Il dialetto barese è Bari: la sua storia, la sua anima, la ragione stessa dell'essere suo.  ( Armando  Perotti )               * * *               Non si creda che i dialetti siano destinati a sparire, se mai si moltiplicheranno, pur tenendosi stretti alla lingua  " scritta  "  di Dante.  (Francesco Babudri)               * * *               Il dialetto è l’anima del popolo, la parte meno obliabile, non l’orpello o l’ignoranza come alcuni credono.  (Pasquale Sorrenti)               * * *               Non si può avere piena intelligenza della Divina Commedia senza tenere l’occhio rivolto al dialetto.  (Abbate Giuliani)               * * *              Il dialetto è un potente mezzo di comunicazione e ha diritto di cittadinanza nella scuola, e non solo a livello sperimentale. (Francesco Mininni)               * * *               Io credo che il poeta dialettale può e deve restare fedele al suo dialetto, se non lo fa, rischia di offrire ai suoi lettori, componimenti redatti o un dialetto annacquato o in un italiano adulterato.  (Oronzo Parlangeli)               * * *              Nella città di Bari, sono ancora in molti che identificano il dialetto con la povertà o come marchio di appartenenza agli strati più umili, gretti e ignoranti della società, al contrario di quanto avviene in altre città dove l’uso del dialetto è vezzo, sciccheria e ostentazione. (Alfredo Giovine)               * * *            I dialetti sono specchi più fedeli, più spontanei, forse anche primigenii dell'interiore linguaggio che precede ogni fatto linguistico. (Pio XII)
  BENVENUTO      
 
Immagini

Immagini di repertorio
Don Dialetto(15245)


Eventi
<
Febbraio
>
L M M G V S D
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 -- -- -- -- -- --




Visitatori
Visitatori Correnti : 19
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 300
Ultimo iscritto : lella
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 42
 
 Commenti: 16
 
 Immagini: 10130
 Immagini viste: 6939096
 
 Articoli: 87
 Pagine: 1514
 Pagine lette: 7815808
 
 Siti web: 6
 
 Notizie on line: 13
 
 Preferiti: 107967
 Siti visitati: 419046
 
 Post sui forum: 17
 
 Libro degli ospiti: 24
 
 Eventi: 1625

Sponsor

Contattateci  per  inserire  la  vostra  Pubblicità



 
 

 


 
Ultimi inserimenti

Data:  31/12/2013 Sezione  Mercatino Ultimo Inserimento:  Calendario Barese 2014  - Data:  30/01/2016 Sezione  Articoli Ultimo Inserimento - Controlla l'ultima pagina di:  La uascèzze: fèste e festecèdde (ricorrenze notevoli, avvenimenti popolari)  - Data:  07/02/2016 Sezione  User Ultimo Iscritto:  lella  - Data:  01/01/1900 Sezione:   Ultimo Inserimento:   - Data:  31/01/2016 Sezione  Immagini Ultimo Inserimento:  Combattimento Carnevale-Quaresima  - Data:  01/01/1900 Sezione   Ultimo Inserimento:   - Data:  10/02/2016 Sezione  News Ultimo Inserimento:  Calzone a la barèse (Pizza di cipolla condita alla barese)

Benvenuti sul sito web
Pagina di Benvenuto

Benvenuti sul sito web www.dondialetto.it

Gigi De Santis

Il portale dei Baresi nel Mondo

 

 
DonDialetto.it


Teniamo alta la BANDIERA
della STORIA, della TRADIZIONE, del DIALETTO di BARI,
ma senza...

Improvvisazioni - Errori - Strafalcioni - Scopiazzature - Alterazioni - Mistificazioni - Compromessi - Contaminazioni.

Il Dialetto,  innanzi tutto, è una cosa seria
(Grammatica, Scrittura, Lettura, Declamazione, Recitazione, Canto).

                                        
DonDialetto.it

La Voce... Il Suono... La Parola... La Gestualità... La Storia... Il Folclore...
I Racconti... I Canti... La Saggezza... Il Dialetto...
.La Pausì....
U Ndrattìine... U u-addòre... U Tiàdre... La Uascèzze...

 

DonDialetto.it

la BARESITÀ D.O.C. contributo al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione della Cultura Popolare e della Lingua Barese.

 

10 febbraio 2016
Calzone a la barèse (Pizza di cipolla condita alla barese)
10 febbraio 2016
La Quarèseme (Ricorrenza notevole)
12 gennaio 2016
Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
25 agosto 2015
ALFREDO GIOVINE * ANNIVERSARIO 1995 - 25 AGOSTO - 2015
22 agosto 2015
Lingua Barese: Pestrìgghie Pestregghiàte / Nguàcchie nguacchiàte / 10
04 giugno 2015
Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 5
02 aprile 2015
Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
05 giugno 2014
COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
04 giugno 2014
PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
09 marzo 2014
Grammatica Barese: La i che cambia i suoni
16 novembre 2013
Lingua Barese: Problema Grafico - Denuncia dell'Accademia della Lingua Barese "Alfredo Giovine"
13 agosto 2013
CULTURA e DIALETTO BARESE
08 marzo 2009
NOVITÀ BIBLIOGRAFICA BARESE ASSOLUTA su INTERNET
  
Top 5 - Forum
therock - 29/10/11 20:38:26
Vi posto il link, tratto da youtube, del...
mauror58 - 01/03/11 13:24:37
egr.dott.desantis, vedo che ha fatto presto...
mauror58 - 06/01/11 11:01:18
Grazie Dott. DeSantis, mi scuso se non...
Gigi - 05/01/11 09:32:10
Gentile signor Mauro, ricambiamo con gioia...
mauror58 - 04/01/11 22:12:10
salute a tutti voi, sono nuovo del forum...

Calzone a la barèse (Pizza di cipolla condita alla barese)
Inserito il 10 febbraio 2016 alle 11:46:00 da Gigi. IT - Cucina barese

Ce se mange a la Quarèseme

 

U calzone de cepodde a la barèse

(Pizza di cipolla condita alla barese)

 

 

Nel primo giorno di quaresima, una volta si rispettava la tradizione culinaria gustando “U calzone a la barèse” (Pizza di cipolla condita alla barese). La pietanza è stata scelta da due ricette di Giovanni Panza e Nicola Gonnella (Ogon). 

Calzone a la barèse

Pe ffàuue asseduàte (rispettando la tradizione) se pigghie na bbèlla chèdde de cepodde. Le spenzale sò le cchiù adatte e ssò chidde cepodde longh’e bbiànghe, ca mangiànnele crute, spurghèscene u ssanghe da tutte l’acede iùreghe (acido urico) e da l’alde puèrcarì (cipolle lunghe e bianche che mangiate crude, purificano il sangue e liberano l’intestino), e ssò ppure le cchiù adatte condre le pète a le rine, ca u mìideche chiàme: calghele (calcoli).

Se pigghie le spenzale, pe la bastanze s’arregolèsce a seconde du nummere de le presune, ca mangene a ttàuue e a cchidde ca se lasse na fèdde pe ffàuue assaprà (assaggiare, mangiare). Se tàgghiene le cepodde menute menute e se mètten’ammalvà (rosolare) iìnd’a na fresole (padella) che nu picche d’ègghie e ngocche pemedòre. Acquànne la cepodde s’ave ammachelàte (spappolata), se mètte o quèste a ffalla sfreddèssce. N-dratande (Nel frattempo) se prepare na bbèlla chèdde d’auuì n’acque (olive in salamoia), se lève le nuzze e se mèttene nzìim’a le cepodde. Se prepare stèse de masse che farine, iòve frèscke, u levate (lievito di birra) e u u-ègghie.

Dope se fasce crèssce la masse, se fasce bbèlle palle (due belle palle di pasta) e cu laganàre (matterello) se stènnene (si stende) le masse facènne dò sfogghie. Iùne av’a ièsse cchiù granne de l’alde, bbèlle tonne non dande fattizze (spesse), ma manghe fina fine com’acquànne se fasce la laghene. La stèse cchiù ggranne se mètte o funne de na tièdde ngelesciàte (unta) d’ègghie d’auuì (olio extra vergine), se ngelescèsce d’ègghie pure la sfogghie e se iègne sope mettènne: u mbaste (l’impasto) fatte che la cepodde, che l’auuì, fremmagge pecorine grattate (pecorino grattugiato), o ce se vole, se pote mètte na checchiàre de recott’asckuànde (ricotta forte), o chiapparìne (capperi). Alisce d’u sprone (acciughe salate conservate in scatola di banda stagnata o più raramente in involucri di legno), dope ca se lèvene la spine de m-mènze e u ssale atturne (dopo tolta la spina dorsale e le dissalate), nu muèrse de petrine (ventresca), pemedùre sckattate e na pezzecàte de sal’e ppèpe. S’achiùde u ddinde (l’ingrediente) che l’alda stèse mise sope, se ngelescèsce pure chèsse d’ègghie. Se fasce u regghiètte (orletto, piegatura) grèsse atturn’atturne, se ponge che la fercine, ca ce non ze fasce, u calzone o calore s’abbotte e se spacche facènne u scesciàcchie (l’irreparabile).

