Il dialetto barese è Bari: la sua storia, la sua anima, la ragione stessa dell'essere suo.  ( Armando  Perotti )               * * *               Non si creda che i dialetti siano destinati a sparire, se mai si moltiplicheranno, pur tenendosi stretti alla lingua  " scritta  "  di Dante.  (Francesco Babudri)               * * *               Il dialetto è l’anima del popolo, la parte meno obliabile, non l’orpello o l’ignoranza come alcuni credono.  (Pasquale Sorrenti)               * * *               Non si può avere piena intelligenza della Divina Commedia senza tenere l’occhio rivolto al dialetto.  (Abbate Giuliani)               * * *              Il dialetto è un potente mezzo di comunicazione e ha diritto di cittadinanza nella scuola, e non solo a livello sperimentale. (Francesco Mininni)               * * *               Io credo che il poeta dialettale può e deve restare fedele al suo dialetto, se non lo fa, rischia di offrire ai suoi lettori, componimenti redatti o un dialetto annacquato o in un italiano adulterato.  (Oronzo Parlangeli)               * * *              Nella città di Bari, sono ancora in molti che identificano il dialetto con la povertà o come marchio di appartenenza agli strati più umili, gretti e ignoranti della società, al contrario di quanto avviene in altre città dove l’uso del dialetto è vezzo, sciccheria e ostentazione. (Alfredo Giovine)               * * *            I dialetti sono specchi più fedeli, più spontanei, forse anche primigenii dell'interiore linguaggio che precede ogni fatto linguistico. (Pio XII)
  BENVENUTO      
 
Immagini

Immagini di repertorio
Don Dialetto(13745)


Eventi
<
Maggio
>
L M M G V S D
-- -- -- -- 01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
-- -- -- -- -- -- --




Visitatori
Visitatori Correnti : 13
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 284
Ultimo iscritto : francescadidda
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 44
 
 Commenti: 15
 
 Immagini: 9932
 Immagini viste: 6223679
 
 Articoli: 87
 Pagine: 1392
 Pagine lette: 7332319
 
 Siti web: 6
 
 Notizie on line: 19
 
 Preferiti: 83
 Siti visitati: 283283
 
 Post sui forum: 17
 
 Libro degli ospiti: 24
 
 Eventi: 1608

Sponsor

Contattateci  per  inserire  la  vostra  Pubblicità



 
 

 


 
Ultimi inserimenti

Data:  31/12/2013 Sezione  Mercatino Ultimo Inserimento:  Calendario Barese 2014  - Data:  22/05/2015 Sezione  Articoli Ultimo Inserimento - Controlla l'ultima pagina di:  Fatte e fattarìidde fattìzze (cenni storici)  - Data:  25/04/2015 Sezione  User Ultimo Iscritto:  francescadidda  - Data:  01/01/1900 Sezione:   Ultimo Inserimento:   - Data:  22/05/2015 Sezione  Immagini Ultimo Inserimento:  Bari: Processione Santa Rita, San Paolo  - Data:  01/01/1900 Sezione   Ultimo Inserimento:   - Data:  22/05/2015 Sezione  News Ultimo Inserimento:  Bari: Festeggiamenti in onore di Santa Rita 22-05-2015

Benvenuti sul sito web
Pagina di Benvenuto

Benvenuti sul sito web www.dondialetto.it

Gigi De Santis

Il portale dei Baresi nel Mondo

 

 
DonDialetto.it


Teniamo alta la BANDIERA
della STORIA, della TRADIZIONE, del DIALETTO di BARI,
ma senza...

Improvvisazioni - Errori - Strafalcioni - Scopiazzature - Alterazioni - Mistificazioni - Compromessi - Contaminazioni.

Il Dialetto,  innanzi tutto, è una cosa seria
(Grammatica, Scrittura, Lettura, Declamazione, Recitazione, Canto).

                                        
DonDialetto.it

La Voce... Il Suono... La Parola... La Gestualità... La Storia... Il Folclore...
I Racconti... I Canti... La Saggezza... Il Dialetto...
.La Pausì....
U Ndrattìine... U u-addòre... U Tiàdre... La Uascèzze...

