iè a mmètte, o poste d’u u-ègghie crute, nu suche ca se recave ch’u u-ègghie e cepodde a ccosce iìnd’a nu tianìidde.

Acquànne la cepodde devènde bbiònde, se sciònge cinque o sè pemedùre sckattate e se lasse cosce pe mmènz’ore.

U condemènde de iègghie e cepodde vène mise sop’a le ciggere o fasule e ppaste.

La paste pot’èsse: le padernìiste, u granerise, le spaghitte spezzate, le ditale, le meggneuìcchie.

Le ciggere che la pasta mesckate, mettènne pure nu picche de diauuìcchie sò le cchiù azzeccàte.

BBuèn’appetite a cci se l’av’a mangià, lassanne u u-addòre a cci non le pote assaprà.

Traduzione sintetica

Ceci o fagioli con la pasta

Per cuocere i ceci o fagioli, il giorno prima si mettono a mollo in un tegame con acqua appena salata.

Nei tempi andati, per favorire la cottura, con i ceci o fagioli si poneva in acqua “u pemìidde” che consisteva in un fazzoletto contenente un pugno di cenere.

Il giorno dopo la cenere e l’acqua sporca si gettavano via, si aggiungeva acqua pulita e si mettevano a cuocere.

Oggi, invece, si getta l’acqua che ha tenuto a mollo i ceci o i fagioli e questi si pongono in un altro tegame con acqua e un pizzico di bicarbonato.

Postili a cuocere a fuoco lento, bisogna avere cura di sostituire l’acqua che si consuma con altrettanta calda e mai fredda per favorire la cottura.

Quando sono cotti, si pongono nel piatto di ciascun commensale aggiungendovi pasta corta.

Si aggiunge olio crudo e si serve.

Un’altra variante al condimento consiste nel mettere, al posto dell’olio crudo, un intingolo che si ricava ponendo sul fuoco un tegame con olio e cipolla. Quando questa è divenuta bionda, si aggiungono cinque o sei pomodori rotti e si lascia cuocere per mezz’ora. Tale intingolo va versato sui ceci o fagioli e pasta.

La pasta corta può essere scelta tra: tubettini lisci o rigati, riso, spaghetti spezzati, ditali, cavatelli.

La pasta mista, aggiungendo un po’ di peperoncino è la più indicata con i ceci.  

Buon appetito a chi se li mangerà, lasciando l’odore a chi non li potrà assaggiare.

(Alfredo Giovine)

 Mi piace chiudere questa pagina con una poesiola inedita molto singolare della poetessa Francesca Romana Capriati scomparsa nel dicembre 2011.

Sule disce u Fasule

 

Fasule iègghie e ppèpe,

Fasule cu lemone,

Fasule cu lardìidde,

Fasule sèmb’assule!...

 

Ma, a ll’uldema calgasse,

Fasule sparò... Avaste!

E cchèdda dì pe spasse,

Ca s’acchecchiò a la paste.

 

Fu acchesì fforte u guste,

Ca disse a ccor’a ccore:

«... Quande sì bbone sore...

E cci t’allàsse?...».

 

Cuètte o punde ggiùste,

La paste s’acchiò prène

E Fasule bbuène bbuène,

U scì decènn’a ttutte

Ca avève chengreiàte

Fasule e ppaste,

 

Ma dètte nu chenzìgghie:

«Iè bbèlle la famìgghie,

Attane, mamme e ffigghie,

Ma... ce no stà u u-Amòre

Ca veddecuèsce u core,

La lebbertà iè mmègghie!...».

 

calgàsse = rumoroso scoppio pirotecnico

prène = gravida

chengreiàte = concepito

veddequèsce = palpitare

 
Francesca Romana Capriati

 

 Le grafie della ricetta e della poesia scritte in barese sono state aggiornate con regole grammaticali dell’Associazione «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Bibliografia ed Emerografia: Alfredo Giovine, «U Sgranatòrie de le Barìse», Edizioni Fratelli Laterza, Bari, 1981; Gigi De Santis / Filippo Favia, “Calannàrie Barèse millenovecìindenovandasètte”, Uniongrafica Corcelli, Bari, 1996.

Foto: «ciggere», Lino Patruno, Libro, “Invito a Bari”, fotografia, Nicola Amato/Sergio Leonardi, Mario Adda Editore, Bari, 1998;  Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2014).

Foto: «Le ciggere che le meggneuìcchie», Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2014).

Foto: «Fasule a ssule», Libro“La checìne de nononne”, Giovanni Panza, Schena Editore, Fasano (BR), 1982; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2014).

Lingua e Cucina Tipica Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis
Centro Studi “Don Dialetto”

 (Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)

 

 

 


Commenti : 0 | Letto : 15 | Dettagli... (9 parole)

Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso i giochi di strada
Inserito il 17 settembre 2014 alle 10:04:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Un altro gioco all’aperto molto praticato nella calda stagione era ed è “A le cinghe pète” (Alle cinque pietre). Le regole del passatempo sono presentate nella lingua barese, seguite nella versione italiana.

A le cinghe pète

Se sciòche in e ngocch’e vvolde pur’a ccoppie. Sedut’a ggamm’apèrte sop’a na banghine (“pure assise vecin'o marciappìite”),  prime d’ammenà u tècche se decìde de scecuà: o acchecchiànne le pète o a pegghiàlle iìnd’a nna bbotte, sènza teccuàlle ndra de lore.

Le chidde cchiù bbrave decìdene sèmme a scecuà a na bbotte percè a BBare sime adavère de le cambiùne a stu scèche. U prime ca ièsse o tècche, acchemmènz’a menà sop’a la banghìne le cinghe pète (“se pote scecuà pure che le nozzere de le precuèche o de le vremecòcche, ma chisse sò assà leggìire chenfronde a le pète”).

Se pigghie iùne da n-dèrre e s’ammène a ll’arie che na mane e cche la stèssa mane, s’av’a pegghià a iùn’a la volde, sènza fà cadè la pète ammenat’a ll’arie, pegghiànnele a vvole.

Acchesì se fasce che ll’alde pète. Pò se passe a pegghià a la volde, pò apprìme iùne e trè ttutte nzìime. Sèmme iìnd’a nna bbotte se pìgghie tutt’e qquatte e ppò che le quatte pète m-mane s’ammène la quinda pète a ll’arie e sse fasce u llissce (“u-allissce”), cu seconde discete (strofinare il dito indice per terra prendendo contemporaneamente la pietra lanciata in aria non facendo cadere le quattro pietre tenute nella stessa mano). Le cchiù bbrav’a scecuà se permèttene u llusse de fà u quatte e u-allìssce nzìime.

A ll’alda fase du scèche se passe o ponde e ddò iè u memènde cchiù deffiggele. Che na mane se fasce u ponde mettènne u discete granne (pollice) n-dèrre a nu late e u discete de mmènze (medio) o u-àlde late appeggiànne sope, u seconde discete (indice). S’ammène che ll’alda mane le cinghe pète, facce m-bbronde o ponde, facènnele cadè u cchiù llarghe possìbele ndra de lore. Se pigghie na pète stanne ad avìirte (molto attenti), ca non av’attecuà n’alda pète e a iùn’a la volde, sèmme a na bbotte, s’av’a menà tutt’e qquatte le pète iìnd’o ponde (“stonne chidde ca che na bbotte l’ammènene tutt’e qquatte nzìime, ma iè n’operazziòne cchiù deffìgele, percè se sbaglie cchiù de na volde, ma ce arrièssce, u scèche devènde cchiù vèlosce”).  Ce non drasene, se sbaglie e sse passe la mane aspettann’arrète u turne, speranne ca u u-àlde chembagne sbaglie pure iìdde. Mbèsce, ce vva tutte lissce (regolare), a la fine du ponde se pigghie le cinghe pète e se mèttene  sop’a le palme de le mane acchecchiàte e, che na bbotte s’av’a gerà le mane che nu scatte e gerà arrète tenènnele sèmm’acchecchiàte, facènne alzà a ll’arie tutte le pète.