Se mètt’a ccosce iìnd’o furne, mègghie angore ce se porte la tièdde o furne de pète (forno antico di pietra). Ngocch’e iùne nge stà angore ce sciàt’a BBare Vècchie e o quartìire Lebbertà. Quanne se va a pegghià do furne de pète la tièdde o vène pertate do uaggnòne du furne, oppure la tièdde se lève do furne de la checcine de case, u u-addòre ca av’ammenà, fasce scì n-glorie (in estasi) e non ze pote scherdà faggelmènde.

M’ha va ndevenà, e s’av'a vandà la fèmmene, decènne ca cusse calzone de cepodde fatt’a la barèse pote scì pure nanz’o rrè.

U calzone non va mangiàte bollènde, accome ièsse do furne; se fasce sfreddèssce nu picche, ma non dande.

Dope mangiàte na bbèlla fèdde, sope s’azzoppe nu sidece grade de triùsche de Cannite (Canneto -Adelfia -) o de Casteddane (Castellana), ca fasce stà allègre e chendènde pe passà na bbèlla scernat’a lariolà (una giornata spensierata).

Traduzione sintetica

Pizza di cipolla condita alla barese

Prendete un bel po’ di cipolle lunghe bianche che mangiate crude, purificano il sangue e liberano l’intestino e sono indicate anche contro i calcoli. Per la quantità si deve tener conto del numero dei commensali e di quei parenti e amici, cui si dovrà offrire una bella fetta di ‘calzone’. Si affettano le cipolle sottili e si mettono in una padella a rosolare unitamente a un goccio d’olio e ad un po’ di pomodori che vengono preventivamente pelati. Quando la cipolla si spappola, si lascia raffreddare; nel frattempo si snocciolano un bel po’ di olive (di quelle che si preparano in casa il mese di novembre). Con la sfoglia più grande si ricopre il fondo e i bordi già oleati; si mette la cipolla cotta, le olive snocciolate, formaggio pecorino grattugiato (c’è chi preferisce la ricotta forte), due capperi, qualche acciuga dissalata e diliscata, un po’ di ventresca, pomodori e per ultimo una pizzicata di sale e pepe. Si ricopre con l’altra sfoglia di pasta, si fa il bordo intorno, si punzecchia la superficie con una forchetta e si manda al forno. Questa pizza di cipolla alla barese non va mangiata appena cotta; si lascia raffreddare un poco prima di gustarla. Accompagnate la degustazione della pizza bevendo un sedici gradi di vino di Canneto (Adelfia) o di Castellana.

 

La grafia in dialetto della ricetta è stata trascritta e aggiornata con regole grammaticali dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”»..

Bibliografia ed emerografia: Nicola Gonnella (Ogon), «Giornale Pugliese» Bari febbraio 1961; Giovanni Panza, «La checìne de nonònne», Schena Editore, Fasano (BR), 1982; Gigi De Santis «Calannàrie Barèse, Dumìle e iùne» Edizioni del Tirso, Bari, 2000 e «Calannàrie Barèse, Dumìle e ccìnghe», Edizioni del Tirso, Bari, 2004; Gigi De Santis, «Calzone de cepodde e lambasciùne, sal’e ppèpe», «Modugno, it», Modugno (BA), 6-3-2006.

1ª Foto: «Calzone de cepodde a la barèse». Libro, “La cucina regionale italiana - Puglia -”, Paola Loaldi,  Mondadori Electa, Milano, 2008;  fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2016). 

Foto: «Calzone de cepodde», Lino Patruno, Libro, “Invito a Bari”, fotografia, Nicola Amato/Sergio Leonardi, Mario Adda Editore, Bari, 1998; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2016). 

Foto: «U calzone a la barèse». Libro “a tavola nella piana della provincia B.A.T.”, Vito Buono, Levante Editore, Bari, 2008; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2016). 

Lingua e Cucina Tipica Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis

Bari Don Dialetto - Lingua - Storia - Folclore


Commenti : 0 | Letto : 1 | Dettagli... (9 parole)

La Quarèseme (Ricorrenza notevole)
Inserito il 10 febbraio 2016 alle 10:46:00 da Gigi. IT - Ricorrenze Notevoli

La Quarèseme

(Ricorrenza Notevole)

Dopo la mezzanotte dell’ultimo giorno di Carnevale (martedì grasso), le chiese suonavano “le scheggnetòrie” (mesti rintocchi di campane col battaglio avvolto in uno straccio). Incominciava la Quaresima (periodo penitenziale di quaranta giorni in preparazione della Pasqua, che nella prassi odierna comincia il mercoledì delle Ceneri e si prolunga per sei settimane, fino a giovedì santo). Così spiega, il lemma «quaresima» inserito nel «Vocabolario della Lingua Italiana» pubblicato dall’Istituto Enciclopedia Italiana - Treccani.

Per tutto il tempo quaresimale, anni addietro, i nostri nonni, rispettavano l’usanza, “ca non ze petève camarà” (non era permesso mangiar di grasso), né divertirsi e neanche scherzare. Una volta il digiuno prolungato era rispettato astenendosi dalle carni e da tutti i derivati degli animali.  La Curia Arcivescovile a pochi giorni della fine di Carnevale inviava ai quotidiani e periodici del tempo un rigoroso comunicato dove avvisava i fedeli di Bari e dell’Archidiocesi, dall’astenersi dai latticini e uova nella colazione mattutina e nella piccola refezione della sera, per il periodo della Quaresima. In più poneva l’accento, che restava fermo: “In vigore il precetto del «digiuno ecclesiastico»” prescrivendo un solo pasto principale il giorno, con permesso di prendere qualche cosa di cibo il mattino e la sera. L’astinenza dalle carni restava invariata. Era permesso l’uso delle carni nel solo pasto principale, tranne il mercoledì delle Ceneri, nel mercoledì delle tempora (mercoledì successivo al mercoledì delle Ceneri) e in tutti i venerdì e i sabati della Quaresima. Non era vietato il mangiare nello stesso pasto carne e pesce. Il precetto del digiuno, per ragione di salute, non era obbligatorio a chi aveva compiuto il sessantesimo anno. Più rigidità nel far rispettare la regola ecclesiastica si ebbe nel periodo della prima decade del secolo scorso, dove Pio X, firma la legge del digiuno quadragesimale informando tutti i fedeli compresi, i regolari dell’uno e dell’altro sesso non astretti dal voto speciale e salvo eccezioni. Gli obbligati al digiuno potevano servirsi della suddetta concessione nell’unico pasto e potevano far uso dei condimenti di lardo, strutto e burro nella piccola refezione della sera. Restava però vietata a tutta la promiscuità di carne e pesce nel medesimo pasto, anche nelle domeniche in cui la legge del digiuno non aveva luogo, il Pontefice, lo imponeva. Il digiuno doveva essere osservato con più scrupolosità il dì delle Ceneri, i tre delle Tempora (i tre mercoledì susseguenti il dì delle Ceneri), la vigilia di San Giuseppe, nel giorno della Santissima Annunziata (25 marzo) e nella settimana Santa (mercoledì, venerdì e sabato). In suaccennati giorni si doveva mangiare cibi di stretto magro, rimanendo vietati i condimenti di lardo, strutto e burro, anche nella piccola refezione. Chiunque per motivi di malferma salute, doveva cibarsi di carne nei giorni vietati summenzionati, doveva premunirsi dell’attestato del medico, con la sottoscrizione del rispettivo parroco. La meticolosa regola ammoniva anche a coloro i quali erano costretti a mangiare nelle osterie o in altri luoghi pubblici dove trovavano modo mantenere gli obblighi della loro coscienza. Pure i tavernieri, i locandieri e gli albergatori dovevano rispettare l’obbligo di coscienza. Dovevano avere tutto pronto, nei giorni prescritti, cibi di magro, perché l’alimento richiesto da chi intendeva osservare le leggi quaresimali non doveva mancare. A tutte queste ristrettezze, il primo giorno di Quaresima, sino agli anni ’60 del secolo scorso, i baresi lo festeggiavano rispettando secondo la tradizione. Dalle prime ore del giorno, in casa, si dedicavano alla preghiera ripetendo ogni mattina per tutto il periodo quaresimale, recitando quarantadue Pater Noster, Ave Maria e Gloria Padre. Le orazioni avevano un significato nel sopraddetto numero: le ore che Gesù stette nel sepolcro. Il popolino li indicava, pronunciandosi in dialetto: “le padernìiste de la quarèseme” (i Pater Noster della Quaresima “padernìiste” tubettini, in riferimento ai grani della corona del rosario). Dopo mezzogiorno, tempo permettendo, ci si organizzava andando in campagna o alla marina per gustare l’immancabile “tièdde de calzone de cepodde a la barèse” (teglia di pizza di cipolla condita alla barese) - cliccare su canale <La cucina>, categoria <u u-arrùste>-, “lambasciùne fritte, sal’e ppèpe” (mùscari, con aggiunta di sale e pepe) - cliccare al canale <La cucina>, categoria <u scazzecappetìte>-, “cime de rape stefate” (rape stufate) - cliccare su canale <La cucina>, categoria <u scazzecappetìte>-, “mìire” (vino), “bbirre” (birra) e “zambone” (tipo di gassosa prodotta, fino agli anni ’60 del secolo scorso, con triplice dose d’anidride carbonica). 

