Il dialetto barese è Bari: la sua storia, la sua anima, la ragione stessa dell'essere suo.  ( Armando  Perotti )               * * *               Non si creda che i dialetti siano destinati a sparire, se mai si moltiplicheranno, pur tenendosi stretti alla lingua  " scritta  "  di Dante.  (Francesco Babudri)               * * *               Il dialetto è l’anima del popolo, la parte meno obliabile, non l’orpello o l’ignoranza come alcuni credono.  (Pasquale Sorrenti)               * * *               Non si può avere piena intelligenza della Divina Commedia senza tenere l’occhio rivolto al dialetto.  (Abbate Giuliani)               * * *              Il dialetto è un potente mezzo di comunicazione e ha diritto di cittadinanza nella scuola, e non solo a livello sperimentale. (Francesco Mininni)               * * *               Io credo che il poeta dialettale può e deve restare fedele al suo dialetto, se non lo fa, rischia di offrire ai suoi lettori, componimenti redatti o un dialetto annacquato o in un italiano adulterato.  (Oronzo Parlangeli)               * * *              Nella città di Bari, sono ancora in molti che identificano il dialetto con la povertà o come marchio di appartenenza agli strati più umili, gretti e ignoranti della società, al contrario di quanto avviene in altre città dove l’uso del dialetto è vezzo, sciccheria e ostentazione. (Alfredo Giovine)               * * *            I dialetti sono specchi più fedeli, più spontanei, forse anche primigenii dell'interiore linguaggio che precede ogni fatto linguistico. (Pio XII)
  BENVENUTO      
 
Immagini

Immagini di repertorio
Don Dialetto(12882)


Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
-- -- -- -- -- -- --




Visitatori
Visitatori Correnti : 21
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 274
Ultimo iscritto : xavier66
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 43
 
 Commenti: 12
 
 Immagini: 3040
 Immagini viste: 5814488
 
 Articoli: 87
 Pagine: 1322
 Pagine lette: 6980136
 
 Siti web: 6
 
 Notizie on line: 14
 
 Preferiti: 77
 Siti visitati: 265822
 
 Post sui forum: 18
 
 Libro degli ospiti: 24
 
 Eventi: 1570

Sponsor

Contattateci  per  inserire  la  vostra  Pubblicità



 
 

 


 
Ultimi inserimenti

Data:  31/12/2013 Sezione  Mercatino Ultimo Inserimento:  Calendario Barese 2014  - Data:  02/11/2014 Sezione  Articoli Ultimo Inserimento - Controlla l'ultima pagina di:  La dì de le muèrte: Usi funebri  - Data:  26/10/2014 Sezione  User Ultimo Iscritto:  xavier66  - Data:  01/01/1900 Sezione:   Ultimo Inserimento:   - Data:  20/11/2014 Sezione  Immagini Ultimo Inserimento:  Le Suocere, 22 novembre 2014  - Data:  01/01/1900 Sezione   Ultimo Inserimento:   - Data:  23/11/2014 Sezione  News Ultimo Inserimento:  Gianni Serena e la sua Compagnia: Commedia Popolare Palesina

Benvenuti sul sito web
Pagina di Benvenuto

Benvenuti sul sito web www.dondialetto.it

Gigi De Santis

Il portale dei Baresi nel Mondo

 

 
DonDialetto.it


Teniamo alta la BANDIERA
della STORIA, della TRADIZIONE, del DIALETTO di BARI,
ma senza...

Improvvisazioni - Errori - Strafalcioni - Scopiazzature - Alterazioni - Mistificazioni - Compromessi - Contaminazioni.

Il Dialetto,  innanzi tutto, è una cosa seria
(Grammatica, Scrittura, Lettura, Declamazione, Recitazione, Canto).

                                        
DonDialetto.it

La Voce... Il Suono... La Parola... La Gestualità... La Storia... Il Folclore...
I Racconti... I Canti... La Saggezza... Il Dialetto...
.La Pausì....
U Ndrattìine... U u-addòre... U Tiàdre... La Uascèzze...

 

DonDialetto.it

la BARESITÀ D.O.C. contributo al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione della Cultura Popolare e della Lingua Barese.

 

23 novembre 2014
Gianni Serena e la sua Compagnia: Commedia Popolare Palesina
23 novembre 2014
La Lèngua Noste: Riflessione quotidiana
21 novembre 2014
LE SUOCERE: Commedia in Lingua Barese di Mino De Bartolomeo e Rosaria Barracano
20 novembre 2014
PRESENTAZIONE LIBRO: NIICOLA MASCELLARO - FILIPPO CIFARIELLO
19 novembre 2014
Coloere ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso vocaboli di provenienza francese
11 novembre 2014
Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
31 agosto 2014
Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 2
05 giugno 2014
COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
04 giugno 2014
PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
02 aprile 2014
Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
09 marzo 2014
Grammatica Barese: La i che cambia i suoni
16 novembre 2013
Lingua Barese: Problema Grafico - Denuncia dell'Accademia della Lingua Barese "Alfredo Giovine"
13 agosto 2013
CULTURA e DIALETTO BARESE
08 marzo 2009
NOVITÀ BIBLIOGRAFICA BARESE ASSOLUTA su INTERNET
  
Top 5 - Forum
therock - 29/10/11 20:38:26
Vi posto il link, tratto da youtube, del...
mauror58 - 01/03/11 13:24:37
egr.dott.desantis, vedo che ha fatto presto...
therock - 07/01/11 14:40:35
Se seguite attentamente dal minuto 8:25,...
mauror58 - 06/01/11 11:01:18
Grazie Dott. DeSantis, mi scuso se non...
Gigi - 05/01/11 09:32:10
Gentile signor Mauro, ricambiamo con gioia...