 

DonDialetto.it

la BARESITÀ D.O.C. contributo al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione della Cultura Popolare e della Lingua Barese.

 

22 maggio 2015
Bari: Festeggiamenti in onore di Santa Rita 22-05-2015
21 maggio 2015
BARI STORIA: Posa della Prima Pietra, Chiesa Russa 22-05-1913/2015
20 maggio 2015
Sulle Ali della Libertà
19 maggio 2015
Lingua Barese: Pestrìgghie Pestregghiàte / Nguàcchie nguacchiàte / 4
16 maggio 2015
"LA VIDUA VIDUE" RICORRENZA PRETTAMENTE BARESE (1002-2015)
16 maggio 2015
FESTA DELLA BARESITA' - NUOVO TEATRO ABELIANO - 2015
13 maggio 2015
BARI: L'antico maggio barese: le maggiolate
11 maggio 2015
Dedicato al mese di Maggio, ai Baresi e Pugliesi
03 maggio 2015
BARI ILLUSTRATA: Maggio di Bari 1951-2015
27 aprile 2015
Lingua Barese, attraverso i giochi di strada dei bambini e ragazzi baresi
02 aprile 2015
Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
23 marzo 2015
Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 4
11 novembre 2014
Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
05 giugno 2014
COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
04 giugno 2014
PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
09 marzo 2014
Grammatica Barese: La i che cambia i suoni
16 novembre 2013
Lingua Barese: Problema Grafico - Denuncia dell'Accademia della Lingua Barese "Alfredo Giovine"
13 agosto 2013
CULTURA e DIALETTO BARESE
08 marzo 2009
NOVITÀ BIBLIOGRAFICA BARESE ASSOLUTA su INTERNET
  
Top 5 - Forum
therock - 29/10/11 20:38:26
Vi posto il link, tratto da youtube, del...
mauror58 - 01/03/11 13:24:37
egr.dott.desantis, vedo che ha fatto presto...
mauror58 - 06/01/11 11:01:18
Grazie Dott. DeSantis, mi scuso se non...
Gigi - 05/01/11 09:32:10
Gentile signor Mauro, ricambiamo con gioia...
mauror58 - 04/01/11 22:12:10
salute a tutti voi, sono nuovo del forum...

Bari: Festeggiamenti in onore di Santa Rita 22-05-2015
Inserito il 22 maggio 2015 alle 08:45:00 da Gigi. IT - Anniversario

 

La vite de Sanda Rite

- in lingua barese -

Rite da Cassce, nasscì o milletrecìindeuèttandùne (1381) a Roccheporène, nu paìse sperdute m-mènz’a le mendagne de la reggiòne Iùmbre (Umbra). Angore uaggnèdde, pe velendà de la mamme e du u-attàne, devendàte vìicchie, se spesò che nu ggiòvene d’u stèsse paìse, nu cèrte Pàule de Ferdenànde, ca tenève nu carattere violènde, iève nu carnètte, nu malacàrne, ca facève u sbrafande (lo spaccone) che ttutte  e pe ccusse fatte iève malviste da tutte, iìnd’e ffore du paìse.

Rite, che la delgèzza so, arrescì a convingiùue de ièsse cchiù bbuène, de penzà cchiù a la famìgghie, cchiù cchiù (soprattutto) acquànne nasscèrne le mìinzevènde (gemelli), dù fìgghie masque.

Ma ci-a da fà, iève capatòste, attaccalìte e na bbrutta dì fu accise iìnd’a nu vosche squarciàte che nu chertìidde. Rite, avvesate de la traggèdie, fescì scappanne o vosche e chiangì sop’o cuèrpe du marite, muèrt’accise. Ma le pène de la famìgghie non ièrne fernute angore percè le dù mìinzevènde cresscènne, velèvene pagghie pe ccìinde cavadde, pe vendecà u u-attàne e scèvene appurànne (indagando), velèvene sapè ce ffu cudde negasdè c’accedì u tatà lore.