Ce non gadene, s’assègnene le cinghe punde e s’acchemènz’arrèt’a scecuà repetènne tutte le fase. Ce cate pure na pète, se passe la mane. Vènge la partite a cci arrive prime a le punde stabelite: cenguànde, cìinde o cìindecinguànde.

U bbèlle du scèche iè a vedè a cci iè cchiù vèlosce e ffasce mène sbaglie. S’arriv’a ièsse nu vère cambiòne scecuànne oggn’e ddì, pe trè-quatt’ore. Ce se vènge? La scommèsse iè nu bbèlle gelate pe defresckà le canarìle.

L’articolo è stato trascritto e aggiornato con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Alle cinque pietre

Si gioca in due e, qualche volta, pure in coppia. Seduti a gambe divaricate su di una panchina (anche vicino al marciapiede), prima d’incominciare il gioco, col tocco si decide come giocare: unendo le pietre o prenderle in un solo colpo, senza toccare le altre.

Quelli più bravi decidono sempre in un colpo perché a Bari siamo dei veri campioni. Il giocatore che si aggiudica il tocco inizia la fase del gioco lanciando sulla panchina le cinque pietre (si può giocare pure con i noccioli delle pesche o delle albicocche, ma questi sono molto leggere rispetto alle pietre).

Si prende una pietra da terra e si lancia in aria con una mano. Contemporaneamente, con la stessa mano, si afferra un’altra pietra da terra seguita da quella lanciata in aria senza farle cadere. Stesso procedimento vale per le altre tre pietre prese sempre uno per volta. Si passa alla seconda fase afferrando due pietre per volta. La terza fase è di prendere prima una pietra sempre aver lanciato in aria un’altra, a seguire, insieme le altre tre pietre singolarmente. 

Si passa alla fase successiva  lanciando sempre una pietra in aria e, nello stesso tempo, afferrare tutte e quattro le pietre più quella lanciata in aria con la stessa mano. Si passa a un altro punto della partita  tenendo in mano le pietre, si lancia una in aria e contemporaneamente si deve strofinare il dito indice per terra prendendo nello stesso momento la pietra lanciata avendo la cortezza di  non far cadere le quattro pietre tenute nella mano. I più bravi osavano fare «Il quattro con lo strofinare il dito indice per terra in contemporanea».

Nella penultima fase del gioco si passa al ponte e qui è il momento più difficile del gioco specialmente se si è deciso la regola del «in un colpo solo». Il ponte si forma con una mano allargando le due dita: pollice e medio, appoggiandoli sulla panchina, sul dito medio si pone l’indice per liberare lo spazio che si forma per far entrare le pietre. Si lanciano le cinque pietre di fronte al ponte il più largo possibile tra loro. Si sceglie una pietra stando molto attenti, che non si tocchi un’altra e, uno per volta, sempre in un colpo solo, s’introducono le pietre facendole passare sotto il ponte uno per volta o tutto insieme (quest’ultima operazione è la più difficile e la meno probabile di riuscita, ma è anche la più sbrigativa nell’eseguire in un colpo solo tutt’e quattro le pietre passandole sotto il ponte). Sbagliando si passa il gioco all’avversario, ma se non si commettono errori, terminata la penultima fase, si finisce il gioco facendo posare le cinque pietre sopra i due palmi delle mani unite orizzontalmente e, con un colpo secco, sollevando le cinque pietre si fanno girare le mani, con un altro colpo secco sollevare nuovamente le pietre e rigirare le mani per cogliere le pietre senza farle cadere.

Si assegnano i cinque o dieci punti al che il gioco continua con lo stesso giocatore in tutte le sue fasi, per conquistare altri punti. Vince la partita chi arriva prima ai punti stabiliti: cinquanta, cento o centocinquanta. Il bello del gioco è osservare chi è più veloce e fa meno sbagli. Si arriva a essere un vero campione allenandosi per tre-quattro ore al giorno. Il premio in palio? Un gelato per rinfrescare la gola.

Bibliografia: Gigi De Santis, «Calannàrie Barèse, Dumìle e trè», Edizioni del Tirso, Bari, 2002. 

) Foto: Disegno: «Le fasi del gioco delle cinque pietre». Internet www.salentu.com -Giocattoli di tradizione del Salento -, Ed. CIPSS;  Gigi De Santis,  fototeca, «Centro Studi “Don Dialetto”» - Bari (1976-2014). 

) Foto: «U ponde», Libro, Ama scequà? Giochiamo?, Carmela Dacchille, Nuova Tipolitigrafia Resta, Bari, 2004. Gigi De Santis,  fototeca, «Centro Studi “Don Dialetto”» - Bari (1976-2014). 

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis
Centro Studi “Don Dialetto”

 (Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 18 | Dettagli... (9 parole)

FIERA DEL LEVANTE: STORIA, PERSONAGGI, SIMBOLI, CURIOSITA' - N° 6
Inserito il 12 settembre 2014 alle 08:14:00 da Gigi. IT - Fiera del Levante

Presidenti, Autorità inaugurante, Podestà, Sindaci dal 1930 al 2014

 

Nei settantatotto anni la campionaria è stata definita un nodo tra Nord e Sud, un punto d’incontro tra l’Europa e i Paesi emergenti, un polo d’attrazione per il Meridione, un ponte verso l’Africa e il Medio Oriente.

Con il passare degli anni, tra successi, crisi e difficoltà, è diventata una manifestazione d’altissimo livello tecnologico e commerciale tant’è che anche in altri periodi dell’anno, a cominciare dal 1969 nascono Fiere specializzate come il salone di ‘Mobilevante’ (1969); ‘Agrilevante’ (1970); ‘Edilevante’ (1970); ‘Expolevante’ ( edizione, 1971); ‘Marmolevante’ ( mostra, 1973); ‘Mostra Nazionale degli Autoveicoli Industriali’ (inaugurata nel 1974, si svolge negli anni pari, perché negli anni dispari la mostra si tiene a Torino); ‘Mipan Levante’ (salone biennale di macchine e forni per panifici e pastifici inaugurato nel 1975); ‘Expo Arte’ (edizione 1975); ‘Orolevante’ (1976); ‘Modalevante’ (1977); ‘Expocalzature’ (1977); ‘Tecnorama Ufficio’ (salone specializzato dell’informatica e della telematica, la prima nel sud inaugurata il 24-01-1985); ‘Hospital Sud e Bim” (biennale della mostra internazionale al servizio della Sanità, inaugurazione 26-04-1989); ‘1ª Mostra Dinosauri’ (inaugurazione 24-10-1991); ‘1° Salone dell’Alimentazione Mediterranea(inaugurazione 1-10-1992, non aperta al pubblico),  ‘Fiera dei Comuni’ (inaugurazione ottobre 1996), ‘Bari Moda’ (inaugurazione 9-02-2001), ‘Eataly’ (Mostra-Mercato Enogastronomia, inaugurazione 31-07-2013)  Non si contano le varie manifestazioni a carattere socio-culturale e artistiche.

Dal 1930 al 2014 la Fiera ha avuto sette segretari generali (Federico Pinna Berchet,1930;  Tandoi, 1931; Gino Mazzon, 1933-1959; Giuseppe Giacovelli, 1960-mag.1989;  Vittorio Crisci, 1989-1992; Tommaso Altieri 1993; Gianni Tursi, 1995;  Riccardo Rolli, 2008; Leo Volpicella, 2011) e dodici presidenti, diverse autorità del governo, podestà, commissari straordinari e sindaci. Tutti hanno contribuito alla crescita della Campionaria barese seconda soltanto all’Esposizione milanese.