Gianni Serena e la sua Compagnia: Commedia Popolare Palesina
Inserito il 23 novembre 2014 alle 08:04:00 da Gigi. IT - Spettacoli in dialetto barese


Commenti : 0 | Letto : 23 | Dettagli... (9 parole)

La Lèngua Noste: Riflessione quotidiana
Inserito il 23 novembre 2014 alle 07:54:00 da Gigi. IT - DIALETTO


Commenti : 0 | Letto : 14 | Dettagli... (9 parole)

LE SUOCERE: Commedia in Lingua Barese di Mino De Bartolomeo e Rosaria Barracano
Inserito il 21 novembre 2014 alle 08:04:00 da Gigi. IT - Teatro

Le sroche

 

Canate, faccia lavate; sroche e nnore, spina cammaràte

(Cognata, faccia lavata; suocera e nuora, spine velenose)

 

con

Gigi De Santis

Rosanna Farella

Marisa Iusco

Riccardo Lucchese

Giuseppe Pollonio 

Rita Scattarelli

Daniela Sicolo

luci e fonica

service for you

musiche originali

allestimento scenico

Lucciola

Nicola Santamato

M° Nino Lepore

Marisa Fraddosio

Regia di

Rosaria Barracano

Orari Spettacoli

Sabato ore 21:00

Domenica ore 18:00

Prenotazioni ed informazioni Soc. Coop. Teatrale “ARIETE” - Tel. 080. 556 21 49

Le Suocere

Spettacolo esilarante,

applausi fragorosi.

Una rappresentazione teatrale che risalta la genuina baresità attraverso gli usi e costumi, i mestieri (u scarpare e la fèmmene de le strascenate) gli intrighi amorosi (fraffuègghie de zite), u-apparolamènde, la dote (u panamènde e u chengìirte), “u sckatassce ndra le dò sroche”, “u madremònie”, il mistero familiare.

Tutto condito con la ricerca e il recupero di vocaboli, locuzioni, modi di dire, proverbi, nella lingua natia, u barèse.

In scena dal 4 ottobre sul palcoscenico del 

TEATRO DI CAGNO

Corso Alcìde De Gasperi, 320 - Bari.

La commedia, per questo fine settimana, sarà replicata solo sabato 

(ore 21:00). 

Le Suocere

 

In scena sino al 7 dicembre 2014.

 

Due atti comici, di sano godimento, pe spadrià nu muèrse le penzìire e defresckà la cape.  

 

Il dialetto va ricercato, conosciuto, trasmesso, apprezzato nella sua valenza culturale, nella sua suggestione di lingua viva e vitale

(Michele Cristallo, giornalista scrittore – Bari 1993)

 Prenotazioni ed informazioni Soc. Coop. Teatrale “ARIETE” - Tel. 080. 556 21 49

 Redazione Don Dialetto.it  - Bari 

 


Commenti : 0 | Letto : 102 | Dettagli... (9 parole)

PRESENTAZIONE LIBRO: NIICOLA MASCELLARO - FILIPPO CIFARIELLO
Inserito il 20 novembre 2014 alle 08:54:00 da Gigi. IT - Cultura

Mercoledì 26 novembre

ore 17:00

 

Biblioteca Provinciale

De Gemmis

 

Strada Lamberti

Bari Vecchia

 

Nuovo Libro

Filippo Cifariello 

di

Nicola Mascellaro

 

edizioni

DI MARSICO LIBRI

 

 

Presentazione

prof. Pietro Marino

critico d’arte

 

 Intervengono

 

dott.ssa Clara Gelao

direttrice della Pinacoteca provinciale di Bari

 

 Lino Patruno

giornalista, scrittore

 

Edizioni

Di Marsico Libri

 

INGRESSO LIBERO

Questo volume ha tutte le caratteristiche per essere un romanzo, un prodotto della fantasia, ma è una storia vera e, come spesso accade con le storie vere, la realtà supera la fantasia.

Comunicato stampa a cura di

Nicola Mascellaro

Redzione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 31 | Dettagli... (9 parole)

Coloere ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso vocaboli di provenienza francese
Inserito il 19 novembre 2014 alle 12:04:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Parole francesi... m-barèse  - 3

Terza parte di alcuni termini baresi che hanno etimologia francese. Si continua dalla lettera M alla lettera Q. Tra parentesi quadra l’etimologia sottintesa è sempre quella francese, mentre viene richiamata quella dell’ulteriore provenienza.

Come sottolineato nei precedenti articoli (cliccare canale Dialetto, categoria  Dialetto DOC , ultimi elementi), non vuol essere un elenco completo ed esaustivo, consci che tanti altri lemmi non sono stati considerati, non per dimenticanza, anzi, rivolgiamo invito ai nostri cortesi iscritti e navigatori occasionali del presente sito di segnalarcene, qualora ne fossero a conoscenza, grati fin d’ora; per un maggior approfondimento della nostra lingua, per la preparazione di un “benedetto” vocabolario e nell’interesse di quanti seguiranno.   Per facilitare la lettura in lingua barese è bene che sia tenuto conto che le «e» senza accento di una parola sono semi mute, come in francese. La «è» tonica si legge come la consorella italiana: «nève» ha la prima «e» accentata e la seconda finale della parola, semi muta. È come se si leggesse «nèv», ma si scrive categoricamente «nève».

- M -

magagne s.f. [ ant.: mahaignier] – Magagna, inganno, sotterfugio: La fèmmene iè ccom’a la castagne, da fore iè bbone, da iìnde tène la magagne (La donna è come la castagna , sotto il gradevole aspetto esteriore nasconde la magagna).

magghie1. f. [ maille ] - Moneta; moneta sabauda di lega argentea del valore di mezzo denaro, coniata nei secoli XIV e XV chiamata anche ‘maglia di bianchetto’; essa circolava in Francia sotto i Capetingi (dinastia che regnò dopo i Merovingi e i Carolingi): Arrète terrise v’acchiànne? Ce ne si ffatte de le cìinde magghie ca te dìibbe aiìre? (Nuovamente denaro mi chiedi? Cosa ne hai fatto delle ‘cento maglie? che ti diedi ieri?).

magghie2. - Maglia, indumento intimo che, una volta, le donne di Bari Vecchia confezionavano a mano, ma è anche quel piccolo anello di filato di lana o di cotone che veniva formato attorno al ferro durante specifici lavori donneschi: M’ha scappate na magghie; agghie acchemenzat’a menà a mmagghie che le fìirre (Mi è scappata una maglia; ho cominciato a lavorare a maglia con i ferri).