Preparato il tutto, nelle prime ore del pomeriggio, lungo le strade di campagna o verso le vie che portavano a mare, si notava un continuo via vai di comitive. Famiglie, parenti e amici organizzavano la scampagnata o come si dice tuttora in dialetto: “la uascèzze”, raggiungendo località allora molto note come: “o pète de San GGiòrge” (oggi Via Glomerelli, zona Stanic); “vecine a la chièse de Sanda Fare” (nelle vicinanze della chiesa di Santa Fara, dove a quei tempi c’era una distesa campagna); “a la Mossce” (nei pressi della Fiera del Levante); “a SSan Gatalde” (vicino al faro di San Cataldo); “a SSam Brangìsche” (a San Francesco alla Rena); “a la Torre du diàuue” (zona oggi occupata dalla spiaggia “Torre Quetta”). Altri con biciclette e con mezzi ippotrainati o motorizzati arrivavano verso San Giorgio mare, Torre a Mare, Palese o Santo Spirito trascorrendo tutto il pomeriggio inoltrato per poi ritornare alle proprie case soddisfatti e spensierati, senza incidenti e litigi, notando solo piccoli gruppi di uomini che avevano alzato un po’ il gomito o di persone eccessivamente allegre guardati a distanza da agenti di pubblica sicurezza o carabinieri. Un’altra usanza scomparsa, a proposito di gastronomia, era che durante il periodo di Quaresima, si preparava “la sbreffate”, una pietanza semplice e povera fatta di mandorle infornate e schiacciate, insieme a mollica di pane sfritta. Durante il periodo quaresimale cos’altro si poteva mangiare? Lo racconta il nostro storico e demologo Alfredo Giovine in una sua poesia che ha per titolo: “Le scheggnetòrie, pausì a la manère andìche” estratta dal libro «U Sgranatòrie de le Barìse» pubblicato da Edizioni Fratelli Laterza, Bari 1980, 2ª edizione.

Le scheggnetòrie
(Pausì a la manère andìche)
- Componimento di letteratura dialettale riflessa di Alfredo Giovine -
 
Ha fernute carnevale, 
Non ze pote cchiù ballà.
E ppe ttutte la quarèseme    
Non ze pote camarà. 
E ppe cchèsse stà ce ddisce:  
Ca no stà da strafecuà.  
Mèndre mbèsce nù tenime  
U sfennèrie du mangià.    
 
U calzone che la cepodde. 
Meggneuìcchie che la ruche. 
Pane quètte cu fremmagge   
E «vuvù» cu mmègghie suche.  
Chisse cose sò premèsse, 
Pure l’alde cose angore    
Com’a ddisce: la frascàdue, 
Iègghie e ssale e pemedòre.  
 
Sop’a ttande strascenate     
Cime de rap’e alisce d’u sprone, 
Tu nge stute dò, ttrè llambe    
De chiarènze cu zambone.
Le popizze e le sgaggliòzze
Ce le fasce a la Gnaggnà
Nzìim’a ttande calzengìidde
Tu te sìinde nu passcià.
 
E cce ppò u calzengìidde  
Tèn’assà recott’asckuànde,
Pemedòre che l’alisce,
Vale cchiù de nu brellande.
Vremecìidde, fremmagg’e ppèpe
Mangiatìlle a SSan Gregòrie.
E cce ssò cu u-àgghie sfritte
Iè u mègghie sgranatòrie.
 
E cce ttu aspìitte Pasque,
Te ne va da mbà Squarciòne
E le chièche ddà te lèvene
Pane, mìire e prevelòne.
Pò v’a iàcchie l’alda croscke
Ca t’aspètte a Calandrìidde,
E tte lìive oggn’e sfizzie
Che ttrè quatte zembarìidde.
 
Ma ce ppò tu stà malate,
Chèsse iè la medecìne:
GGnutte pinue de vetèlle
 E scerubbe de candine.

Bibliografia ed emerografia: «Corriere delle Puglie», Bari, 1906, 1913; «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari 1932; Alfredo Giovine, «U Sgranatòrie de le Barìse», Edizioni Fratelli Laterza, Bari, 1980; Filippo Bitetto, «Bari Vecchia», Edizione Levante Bari, 1981; Vito Lozito,  «Peter Pan», Periodico, Nov/Dic. 2001;  Gigi De Santis, «La Quaresina», «Modugno, it», Modugno (BA), 1-3-2006.

Foto: «Tempo di Quaresima». Libro «U Spassatìimbe», Alfredo Giovine, Edizione, Biblioteca dell'Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi, Bari, 1965; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2016). 

Foto:«Zona San Giorgio». Periodico «Tempi Nostri», Bari, 25-03-1967; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2016). 

Foto:«Marina di Palese». Libro «Santo Spirito-Storia di un centro costiero in Terra di Bari», Vito Lozito, Levante Editore, Bari, 1994;   fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2016). 

Lingua e Folclore barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis

Bari Don Dialetto - Lingua - Storia - Folclore


Commenti : 0 | Letto : 0 | Dettagli... (9 parole)

Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
Inserito il 12 gennaio 2016 alle 08:26:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

Due parole sulla Lingua Barese

 

Chiunque si sia dedicato con passione al proprio idioma si è poi cimentato a impostare una grafia che fosse in grado di esprimere termini e particolari fonemi, caratteristici di quel territorio.

Egli ha ritenuto, lodevolmente, di dare una propria impronta e ha creato sistemi grafici misti tra l’alfabeto fonetico (IPA, segni diacritici, ecc.), quello italiano e lettere di lingue straniere (j, x, y, w), trascurando l’elemento basilare, cioè una scrittura semplice, da tutti comprensibile e utilizzabile, giustificata grammaticalmente.

Il più delle volte, non hanno considerato che è l’italiano che deriva dai dialetti e non il contrario. Premesso che l’Alfabeto Fonetico Internazionale (IPA) è quello scientifico, tutti gli altri, debbono scrivere come e per la gente comune, con il solo mezzo che conoscono, imparato a scuola, il più semplice: l’italiano.

Per porre fine all’uso indiscriminato e incondizionato delle non poche e sofisticate grafie adottate (per la propensione del barese e non solo, al più sfrenato individualismo) il cui utilizzo ha creato e crea grave nocumento quanto a diffusione e incomprensibili equivoci, suggeriamo,

una scrittura di base, semplice e utilizzabile da tutti

 

adottando l’alfabeto italiano;

approfondendo i fenomeni tipici dialettali:

- legati alla a delle coniugazioni verbali, agghie a scì a cattà le cìggere;

- gli incontri consonantici, andìche (antico); non zènde (non sente), ecc.

- il raddoppio consonantico in principio che nel corpo della parola, vogghe a ccase (vado a casa), cassce (cassa), fassce (fascia), ecc.;

- altri fonemi (per es: tipici, ma diversi tra loro, traiìne (carretto), cappìidde (cappello);

-   usando la ‘e’ atona invece di altri segni grafici (apostrofi, e capovolte: ǝ, spazi vuoti)

-   uniformando e condividendo la scrittura. 

ALFABETO

 L’alfabeto barese si compone di ventuno lettere e, come nell’alfabeto italiano, ciascuna lettera ha un suo nome, secondo il suono che rappresenta.

1. a - 2. b (be) - 3. c (ce) - 4. d (de) - 5. e - 6. f (fe) - 7. g (ge) - 8. h - 9. i - 10. l (le) - 11. m (me) - 12. n (ne) - 13. o - 14. p (pe) -15. q (qu) - 16. r (re) - 17. s (se) -18. t (te) - 19. u - 20. v (ve) – 21. z (ze).

La lettera h solo per le voci verbali del verbo avè (avere); tu ha da scì (tu devi andare).   

Importanza della vocale e

La e ha una funzione importante e di base nella scrittura barese. Tutte le ‘e’ delle parole dialettali, non accentate, hanno suono indistinto, ma la loro funzione è quella di dare suono vocalico, sonorità alle consonanti cui sono legate, come nella lingua francese. (Es.: ruscte/rùscete - marnàre/marenàrepudce/pùdece - volne/vòlene).

La non trascrizione renderebbe la grafia illeggibile: descetàmece (dsctàmc).

Lo stesso dicasi qualora la e semimuta venga sostituita con l’apostrofo (): r’nn’nèdd’ (rondinella) – fr’mm’nànd’ (fiammifero) – d’sc’tàm’c’ (svegliamoci).