Ecco il singolare elenco di tutti i nomi delle soprascritte autorità del Governo nazionale, comunale e dell’Ente Fieristico. Tutti hanno contribuito alla crescita della Campionaria barese seconda soltanto all’Esposizione milanese.

1930: Antonio De Tullio ( Presidente della Fiera); Re Vittorio Emanuele III (autorità inaugurante); Vincenzo Vella (Commissario straordinario).

1931: Antonio Larocca ( Presidente della Fiera); Principe Umberto di Savoia; Vincenzo Vella.

1932: Antonio Larocca; Duca D’Aosta e Araldo Di Crollalanza; Vincenzo Vella.

1933: Antonio Larocca; Duca di Genova; Vincenzo Vella.

1934: Antonio Larocca; Benito Mussolini; Vincenzo Vella.

1935: Antonio Larocca; Re Vittorio Emanuele III; Michele Viterbo (Podestà).

1936: Antonio Larocca; Duca D’Aosta; Michele Viterbo.

1937: Antonio Larocca; Principe di Piemonte; Michele Viterbo.

1938: Antonio Larocca; Duca di Bergamo; Michele Viterbo.

1939: Antonio Larocca; Lantini; Michele Viterbo.

-Dal 1940 al 1946 le inaugurazioni furono sospese a causa del 2ª comflitto mondiale. Il quartiere fieristico fu adibito ad usi militari, prima da parte dell’esercito italiano, poi dalle truppe straniere anglo-americane-.

 

1947: Leonardo Azzarita ( Presidente della Fiera); Giuseppe Grassi (Governo); Vito Antonio Di Cagno (Sindaco).

1948: Leonardo Azzarita; Luigi Einaudi-Giuseppe Grassi; Vito Antonio Di Cagno.

1949: Nicola Tridente ( Presidente della Fiera); Attilio Piccioni; Vito Antonio Di Cagno.

1950: Nicola Tridente; Giuseppe Togni; Vito Antonio Di Cagno.

1951: Nicola Tridente; Pietro Campilli; Vito Antonio Di Cagno.

1952: Nicola Tridente; Pietro Campilli; Francesco Chieco (Sindaco).

1953: Nicola Tridente; Giuseppe Pella; Francesco Chieco.

1954: Nicola Tridente; Mario Scelba; Francesco Chieco.

1955: Nicola Tridente; Antonio Segni; Francesco Chieco.

1956: Nicola Tridente; Giovanni Gronchi-Aldo Moro; Nicola Damiani (Sindaco).

1957: Nicola Tridente; Adone Zoli; Pasquale del Prete (Commissario Straordinario).

1958: Nicola Tridente; Amintore Fanfani; Pasquale del Prete.

1959: Nicola Tridente; Antonio Segni; Renato Dell’Andro (Sindaco).

1960: Nicola Tridente; Attilio Piccioni; Renato Dell’Andro.

1961: Nicola Tridente; Emilio Colombo; Pasquale Pestiprino (Commissario Straordinario).

1962: Nicola Tridente / Vittorio Triggiani; Emilio Colombo; Vitantonio Lozupone (Sindaco).

 - Nicola Tridente fu assente all’edizione del 1962, per un intervento chirurgico urgente. Fu sostituito degnamente dal vice presidente Vittorio Triggiani, barese verace -.

1963: Vittorio Triggiani ( Presidente della Fiera); Antonio Segni-Giuseppe Togni; Vitantonio Lozupone.

1964: Vittorio Triggiani; Aldo Moro; Vitantonio Lozupone.

1965: Vittorio Triggiani; Aldo Moro; Gennaro Trisorio Liuzzi (Sindaco).

1966: Vittorio Triggiani; Giuseppe Saragat-Aldo Moro; Gennaro Trisorio Liuzzi.

1967: Vittorio Triggiani; Giuseppe Saragat-Aldo Moro; Gennaro Trisorio Liuzzi.

1968: Vittorio Triggiani; Giovanni Leone; Gennaro Trisorio Liuzzi.

1969: Vittorio Triggiani; Mariano Rumor; Gennaro Trisorio Liuzzi.

1970: Vittorio Triggiani; Emilio Colombo; Gennaro Trisorio Liuzzi (Sindaco dimissionario dal 30 luglio).

1971: Vittorio Triggiani; Emilio Colombo; Paolo Forte (Commissario straordinario).

1972: Vittorio Triggiani; Giulio Andreotti; Nicola Vernola (Sindaco).

1973: Vittorio Triggiani; Mariano Rumor; Nicola Vernola.

1974: Vittorio Triggiani; Mariano Rumor; Nicola Vernola.

1975: Vittorio Triggiani; Aldo Moro; Nicola Vernola.

1976: Stefano Romanazzi ( Presidente della Fiera); Giulio Andreotti; Nicola Vernola.

1977: Stefano Romanazzi; Giulio Andreotti; Nicola Lamaddalena (Sindaco).

1978: Stefano Romanazzi; Giulio Andreotti; Luigi Farace (Sindaco).

1979: Stefano Romanazzi; Francesco Cossiga; Luigi Farace.

1980: Stefano Romanazzi; Francesco Cossiga; Luigi Farace.

1981: Stefano Romanazzi; Giovanni Spadolini; Luigi Farace.

1982: Stefano Romanazzi; Giovanni Spadolini; Francesco De Lucia (Sindaco).

1983: Stefano Romanazzi; Bettino Craxi; Francesco De Lucia.

1984: Stefano Romanazzi; Bettino Craxi; Francesco De Lucia.

1985: Stefano Romanazzi; Bettino Craxi; Francesco De Lucia.

1986: Stefano Romanazzi; Bettino Craxi; Francesco De Lucia.

1987: Stefano Romanazzi /Antonio Quaranta; Giovanni Goria; Francesco De Lucia

- Stefano Romanazzi si dimette nei primi mesi dell’anno 1987, fu sostituito dal vice presidente Antonio Quaranta -.

1988: Gaetano Piepoli ( Presidente della Fiera); Ciriaco De Mita; Francesco De Lucia.

1989: Gaetano Piepoli; Adolfo Battaglia; Francesco De Lucia.

1990: Gaetano Piepoli; Giulio Andreotti; Enrico Dalfino (Sindaco).

1991: Gaetano Piepoli; Guido Bodrato; Enrico Dalfino.

1992: Gaetano Piepoli; Giuliano Amato; Daniela Mazzucca (Sindaco).

1993: Gaetano Piepoli; Azeglio Ciampi; Pietro Leonida Laforgia (Sindaco).

1994: Gaetano Piepoli; Silvio Berlusconi; Giovanni Memola (Sindaco).

1995: Francesco Divella ( Presidente della Fiera); Lamberto Dini; Simeone Di Cagno Abbrescia (Sindaco).

1996: Francesco Divella; Romano Prodi; Simeone Di Cagno Abbrescia.

1997: Francesco Divella; Romano Prodi; Simeone Di Cagno Abbrescia.

1998: Francesco Divella; Romano Prodi; Simeone Di Cagno Abbrescia.

1999: Francesco Divella (Commissario straordinario della Fiera); Massimo D’Alema; Simeone Di Cagno Abbrescia.

2000: Francesco Divella; Giuliano Amato; Simeone Di Cagno Abbrescia.

2001: Luigi Lobuono ( Presidente della Fiera); Silvio Berlusconi; Simeone Di Cagno Abbrescia.

2002: Luigi Lobuono; Silvio Berlusconi; Simeone Di Cagno Abbrescia.

2003: Luigi Lobuono; Silvio Berlusconi; Simeone Di Cagno Abbrescia.

2004: Luigi Lobuono; Silvio Berlusconi; Michele Emiliano (Sindaco).

2005: Luigi Lobuono; Silvio Berlusconi; Michele Emiliano.

2006: Luigi Lobuono; Romano Prodi; Michele Emiliano.

2007: Cosimo Lacirignola (10° Presidente della Fiera); Romano Prodi; Michele Emiliano.