malavìte s.f. [ tatouage ] - Tatuaggio: Coline s’ha ffatte la malavìte sop’o vrazze (Nicola si è fatto fare un tatuaggio sul braccio).

malpiòne agg./s.m. [ marpion: ‘piattola’ ] - Sornione, furbacchione, scaltro, persona maliziosa:  Non dann’adènze a cudde malpiòne, ca iè ppure besciàrde (Non dare retta a quel furbacchione che è anche un bugiardo).

mangià v. [ ant.: mangier; mod.: manger ] - Mangiare: U mangià de menzadì (Il mangiare del mezzodì); la liste du mangià (menù).

masone s.m. [ maison ] - Casa, ricovero, tana.

marciappìite s.m. [ marchepied ‘predellino’ ] - Marciapiede.

maressciàlle s.m. [ maréchal ] - Maresciallo: Le uaggnenàstre  nge avònne forate le rote de la besceglètte du maressciàlle (I ragazzacci hanno bucato le ruote della bicicletta del maresciallo).

marionètte s.f. [ marionnette ] - Marionetta, figura di legno o di cartapesta, azionata dall’alto con fili, per rappresentazioni di teatrini itineranti.

motte [ mot: parola, vocabolo] -  Usato nella locuzione o motte: sono solo parole; non è vero; per scherzo: Nonn-è vvère, a  mmamme, iè o motte (Non è vero, a mamma, è uno scherzo); ciò ca disce Chitane iè o motte (Tutto quello che dice Gaetano non risponde al vero).

mussce agg. [ moche ] - Orripilante; butterato, detto di viso con segni del vaiolo; fem.: la  mossce, luogo, nelle vicinanze del viale della Fiera del Levante, famoso per la presenza di una attività gestita da una donna dal viso butterato a causa del vaiolo contratto.

- N

ndendènde s.f. [ intendant ] - Intendente, pubblico funzionario dell’amministrazione pubblica: U ndendènde de fenanze (l’Intendente di finanza).

ndendènze s.f. [ intendance ] -  Intendenza, organo / sede dell’Intendente.

nderrèse s.m. [ ant.: torneis ] - Tornese, moneta coniata a Tours, nell’Abbazia di St. Martin, nel secolo XI, e divenne moneta reale. Gli Angioini lo introdussero a Napoli e poi nell’Italia meridionale, nel 1581. Del valore di sei cavalli o mezzo soldo di rame scomparve con gli ultimi sovrani borbonici. Da nderrèse i baresi coniarono il plurale le terrise (il denaro).

ndrattìine s.m. [ entretien ] - Intrattenimento, intrattenere, una o più persone con discorsi o parole che possano destare interesse e diletto. Interessante il significato del vocabolo relativo ad un aspetto sociale del popolino barese. Quando ci si voleva liberare del proprio figlio, per dedicarsi a qualche particolare faccenda domestica o discutere di cose in maniera discreta, la mamma del piccolo lo invitata amorevolmente: Mèh, u bbèlle de la mamme, uè fà nu servìzzie a la bbèlla mamma to?... Sì?... Ci-è cheriùse cusse figghie mì. Va a la zzì e ddinge: ha dditte mamme, damme nu picche de ndrattìine (Il bello di mamma, vuoi fare un servizio alla mamma tua?... Sì?... Com’è carino questo figlioletto… Mèh! Vai dalla zia e dille: ha detto mamma mi puoi dare un po’ di intrattenimento?).

ngranà v. [ engrener ] - Ingranare. In senso traslato: incominciare a camminare sulla via giusta, comportarsi bene.

ngreppàte vb. intr. [ gripper ] - Grippare; del gergo meccanico dei motori a scoppio, l’arrestarsi del pistone dentro il cilindro del motore, per dilatazione dovuta a riscaldamento e a mancanza di lubrificante. Termine passato poi per indicare persona frastornata, indecisa: Ci-è, non respunne, ce ttìine u cervìidde ngreppàte? (Cos’è non rispondi, hai il cervello grippato?).

- O -

o [ au ] - Preposizione articolata: al.

omnebbùsse s.m. [ omnibus ] - Diligenza, vettura pubblica; termine coniato nella primavera del 1828 da Omnès, fondatore a Parigi della prima compagnia degli omnibus. A Bari il servizio pubblico con gli omnebbùsse fu istituito poco prima del 1898.

ovatte s.m. [ ouate ] - Ovatta, bambagia: Ce ttìine la mezzecuatòre o pète, mittenge  nu picche d’ovatte (Se hai la morsicatura al piede, metti un po’ di ovatta).

- P -

papà s.m. [ papa ] - Papà, padre.

papìire s.m. [ papier ] - Carta, documento.

papiòlle s.m. [ papillon ] - Cravattino a nastro. Sinonimo di sckolline (cravattino a farfalla). Famoso il negozio di Roberto Peroni, ‘Alla Perfezione’, in Corso Vittorio Emanuele II, 30, per la ricca esposizione di tale accessorio nei vari colori e fantasie. ‘Papiol’, invece, fu la testata di un settimanale barese umoristico pupazzettato, che vide la luce l’11 maggio 1918 (al prezzo di Cent. 10; Gerente responsabile, Giovanni Scippa; Uffici e amministrazione in via Napoli 69). Sospende le pubblicazioni nel 1922, per riprenderle il 5 gennaio 1946, uscita ogni venerdì (Direttore responsabile Nicola Calitri, con sede in via Manzoni n. 15, un numero lire 15). Il 23 agosto 1952 cambia testata con ‘Giornale di Puglia’. Nel 1956 muore Nicola Calitri, viene sostituito dal figlio Aurelio. L’8 marzo 1958 cambia nuovamente testata con ‘Giornale Pugliese’. Nel 1976, dopo qualche mese, il settimanale cessa le pubblicazioni.

papussce s.m. [ babouche ] - Pantofola.