Desperàte Rite, cu delore de mamme, ca sole na mamme pote capì, vedènne ca non iève cose de fà cangià cape a le dù figghie pregò tande Criste ca disse:

«Oh! Seggnore mì bbuène, mègghie muèrte chisse dù figghie, ca a vedèlle macchiàte de n’omecìdie grèsse grèsse».

La preghìire fu sendute da Gesù percè fu la vosce cchiù profonde p’u u-amore de na mamma desperàte ca non velève vedè le figghie delenguènde, chendannat’a mmorte e gedecàte pe l’etèrnetà o castighe devine. Le dù ggiùvene, non angore chiecàte da la delgèzze  e da le preghìire de la sanda mamma lore, merèrene accome stèven’a preparà la polve da spare,  appecciànne   zemborn’a ll’arie. Rite, dope cuss’alde delore atrosce, remanì sola sole a schendà nu cunde salate, pesande de la vite. Fu nu prìizze iàlde, ca pagò e ca u Seggnore velì avè da ièdde. Ma ièdde citta citte accettò e acchenzendì a la velendà de DDì. Remàste sole e vidue (vedova) iìnd’a la casa so, seffrènne p’u delore avute, dì pe ddì, u penzìire ca se velève achiùte iìnd’a nu chemmènde pe servì Criste, se facève sèmme cchiù fforte.

Na dì se presendò a le moneche e cchisse ca la canesscèvene pe qquande iève dolge, bbrave e bbone assà de core, dop’avèlle cchiù de na volde persuàse a nom begghià le vote pe ffasse moneche, facènne pezzinghe arrecherdà ca iève state mardate (sposata). Ma dope ca vedèrne ca Rite iève sèmme cchiù decis’a ffarse cape de pèzze (monaca), le moneche furene chestrètte a pegghiarasìlle che llore, grazzie pur’a le parole de le sandre: Geuànne Battiste, Aghestine e Necole da Tolendine, ca se facèrne sendì e vedè iìnd’o sènne e nge facèrne vedè la strate du menastère, facènnela trasì meraghelosamènde iìnd’o core de le moneche aghesteniàne, ca iìnd’a ccudde memènde stèven’a pregà e se la vedèrne a la mbrevìse (all’improvviso) m-mènz’a llore.

Rite fu na moneche totte nu pìizze, devote cchiù du dovute e nessciùne de le conzorèlle se pendèrne a ffall’a trasì iìnd’o menastère dedecàte a la memòrie de Marì Matalène Penetènde, percè vedèrne ca Rite, pure ièdde, se dedecò a la vite de penetènze, de preghìire e d’amore pe Gesù Criste veneràte cchiù cchiù o memènde cchiù granne de la piatà so, p’u-òmmene: La Gregefessiòne.

Gesù recambiò cudd’amore ardènde de Rite vèrse de Iìdde tande, iè vvèr’e ccèrte, ca vèrse u millequattecìindequarandatrè (1443), ndratànde ca Rite  pregav’a le pìite Sù, cchiù profondamènde de l’alde volde, nge feccò m-bbronde, na spine ca nge stambò na piàche marcate e deleròse, ca se la pertò finghe a la morte.

Cambò (Visse) pe nn’alde quattordeciànne (14) ndra sefferènze, preghìire, dessciùne, pe stà sèmme cchiù vecin’a CCrìste Gregefìsse.

Devendò subete famose dope la morte, merènne a CCassce u vindidù (22) masce du millequattecìindecenguandasètte (1457), cambanne pe settandasè (76) iànne e u nome sù, ca iève ggià sande pe le crestiàne ca venèvene ad aneràlle da tutte le paìse e le cetà du munne, devendòrne cu passà de le sèghele, pezzinghe a iòsce, sèmme de cchiù facènne grazzie a le malate, ma cchiù cchiù le meràgue cchiù mbossìbele (impossibili).

U vindiquàtte (24) masce du Millenovecìinde (1900) fu fatte sande feggialmènde (ufficialmente). Da la Chièsia Vatecane e da le paìse latine è sstate sopanomenàte “La Sande de le mbossìbele” accom’a ddisce la Sande cchiù SSande de le càuse desperàte. 