2008: Cosimo Lacirignola; Silvio Berlusconi; Michele Emiliano.

2009: Cosimo Lacirignola; Claudio Scajola; Michele Emiliano.

2010: Cosimo Lacirignola Raffaele Fitto; Michele Emiliano.

2011: Gianfranco Viesti(11°Presidente della Fiera); Raffaele Fitto; Michele Emiliano.

2012: Gianfranco Viesti  Mario Monti; Michele Emiliano.

2013: Ugo Patroni Griffi (12° Presidente della Fiera); Enrico Letta; Michele Emiliano.

2014: Ugo Patroni Griffi; Matteo Renzi; Antonio Decaro (Sindaco).

Bibliografia ed emerografia: Vito Antonio Melchiorre, «Per una Storia del Comune di Bari», Adriatica Editrice, Bari, 1977; Lino Patruno, «46° Fiera del Levante», Quotidiano “il Giornale, Speciale Bari”, 10-09-1982; Mario Dilio, “50ª Fiera del Levante”, Mario Adda Editore, Bari, 1986; Vito Antonio Melchiorre, «Note Storiche Bari», Levante Editore, Bari, 2001; Speciale Fiera, «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari, 11-09-2004; La Gazzetta del Mezzogiorno, «dal 1978 al 2013», Archivio Centro Studi “Don Dialetto”, Gigi De Santis (1976-2014).

) Foto: «Antonio De Tullio, primo presidente della Fieradel Levante». Libro, “L'Economia di Terra di Bari 1860-1900”, Giuseppe Liantonio, Edizione Camera di Commercio, Bari, 1978. 

) Foto: «Il Re trai viali della Campionaria». Libro, “Una Finestra sulla Storia”, Nicola Mascellaro, Edisud, Bari, 1989. 

e ) Foto: Foto: «Leonardo Azzarita / Vittorio Triggiani». Libro, “Una Finestra sulla Storia”, Nicola Mascellaro, Edisud, Bari, 1989.

) Foto: :«Padiglione del Comune di Bari». Libro, “Bari fra le due guerre mondiali”, V.A. Melchiorre, Mario Adda Editore, Bari, 2000. 

Gigi De Santis
Centro Studi “Don Dialetto”

 (Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)

 

 

  


Commenti : 0 | Letto : 46 | Dettagli... (9 parole)

La Fère du Levane: Colore ed Efficacia della Lingua Barese attraverso uno speciale menù
Inserito il 11 settembre 2014 alle 08:44:00 da Gigi. IT - DIALETTO

La mangiàte da l’assute da la Fère

(Menù gustato dopo la visita alla Fiera del Levante)

 

 

Scazzecappetìte (Antipasti)

 
U ccrute (Il crudo):
pulpe rizze (Polpi di scoglio arricciati)
cozze ggnore (mitili)
allìive (seppioline)

 merosche (misto di pesciolini)

 

Prime piàtte (Prime pietanze a scelta):

 

vremecìidde a ssurchie (Vermicelli a tuffo)

meggneuìcchie e fasule che le codeche (cavatelli e fagioli con cotenne)

fave bbiànghe e cequère a la trappetàre (Fave bianche e cicorie alla maniera degli addetti ai trappeti)

vuvù frevute sceuànne sceuànne cu suche russe (vermicelli brucianti con intingolo rosso)

strascenate e ccime de rape che l’alisce d’u sprone    (Orecchiette e broccoletti di rape con sughetto di alici salate)

regatune e ccime de cole cu lardìidde sfritte (Rigatoni con cavolfiori nostrani con sugo di lardo fresco di maiale)

 

 

 

Seconde piàtte (Seconde portate a scelta):

 

pèssce fritte du paranzìire (Frittura di pesce di motopescherecci)

pulpe de scoglie che ll’acqua lore (polpi di scoglio cotti nella loro acqua)

brasciòle a la barèse (braciole di carne di vitello alla maniera barese)

aggnìidde e crapètte fatte sop’a la radìgue a ffuèche vive (agnello e capretto cotti sui carboni ardenti)

fèghete de puèrche e ghiemmerìidde d’aggnìidde fatt’o spite sop’a le carvune (fegato di maiale e involtini di budella d’agnello allo spiedo arrostiti sui carboni ardenti)

castrate manarìne fatte de tutte le manère (castrato casalingo (non di gregge) cucinato in tutte le maniere)

seccetèdde e ccozze mbottìte fatt’o furne (seppioline e mitili farciti cotti al forno)

capuzze mbernàte sop’a la carte de veccìire (testine d’agnello infornate su carta beccaia)

 

Sopatàuue (Ortaggi e frutta):

iàcce (Sedani)

rafanìidde (ravanelli)

caresìidde (caroselli)

pemedùre vìirde (pomodori ‘verdi’)

cape de morte (boccoli tondi)

iùva sagrone (uva baresana)

precuèche paisàne(pesche dure del contado)

 

 

Sfìzie-Sobbracchiù (Desidèri di altre piccole cose):

 

calzengìidde a la ruzzulàne (Panzerotti dei ‘trasandati’, rustici)

pane casarùle (pane casalingo)

peciuatèddre (ciambelle)

sgaggliòzze a la zzu Vite Gnaggnà (Rettangolini di polenta di granone fatta alla maniera di zio Vito “Gnaggnà”)

popizze (sgonfiotti)

fecazze de farrone (focaccia di farro)

calzone de cepodde (pizza rustica di cipolle, olive, alici salate)

 

 

A bbève (Bevande):

 

triùsche che la boccate de le mègghie ceddare (Vino amabile delle migliori cantine di Puglia)

birre (birra)
 

Cannarìle lissce (Ghiottonerie):

 

beghenòtte de crème e marmellàte (Speciali paste con crema e frutta)

calzengìidde de pastriàche (panzerotti di pasta reale)

sassanìidde (sassanelli)

terrengìne (torroncini)

cafè e resòglie a sgrossce (caffè e liquore offerti dal ristorante)

 

La grafia in barese del menù  è stata trascritta e aggiornata con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Bibliografia ed emerografia: Alfredo Giovine, «Pieghevole “Vecchia Bari”», Biblioteca dell’Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi, Bari, 1960; Alfredo Giovine, «U mmìscke e ppìscke», Biblioteca dell’Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi, Bari, 1970; Gigi De Santis, «Calannàrie Barèse dumile e dù», Edizioni del Tirso, Bari, 2001. 

) Foto: «Ingresso Fiera del Levante». Libro, “Bari Guida Turistico-Culturale della Città e della Provincia”, Vito A. Melchiorre, Mario Adda Editore, Bari, 1990;  Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” - Bari (1976-2014). 

) Foto:«Polpi arricciati». Libro, “Invito a Bari”, Lino Patruno, immagini di N. Amato e S. Leonardi, Mario Adda Editore, Bari, 1998; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” - Bari (1976-2014). 

) Foto:«“Maccarùne che le cime de cole cu lardìidde sfritte/Seccetèdde chiène”». Libro, «a tavola sulla costa barese», Vito Buono/Angela Delle Foglie, Levante Editore, Bari, 2006; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” - Bari (1976-2014). 

) Foto:«“Aggnìidde arrestùte”». Libro, “a tavola nella piana della provincia B.A.T.”, Vito Buono, Levante Editore, Bari, 2008; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” - Bari (1976-2014). 

) Foto:«“Beghenòtte”». Libro, “a tavola sulla Murgia barese di sud est.”, Vito Buono/Angela Delle Foglie, Levante Editore, Bari, 2007; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” - Bari (1976-2014). 

) Foto:«“L’ùve”/ “Pecciuatèddre”». Libro, “andar per sagre in provincia di Bari”, Vito Buono/Angela Delle Foglie, Levante Editore, Bari, 2007; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” - Bari (1976-2014). 