pelussce s.m. [ peluche ]  - Tessuto peloso; felpa, pupazzo confezionato con tale tessuto.

pendandiffe s.f. [ pendentif : ciondolo] - Gioiello, pietra preziosa incastonata in una medaglia d’oro attaccata a una lunga catenina d’oro.

persiàne s.f. [ persienne ] - Persiana, infisso battente generalmente di legno.

petrine s.f.[ poitrine ] - Ventresca.

pettane s.f. [ putain ] - Meretrice, prostituta, donna di facili costumi.

pettanìire s.f. [v. sopra ] - Puttaniere, chi frequenta abitualmente prostitute.

pìizze s.m.[ pièce ] - Moneta, denaro, soldi: Sì ffatte u pìizze (Hai incassato il dovuto, hai fatto soldi).

pinze s.f. [ prince ] - Pinza: Pìgghieme la pinze, ca ià strènge u pìirne (Prendimi la pinza, che devo stringere il perno).

pippe s.f. [ ant.: pipe ] - Pipa; cannuccia: Sanghe de BBacche, non dènghe tabbacche. Tènghe la pippe e nom bozze femà (Sangue di Bacco, non ho tabacco. Ho la pipa e non posso fumare).

pombe s.f. [ poompe ] - Pompa: A la vì de n-gann'a mmare, s'abbressciàte u Margherite. Honne sciùte le pombìire e pombà che le megghìire (versetti coniati dal solito ‘sfottitore’ spiritoso, all'indomani dell'incendio del Teatro Margherita, avvenuto il 21 luglio del 1911).

portafòglie s.m. [ portefeuille ] - Portafoglio/gli: M’avonne frecate u portafòglie (Mi hanno rubato il portafoglio).

presènde s.m. [ present ] - Letteralmente presente, nel nostro caso si riferisce ad un dono, regalo, mancia:  A la fèste de fedanzamènde de Rosètte, la mamme, ha ffatte acchià u presènde a le nvetàte, na uandìire de ndeghelètte (Alla festa  di fidanzamento di Rosetta, la madre,  ha offerto un ‘presente’ agli invitati, una guantiera di dolci leccornìe).

- Q -

quadrìglie agg. [ quadrillè ] - Stoffa a quadretti, quadrettata.

quaquàgne1 s.m. [ cocagne ] - Cuccagna. Giuoco popolare, albero della cuccagna, consiste nel salire su di un alto palo, unto di grasso o sapone, in cima al quale sono posti diversi oggetti che si aggiudica chi giunga a prenderli. Protagonista nei festeggiamenti di Sanda Necole ggnore (San Nicola nero, fine Ottocento e negli anni Venti del secolo scorso), l’albero della cuccagna era molto atteso e frequentato da tanti che volevano misurarsi e mettersi in evidenza.

quaquàgne2 s.f. - Paese immaginario dove regna grande abbondanza di dolciumi e divertimenti. Nel linguaggio traslato, per dire confusione, caos, baruffa: Ciacìnde a la case de Celluzze ha fatte seccète la quaquàgne (Giacinto a casa di Francesco ha creato una gran confusione).

quartìire s.m. [ quartier ] - Quartiere, rione, una zona circoscritta e delimitata di una città, dal punto di vista urbanistico, etnico e storico.

quatrìglie s.m. [ quadrille ]. - Quadriglia. Danza di origine francese in  voga nei secoli 18° e 19°.

Continua...

I vocaboli, le locuzioni, le frasi in barese sono stati trascritti e aggiornati con regole di grammatica dell’Associazione,  «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Bibliografia ed Emerografia: Gigi De Santis, «“Paròle frangìse”», Speciale “U Corrìire de BBàre”, Direttore responsabile Felice Giovine, Bari, 3° fascicolo, aprile 2013; Gigi De Santis, «Le parole francesi dopo Murat», ne “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 28-11-2013; Gigi De Santis, «Voci e locuzioni nel Vocabolario della Lingua Barese», Archivio Centro Studi Don Dialetto (Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese), 1976-2014.  

Foto: «“Marionètte”», Periodico, “U Corrìire de BBàre”, Felice Giovine, Bari, Speciale 3° fasc. apr. 2013; fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2014).

Foto: «“Nderrèse”», Periodico, “U Corrìire de BBàre”, Felice Giovine, Bari, Speciale 3° fasc. apr. 2013;fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2014).

3ª Foto:  «“Omnebùsse”», Periodico, “U Corrìire de BBàre”, Felice Giovine, Bari, Speciale 3° fasc. apr. 2013; fototeca «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2014).

4ª Foto: «“La pippe”», Periodico, “U Corrìire de BBàre”, Felice Giovine, Bari, Speciale 3° fasc. apr. 2013; fototeca «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2014).

5ª Foto: «“La quatrìglie”», sezione “Sito Web” www.circolistudiolunigiana.it ; fototeca «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2014).

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 19 | Dettagli... (9 parole)

Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
Inserito il 11 novembre 2014 alle 11:04:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

Due parole sulla Lingua Barese

 

Chiunque si sia dedicato con passione al proprio idioma si è poi cimentato a impostare una grafia che fosse in grado di esprimere termini e particolari fonemi, caratteristici di quel territorio.

Egli ha ritenuto, lodevolmente, di dare una propria impronta e ha creato sistemi grafici misti tra l’alfabeto fonetico (IPA, segni diacritici, ecc.), quello italiano e lettere di lingue straniere (j, x, y, w), trascurando l’elemento basilare, cioè una scrittura semplice, da tutti comprensibile e utilizzabile, giustificata grammaticalmente.

Il più delle volte, non hanno considerato che è l’italiano che deriva dai dialetti e non il contrario. Premesso che l’Alfabeto Fonetico Internazionale (IPA) è quello scientifico, tutti gli altri, debbono scrivere come e per la gente comune, con il solo mezzo che conoscono, imparato a scuola, il più semplice: l’italiano.