Padre, fìgghie e Spirde Sande

 

SANTA RITA

IX EDIZIONE DEI FESTEGGIAMENTI SOLENNI

NEL QUARTIERE SAN PAOLO

Sono iniziati già da ieri (21-05) i festeggiamenti, con il gruppo degli sbandieratori e timpanisti «Militia Sancti Nicolai» in onore di Santa Rita da Cascia nel quartiere San Paolo di Bari.

La festa è giunta alla nona edizione grazie alla devozione del giovane Michele Genchi, grato alla Santa per averlo salvato dopo essere rimasto coinvolto in un grave incidente stradale. Il programma della giornata prevede alle 7:00 il suono delle campane a festa seguito dai fuochi d’artificio, alle 11:00 l’esibizione della banda musicale, alle 17:00 la recita del Santo Rosario e dei canti in onore di Santa Rita, alle 18:00 nuovamente l’esibizione della banda musicale e alle 19:15 l’inizio dei festeggiamenti più suggestivi. Dopo il volo di 100 colombi ci sarà la Solenne Processione che partirà da via Candura, percorrerà via Ciusa e via Mazzoni per ritornare al luogo di partenza. Sul percorso i fedeli esporranno lenzuoli bianchi al balcone e lanceranno petali di rose. Al termine ci sarà la benedizione della statua di Santa Rita e delle rose, cui seguirà lo spettacolo pirotecnico.

Chiese di Bari che festeggiano Santa Rita:

Parrocchia Santa Rita, Via dello Scoglio, ex IV Circoscrizione: Ceglie del Campo…

Parrocchia Santa Croce, Piazzetta Frati Cappuccini 2, ex IX Circoscrizione: Murat…

Parrocchia San Carlo Borromeo, Via De Cristoforis 7, ex VIII Circoscrizione: Libertà…

Altre iniziative sono in corso in altri quartieri e in diversi condomini della città e paesi limitrofi della provincia di Bari.

 

Il racconto è stato trascritto e aggiornato con regole grammaticali dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Schede storiche e di cronache: «“La vite de Sanda Rite”», trascrizione in lingua barese a cura di Gigi De Santis, “Calendario Dalle Api alle Rose”, bimestrale del Monastero Agostiniano, Cascia (PG), 2008,  «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015); «VI edizione dei festeggiamenti solenni nel quartiere San Paolo», Luca Turi, www.lucaturi.it agenzia fotografia, Bari, 21 maggio 2011.

  Foto: Sanda Rite», fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

 

2ª  Foto: «Processione Santa Rita», fototeca, Nico Tomasicchio, Bari 2015 fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

  Foto: «Edicola Santa Rita», sito web: Luca Turi.it, Bari»;  fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

4ª  Foto: «Santa Rita da Cascia», sito web: debbysblog.splinder.com.; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Redazione Don Dialetto.it  - Bari


Commenti : 0 | Letto : 3 | Dettagli... (9 parole)

BARI STORIA: Posa della Prima Pietra, Chiesa Russa 22-05-1913/2015
Inserito il 21 maggio 2015 alle 09:45:00 da Gigi. IT - STORIA

La Chiesa Russa di Bari

Posa della prima pietra

22 maggio 1913

 La conferma data dallo stesso rettore del patriarcato di Mosca a Bari, padre Vladimir Kuchùmov è:  «La Chiesa Russa, ufficialmente, passa ai russi». Lo storico passaggio è avvenuto in occasione della visita del presidente russo, Vladimir Putin, mercoledì 14 marzo 2007, nel capoluogo pugliese. Nel programma delle visite: Basilica di San Nicola, Castello Svevo, Prefettura, non poteva non essere inclusa la Chiesa Russa, nel cuore del rione Carrassi in Corso Benedetto Croce. Il Comune ha avuto come contropartita, dal governo italiano, la proprietà dell’intera aerea del «Campo Rossani».

La storia del monumento russo-ortodosso di San Nicola visitato con crescente frequenza da pellegrini e studiosi di tutto il mondo dimostra di essere sempre più un vivo polo d’attrazione (per i pellegrini russi ha sempre rappresentato il terzo luogo sacro dopo Roma e Gerusalemme). Purtroppo, la storia dell’originale complesso è conosciuta da pochi baresi. Nel presente articolo do un cenno a proposito della costruzione e delle vicissitudini che per centodue anni hanno contribuito, direttamente e indirettamente, ad un altro interessante periodo di storia locale.