Lingua e Gastronomia Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis
Centro Studi “Don Dialetto”

 (Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)

 

 

 


Commenti : 0 | Letto : 12 | Dettagli... (9 parole)

La Fère du Levande: Colore ed Efficacia della Lingua Barese
Inserito il 10 settembre 2014 alle 09:54:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Tarèse avande la Fère du Levande

Il presente dialogo tra due donne baresi, l’autore Benedetto Maggi, lo scrisse prendendo spunto sui cognomi di due ministri di allora: Attilio Piccioni (vice presidente del Consiglio) ed Emilio Colombo (Ministro dell’Industria e Commercio), che inaugurarono la XXVI edizione della Fiera del Levante nel 1962.

Personaggi due: Pasquarèdde (Pasquarella); Tarèse (Teresa)

Pasquarèdde = Tarèse, sì ssciùte n-dutte a la Fère?

Tarèse = Sò ssciùt’a la Fère?... Iì stogghe a sscì tutte le sère!

Pasquarèdde = E cce ccose v’a ffasce?

Tarèse = Nìinde de mène, ce ccose vogghe a ffà... ma tu sì barèse o sì de Capazzuòtte.

Pasquarèdde = Sò barèse e mmènze e ppe cchèsse m’ha da dà la drètte!

Tarèse = Sìind’ a mmè Pasquarèdde: ce ttu iìve adavère barèse e mmènze, nom m’avìiv’a fà la proposte, ce ccose vogghe a ffà a la Fère tutte le sère.

Pasquarèdde = Tarèse, agghie ditte acchesì percè iì non zò ssciùte manghe na volde.

Tarèse = E percè tu non zì ssciùte manghe na volde, iì nom bozzeche scì tutte le sère!!!

Pasquarèdde = E acquànne agghie a sscì, agghie a sscì tande pe ddange na chiamendàte sope sope... iìnd’a cchidde badeggliùne, u ccalde me fasce mangà u respire, e ppe cchèsse me ne vogghe subbete iìnd’o Luna Parche.

Tarèse = Agghie capite tutte cose... a ttè Pasquarèdde te piàsce la sciòggue, te piàsce...

Pasquarèdde = Tarèsa mè, iìnd’o Luna Parche o condràrie de le badeggliùne, te sìinde d’aprì u stomeche e ppe cchèsse azzècche pur’a mmètte sott’a le dìinde na bbèdda paggnotte.

Tarèse = Oldre a la sciòggue, sì amande pure du mangiarìgghie... Pasquarèdde iì non zò com’a ttè... pe mmè la Fère du Levande iè la cose cchiù bbèdde ca nge pote ièsse a BBare... no nge stà u Masce de BBare... u Corse de le Fiùre...

Pasquarèdde = Madonne, Tarèse quande iè bbèdde...

Tarèse = E iì mbèsce digghe ca pe mmè iè mmègghie ce nonn-u fascene... ma no mme sì atteccuànne la Fère...

Pasquarèdde = Percè?

Tarèse = Percè anore tutte quande nù barise... percè u barèse iè u cchiù nzìiste du munne... percè u barèse capissce tutte quande.

Pasquarèdde =  Mocche a le palle...

Tarèse = Statte citte tu, ca non gapissce nudde! Ha da penzà ca iìnd’o parlate barèse nge stà nu mendrone de paròle frangise, spaggnùule, tedische, grèche, gezziàne...

Pasquarèdde = ... e de la Turchì...

Tarèse = Sì, pure de la turchì, percè com’a le frangise, a le spaggnùule e acchesì com’agghie ditte, pure le turchie, tand’anne ndrète sò sstate a BBare! E ccom’a ll’alde, pure lore lassorene nu picche de ggìuue ggiàuue...

Pasquarèdde = Tarèse, tu me stà ffasce remanì a vvocche apèrte a sendirte de parlà.

Tarèse = E cchiù a vvocche apèrte ha da remanì acquànne ha da scì a vesetà la Fère... tu nonn-u ccrite quande iè bbèdde, ca a la dì de la nagurazziòne, menèrne dù palumme... le mègghie ca tenime iìnd’a l’Itàglie.

Pasquarèdde = Le palumme?

Tarèse = E cce le sendive a parlà... decèrne ca u Mereddiòne avanze...

Pasquarèdde = ... Come le palumme parlene mò?

Tarèse = Percè mùute avonn’a ièsse? Pe ddisce ca u Mereddiòne stà ffasce progrèsse assà, voldire ca le palumme avonn’a tenè la lèngue...

Pasquarèdde = Ma tu Tarèse ce ccacchie stà ddisce...

Tarèse = Ce stogghe a ddisce?... U pecciòne a la barèse ce ccose iè?

Pasquarèdde = U palumme!

Tarèse = E iè iùne... e u colombe a la barèse?

Pasquarèdde = U palumme!

Tarèse = E ssò dù... e allore ce ccacchie stogghe a ddisce?... A BBare ci sò menute a nagurà la Fère?

Pasquarèdde = Tarèse, aspìitte, famme recherdà... ah!... velive disce le menistre Pecciòne e Colombe...

Tarèse = E allore iàgghieche rasciòne o no, ca menèrne dù palumme a nagurà la Fère?

Pasquarèdde = Quande sì cerveddìne tu Tarèse... si ffatte cusse sorte de rezzeuìcchie de parole pe ddisce chèssa fessarì.

Tarèse = Chiàmele fessarì tu... pèrò nom buète disce ca iè na fessarì la Fère du Levande, ca pe le barise iè n’anore, nu mèrete e nu vande.

Pasquarèdde = E vva bbuène Tarèse... ià rasciòne pure chèssa volde.

Tarèse = E mmò, ca me sì ddate rasciòne, grite nzìim’a mmè: viv’a BBare... viv’a la Fère du Levande!

(Benedetto Maggi)

La grafia in barese del bozzetto è stato trascritto e aggiornato con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Emerografia: “Tarèse avande la Fère du Levande”, Benedetto Maggi, in “Giornale Pugliese”, Bari, 15-09-1962.

Foto:  «Fiera del Levante: zona fontana monumentale», fototeca, “Archivio Don Dialetto”, Gigi De Santis, Bari (1976-2014)

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

 

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 25 | Dettagli... (9 parole)

FIERA DEL LEVANTE: STORIA, PERSONAGGI, SIMBOLI, CURIOSITA' - n° 4
Inserito il 08 settembre 2014 alle 09:44:00 da Gigi. IT - Fiera del Levante

6 SETTEMBRE 1930

INAUGURAZIONE FIERA DEL LEVANTE 

 

«L’architetto Cesare Corradini aveva disegnato un quartiere quadrato, con due lati affacciati sull’Adriatico e l’ing. Vincenzo Rizzi, chiamato a costruire le varie opere, era stato puntuale e fedele nell’eseguire la volontà del progettista. L’area globale era di 115.400 metri quadrati, occupata da padiglioni e mostre per 36.798 e da campioni per 31.010 metri quadrati. Ben 1.221 furono gli espositori provenienti da tutta Italia, mentre quelli esteri, appartenenti a 16 Paesi, erano 134. Il giorno prima dell’inaugurazione, venerdì 5 settembre, il municipio diramò le disposizioni per il corteo reale nella città e per la cerimonia solenne in Fiera. Un manifesto avvertiva che «durante il passaggio del corteo reale per le vie della città è proibito il getto di fiori uni e a mazzi; sì raccomanda che sui balconi non si affolli molta gente; è rigorosamente vietato di arrampicarsi sui candelabri della pubblica illuminazione e sui pali della linea tranviaria; il pubblico non invitato alla cerimonia d’inaugurazione potrà affluire alla Fiera soltanto dalla Via San Francesco all’Arena».