Per porre fine all’uso indiscriminato e incondizionato delle non poche e sofisticate grafie adottate (per la propensione del barese e non solo, al più sfrenato individualismo) il cui utilizzo ha creato e crea grave nocumento quanto a diffusione e incomprensibili equivoci, suggeriamo,

una scrittura di base, semplice e utilizzabile da tutti

 

adottando l’alfabeto italiano;

approfondendo i fenomeni tipici dialettali:

- legati alla a delle coniugazioni verbali, agghie a scì a cattà le cìggere;

- gli incontri consonantici, andìche (antico); non zènde (non sente), ecc.

- il raddoppio consonantico in principio che nel corpo della parola, vogghe a ccase (vado a casa), cassce (cassa), fassce (fascia), ecc.;

- altri fonemi (per es: tipici, ma diversi tra loro, traiìne (carretto), cappìidde (cappello);

-   usando la ‘e’ atona invece di altri segni grafici (apostrofi, e capovolte: ǝ, spazi vuoti)

-   uniformando e condividendo la scrittura. 

ALFABETO

 L’alfabeto barese si compone di ventuno lettere e, come nell’alfabeto italiano, ciascuna lettera ha un suo nome, secondo il suono che rappresenta.

1. a - 2. b (be) - 3. c (ce) - 4. d (de) - 5. e - 6. f (fe) - 7. g (ge) - 8. h - 9. i - 10. l (le) - 11. m (me) - 12. n (ne) - 13. o - 14. p (pe) -15. q (qu) - 16. r (re) - 17. s (se) -18. t (te) - 19. u - 20. v (ve) – 21. z (ze).

La lettera h solo per le voci verbali del verbo avè (avere); tu ha da scì (tu devi andare).   

Importanza della vocale e

La e ha una funzione importante e di base nella scrittura barese. Tutte le ‘e’ delle parole dialettali, non accentate, hanno suono indistinto, ma la loro funzione è quella di dare suono vocalico, sonorità alle consonanti cui sono legate, come nella lingua francese. (Es.: ruscte/rùscete - marnàre/marenàrepudce/pùdece - volne/vòlene).

La non trascrizione renderebbe la grafia illeggibile: descetàmece (dsctàmc).

Lo stesso dicasi qualora la e semimuta venga sostituita con l’apostrofo (): r’nn’nèdd’ (rondinella) – fr’mm’nànd’ (fiammifero) – d’sc’tàm’c’ (svegliamoci).

Si tenga conto che la e semimuta è pur sempre un suono, ancorché poco distinto, ma è opportuno trascriverla.

Per comprendere meglio e subito quanto detto si provi a pronunciare la parola marinaio che in barese può essere espressa graficamente marnàre e marenàre, e ‘andiamo al mare’: sciame o mare e non sciame o mar (lo sceicco). Sarà sufficiente a quanti sostengono l’inutilità della trascrizione della e ?

Emblematico è l’esempio di “ì so d BBàààr” così scritto, e con un certo impegno, si afferma che si è di Bar (Antivari), città di fronte a noi, mentre se si vuole affermare di essere di Bari, occorre scrivere ì sò de BBare.

Le e del dialetto barese hanno svariati suoni e diversi fra loro, per cui è impossibile distinguerle e rappresentarle nelle diverse sfumature, se non da coloro che la pronunciamo.

Nota Bene

 

J (gei)

 Si suggerisce l’eliminazione totale della j (gei), in quanto lettera straniera (la cosiddetta i lunga, è invenzione di qualche “snob”), è solo un segno grafico e non esiste in italiano e in latino; (sono errati e non esistono in alcun vocabolario, jus, juris, justitia, jacopo, jonio, japigia, jolanda, fidejussione, ecc.), in italiano esiste: giungla (e non jungla), iunior (non junior), ionico (non jonico, pron.: gionico); se si scrive juventino lo si deve pronunciare giuventino.

Chi volesse approfondire l’argomento può riferirsi al volume “Il dialetto di Bari” a cura di Felice Giovine, edito da Giuseppe Laterza nel 2005. Per i confronti e proficui scambi di idee siamo sempre a disposizione per il bene della nostra lingua e della città.

Articolo estratto dal mensile: Speciale “U Corrìire de BBàre” fascicolo 3°/3 – Aprile 2013.

Direttore responsabile e Presidente dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo, Giovine» (costituitasi ufficialmente l’otto maggio 2012), Felice Giovine.

 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 28 | Dettagli... (9 parole)

Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 2
Inserito il 31 agosto 2014 alle 10:14:00 da Gigi. IT - Comunicato stampa

Uno scoop nello scoop… ancora scoop

Il lupo continua a perdere il pelo ma non il vizio.

 

Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte.

 
«Saltar di palo in frasca» (Il proverbio evidenzia il comportamento, peraltro non insolito, di chi, per supeficialità o fretta, passa, parlando o scrivendo, da un argomento a un altro senza alcun nesso logico e facendo, ovviamente, molta confusione).
 

«Raglio d’asino non arriva in cielo» (le parole calunniose e le dicerie degli sciocchi non hanno effetto).

 

«Sacco vuoto non sta in piedi» (l’espressione va riferita a chi si vanta di particolari meriti e di virtù che non ha, ma la sua pochezza finisce presto per essere smascherata).

 

«La sella d’oro non migliora il cavallo» (se uno non ha talento o non è dotato di iniziativa e ingegno non può certamente comprarlo o mascherarlo con facili escamotage. È un po’ come dire che l’abito non fa il monaco).

 

Chiamare gli altri,  invidiosi e gelosi senza un nesso logico è come aver lanciato un boomerang che si ritorce su sé stesso. 

 
Ci iè ccudde? Lassue a pèrde, s’attacche a ttutte le pelidde e a la feliscene (Chi è quello? Lascialo perdere, si attacca a tutti i peluzzi e alla fuliggine). Si dice dei cavillosi, per i quali ogni pretesto è buono per attaccar briga.

Domenica 8 giugno 2014 a Bari si sono verificati tre scoop nelle categorie: politica, sportiva e dialettale. Uno dei tre lo definiamo, a pieno titolo: «uno scoop nello scoop… ancora scoop». Andiamo per ordine.