 Animatore, di tale risveglio sia per interessi religiosi sia culturali fu l’ingegnere monsignor Igor Znatckowski, sovrintende al tempio con il grado di rettore. Nacque a Kiev, in Russia nel 1896, giunse a Bari nel 1965 per sostituire padre A. Kopetzky (1939-1964) e vi rimase fino alla fine di giugno 1980. Morì a Parigi, nell’ospedale di Saint Michel il 9 luglio 1980. Promosse e rilanciò il culto dei fedeli sparsi in tutto il mondo e che vedevano nella Chiesa Russa di Bari anche per la presenza nella nostra città delle reliquie di San Nicola, un autorevole punto di riferimento. A lui va il riconoscimento, insieme ai giovani di Azione Cattolica, con il sostegno finanziario del Comune, dei padri domenicani e dell’allora priore della Basilica, padre Leonardo Leonardi (Preòr 18-07-1920/Bari 18-07-1999), di ristrutturare la cupola e migliorare le strutture interne.

Il fiabesco gioiello architettonico stile Novgorod, con la caratteristica cupola «Iukoviza» (cipolla) coperta di tegole di ceramica verde e con globo crucifero dorato è il conseguente ripiego d’inefficaci tentativi fatti presso il Vaticano per portare in Russia le ossa di San Nicola. Si pensò perfino di dare carta bianca a un fidato ed energico granduca russo perché si portasse a Bari per tentare l’impossibile. Egli si presentò anche al Sindaco e, dopo un lungo colloquio infruttuoso, avanzò un’incredibile richiesta.

Pose sotto lo sguardo freddo di Giuseppe Signorile il blocchetto degli assegni ed esclamò come se implorasse una grazia: «Sono disposto a pagare qualunque somma. Scrivete la cifra che volete, ma consentitemi di portare in Russia le ossa di San Nicola».

Il primo cittadino barese invece di «sciogliersi» restò di ghiaccio. Ripresosi dallo sbalordimento e con un indulgente sorriso, rispose di slancio: «“Ma sit’assute matte?”» (Vi rendete conto di quello che avete detto?). I russi però, non disarmarono e stabilirono di costruire a Bari un tempio con annesso ospizio per pellegrini, affidandone la realizzazione alla «Società Imperiale Ortodossa di Palestina» con sede a Pietroburgo, che forte della protezione morale e finanziaria dello zar Nicola II acquistò un appezzamento di terreno di circa 14.000 metri quadrati in Via Carbonara il 30 luglio 1911.

Progettato dall’ing. Wsievolod Subbotin, il maestoso edificio fu concesso in appalto all’impresa barese dell’ing.  Matteo Ricco di Nicola

Il giovedì del 22 maggio 1913 (data non scelta a caso perché quel giorno, per il calendario  russo è il 9 maggio, mentre da noi si festeggiò il «Corpus Domini»), alle ore 17:30 si pose la prima pietra, presenti il principe russo Zevachov accompagnato da una delegazione russa: gli arcipreti Flerov e Fedotov, il segretario d’ambasciata Mjasoedov, il vice console Jur’ev; il sindaco di Bari Sabino Fiorese, l’intero consiglio comunale e rappresentanti del consiglio provinciale.

La chiesa fu consacrata il 24-12-1913 e il primo rettore fu nominato, nella primavera del 1914, Basilio Kulakov, mentre la struttura venne completata nel 1915, ma non sarà mai inaugurata, a causa della prima guerra mondiale e della rivoluzione russa nel 1917. Il complesso, poco più di 100 metri ed è largo una quindicina, comprese una raccolta chiesa dedicata a San Nicola, una settantina di locali, un bel giardino e lindi viali.  In seguito, l’immobile fu oggetto di una lunga e complessa vertenza giudiziaria, iniziatasi nel 1922.

Nel mezzo della disputa giudiziaria, nell’anno 1931 la chiesa fu data in fitto al Comune per adibire parte dei locali a una scuola materna «Vittorio Veneto» e l’istituto per l’infanzia «Michele Diana».