L’indomani, all’alba, tutta la stazione era presidiata da forze di polizia e reparti delle forze armate che si accingevano a schierarsi, all’interno e all’esterno, per rendere gli onori militari al re e al suo seguito. Alle 6:45, giunse da Roma il ministro Giurati accompagnato dal suo capo gabinetto. Con un altro treno, alle 7:55, giunsero a Bari il ministro delle Corporazioni Giuseppe Bottai, rappresentante ufficiale del Governo, il segretario del partito fascista Achille Starace, l’Ambasciatore di Turchia a Roma Suad Bej e l’incaricato d’affari rumeno Zanescu. Alle 8:58 entrò nella stazione il treno reale: le cronache dicono che «il Sovrano che appare sorridente e per nulla affaticato dal viaggio scende dalla vettura rapidamente seguito dal suo aiutante di campo generale Asinari e passa in rivista la rappresentanza dell’esercito schierata sui marciapiedi della stazione, che gli presenta le armi».

«Il miracolo fu compiuto; nonostante lo scetticismo e l’incredulità di molti, il 6 settembre 1930, in una giornata magnifica di sole e d’esultazione, Bari inaugurò, come aveva promesso, la sua Fiera. Alla fausta cerimonia, alla quale presenziò il nostro Sovrano, intervennero S.E. l’on. Giuseppe Bottai, le rappresentanze del Senato e della Camera dei Deputati, l’on. Achille Starace, parecchie alte Gerarchie, i Ministri dell’Albania, dell’Ungheria, della Bulgaria, vari rappresentanti di altri Stati esteri, le delegazioni di molti Comuni, Province, enti economici e culturali dell’Italia, e grande numero di Podestà, Segretari Federali, Presidenti dei Consigli Economici ecc. Una fiumana di popolo, accorso da ogni angolo della regione, ma anche dalle diverse parti d’Italia, si riversò nelle vicinanze della Fiera per assistere alla solenne cerimonia. In varie tribune presero posto le autorità, ed in una speciale ornata di palme, trofei di bandiere e di drappi di velluto, era il Re, circondato dai Ministri e dai rappresentanti degli Stati esteri. Il Commissario Straordinario di Bari dott. Vella porse al Sovrano il reverente saluto della Città, che era orgogliosa della Sua presenza, e ricordati i meriti del Governo, che aveva dato alla Puglia ed all’Italia un nuovo volto (...). Prese la parola il Presidente della Fiera, Senatore De Tullio, il quale dopo aver ringraziato il Re e diverse rappresentanze convenute alla fausta cerimonia, rivolse un pensiero di riconoscenza all’operosa Milano e a tutti i centri produttori della penisola per il fraterno contributo dato alla riuscita della Prima fiera del Levante (...).

Parlò quindi in rappresentanza del governo Sua Eccellenza l’on. Bottai, il quale si disse lieto di portare il fervido saluto e l’augurio del Presidente dei Ministri, e dopo d’aver tessuto l’elogio di Bari e della Puglia, che in un secolo hanno compiuto miracoli sorprendenti nel campo dell’agricoltura, nello sviluppo delle industrie e nella vita commerciale (...). Terminata la cerimonia ufficiale, Sua Maestà accompagnata dal sen. De Tullio, dal Consigliere Delegato comm. Larocca, dai Senatori, dai Deputati e dalle Rappresentanze dei vari Enti visitò i diversi padiglioni, soffermandosi ad ammirare i più interessanti e caratteristici; ebbe parole di plauso per gli organizzatori, e rimase stupito dello sforzo poderoso compiuto dalla Puglia in un’ora così difficile. Nelle ore pomeridiane il Re inaugurò il concorso Ippico, e la sera ripartì per Roma, acclamato da grande folla plaudente. La sera ebbe luogo un sontuoso banchetto, al quale presero parte il Ministro Bottai, i Ministri esteri presenti alla cerimonia dell’inaugurazione, i rappresentanti delle Nazioni partecipanti alla Fiera, le rappresentanze del Partito, del senato, della Camera dei Deputati, delle Province, dei Consigli Economici, autorità politiche, militari, civili e sindacali, vari Podestà di Puglia, quasi tutti i componenti i Comitati organizzatori delle mostre delle singole province di Puglia, e parecchi giornalisti. Le Regie Navi ancorate di fronte alla Fiera lanciavano con i loro potenti riflettori fasci di viva luce sui vari padiglioni illuminandoli gaiamente, mentre più migliaia di persone s’affollavano nei diversi viali e reparti per visitare le magnifiche mostre, o si pigiavano nel vasto recinto del Luna Park, ansiose di godere delle nuove meraviglie. Alle 21 s’iniziò la serata di gala al Teatro Petruzzelli, sfarzosamente illuminato, dove vi fu la serata in onore degli ospiti autorevoli, che furono accolti da fragorosi applausi ed ovazioni.

La stampa italiana, unanime, scrisse articoli entusiasti inneggiando al nuovo prodigio dei pugliesi, e parecchi giornalisti esteri segnalarono ai loro Paesi l’importanza dell’inaspettato avvenimento. Ministri e rappresentanti di nazioni estere in varie interviste espressero la loro sincera e fervida ammirazione per la superba iniziativa attuata dalla capitale della Puglia, e promisero di far partecipare i loro Stati alle future Fiere».

«Nel primissimo pomeriggio di sabato 6 «La Gazzetta del Mezzogiorno» uscì in edizione straordinaria con un titolo a tutta pagina che, allora, conteneva sette colonne:

«Il Re ha inaugurato solennemente la Fiera del Levante». La Fiera del Levante era così nata e avviata verso traguardi inaspettati anche per effetto di avvenimenti politici ed economici che sovvertiranno del tutto, poi, le condizioni di quel 1930».

 

 

 

 

Bibliografia: Saverio La Sorsa, “La Prima Fiera del Levante», Mario Adda Editore, (Ristampa anastatica), Bari, 2002 (Prima Edizione 1931 –Gius. Favia); Mario Dilio, “50ª Fiera del Levante”, Mario Adda Editore, Bari, 1986;

Foto::  «Ultimi ritocchi all'ingresso monumentale / Ingresso monumentale Fiera 1930». Libro, “Bari nel tempo”, V.A. Melchiorre, Mario Adda Editore, Bari, 1983; fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis.

Foto::  «Il Re V. Emanuele III inagura la Fiera / Prime pagine della Gazzetta del Mezzogiorno 6-09-1930 ». Libro, “50ª Fiera del Levante”; Mario Dilio, Mario Adda Editore, Bari, 1986. fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis.

Foto::  «Edizione straordinaria Fiera 1930». Libro, “Una finestra sulla storia”, Nicola Mascellaro, Edisud, Bari, 1989; fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis.

Gigi De Santis
Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese) 


Commenti : 0 | Letto : 25 | Dettagli... (9 parole)

Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 2
Inserito il 31 agosto 2014 alle 10:14:00 da Gigi. IT - Comunicato stampa

Uno scoop nello scoop… ancora scoop

Il lupo continua a perdere il pelo ma non il vizio.

 

Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte.

 
«Saltar di palo in frasca» (Il proverbio evidenzia il comportamento, peraltro non insolito, di chi, per supeficialità o fretta, passa, parlando o scrivendo, da un argomento a un altro senza alcun nesso logico e facendo, ovviamente, molta confusione).
 

«Raglio d’asino non arriva in cielo» (le parole calunniose e le dicerie degli sciocchi non hanno effetto).

 

«Sacco vuoto non sta in piedi» (l’espressione va riferita a chi si vanta di particolari meriti e di virtù che non ha, ma la sua pochezza finisce presto per essere smascherata).

 

«La sella d’oro non migliora il cavallo» (se uno non ha talento o non è dotato di iniziativa e ingegno non può certamente comprarlo o mascherarlo con facili escamotage. È un po’ come dire che l’abito non fa il monaco).

 

Chiamare gli altri,  invidiosi e gelosi senza un nesso logico è come aver lanciato un boomerang che si ritorce su sé stesso. 