Il primo scoop è intitolato alla politica strettamente locale, Bari ha un nuovo Sindaco, Antonio Decaro che ha stravinto al ballottaggio nel confronto con il rappresentante di centrodestra, l’ingegnere Domenico Di Paola, con il 65,4%.

Il secondo scoop è dedicato alla Bari Calcio per nuovo record di spettatori nel campionato di serie B, allo stadio «San Nicola», quasi sessanta mila, con una coreografia singolare; uno striscione con la gigantesca figura del Santo Patrono di Bari “Sanda Necole”.

Veniamo allo scoop più scoop, vale a dire al furbetto che continua a perdere... il pelo ma non il vizio.

Domenica 8 giugno, per  la XXI Edizione del «Premio Internazionale di Poesia e Narrativa “Città di Bitetto” 2013-2014», la giuria, con il presidente del Premio, il prof. Michele Lucatuorto, grazie alla denuncia di uno dei partecipanti al concorso, ha scoperto, dopo la classificazione dei premiati, nella sezione B «Poesia singola in vernacolo, inedita, a tema libero», la poesia spedita dal furbetto era “edita” e, prontamente, è stata radiata.

Il furbetto non è nuovo a simili azioni, infatti, anche in un’altra manifestazione è stato scoperto partecipando al VII «Concorso di Poesie in Vernacolo Pugliese» Anno 2011-2012 organizzato dalla UIL PENSIONATI di  BARI e di PUGLIA e dall’«A.D.A di Puglia» (Associazione di volontariato per i Diritti dell’Anziano), perché ha inteso partecipare con altra poesia edita, (mentre il regolamento del concorso specificava, con la dichiarazione firmata dal partecipante sottoscrivendo (approvare incondizionatamenteche la poesia è inedita),

Ma chi è il furbetto che si è fatto cogliere con le mani nel miele? Tentando, da buon italiano, di aggirare le regole? Sempre lui, colui che continua a dichiararsi giornalista (invece è pubblicista), scrittore (e non abbiamo ancora visto pubblicare un suo libro scritto di proprio pugno, frutto della sua capacità inventiva), che più volte si firma quale ‘esperto di dialetti e tradizioni’ e dichiara:  «... io non scrivo in dialetto ma mi piace seguire e scrivere eventualmente qualche considerazione, quindi non posso dare alcun apporto in materia» e poi, si permette di correggere chi si diletta con il dialetto barese, demolendone lo scritto con critiche aspre e violente; uno che di ortografia barese non capisce e non ha mai capito niente di grammatica barese.

Ma chi è costui? Non c’è bisogno di citarlo è ARCINOTO negli ambienti della cultura dialettale barese e, soprattutto, più volte nominato nel presente sito «cliccate sul canale Dialetto, categoria Dialetto barese: Errori dialettali, Pestrìgghie pestregghiàte e nella  stessa categoria agli articoli <Critiche Severissime>, <Pestrìgghie pestregghiàte (Critiche Severissime)>  e <Dialetto barese: Nguàcchie Nguacchiàte (Critiche Severissime)»; «Folclore», categoria Decève tagrànne che mammarànne”, articoli <Decève Vastiàne posa piàne>, <Decève la sroche a la nore> e categoria A ccì appartìine (soprannomi)”, articolo <Le sopanòme (4)> ; «Personaggi», categoria “Le puète”, articoli <Giuseppe Romito> e <Giovanni Lotito>).

L’espertologo ( ! ) ha carpito per ben due volte, partecipando a concorsi di poesia, la buona fede dei Presidenti, delle organizzazioni, dott. Rocco Matarozzo e prof. Michele Lucatuorto.

Ci siamo domandati: con quale coraggio, con che faccia continua a presentare il suo cosiddetto nuovo libro (che è tutto dire, dichiarato pomposamente barese) che, come nelle sue precedenti pubblicazioni, è un copia-incolla, senza una spiegazione di note linguistiche per agevolare la lettura del dialetto barese, campo nel quale regna l’anarchia grafica assoluta, ciascuno adopera un proprio sistema, il barese viene scritto in tanti dialetti quanti sono gli autori.

Alla presentazione non ha spiegato (e come poteva spiegare?) i fenomeni di gruppi consonantici all’inizio e nel corpo della parola che per lui non esistono soprattutto a inizio di parola. Asserisce che è cosa del tutto personale e ignora, invece, che è regola grammaticale non solo barese, ma delle parlate meridionali.

Non sa rispondere all’abuso del j=gei (consonante straniera) che lui pronuncia erroneamente  i lunga (che non esiste negli alfabeti barese, italianolatino). 

Non chiarisce perché in alcune poesie e componimenti in prosa è usato il gei (j) e in altri no?

Perché alcuni autori usano la doppia B scrivendo in dialetto BBare e altri no?

Perché (è questo è gravissimo), alcuni, e soprattutto lui, usano accentare la vocale a, con l’accento acuto (á), mentre in molti usano correttamente l’accento grave (à)?

Perché gli autori hanno adoperato, nelle loro poesie, parole con l’accento grave e nel suo libro, sono state modificate con l’accento acuto e viceversa?

Perché ha modificato parole, accenti, punteggiatura ad alcune poesie? 

Non si è accorto inserendo per intero con il più classico copia-incolla, errori storici e linguistici «Il poemetto in dialetto barese inedito del sec. XVIII» inserito all’inizio del libro, non documentandosi se esiste la copia originale, perché non si capisce, per esempio, il canonico Francesco Bux, nato a Bari nel 1885, diventa ordinato sacerdote nel 1888, a tre anni dalla nascita. 

Perché in alcune pagine cita la fonte e in alcune no come a pag. 134, volutamente ha omesso l’autore del capitolo «Poesie dialettali baresi», appropriandosi dello scritto?

E va dicendo e scrivendo in giro che altri sono invidiosi di lui. Di che? Di che cosa? Che si impadronisce degli scritti altrui?