Si tenga conto che la e semimuta è pur sempre un suono, ancorché poco distinto, ma è opportuno trascriverla.

Per comprendere meglio e subito quanto detto si provi a pronunciare la parola marinaio che in barese può essere espressa graficamente marnàre e marenàre, e ‘andiamo al mare’: sciame o mare e non sciame o mar (lo sceicco). Sarà sufficiente a quanti sostengono l’inutilità della trascrizione della e ?

Emblematico è l’esempio di “ì so d BBàààr” così scritto, e con un certo impegno, si afferma che si è di Bar (Antivari), città di fronte a noi, mentre se si vuole affermare di essere di Bari, occorre scrivere ì sò de BBare.

Le e del dialetto barese hanno svariati suoni e diversi fra loro, per cui è impossibile distinguerle e rappresentarle nelle diverse sfumature, se non da coloro che la pronunciano.

Nota Bene

 

J (gei)

 Si suggerisce l’eliminazione totale della j (gei), in quanto lettera straniera (la cosiddetta i lunga, è invenzione di qualche “snob”), è solo un segno grafico e non esiste in italiano e in latino; (sono errati e non esistono in alcun vocabolario, jus, juris, justitia, jacopo, jonio, japigia, jolanda, fidejussione, ecc.), in italiano esiste: giungla (e non jungla), iunior (non junior), ionico (non jonico, pron.: gionico); se si scrive juventino lo si deve pronunciare giuventino.

Chi volesse approfondire l’argomento può riferirsi al volume “Il Dialetto di Bari” a cura di Felice Giovine, edito da Giuseppe Laterza nel 2005. Per i confronti e proficui scambi di idee siamo sempre a disposizione per il bene della nostra lingua e della città.

Articolo estratto dal mensile: Speciale “U Corrìire de BBàre” fascicolo 3°/3 – Aprile 2013.

Felice Giovine, Direttore responsabile e Presidente dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo, Giovine”» (costituitasi ufficialmente l’otto maggio 2012), .

 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 763 | Dettagli... (9 parole)

ALFREDO GIOVINE * ANNIVERSARIO 1995 - 25 AGOSTO - 2015
Inserito il 25 agosto 2015 alle 09:25:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

Alfredo Giovine

 

Mitico custode della memoria storica  della sua Terra.

Ha lasciato agli studiosi, un’eredità straordinaria.

Ricercatore delle tradizioni popolari, scrittore, poeta: uno che sapeva veramente tutto.

La Redazione: Contrappunti, Bari ottobre 1995.

 

Nel ventennale della scomparsa dell’insigne storico, musicografo, demologo, linguista, poeta popolare barese

Alfredo Giovine

La famiglia De Santis lo ricorda sempre con affetto e immutato rispetto.

La Redazione “Don Dialetto.it”, nel ventesimo anniversario della scomparsa di

Alfredo Giovine  

Ricorda l’illustre Cantore di Bari. Punto di riferimento della Storia, delle Tradizioni e della Lingua Barese.

Gigi De Santis, con affetto e stima immensa porta sempre nei suoi pensieri e nel cuore l’insegnamento, il dinamismo e la bontà del suo caro Maestro galantuomo

Alfredo Giovine

Indimenticabile anima di Bari.

Bari Don Dialetto (Ricerca e Divulgazione della Cultura e Spettacolo Popolare Barese) tiene sempre accesa la fiamma della memoria dell’irripetibile storico, musicografo, demologo, linguista, poeta popolare barese

Don Alfredo Giovine

Uomo di gran valore. Personaggio multiforme e straordinario. Barese verace che ha servito Bari, senza servirsene.

I fondatori dell’associazione culturale Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine ricordano con deferenza lo storico, musicografo, demologo, linguista, poeta popolare,

Don Alfredo

 

ANNIVERSARIO

1995 - 25 AGOSTO - 2015

Conversando, sia pure per telefono, con Alfredo Giovine si assapora la poesia del suo linguaggio scorrevole, la tenera melodia che avvolge la parola e la baresità nel quotidiano nella dimensione realistica.

Attentissimo osservatore della vita quotidiana del popolo barese.

Studioso  e ricercatore della cultura popolare orale, la cui presenza è ineliminabile nella letteratura dialettale pugliese del nostro secolo.

Il suo realismo è intriso di profonda umanità ed è immune da ogni ideologismo astratto.

Il Giovine è uno studioso appassionato ed un cultore qualificato ed innamorato delle nostre tradizioni.

A nostro parere, è il più illuminato osservatore delle tradizioni pugliesi.

La sua cultura non è soltanto poesia e dialetto, ma anche storia sociale.

Egli ha raccolto un vasto patrimonio orale delle tradizioni popolari baresi, che superano la forza distruttrice del tempo, i costumi, i detti, i canti, le vestigia delle età passate, non con lo scopo di ripristrinare l’uso che volge al tramonto, ma di registrarne l’esatto ricordo per la storia dell’uomo e del suo tempo.

Per il Nostro, come del resto è stato per il La Sorsa, il passato non muore, in quanto vive il presente.

Le tradizioni popolari sono il prodotto del passato che viene rinnovato e reso vivo dal presente.

Secondo Giovine, anche l’etnologia non può essere disgiunta dal folklore, in quanto è essa che dà saldo fondamento storico alla tradizione popolare. 

Franco Noviello «Rassegna delle Tradizioni Popolari», Gravina in Puglia, ott./ nov./ dic. 1992. 

 ... Bisogna sottolineare, ancora, che la passione di Alfredo Giovine non è nata nell’animo di uno studioso di professione, di un letterato... d’origine, ma nell’animo di un imprenditore capace e fortunato nelle sue attività «private», di un uomo che dalle sue ricerche non solo non ha mai cercato di cavar denari, ma neanche onori e notorietà, che pur non gli sono mancate,  specie nel mondo degli appassionati.

Alfredo Giovine meriterebbe e meriterà, ed avrà, ben più ampio e documentato ricordo. Ma mi pare che oggi, il messaggio da consegnare in Suo nome alla Città, il messaggio implicito nello struggente ultimo pensiero per la Gazzetta e per chi scrive, da lui affidato al figlio nell’imminenza nella fine, sia proprio questo:

«Impariamo ad esser memori della nostra storia; sappia Bari imparare a salvare, difendere, tutelare la memoria di se stessa. Le nuove generazioni, quelle più giovani, quelle emergenti, quelle della «ripresa» non trascurino questo messaggio: sarebbe uno scempio non solo per il cuore, ma per il cervello stesso di Bari».

Giuseppe Gorjux «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari sabato 26 agosto 1995.

  

DESEDÈRIE DE BBARE DE NA VOLDE

 

Tènghe nu desedèrie

De frittue e de popizze

Allìiv’e ppulpe rizze

Sgaggliòzze n-guandetà.

 

Pò vogghie na tièdde

De rise e de patane

De cozze e melengiàne

Ca piàscen’assà a mmè.

 

Nu desedèrie forte

De farme na mangiàte

De chidd’asseduàte

Ca non ze scorde cchiù.

 

Pèrò de chisse cose

Iì renenziàss’a ttutte

Ce cchèssa BBara bbrutte

Ternasse a primeggià.

 La poesia è stata scelta dal libro «Il Dialetto di Bari» (Guida alla grammatica) a cura di Felice Giovine, pubblicato in occasione del decennale della morte, Edizioni Giuseppe Laterza, Bari, 2005 ed è stata aggiornata con modello di scrittura a cura dell’Associazione «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”» costituitasi l’otto maggio 2012.

Foto:  «Alfredo Giovine, febbraio 1985»,  gentilmente donata da Felice Giovine.

Foto:  «Alfredo Giovine declama poesie in lingua barese, Bari Castello Svevo 18-04-1954», gentilmente donata da Felice Giovine.

Per le notizie biografiche di Alfredo Giovine fare clic su canale «Personaggi», categoria «Le puète» -.

Gigi De Santis

Bari Don Dialetto - Lingua - Storia - Folclore


Commenti : 0 | Letto : 272 | Dettagli... (9 parole)

Lingua Barese: Pestrìgghie Pestregghiàte / Nguàcchie nguacchiàte / 10
Inserito il 22 agosto 2015 alle 06:25:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

Lingua Barese: Errori dialettali  / 10

Prontuario degli errori più comuni in lingua barese

Per comodità del lettore, si è pensato di presentare il vocabolo, la locuzione o la frase, scritta prima in lingua barese corretto in grassetto, tra virgolette alte  “ ” ,  seguito dalla trascrizione in italiano  in corsivo tra parentesi  ( ). Mentre gli errori vengono evidenziati tra virgolette basse - «» -, preceduti da - e no - o - peggio ancora - in grassetto.

Grazie alla pubblicazione dell’autorevole volume «Il Dialetto di Bari» (Guida alla grammatica) dello storico, demologo e linguista Alfredo Giovine a cura di Felice Giovine e con gli studi permanenti dell’ «Accademia della Lingua Barese Alfredo Giovine”», oggi si può scrivere ordinatamente con regole grammaticali disciplinando in un’unica scrittura, semplice e uniforme.