 
Ci iè ccudde? Lassue a pèrde, s’attacche a ttutte le pelidde e a la feliscene (Chi è quello? Lascialo perdere, si attacca a tutti i peluzzi e alla fuliggine). Si dice dei cavillosi, per i quali ogni pretesto è buono per attaccar briga.

Domenica 8 giugno 2014 a Bari si sono verificati tre scoop nelle categorie: politica, sportiva e dialettale. Uno dei tre lo definiamo, a pieno titolo: «uno scoop nello scoop… ancora scoop». Andiamo per ordine.

Il primo scoop è intitolato alla politica strettamente locale, Bari ha un nuovo Sindaco, Antonio Decaro che ha stravinto al ballottaggio nel confronto con il rappresentante di centrodestra, l’ingegnere Domenico Di Paola, con il 65,4%.

Il secondo scoop è dedicato alla Bari Calcio per nuovo record di spettatori nel campionato di serie B, allo stadio «San Nicola», quasi sessanta mila, con una coreografia singolare; uno striscione con la gigantesca figura del Santo Patrono di Bari “Sanda Necole”.

Veniamo allo scoop più scoop, vale a dire al furbetto che continua a perdere... il pelo ma non il vizio.

Domenica 8 giugno, per  la XXI Edizione del «Premio Internazionale di Poesia e Narrativa “Città di Bitetto” 2013-2014», la giuria, con il presidente del Premio, il prof. Michele Lucatuorto, grazie alla denuncia di uno dei partecipanti al concorso, ha scoperto, dopo la classificazione dei premiati, nella sezione B «Poesia singola in vernacolo, inedita, a tema libero», la poesia spedita dal furbetto era “edita” e, prontamente, è stata radiata.

Il furbetto non è nuovo a simili azioni, infatti, anche in un’altra manifestazione è stato scoperto partecipando al VII «Concorso di Poesie in Vernacolo Pugliese» Anno 2011-2012 organizzato dalla UIL PENSIONATI di  BARI e di PUGLIA e dall’«A.D.A di Puglia» (Associazione di volontariato per i Diritti dell’Anziano), perché ha inteso partecipare con altra poesia edita, (mentre il regolamento del concorso specificava, con la dichiarazione firmata dal partecipante sottoscrivendo (approvare incondizionatamenteche la poesia è inedita),

Ma chi è il furbetto che si è fatto cogliere con le mani nel miele? Tentando, da buon italiano, di aggirare le regole? Sempre lui, colui che continua a dichiararsi giornalista (invece è pubblicista), scrittore (e non abbiamo ancora visto pubblicare un suo libro scritto di proprio pugno, frutto della sua capacità inventiva), che più volte si firma quale ‘esperto di dialetti e tradizioni’ e dichiara:  «... io non scrivo in dialetto ma mi piace seguire e scrivere eventualmente qualche considerazione, quindi non posso dare alcun apporto in materia» e poi, si permette di correggere chi si diletta con il dialetto barese, demolendone lo scritto con critiche aspre e violente; uno che di ortografia barese non capisce e non ha mai capito niente di grammatica barese.

Ma chi è costui? Non c’è bisogno di citarlo è ARCINOTO negli ambienti della cultura dialettale barese e, soprattutto, più volte nominato nel presente sito «cliccate sul canale Dialetto, categoria Dialetto barese: Errori dialettali, Pestrìgghie pestregghiàte e nella  stessa categoria agli articoli <Critiche Severissime>, <Pestrìgghie pestregghiàte (Critiche Severissime)>  e <Dialetto barese: Nguàcchie Nguacchiàte (Critiche Severissime)»; «Folclore», categoria Decève tagrànne che mammarànne”, articoli <Decève Vastiàne posa piàne>, <Decève la sroche a la nore> e categoria A ccì appartìine (soprannomi)”, articolo <Le sopanòme (4)> ; «Personaggi», categoria “Le puète”, articoli <Giuseppe Romito> e <Giovanni Lotito>).

L’espertologo ( ! ) ha carpito per ben due volte, partecipando a concorsi di poesia, la buona fede dei Presidenti, delle organizzazioni, dott. Rocco Matarozzo e prof. Michele Lucatuorto.

Ci siamo domandati: con quale coraggio, con che faccia ha presentato il suo cosiddetto nuovo libro in dialetto barese che, come nelle sue precedenti pubblicazioni, è un copia-incolla, senza una spiegazione di note linguistiche per agevolare la lettura del dialetto barese, campo nel quale regna l’anarchia grafica assoluta, ciascuno adopera un proprio sistema, il barese viene scritto in tanti dialetti quanti sono gli autori.

Alla presentazione non ha spiegato (e come poteva spiegare?) i fenomeni di gruppi consonantici all’inizio e nel corpo della parola che per lui non esistono soprattutto a inizio di parola. Asserisce che è cosa del tutto personale e ignora, invece, che è regola grammaticale non solo barese, ma delle parlate meridionali.

Non sa rispondere all’abuso del j=gei (consonante straniera) che lui pronuncia erroneamente  i lunga (che non esiste negli alfabeti barese, italianolatino). 

Non chiarisce perché in alcune poesie e componimenti in prosa è usato il gei (j) e in altri no?

Perché alcuni autori usano la doppia B scrivendo in dialetto BBare e altri no?

Perché (è questo è gravissimo), alcuni, e soprattutto lui, usano accentare la vocale a, con l’accento acuto (á), mentre in molti usano correttamente l’accento grave (à)?

Perché gli autori hanno adoperato, nelle loro poesie, parole con l’accento grave e nel suo libro, sono state modificate con l’accento acuto e viceversa?

Perché ha modificato parole, accenti, punteggiatura ad alcune poesie? 

Non si è accorto inserendo per intero con il più classico copia-incolla, errori storici e linguistici «Il poemetto in dialetto barese inedito del sec. XVIII» inserito all’inizio del libro, non documentandosi se esiste la copia originale, perché non si capisce, per esempio, il canonico Francesco Bux, nato a Bari nel 1885, diventa ordinato sacerdote nel 1888, a tre anni dalla nascita. 

Perché in alcune pagine cita la fonte e in alcune no come a pag. 134, volutamente ha omesso l’autore del capitolo «Poesie dialettali baresi», appropriandosi dello scritto?

E va dicendo e scrivendo in giro che altri sono invidiosi di lui. Di che? Di che cosa?

Perché a pag. 38 spiega a chiare lettere: (...) «… Infine non per tutti c’è la traduzione nella lingua italiana, poiché non sempre riportata dagli autori nelle loro originali composizioni.», mentre alle pagg. 87, 88, 163, 164 e 165 inserisce la traduzione di alcuni vocaboli di quattro poesie scritte da Vito Barracano e Agnese Palummo, che non le hanno tradotte?

Perché a pag. 124 nel titolo della poesia è scritto () e nella prima quartina del componimento (du) senz’accento? Qual è la definizione giusta in italiano?

Perché in alcuni racconti e poesie non si distingue la vocale (e) tonica da quella atona scrivendo tutte e due senz’accento? Mentre in altre liriche vengono evidenziate?

Perché in alcune poesie la (e) senz’accento a fine vocabolo non è scritta ma sostituita con un apostrofo?

Come si spiega a pag. 123 il nome Nicola, nelle due lingue: italiano e barese, è scritto con l’accento acuto la vocale (ó), quando è ben documentato che la pronunzia è aperta come si evidenzia correttamente in altre poesie?

E ci fermiamo qui! PE MMÒ! (PE MMÒ, si scrive in barese con l’accento grave sulla (Ò) e no apostrofare (PE MMO’), come ha scritto l’espertologo. 

Continua a dire e scrivere  che siamo invidiosi. Invidiosi di che? Che continua a fare il furbetto partecipando a concorsi di poesia, non rispettando il regolamento, carpire la buona fede degli organizzatori? Invidiosi di che? Che ha pubblicato libri che sono copia-incolla? Invidiosi di chi? Che non risponde alle domande specifiche sull’ortografia barese?