Perché a pag. 38 spiega a chiare lettere: (...) «… Infine non per tutti c’è la traduzione nella lingua italiana, poiché non sempre riportata dagli autori nelle loro originali composizioni.», mentre alle pagg. 87, 88, 163, 164 e 165 inserisce la traduzione di alcuni vocaboli di quattro poesie scritte da Vito Barracano e Agnese Palummo, che non le hanno tradotte?

Perché a pag. 124 nel titolo della poesia è scritto () e nella prima quartina del componimento (du) senz’accento? Qual è la definizione giusta in italiano?

Perché in alcuni racconti e poesie non si distingue la vocale (e) tonica da quella atona scrivendo tutte e due senz’accento? Mentre in altre liriche vengono evidenziate?

Perché in alcune poesie la (e) senz’accento a fine vocabolo non è scritta ma sostituita con un apostrofo?

Come si spiega a pag. 123 il nome Nicola, nelle due lingue: italiano e barese, è scritto con l’accento acuto la vocale (ó), quando è ben documentato che la pronunzia è aperta come si evidenzia correttamente in altre poesie?

E ci fermiamo qui! PE MMÒ! (PE MMÒ, si scrive in barese con l’accento grave sulla (Ò) e no apostrofare (PE MMO’), come ha scritto l’espertologo. 

Continua a dire e scrivere  che siamo invidiosi. Invidiosi di che? Che continua a fare il furbetto partecipando a concorsi di poesia, non rispettando il regolamento, carpire la buona fede degli organizzatori? Invidiosi di che? Che ha pubblicato libri che sono copia-incolla? (... non si deve guardare al fiume di libri e di scritture facili dei nostri giorni in cui tutti col copia e incolla subito costruiamo montagne di stupidaggini ... Raffaele Nigro, La Gazzetta del Mezzogiorno, Bari 22-10-2014). Invidiosi di chi? Che non risponde alle domande specifiche sull’ortografia barese?

Di sicuro l’espertologo non risponderà, come non ha mai risposto agli inviti di alcuni studiosi dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”, che più volte lo hanno cortesemente invitato a un confronto pubblico, nel quale possa spiegare perché la sua insistenza nel dire che Bari non ha una grammatica, mentre in una delle sue pubblicazioni ha scritto che la sua collaboratrice, studiosa del dialetto barese, ha contribuito alla redazione di regole grammaticali e ortografiche per la stesura del testo.

Il colmo è che anche nella nuova pubblicazione, ha citato nella bibliografia, libri di Alfredo Giovine, il più autorevole autore barese (come è stato definito recentemente dal prof. Pasquale Corsi, docente Ordinario, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi Aldo Moro - Bari e dal prof. Daniele Giancane, docente del Dipartimento di Scienze Pedagogiche e Didattiche dell’Università di Bari), il quale ha prodotto la Grammatica del Dialetto di Bari (a cura di Felice Giovine).

Come spiega questa grave incongruenza?

Non ha ancora risposto alle nostre soprascritte affermazioni. È bravo solo nello scrivere che siamo invidiosi e gelosi... di chi? Di che? Che cosa centra l’invidia, la gelosia se abbiamo semplicemente posto domande specifiche nel difendere, a spada tratta, la storia, le tradizioni e la lingua barese.  

Non c’è che dire, l’individuo in questione, per l’ennesima volta è stato scoperto con le mani nella marmellata, al pari di un plagio commesso, e non solo.

Speriamo fortemente che negli ambienti culturali e, soprattutto, nel mondo dell’Università degli Studi di Bari, si dia degna considerazione e rispetto alla Baresità autentica (Storia-Lingua-Folclore). 

Comitato Difesa Baresità

Ogni componente, anche individualmente, si impegna, in qualunque luogo, occasione e con ogni mezzo, ad intervenire, contrastando, riprendendo, correggendo affermazioni false e inquinanti, mistificazioni, banalizzazioni, da chiunque provengano, tendenti a distorcere, diffondere inesattezze e travisare la storia, la cultura, la lingua e le tradizioni di Bari e della sua Terra. L’invito ad Aderire è indirizzato a chiunque si riconosca e condivida gli scopi che il Comitato si prefigge, compresa l’uniformità della grafia dialettale.

Campagna di Sensibilizzazione

a cura dei siti web:

www.centrostudibaresi.it (Felice Giovine)

www.dondialetto.it (Gigi De Santis)

La Redazione


Commenti : 0 | Letto : 339 | Dettagli... (9 parole)

COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
Inserito il 05 giugno 2014 alle 08:14:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Credenze linguistiche

 

Comitato barese per l’abolizione della J (gei)

Per combattere il punteruolo rosso che sta decimando il patrimonio delle palme, occorre una massiccia e sistematica azione di contrasto e annientamento del nefasto coleottero, stesso impegno per combattere uso e abuso della J (gei).

Impegno che il Centro Studi Baresi intende perseguire per debellare tale erroneo utilizzo. Non sono pochi coloro che ignorano che la J con la lingua italiana non ha nulla a che spartire. Ma la cosa grave e che, lo ignorino giornali e telegiornali, alimentando convincimenti errati per l’uso incondizionato.

Per esempio scrivono jaluronico e lo sentiamo pronunciare ialuronico, scrivono jella, jettatore e le sentiamo pronunciare iella e iettatore. Scrivono junior e lo pronunciano iunior. Jesolo per Iesolo, Jole per iole, jaja per iaia, e ancora scrivono jonio, japigia, e leggono ionio, ionico, iapigia e iapigi, e poi non si comprende perché pronuncino Giazz per Jazz, Gim per Jim, Giolli per Jolly, Giumbo per Jumbo, giungla per jungla, ecc. Allora se scrivi Juventus devi leggere Giuventus, al pari di Jovanotti per Giovanotti, se leggi iunior devi scrivere iunior, se scrivi junior devi leggere giunior.

Tale confusione, la si riscontra anche nelle trascrizioni dialettali, generando il convincimento che trattandosi di dialetto, ognuno possa adottare il sistema di scrittura che più preferisce, senza tener conto che ciò ne limiterà la comprensione, relegando lo scritto solo a quanti riusciranno a interpretarlo. Chiunque riconoscendosi tra “gli insorti” voglia aderire al Comitato, è sollecitato a segnalare, non solo, alla redazione dell’«Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”», ma soprattutto a chi le commette, le scorrette grafie sollecitandone la correzione, per la salvaguardia della lingua italiana e della nostra grafia barese.