Buona lettura, buona riflessione

1) “Mò se ne vènene Grazie e Grazièlle” (Adesso se ne vengono Grazia e Graziella), - e no - «Mo se neven' Grazj e Grazjell».

Dubito che vengono le due "Grazie"... con una grafia del genere.

2) “Le ghiemmerìidde”, (Involtino confezionato con budella e altre parti delle visceri dell'agnello), - e no - «l’gnumiridd». 

Del soprascritto vocabolo ho già avuto modo di correggerlo. Lo riprendo perché si continua a scriverlo su carta stampata e, in modo particolare sul quotidiano barese «La Gazzetta del Mezzogiorno» si legge un altro strafalcione come menzionato sopra «l’gnumiridd». Ebbene in un articolo  pubblicato qualche mese fa, intervistato un attore comico barese che ha asserito: «... ognuno vuole appropriarsi di tutto ciò a cominciare dal dialetto... E poi sono arrivati quelli che pensano che lo sanno scrivere... A volersi attenere nella storia, nel 1087 si parlava dialetto?». Non so a chi si riferiva, a Bari ci sono state e ci sono persone serie e competenti che hanno scritto e scrivono la lingua barese con regole grammaticali. Due nomi esemplari di ieri e di oggi: lo storico, demologo e linguista Alfredo Giovine e i componenti dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”». Certo che nel 1087 a Bari si parlava dialetto barese, come si parlava: latino, greco e normanno. E finiamola di bistrattare la nobile... “lèngua noste”, checché continuino a dire e scrivere certuni, è materia di studio e d’insegnamento.

3) “ghiemmerìidde”   - e no - «’nghmridd».

Questo termine gastronomico è stato più volte messo in discussione perché è stato scritto in vari modi in barese. «La Gazzetta del Mezzogiorno», nel mese di maggio, in un articolo riguardante i quattro giorni clou della sagra di San Nicola, nel titolo riportava il vocabolo barese scritto in ostrogoto «’nghmridd». Non è la prima volta che si notano sulle pagine de  «La Gazzetta» (ancora oggi una pubblicità di una grande azienda gastronomica alimentare pubblicizza i suoi prodotti con scritte in barese astruso), quando s'inseriscono vocaboli, locuzioni o frasi del genere, da far sdegnare studiosi della lingua e delle tradizioni popolari baresi. L’assurdo è, notare di frequente simili errori ortografici della lingua barese su un quotidiano che pubblica da più di un secolo a Bari, non è un buon biglietto di visita.

4) “Ma cuss'anne è state nu cemetère Sanda Necole”; “Asselute iìdde ha vviste cudde c'ha ffatte, ddò non z'ha vviste nudde” (Ma quest'anno è stato un cimitero San Nicola); (Solo lui ha visto quello che ha fatto, qui non si è visto niente e no - «Ma cus ann è stat nu cimiter Sanda Nicol»; «Assolut jid ha vist cud che hafatt, do’ non s’è vist nud».

«La Gazzetta», 10 maggio 2015, Bari Città, pag. III. Non si può accettare questo scempio linguistico da un quotato giornale stampato a Bari.

5) “Ce cortè? Non ve site pèrse nudde. La Caravèlle iève bbrutte e pecenònne”; “Ma cuss’anne le cavadde se l’hanne mangiàte”  (Che corteo? Non vi siete persi niente. La Caravella era brutta e piccola); (Ma quest'anno i cavalli se li sono mangiati)  - e no - «C’ corteo? Non v’ sit pers nudd. La Caravella iev brutt e picinonn»; «Ma cus ann l cavadd se l’hann mangiat».  

«La Gazzetta», 10 maggio 2015, Bari Città, pag. III. Offendere la lingua barese che ha una propria grammatica non è corretto, quando poi, si legge, nello stesso quotidiano parole, frasi straniere, scritte correttamente. È inammissibile.

Continua... 

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Bari Don Dialetto - Lingua - Storia - Folclore


Commenti : 0 | Letto : 270 | Dettagli... (9 parole)

Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 5
Inserito il 04 giugno 2015 alle 08:05:00 da Gigi. IT - Comunicato stampa

«Il bue dice cornuto all’asino» (È una triste  consuetudine che persone  poco mature, o volutamente false, vedano e rinfaccino negli altri i limiti di cui sono responsabili essi stessi. Non riuscendo a vedere i propri difetti, li criticano negli altri).

«Allevare la serpe in seno» (Persona che, accolta e trattata con affetto e sollecitudine, si rivela infida e irriconoscente. È quindi un individuo ipocrita e subdolo, che ricambia il calore e l’amicizia con l’ingratitudine e il tradimento).

 

«Mosca cocchiera» (Pur non possedendo le capacità e i requisiti necessari, pretende di porsi alla guida di altri o di assumersi responsabilità che non gli competono). 

La veretà iùscke!

U besciàrde av’a tenè bbona memòrie.

 

Non si possono usare le parole del Santo Padre...

 

essendo acceccato d’ira contro il prossimo. Per essere stato scoperto, per l’ennesima volta, con le mani nella marmellata. Per quello che si vuole apparire, ma non si è. L’abito non fa il monaco.

 

Non si possono usare le parole del Santo Padre...

 
Accusando d’invidia chi lo ha scoperto nel commettere plagi, mistificazioni, millanterie.
 
Non si può usare la lingua barese scrivendo il seguente strafalcione:

NZÒMME “JÈ NU POVER’A JÌDDE”

 
La consonante straniera j=gei  che  viene  pronunciata erroneamente  i lunga, non esiste negli alfabeti barese, italiano e latino. 
Nella grammatica italiana la vocale i, a inizio di parola, con un’altra vocale, è semiconsonante, al contrario della grammatica barese che è semivocale formando un semidittongo, che l’italiano non ha.  Il trattino indica che la parola è una locuzione e non un vocabolo. 
Quindi, la corretta grafia in barese è:

N-ZOMME “IÈ NU POVER’A IÌDDE”

 
Confermando la sentenza: “Ce sckute n-gìile, m-bbacce nge vène.

Scherza coi fanti e lascia stare i santi.

Soprattutto San Nicola in Lingua Barese, e non solo.

 

La Cultura Barese (storia, folclore, lingua)

 è di  pubblico dominio, non può essere riservata solo, a parenti e amici. 

«... non si deve guardare al fiume di libri e di scritture facili dei nostri giorni in cui tutti col copia e incolla subito costruiamo montagne di stupidaggini ...».

(Raffaele Nigro, La Gazzetta del Mezzogiorno, Bari 22-10-2014).

Uno scoop nello scoop… ancora scoop... più Scoop.

Il lupo continua a perdere il pelo ma non il vizio.

 

Pestrìgghie pestregghiàte, chìine de nguàcchie nguacchiàte.

 

«Saltar di palo in frasca» (Il proverbio evidenzia il comportamento, peraltro non insolito, di chi, per superficialità o fretta, passa, parlando o scrivendo, da un argomento a un altro senza alcun nesso logico e facendo, ovviamente, molta confusione).

 

«Raglio d’asino non arriva in cielo» (le parole calunniose e le dicerie degli sciocchi non hanno effetto).

 
Ha scritto la grande poetessa,  Alda Merini: «La cattiveria è degli sciocchi, di quelli che non hanno ancora capito che non vivremo in eterno».
 

«Sacco vuoto non sta in piedi» (l’espressione va riferita a chi si vanta di particolari meriti e di virtù che non ha, ma la sua pochezza finisce presto per essere smascherata).

 

«La sella d’oro non migliora il cavallo» (se uno non ha talento o non è dotato di iniziativa e ingegno non può certamente comprarlo o mascherarlo con facili escamotage. È un po’ come dire che l’abito non fa il monaco).

 

Chiamare gli altri,  invidiosi e gelosi senza un nesso logico è come aver lanciato un boomerang che si ritorce su sé stesso. 

 
Ci iè ccudde? Lassu-a pèrde, s’attacche a ttutte le pelidde e a la feliscene (Chi è quello? Lascialo perdere, si attacca a tutti i peluzzi e alla fuliggine). Si dice dei cavillosi, per i quali ogni pretesto è buono per attaccar briga.

Domenica 8 giugno 2014, per  la XXI Edizione del «Premio Internazionale di Poesia e Narrativa “Città di Bitetto” 2013-2014», la giuria, con il presidente del Premio, il prof. Michele Lucatuorto, grazie alla denuncia di uno dei partecipanti al concorso, ha scoperto, dopo la classificazione dei premiati, nella sezione B «Poesia singola in vernacolo, inedita, a tema libero», la poesia spedita dal furbetto era “edita” e, prontamente, è stata radiata.