Dopo alterne vicissitudini durate più di tredici anni, la corte d’appello di Bari, con sentenza del 15 febbraio-26 marzo 1935, riconobbe la Società Russa di Palestina, unica proprietaria dell’immobile, nei confronti di un’altra istituzione russa. Seguirono difficili trattative e complessi accordi con le parti in dissidio, prima che il complesso divenisse definitivamente bene comunale il 3 luglio 1937. Gli accordi e gli impegni furono di mantenere, nella chiesa annessa, l’esercizio del culto ortodosso per mezzo di un sacerdote, di una suora e di un sacrestano.

Fin qui le notizie apprese dagli storici: Alfredo Giovine, padre Gerardo Cioffari e Vito Antonio Melchiorre.

Il 6 aprile 1973, un violento incendio distrusse il tetto dell’ala della Chiesa Russa che si affacciava sul giardino pubblico, causato da un cannello ossidrico durante i lavori di restauro. Come suaccennato, nonostante il colpo mancino, padre Igor, non si perse d’animo e riuscì a riparare i danni. Dopo la sua morte però, buona parte del complesso fu abbandonata dall’amministrazione civica e dalle istituzioni che vi avevano sede. Il 14 luglio 1987, stanchi di sentire solo promesse, il «Centro Studi per l’Educazione Permanente» (presidente Gino Apicella), sensibilizzò i cittadini del quartiere Carrassi per protestare contro un assurdo e inconcepibile degrado a un singolare monumento, unico esempio di architettura orientale, nell’Europa occidentale considerato patrimonio pubblico. Protestarono con un gran gesto culturale producendo un concerto sinfonico eseguito dall’orchestra dell’amministrazione provinciale diretta dal m° Enrico Mariani, insieme a una mostra di pittura. Una seconda e massiccia adesione di cittadini avvenne il 27 novembre dello stesso anno, davanti alla Chiesa Russa, con una fiaccolata protestando ancora una volta contro il pessimo degrado della Chiesa e i suoi giardini. 

Nell’aprile 1988 dopo anni di battaglie e d’incredibili lungaggini burocratiche iniziano i lavori di restauro solo per la Chiesa Russa ignorando i giardini. Nel febbraio 1989 si notano che i lavori di restauro riguardano solo per l’ex istituto «Diana» e della scuola materna «Vittorio Veneto». Per l’occasione, la circoscrizione Carrassi-San Pasquale in collaborazione con l’ADIRT (Associazione per la Difesa degli Insediamenti Rupestri e del Territorio) pubblicarono un libretto; una monografia sulla Chiesa Russa (testi del prof. Nino Lavermicocca e dell’arch. Davide Cusatelli, presentazione della prof. Teresa De Feo, presidente della VI Circoscrizione) per attirare l’attenzione sul tutto il complesso edilizio bisognoso di un profondo e urgente restauro, sia esterno, sia interno, e non solo in parte.

Dal 1989 fino al 1998 i lavori di restauro sono più volte sospesi, Comune e Circoscrizione, si giustificano con risposte evasive circa i tempi di consegna. Nel frattempo, nel mese di luglio del 1995, circolarono voci, che lo Stato russo rivendicava la proprietà della chiesa offrendo al Comune di Bari 450 miliardi di lire. Si sa presto che è una bufala. Il 23 novembre 1998, viene firmato un protocollo dove buona parte del tempio della chiesa Russa è restituito agli ortodossi di Mosca diventando un punto di riferimento per milioni di pellegrini.

Il 28 maggio 1999, finalmente, dopo i lavori di restauro, il sindaco Simeone Di Cagno Abbrescia inaugura la struttura totalmente rinnovata anche nei giardini. Buona parte dei locali sono occupati  dalla sede della VI Circoscrizione Carrassi-San Pasquale.

Il 4 gennaio 2000, Pierre Catacuzène, vescovo della comunità ortodossa «in esilio», rivendica il diritto di continuare a gestire la struttura.