Di sicuro l’espertologo non risponderà, come non ha mai risposto agli inviti di alcuni studiosi dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”, che più volte lo hanno cortesemente invitato a un confronto pubblico, nel quale possa spiegare perché la sua insistenza nel dire che Bari non ha una grammatica, mentre in una delle sue pubblicazioni spiega che la sua collaboratrice, studiosa del dialetto barese, ha contribuito alla redazione di regole grammaticali e ortografiche per la stesura del testo.

Il colmo è che anche nella nuova pubblicazione, ha citato nella bibliografia, libri di Alfredo Giovine, il più autorevole autore barese (come è stato definito recentemente dal prof. Pasquale Corsi, docente Ordinario, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi Aldo Moro - Bari e dal prof. Daniele Giancane, docente del Dipartimento di Scienze Pedagogiche e Didattiche dell’Università di Bari), il quale ha prodotto la Grammatica del Dialetto di Bari (a cura di Felice Giovine).

Come spiega questa grave incongruenza?

Non ha ancora risposto alle nostre soprascritte affermazioni. È bravo solo nello scrivere che siamo invidiosi e gelosi... di chi? Di che? Che cosa centra l’invidia, la gelosia se abbiamo semplicemente posto domande specifiche nel difendere, a spada tratta, la storia, le tradizioni e la lingua barese.  

Non c’è che dire, l’individuo in questione, per l’ennesima volta è stato scoperto con le mani nella marmellata, al pari di un plagio commesso, e non solo.

Speriamo fortemente che negli ambienti culturali e, soprattutto, nel mondo dell’Università degli Studi di Bari, si dia degna considerazione e rispetto alla Baresità autentica (Storia-Lingua-Folclore). 

Comitato Difesa Baresità

Ogni componente, anche individualmente, si impegna, in qualunque luogo, occasione e con ogni mezzo, ad intervenire, contrastando, riprendendo, correggendo affermazioni false e inquinanti, mistificazioni, banalizzazioni, da chiunque provengano, tendenti a distorcere, diffondere inesattezze e travisare la storia, la cultura, la lingua e le tradizioni di Bari e della sua Terra. L’invito ad Aderire è indirizzato a chiunque si riconosca e condivida gli scopi che il Comitato si prefigge, compresa l’uniformità della grafia dialettale.

Campagna di Sensibilizzazione

a cura dei siti web:

www.centrostudibaresi.it (Felice Giovine)

www.dondialetto.it (Gigi De Santis)

La Redazione


Commenti : 0 | Letto : 179 | Dettagli... (9 parole)

COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
Inserito il 05 giugno 2014 alle 08:14:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Credenze linguistiche

 

Comitato barese per l’abolizione della J (gei)

Per combattere il punteruolo rosso che sta decimando il patrimonio delle palme, occorre una massiccia e sistematica azione di contrasto e annientamento del nefasto coleottero, stesso impegno per combattere uso e abuso della J (gei).

Impegno che il Centro Studi Baresi intende perseguire per debellare tale erroneo utilizzo. Non sono pochi coloro che ignorano che la J con la lingua italiana non ha nulla a che spartire. Ma la cosa grave e che, lo ignorino giornali e telegiornali, alimentando convincimenti errati per l’uso incondizionato.

Per esempio scrivono jaluronico e lo sentiamo pronunciare ialuronico, scrivono jella, jettatore e le sentiamo pronunciare iella e iettatore. Scrivono junior e lo pronunciano iunior. Jesolo per Iesolo, Jole per iole, jaja per iaia, e ancora scrivono jonio, japigia, e leggono ionio, ionico, iapigia e iapigi, e poi non si comprende perché pronuncino Giazz per Jazz, Gim per Jim, Giolli per Jolly, Giumbo per Jumbo, giungla per jungla, ecc. Allora se scrivi Juventus devi leggere Giuventus, al pari di Jovanotti per Giovanotti, se leggi iunior devi scrivere iunior, se scrivi junior devi leggere giunior.

Tale confusione, la si riscontra anche nelle trascrizioni dialettali, generando il convincimento che trattandosi di dialetto, ognuno possa adottare il sistema di scrittura che più preferisce, senza tener conto che ciò ne limiterà la comprensione, relegando lo scritto solo a quanti riusciranno a interpretarlo. Chiunque riconoscendosi tra “gli insorti” voglia aderire al Comitato, è sollecitato a segnalare, non solo, alla redazione dell’«Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”», ma soprattutto a chi le commette, le scorrette grafie sollecitandone la correzione, per la salvaguardia della lingua italiana e della nostra grafia barese.

«Se si parla e si scrive italiano italianamente, si scriva barese, baresemente»

 Felice Giovine

Presidente dell’Accademia della Lingua Barese“Alfredo Giovine”

Noi,

Centro Studi Don Dialetto

Contributo alla Ricerca, Recupero, Difesa,

Valorizzazione e Diffusione

della Cultura Popolare e della Lingua Barese -

 

Aderiamo al

«Comitato Barese»

del

Centro Studi Baresi

La Redazione “Don Dialetto.it” - Bari

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.


Commenti : 0 | Letto : 2149 | Dettagli... (9 parole)

PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
Inserito il 04 giugno 2014 alle 07:54:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

  

 

A tutti i baresi e “giargianesi

 

L’ Accademia della lingua barese 

Alfredo Giovine

 

comunica che è operativo il

 

Pronto Soccorso Linguistico

cui rivolgersi per non commettere

errori nella scrittura.

 

Non mortificate Bari

con grafie astruse.

 

Basta una telefonata:

 

iè n-dune !!!

Comunicato Stampa

Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”


Commenti : 0 | Letto : 382 | Dettagli... (9 parole)


 
Menu

 

 
 

 


Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:


Cerca nel Web
Google


Top - Siti web
Centro Studi Baresi (IT)
Riccardo Guglielmi - Cardiologo (IT)
Wip Edizioni (IT)
Angela Guglielmi (IT)
Mondo Antico (IT)
Modugno.it (IT)

I preferiti
Associazione Onlus Mondo antico e Tempi Moderni (31101)
Angela Guglielmi - Web master (20688)
Modugno.it Il Portale della Comunità Modugnese (19926)
GioArt di Giovanni Cellamare (15147)
Università Popolare Pugliese Terza Libera Età Ause (13817)
PugliaTeatro-L'Eccezione (13131)
Forza San Paolo - Bari (12271)
Sapore tipico (11364)
Promuoviamo il Turismo in Puglia (10638)
Libreria Culture Club Cafè (10614)
Telestreet Bari (10532)
Web Aperto (10202)
Premio Letterario Osservatorio (10013)
Teatro Abeliano - Bari (9994)
TirsoMedia -Bari- (9918)
Wip Edizioni (9882)
Liliana Carone (9723)
Helicam service (9063)

Statistiche
Siamo on line dal 1° Novembre 2006 e ci hanno visitato in:

Il tuo indirizzo IP è: 54.161.240.10

 

Tema grafico a cura di
 Nessuno
 © Don Dialetto di Gigi De Santis - © Rielaborazione Grafica e Webmaster Angela Guglielmi - © AspNuke Gli "Articoli, gli E lementi grafici e quant'altro" presenti su Dondialetto.it  sono da considerarsi d'esclusiva proprietà di http://www.dondialetto.it L'Associazione "Don Dialetto" di Bari adirà alle vie legali contro chi, intenzionalmente, abusa dei contenuti pubblicati sul nostro portale senza alcuna comunicazione, convenzione e autorizzazione della redazione 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 Grafica prodotta da "Artimedia" - www.studioquattro.com
Questa pagina è stata eseguita in 1,011719secondi.
Versione stampabile Versione stampabile