Il furbetto non è nuovo a simili azioni, infatti, anche in un’altra manifestazione è stato scoperto partecipando al VII «Concorso di Poesie in Vernacolo Pugliese» Anno 2011-2012 organizzato dalla UIL PENSIONATI di  BARI e di PUGLIA e dall’«A.D.A di Puglia» (Associazione di volontariato per i Diritti dell’Anziano), perché ha inteso partecipare con altra poesia edita, (mentre il regolamento del concorso specificava, con la dichiarazione firmata dal partecipante sottoscrivendo (approvare incondizionatamenteche la poesia è inedita).

Ma chi è il furbetto che si è fatto cogliere con le mani nel miele? Tentando, da buon italiano, di aggirare le regole? Sempre lui, colui che continua a dichiararsi giornalista (invece è pubblicista), scrittore (e non abbiamo ancora visto pubblicare un suo libro scritto di proprio pugno, frutto della sua capacità inventiva), che più volte si firma quale ‘esperto di dialetti e tradizioni’ e dichiara:  «... io non scrivo in dialetto ma mi piace seguire e scrivere eventualmente qualche considerazione, quindi non posso dare alcun apporto in materia» e poi, si permette di correggere chi si diletta con il dialetto barese, demolendone lo scritto con critiche aspre e violente; uno che di ortografia barese non capisce e non ha mai capito niente di grammatica barese.

Ma chi è costui? Non c’è bisogno di citarlo è ARCINOTO negli ambienti della cultura dialettale barese e, soprattutto, più volte nominato nel presente sito «cliccate sui canali Dialetto, categoria Dialetto barese: Errori dialettali, Pestrìgghie pestregghiàte e nella  stessa categoria agli articoli <Critiche Severissime>, <Pestrìgghie pestregghiàte (Critiche Severissime)>  e <Dialetto barese: Nguàcchie Nguacchiàte (Critiche Severissime)»; «Folclore», categoria Decève tagrànne che mammarànne”, articoli <Decève Vastiàne posa piàne>, <Decève la sroche a la nore> e categoria A ccì appartìine (soprannomi)”, articolo <Le sopanòme (4)> ; «Personaggi», categoria “Le puète”, articoli <Giuseppe Romito> e <Giovanni Lotito>).

L’espertologo ( ! ) ha carpito per ben due volte, partecipando a concorsi di poesia, la buona fede dei Presidenti, delle soprascritte organizzazioni, dott. Rocco Matarozzo e prof. Michele Lucatuorto.

Ci siamo domandati: con quale coraggio, con che faccia continua a presentare il suo cosiddetto nuovo libro (che è tutto dire, dichiarato pomposamente barese) che, come nelle sue precedenti pubblicazioni, è un copia-incolla, senza una spiegazione di note linguistiche per agevolare la lettura del dialetto barese, campo nel quale regna l’anarchia grafica assoluta, ciascuno adopera un proprio sistema, il barese viene scritto in tanti dialetti quanti sono gli autori.

Alla presentazione (ha evidenziato che si accede solo per invito. L’espertologo ha avuto timore di rispondere alle domande di studiosi seri, competenti della lingua barese e non solo. La Cultura Barese (storia, folclore, lingua), non può essere riservata solo, a parenti e amici, ma è di pubblico dominioDivulgare la Cultura Locale è una vera e propria missione, se non si vuole continuare ad avere ancora pregiudizi, in modo particolare, sulla lingua barese scritta e orale), ci hanno riferito: non un cenno, neanche le più elementari e condivise regole di grammatica barese, l’espertologo ha illustrato agli astanti (confermando la sua totale incompetenza sull’ortografia e ortoepia barese), i fenomeni di gruppi consonantici all’inizio e nel corpo della parola che per lui non esistono soprattutto a inizio di parola.

Asserisce che è cosa del tutto personale e ignora, invece, che è regola grammaticale non solo barese, ma delle parlate meridionali.

Non sa rispondere all’abuso del j=gei (consonante straniera) che lui pronuncia erroneamente  i lunga (che non esiste negli alfabeti barese, italianolatino). 

Non chiarisce perché in alcune poesie e componimenti in prosa è usato il gei (j) e in altri no?

Perché alcuni autori usano la doppia B scrivendo in dialetto BBare e altri no?

Perché (è questo è gravissimo), alcuni, e soprattutto lui, usano accentare la vocale a, con l’accento acuto (á), mentre in molti usano correttamente l’accento grave (à)? (La (á) con l’accento acuto nella lingua barese come nella lingua italiana non viene scritta e pronunciata chiusa, perché è l’unica vocale di massima apertura).

Perché gli autori hanno adoperato, nelle loro poesie, parole con l’accento grave e nel suo libro, sono state modificate con l’accento acuto e viceversa?

Perché ha modificato parole, accenti, punteggiatura ad alcune poesie? 

Non si è accorto inserendo per intero con il più classico copia-incolla, errori storici e linguistici: «Il poemetto in dialetto barese inedito del sec. XVIII» inserito all’inizio del libro, non documentandosi se esiste la copia originale, perché non si capisce, per esempio, il canonico Francesco Bux, nato a Bari nel 1885, diventa ordinato sacerdote nel 1888, a tre anni dalla nascita. 

Perché in alcune pagine cita la fonte e in alcune no, come a pag. 134, volutamente ha omesso l’autore del capitolo «Poesie dialettali baresi», appropriandosi dello scritto?

E va dicendo e scrivendo in giro che altri sono invidiosi di lui. Di che? Di che cosa? Che si impadronisce degli scritti altrui?

Perché a pag. 38 spiega a chiare lettere: (...) «… Infine non per tutti c’è la traduzione nella lingua italiana, poiché non sempre riportata dagli autori nelle loro originali composizioni.», mentre alle pagg. 87, 88, 163, 164 e 165 inserisce la traduzione di alcuni vocaboli di quattro poesie scritte da Vito Barracano e Agnese Palummo, che non le hanno tradotte?

Perché a pag. 124 nel titolo della poesia è scritto () e nella prima quartina del componimento (du) senz’accento? Qual è la definizione giusta spiegando nella lingua italiana?

Perché in alcuni racconti e poesie non si distingue la vocale (e) tonica da quella atona scrivendo tutte e due senz’accento? Mentre in altre liriche vengono evidenziate?

Perché in alcune poesie la (e) senz’accento a fine vocabolo non è scritta, ma sostituita con un apostrofo?

Come si spiega a pag. 123 il nome Nicola, nelle due lingue: italiano e barese, è scritto con l’accento acuto la vocale (ó), quando è ben documentato che la pronunzia è aperta come si evidenzia correttamente in altre poesie?

E ci fermiamo qui! PE MMÒ! (PE MMÒ, si scrive in barese con l’accento grave sulla (Ò) e no apostrofare (PE MMO’), come ha scritto l’espertologo. 

Continua a dire e scrivere  che siamo invidiosi.

Invidiosi di che? Che continua a fare il furbetto partecipando a concorsi di poesia, non rispettando il regolamento, carpire la buona fede degli organizzatori?

Invidiosi di che? Che ha pubblicato libri che sono copia-incolla?

Invidiosi di chi? Che non risponde alle domande specifiche sull’ortografia barese?

Di sicuro l’espertologo non risponderà, come non ha mai risposto agli inviti di alcuni studiosi dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”, che più volte lo hanno cortesemente invitato a un confronto pubblico, nel quale possa spiegare perché la sua insistenza nel dire che Bari non ha una grammatica, mentre in una delle sue pubblicazioni ha scritto che la sua collaboratrice, studiosa del dialetto barese, ha contribuito alla redazione di regole grammaticali e ortografiche per la stesura del testo.

Il colmo è che anche nella nuova pubblicazione ha citato nella bibliografia, libri di Alfredo Giovine, il più autorevole autore barese (come è stato definito recentemente dal prof. Pasquale Corsi, docente Ordinario, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi Aldo Moro - Bari e dal prof. Daniele Giancane, docente del Dipartimento di Scienze Pedagogiche e Didattiche dell’Università di Bari), il quale ha prodotto la Grammatica del Dialetto di Bari (a cura di Felice Giovine).

Come spiega questa grave incongruenza?

Non ha ancora risposto alle nostre sopraindicate affermazioni. È bravo solo nello scrivere che siamo invidiosi e gelosi... di chi? Di che? Che cosa c’entra l’invidia, la gelosia se abbiamo semplicemente posto domande specifiche nel difendere, a spada tratta, la storia, le tradizioni e la lingua barese?  

Non c’è che dire, l’individuo in questione, per l’ennesima volta è stato scoperto con le mani nella marmellata, al pari di un plagio commesso, e non solo.

Speriamo fortemente che negli ambienti culturali e, soprattutto, nel mondo dell’Università degli Studi di Bari, si dia degna considerazione e rispetto alla Baresità autentica (Storia-Lingua-Folclore). 

Comitato Difesa Baresità

Ogni componente, anche individualmente, si impegna, in qualunque luogo, occasione e con ogni mezzo, ad intervenire, contrastando, riprendendo, correggendo affermazioni false e inquinanti, mistificazioni, banalizzazioni, da chiunque provengano, tendenti a distorcere, diffondere inesattezze e travisare la storia, la cultura, la lingua e le tradizioni di Bari e della sua Terra. L’invito ad Aderire è indirizzato a chiunque si riconosca e condivida gli scopi che il Comitato si prefigge, compresa l’uniformità della grafia dialettale.