«Se si parla e si scrive italiano italianamente, si scriva barese, baresemente»

 Felice Giovine

Presidente dell’Accademia della Lingua Barese“Alfredo Giovine”

Noi,

Centro Studi Don Dialetto

Contributo alla Ricerca, Recupero, Difesa,

Valorizzazione e Diffusione

della Cultura Popolare e della Lingua Barese -

 

Aderiamo al

«Comitato Barese»

del

Centro Studi Baresi

La Redazione “Don Dialetto.it” - Bari

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.


Commenti : 0 | Letto : 2398 | Dettagli... (9 parole)

PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
Inserito il 04 giugno 2014 alle 07:54:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

  

 

A tutti i baresi e “giargianesi

 

L’ Accademia della lingua barese 

Alfredo Giovine

 

comunica che è operativo il

 

Pronto Soccorso Linguistico

cui rivolgersi per non commettere

errori nella scrittura.

 

Non mortificate Bari

con grafie astruse.

 

Basta una telefonata:

 

iè n-dune !!!

Comunicato Stampa

Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”


Commenti : 0 | Letto : 598 | Dettagli... (9 parole)

Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
Inserito il 02 aprile 2014 alle 06:04:00 da Gigi. IT - Auguri

Alfredo Giovine

Memorabile, Ineguagliabile Cantore di Bari

1907 - 2 aprile2014

Storico, musicografo, demologo, dialettologo, poeta popolare.

Custode e Divulgatore delle Tradizioni e della Cultura Popolare Barese e Civiltà Musicale Pugliese

BBare la zita mè

 

U-amòre mì sì TTu.

Ì pènze sèmb’a TTè

BBare du core mì 

Tu sì la zita mè      

 

E qquann’arrive magge

Ì sènghe atturn’a mmè

Ca l’arie, mare e rrose

Addorene de Tè.

(...) Chi non conosce l’amore dei Napoletani per la loro Napoli? Ma l’opera di folkloristica barese e questa nuova testimonianza di baresità mi fanno dire all’indirizzo di Alfredo Giovine, che molti Napoletani messi insieme, non superano in intensa e in trasporto l'amore che il Giovine nutre con così inestinguibile fiamma per quella Bari della quale tant’è invaghito, da chiamarla costantemente la “Zita mè”  - la sposa mia.

Francesco Babudri (1963)

Abbrile

 

 Quann’arrive premavère,:

N-gann’a mmare la matine,

Stà n’addore, no de fiùre,

Ma de laghena marine.

 

Assedùdet’a nu chiangòne,

 M’acchiamènghe le gaggiàne,

E stu core nzìim’a llore,

Va e vvène da lendane.

 

Pò u sole che le ragge,

Com’a nu prestigiatòre,

 Le capidde mì d’argìinde,

Me le tènge tutte d’ore.

 

Com’acquànne da maffiùse

Iì facève u trembettìire,

Nanza nanz’a la fanvare

 De le uàppe bressagglìire.

 

Pò, na larma breveggnòse

Scorre m-bbacce chiàne chiàne

E se spèrde tremuànne

Sop’o squèrze de la mane.

 
Alfredo Giovine

Per riconoscenza e ricordarlo negli anni, la Giunta Municipale, il 29 giugno 2000 con delibera n° 779 gli ha dedicato il tratto terminale dell’attuale Strada Adriatica che si sviluppa dopo il complesso balneare ‘Il Trullo’ finendo all’altezza dell’ex ‘Camping San Giorgio’. 

La mattina del 24 marzo 2001 c’è stata l’inaugurazione della nuova denominazione stradale Via Alfredo Giovine (demologo 1907-1995).

Servì Bari, senza servirsene


Commenti : 0 | Letto : 6743 | Dettagli... (3239 parole)


 
Menu

 

 
 

 


Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:


Cerca nel Web
Google


Top - Siti web
Centro Studi Baresi (IT)
Riccardo Guglielmi - Cardiologo (IT)
Wip Edizioni (IT)
Angela Guglielmi (IT)
Mondo Antico (IT)
Modugno.it (IT)

I preferiti
Associazione Onlus Mondo antico e Tempi Moderni (31135)
Angela Guglielmi - Web master (20794)
Modugno.it Il Portale della Comunità Modugnese (19966)
GioArt di Giovanni Cellamare (15174)
Università Popolare Pugliese Terza Libera Età Ause (13856)
PugliaTeatro-L'Eccezione (13160)
Forza San Paolo - Bari (12340)
Sapore tipico (11394)
Promuoviamo il Turismo in Puglia (10717)
Libreria Culture Club Cafè (10684)
Telestreet Bari (10565)
Web Aperto (10226)
Premio Letterario Osservatorio (10042)
Teatro Abeliano - Bari (10023)
TirsoMedia -Bari- (9946)
Wip Edizioni (9914)
Liliana Carone (9748)
Helicam service (9136)

Statistiche
Siamo on line dal 1° Novembre 2006 e ci hanno visitato in:

Il tuo indirizzo IP è: 54.234.0.85

 

Tema grafico a cura di
 Nessuno
 © Don Dialetto di Gigi De Santis - © Rielaborazione Grafica e Webmaster Angela Guglielmi - © AspNuke Gli "Articoli, gli E lementi grafici e quant'altro" presenti su Dondialetto.it  sono da considerarsi d'esclusiva proprietà di http://www.dondialetto.it L'Associazione "Don Dialetto" di Bari adirà alle vie legali contro chi, intenzionalmente, abusa dei contenuti pubblicati sul nostro portale senza alcuna comunicazione, convenzione e autorizzazione della redazione 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 Grafica prodotta da "Artimedia" - www.studioquattro.com
Questa pagina è stata eseguita in 0,75secondi.
Versione stampabile Versione stampabile