Campagna di Sensibilizzazione

a cura dei siti web:

www.centrostudibaresi.it (Felice Giovine)

www.dondialetto.it (Gigi De Santis)

La Redazione


Commenti : 0 | Letto : 1093 | Dettagli... (9 parole)

Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
Inserito il 02 aprile 2015 alle 06:05:00 da Gigi. IT - Auguri

Alfredo Giovine

Memorabile, Ineguagliabile Cantore di Bari

1907 - 2 aprile2015

Storico, musicografo, demologo, dialettologo, poeta popolare.

Custode e Divulgatore delle Tradizioni e della Cultura Popolare Barese e Civiltà Musicale Pugliese

BBare la zita mè

 

U-amòre mì sì TTu.

Ì pènze sèmb’a TTè

BBare du core mì 

Tu sì la zita mè      

 

E qquann’arrive magge

Ì sènghe atturn’a mmè

Ca l’arie, mare e rrose

Addorene de Tè.

(...) Chi non conosce l’amore dei Napoletani per la loro Napoli? Ma l’opera di folkloristica barese e questa nuova testimonianza di baresità mi fanno dire all’indirizzo di Alfredo Giovine, che molti Napoletani messi insieme, non superano in intensa e in trasporto l'amore che il Giovine nutre con così inestinguibile fiamma per quella Bari della quale tant’è invaghito, da chiamarla costantemente la “Zita mè”  - la sposa mia.

Francesco Babudri (1963)

Abbrile

 

 Quann’arrive premavère,:

N-gann’a mmare la matine,

Stà n’addore, no de fiùre,

Ma de laghena marine.

 

Assedùdet’a nu chiangòne,

 M’acchiamènghe le gaggiàne,

E stu core nzìim’a llore,

Va e vvène da lendane.

 

Pò u sole che le ragge,

Com’a nu prestigiatòre,

 Le capidde mì d’argìinde,

Me le tènge tutte d’ore.

 

Com’acquànne da maffiùse

Iì facève u trembettìire,

Nanza nanz’a la fanvare

 De le uàppe bressagglìire.

 

Pò, na larma breveggnòse

Scorre m-bbacce chiàne chiàne

E se spèrde tremuànne

Sop’o squèrze de la mane.

 
Alfredo Giovine

Per riconoscenza e ricordarlo negli anni, la Giunta Municipale, il 29 giugno 2000 con delibera n° 779 gli ha dedicato il tratto terminale dell’attuale Strada Adriatica che si sviluppa dopo il complesso balneare ‘Il Trullo’ finendo all’altezza dell’ex ‘Camping San Giorgio’. 

La mattina del 24 marzo 2001 c’è stata l’inaugurazione della nuova denominazione stradale Via Alfredo Giovine (demologo 1907-1995).

Servì Bari, senza servirsene


Commenti : 0 | Letto : 7988 | Dettagli... (3239 parole)

COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
Inserito il 05 giugno 2014 alle 08:14:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Credenze linguistiche

 

Comitato barese per l’abolizione della J (gei)

Per combattere il punteruolo rosso che sta decimando il patrimonio delle palme, occorre una massiccia e sistematica azione di contrasto e annientamento del nefasto coleottero, stesso impegno per combattere uso e abuso della J (gei).

Impegno che il Centro Studi Baresi intende perseguire per debellare tale erroneo utilizzo. Non sono pochi coloro che ignorano che la J con la lingua italiana non ha nulla a che spartire. Ma la cosa grave e che, lo ignorino giornali e telegiornali, alimentando convincimenti errati per l’uso incondizionato.

Per esempio scrivono jaluronico e lo sentiamo pronunciare ialuronico, scrivono jella, jettatore e le sentiamo pronunciare iella e iettatore. Scrivono junior e lo pronunciano iunior. Jesolo per Iesolo, Jole per iole, jaja per iaia, e ancora scrivono jonio, japigia, e leggono ionio, ionico, iapigia e iapigi, e poi non si comprende perché pronuncino Giazz per Jazz, Gim per Jim, Giolli per Jolly, Giumbo per Jumbo, giungla per jungla, ecc. Allora se scrivi Juventus devi leggere Giuventus, al pari di Jovanotti per Giovanotti, se leggi iunior devi scrivere iunior, se scrivi junior devi leggere giunior.

Tale confusione, la si riscontra anche nelle trascrizioni dialettali, generando il convincimento che trattandosi di dialetto, ognuno possa adottare il sistema di scrittura che più preferisce, senza tener conto che ciò ne limiterà la comprensione, relegando lo scritto solo a quanti riusciranno a interpretarlo. Chiunque riconoscendosi tra “gli insorti” voglia aderire al Comitato, è sollecitato a segnalare, non solo, alla redazione dell’«Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”», ma soprattutto a chi le commette, le scorrette grafie sollecitandone la correzione, per la salvaguardia della lingua italiana e della nostra grafia barese.

«Se si parla e si scrive italiano italianamente, si scriva barese, baresemente»

 Felice Giovine

Presidente dell’Accademia della Lingua Barese“Alfredo Giovine”

Noi,

Centro Studi Don Dialetto

Contributo alla Ricerca, Recupero, Difesa,

Valorizzazione e Diffusione

della Cultura Popolare e della Lingua Barese -

 

Aderiamo al

«Comitato Barese»

del

Centro Studi Baresi

La Redazione “Don Dialetto.it” - Bari

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.


Commenti : 0 | Letto : 3109 | Dettagli... (9 parole)

PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
Inserito il 04 giugno 2014 alle 07:54:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

  

A tutti i baresi e “giargianesi

 

L’ Accademia della lingua barese 

Alfredo Giovine

 

comunica che è operativo il

 

Pronto Soccorso Linguistico

cui rivolgersi per non commettere

errori nella scrittura.

 

Non mortificate Bari

con grafie astruse.

 

Basta una telefonata:

 

iè n-dune !!!

Comunicato Stampa

Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”


Commenti : 0 | Letto : 1213 | Dettagli... (9 parole)

Grammatica Barese: La i che cambia i suoni
Inserito il 09 marzo 2014 alle 09:14:00 da Gigi. IT - DIALETTO

La Gazzetta del Mezzogiorno

 

Bari, 15 settembre 2013

 

Felice Giovine

Presidente dell’Associazione Culturale

Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”

 

Il Dialetto di Bari

ha una propria grammatica 

quindi è una lingua viva

Domenica, 15 settembre 2013, «La Gazzetta del Mezzogiorno», ha pubblicato un secondo interessante articolo riguardante le regole della grammatica barese a cura di Felice Giovine, presidente dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Un’intera pagina spiega l’importante ruolo della vocale “«i» che cambia i suoni”, il fenomeno della «i» prostetica o pròtesi (aggiunta), che «Il Conciso» del Vocabolario della Lingua Italiana dell’Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani, Roma, Edizione 1998 dà una definizione esatta che è la seguente:

«Fenomeno fonetico consistente nello sviluppo di un elemento non etimologico (vocalico o semivocalico) all’inizio di una parola, per esigenze eufoniche (per es., la i che viene talvolta preposta, oggi sempre più raramente, alle parole comincianti con la cosiddetta s «impura», dopo una parola che termina con una consonante: in istrada, in Ispagna, per iscritto, per ischerzo, ecc.».

Nella lingua barese il fenomeno è lo stesso, ossia: «Vi sono parole baresi che da sole e in determinate situazioni non possono essere pronunciate se non vengono sorrette da una delle vocali ‘i’ o ‘u’, dette vocali prostetiche»  (Alfredo Giovine: Il Dialetto di Bari. Guida alla grammatica, Edizioni Giuseppe Laterza, Bari dic. 2005).

Infine, la funzione del semidittongo «iì», pronome personale di prima persona, io, che in barese è «ì»; esiste anche una versione con pronuncia peculiare barese che, per caratterizzarla, va trascritta con iì (con i prostetica); questi è un semidittongo ed è formato dalla semivocale ( i ) e dalla vocale (ì) accentata (i e u in barese, davanti ad altre vocali, hanno sempre funzione semivocalica - es. iìnde, iìdde).

È chiaro, che il pronome in barese (), non va mai scritto con la consonante straniera (j), come si ostinano a scrivere certuni. La J (gei, che qualcuno ancora considera una i lunga) peraltro, non esiste nell’alfabeto italiano come in quello latino (come lo ha evidenziato chiaramente Felice Giovine, nell’articolo di domenica sulla Gazzetta); tale segno (j=gei), è presente solo in lingue straniere e la sua pronuncia varia (come jungla, jazz, james, jour; e non, per es. jonico, japigia, jus, justitia, jesi, jacopo, ecc. non esistono, ma sono utilizzate da coloro che ignorano alfabeti e lingue italiana e latina). Possiamo annunciare che è un articolo coi fiocchi, scritto con competenza. Molto efficaci sono le introduzioni sia a questo articolo che a quello di sabato 31 agosto (E imparate a pronunciare la «e»), che hanno mandato su tutte le furie l’ “esperto di dialetto e tradizioni popolari” (così si firma), capace solo di contestare i due articoli, senza entrare nel merito (evidenziando la scarsa competenza e affidandosi a riporti di altri, affermazioni, peraltro, non attinenti all’argomento). Costui che si firma anche “giornalista” (invece è pubblicista), scrittore (e non abbiamo ancora visto un libro scritto di proprio pugno, frutto della sua capacità inventiva), e che si definisce “caporedattore” in un blog (sic), non ha mai affrontato nel merito una sola questione grafica ma ha elargito solo pettegolezzi, critiche e fumosi riferimenti, che non centrano mai l’obiettivo, mentre di studiare la grammatica barese non ne vuole sapere “No nge ngozze”.

Felice Giovine ha scritto nell’introduzione: «Il figlio di Alessandro Dumas diceva: «Non discutere mai: non convincerai nessuno. Le opinioni sono come i chiodi, più ci si picchia sopra, più entrano in profondità», analogo all’intrigante detto barese «Ce t’ha da fà tagghià, veccìre bbuène t’ha da capà» (se devi fare qualcosa di impegnativo fallo con chi ne è all’altezza)». Tali affermazioni sono state considerate segno di orgoglio, arroganza e presunzione, io aggiungerei d’invidia, per cui vanno rispedite al mittente, perché rispecchiano perfettamente la persona che le ha scritte. Invece di perdere tempo e fare “malesànghe” e “abbettàsse de bbile” perché non si mette a studiare la grammatica di Giovine, così si erudisce un po’ in quel settore che si dichiara esperto, se ne convince e rende un servigio alla cultura cittadina?  Ma il suo, non è un caso isolato, annovera addirittura dei seguaci; sì, avete inteso bene: seguàci!

Uno di questi afferma, leggete... leggete che dice (ed è una ex docente...); “Se nella lingua italiana la semiconsonante j (i lunga) è quasi scomparsa, nella grafia dialettale barese si usa quando è seguita dalla vocale i all’inizio di parola o di sillaba per trascrivere il suono gutturale di alcuni termini come: ji, jidde, jisse, jinde, jirte, jire, jigne, jirre (e iòrre), ajíre, trajíne”. 

Commento: Tempo addietro affermava che la j (che chiamava e chiama i lunga, e ha inculcato ad alunni tale sciocchezza) appartenesse all’alfabeto italiano, facendo arrivare a 22 le lettere, quando per le grammatiche serie, sono 21 (5 vocali  e 16 consonanti); e poi, afferma che si tratta di una semiconsonante.

Continua: “La vocale iniziale i da sola forma sillaba. Se il gruppo iì muta in ì per scrivere: pur’ì = pure io,  pur’idde  = pure lui, con la caduta della i detta eufonica, secondo me è da ritenere valida l’espressione:  [ i]pure ji, pure jidde”. (E ce ha velùte disce, non ze capìssce nudde). Ora se volesse trascrivere pure jì in pur’ì, facendo l’elisione, quale regola grammaticale potrebbe applicare o invocare, per far cadere ovvero eliminare una semiconsonante, quando sappiamo che essa si ottiene solo con vocali e mai con consonanti o semiconsonanti? 

Un’altra gaffe è che si domanda, avendo letto l’articolo di Felice Giovine (ma l’ha letto con attenzione e con competenza?), «C’è chi sostiene che il gruppo iì sia un semidittongo, ma esiste questa figura grammaticale?».

Nella grammatica italiana è evidente che questo fenomeno non esiste, lo sanno anche gli alunni della terza elementare, perché nella lingua italiana non ci sono vocaboli che iniziano con due (ii), (), (ìi). In barese, e qui viene rimarcato uno dei tanti  fenomeni della lingua barese (),  formato, e qui viene spiegato per l’ennesima volta, a chiare note, senza possibilità di fraintendimenti.

La prima i (è prostetica e semivocale. In barese i e u davanti ad altre vocali hanno sempre funzione semivocalica... quante volte lo dobbiamo ripetere per iscritto e a voce?). La seconda ì (è accentata, con l’accento grave ed è vocale piena) e non come qualcuno ha riportato e riporta scrivendo (ii), (), (ji), (jji), (), (ij). Quindi il semidittongo (), fa parte esclusivamente della grammatica barese evidenziato, grazie a seri e continui studi sul Dialetto di Bari, sin dal 1964, dal più autorevole storico, demologo, musicografo, linguista barese autentico, Alfredo Giovine, ignorato volutamente da certuni che si sono dichiarati più volte esperti, docenti del dialetto barese.    

Ma poi, la cosa di cui non ci si vuole convincere e ammettere, è che il dialetto barese, antecedente all’italiano, ha nel suo “dna linguistico”, particolari fenomeni grafici e fonetici, che si ignorano ostinatamente, per non concedere assensi a chi ne ha evidenziato natura e proprietà, e perché annullerebbero convinzioni di precedenti appassionati o studiosi, che hanno preso in definitiva delle “cantonate”. Come dice un antico proverbio ancora in uso “o squagghie de la nève ...”.

Ed è di questi signori, che li abbiamo colti in fallo (e non ce ne siamo accorti solo noi), a proposito dell’ortografia barese, in un loro recente libretto scrivendo il seguente strafalcione (e non è il solo): “àda pertá nzíne”. Invece la frase va scritta in lingua barese: ha da pertà n-zìine (la vocale (a) di “pertà” si evidenzia con l’accento grave, perché è per natura aperta e,  in barese, la maggior parte delle parole si pronunciano aperte. Anche nella lingua italiana e nell’alfabeto fonetico, non esiste l’(a) con l’accento acuto. E ci fermiamo qui!). Il paradosso è che uno di loro (l’espertologo) ha affermato elogiando la sua collaboratrice: «… Si è dedicata con passione allo studio del dialetto barese, contribuendo alla redazione di regole grammaticali e ortografiche», mentre lui, in più occasioni, ha asserito con convinzione che il dialetto barese non ha una grammatica e quindi non è una lingua.

A quest’ultima affermazione, inseriamo due risposte espresse tempo fa in una trasmissione radiofonica della Rai (Radio Anch’io del 13-08-2009 ore 09:00). La prima è della professoressa Marasca, dell’Accademia della Crusca: «… oltre 30% della popolazione usa ancora il dialetto in alcune regioni come Sicilia e Veneto la percentuale è più alta… Tutti i dialetti sono lingue».

La seconda è dell’attore napoletano Beppe Barra: «Io non vado a insegnare nelle Università, ma parlare con gli studenti… Difenderò il dialetto finché avrò voce».

Storia mè nonn-è cchiù, mal’a llore e bbèn’a nnù.

 

 

 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 1249 | Dettagli... (9 parole)


 
Menu

 

 
 

 


Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:


Cerca nel Web
Google


Top - Siti web
Centro Studi Baresi (IT)
Riccardo Guglielmi - Cardiologo (IT)
Wip Edizioni (IT)
Angela Guglielmi (IT)
Mondo Antico (IT)
Modugno.it (IT)

I preferiti
Associazione Onlus Mondo antico e Tempi Moderni (32718)
Angela Guglielmi - Web master (22509)
Modugno.it Il Portale della Comunità Modugnese (21531)
GioArt di Giovanni Cellamare (16029)
Università Popolare Pugliese Terza Libera Età Ause (15017)
PugliaTeatro-L'Eccezione (14024)
Forza San Paolo - Bari (13296)
Sapore tipico (12271)
Promuoviamo il Turismo in Puglia (11701)
Libreria Culture Club Cafè (11665)
Telestreet Bari (11474)
Web Aperto (11085)
Premio Letterario Osservatorio (10909)
Teatro Abeliano - Bari (10885)
Wip Edizioni (10859)
TirsoMedia -Bari- (10853)
Liliana Carone (10596)
Helicam service (10457)

Statistiche
Siamo on line dal 1° Novembre 2006 e ci hanno visitato in:

Il tuo indirizzo IP è: 23.22.220.37

 

Tema grafico a cura di
 Nessuno
 © Don Dialetto di Gigi De Santis - © Rielaborazione Grafica e Webmaster Angela Guglielmi - © AspNuke Gli "Articoli, gli E lementi grafici e quant'altro" presenti su Dondialetto.it  sono da considerarsi d'esclusiva proprietà di http://www.dondialetto.it L'Associazione "Don Dialetto" di Bari adirà alle vie legali contro chi, intenzionalmente, abusa dei contenuti pubblicati sul nostro portale senza alcuna comunicazione, convenzione e autorizzazione della redazione 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 Grafica prodotta da "Artimedia" - www.studioquattro.com
Questa pagina è stata eseguita in 3,110352secondi.
Versione stampabile Versione stampabile