Il 18 e 19 marzo 2000 in occasione della «VII Giornata di Primavera» a cura della sezione barese FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano) una società senza fini di lucro, organizza per due giorni la visita nella Chiesa Russa, la più importante in Europa per promuovere la conoscenza e la frequentazione di un monumento affascinante. L’ingresso libero è stato un successo di visitatori, molti dei quali per la prima volta hanno ammirato i tesori ortodossi.

 

  

Dal 1 dicembre 1999, come riferito all’inizio dell’articolo, il rettore della chiesa Russa è padre Vladimir Kuchùmov. Nel calendario barese, il 14 marzo 2007 è diventata un’altra indicativa data storica con la venuta del capo dello stato russo Vladimir Putin. Con la sua presenza si è rafforzato di molto la collaborazione tra i due Paesi. La consegna della chiesa russa agli amici di Mosca programmata per il 6 dicembre 2008, festa di San Nicola, è rimandata per la morte del patriarca Alessio II (5-12). 

Il trasferimento ufficiale avviene 1° marzo 2009 a Bari, alla presenza del presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano che incontra il nuovo presidente della Federazione Russa Dimitrij Medvedev per la storica consegna delle chiavi della Chiesa russo-ortodossa di San Nicola, con una solenne cerimonia nella Chiesa Russa e, subito dopo, nella Basilica. Con il presente evento viene rafforzato l’unione delle religioni Cattolica-Ortodossa confermando ancora una volta che Bari era, è e sarà la Città Santa, la Città di San Nicola di tutte le religioni d’oriente e d’occidente. 

Bibliografia ed emerografia: Alfredo Giovine, «La Chiesa Russa, perché fu costruita», La Gazzetta del Mezzogiorno, Bari 28-09-1979; Alfredo Giovine, «Bari dei Fanali a gas», Edizioni Fratelli Laterza, Bari, 1982; Nino Lavermicocca/Davide Cusatelli, «La Chiesa Russa» (a cura dell’A.D.I.R.T.), Edipuglia., Bari, 1989; Gerardo Cioffari «Viaggiatori Russi in Puglia dal ’600 al primo ’900», Schena Editore, Fasano (BR), 1991; Vito Antonio Melchiorre, «Le Strade di Bari» (Vol. 1), Ed. Periodici Locali Newton, Roma 1994;  Liborio Lojacono «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari 17-06-1994/28,29-05-1999; Elio Matarrese, «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari 19-03-2000; Vito Antonio Melchiorre, «Note storiche su Bari», Ed. Levante Editore, Bari, 2001; Carlo Stragapede, «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari 7-01-2000/8-01-2009; Gigi De Santis, «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari 19-05-2013.

e  Foto: «Chiesa Russa-Posa della prima pietra / Padre Igor / Chiesa Russa-Fine anni Venti». Libro, «Bari dei Fanali a Gas», Giovine Alfredo, Edizioni F.lli Laterza, Bari 1982;  fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Foto: «Chiesa Russa-anni Trenta», fototeca, Felice Giovine; «Chiesa Russa-Interno»; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Foto: Libro, «Bari», Vito Buono/Angela Delle Foglie, Levante Editore, Bari, 2003; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Foto: «Chiesa Russa - panoramica», Cartoline, 1985, 1987, 2000, Edizioni: G:M., Milano / Matca, Bari / Smoking 2000 Bari, fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Foto: Bari; «Chiesa Russa-Statua San Nicola», Archivio fototeca,  Nico Tomasicchio,  Bari, 2013;fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Storia, Folclore e Lingua Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 7 | Dettagli... (9 parole)

Sulle Ali della Libertà
Inserito il 20 maggio 2015 alle 17:06:00 da Gigi. IT - Locandine


Commenti : 0 | Letto : 8 | Dettagli... (9 parole)

Lingua Barese: Pestrìgghie Pestregghiàte / Nguàcchie nguacchiàte / 4
Inserito il 19 maggio 2015 alle 11:55:00 da Gigi. IT - Errori Dialettali

Lingua Barese: Errori dialettali  / 4

Prontuario degli errori più comuni in lingua barese

Per comodità del lettore, si è pensato di presentare il vocabolo, la locuzione o la frase, scritta prima in lingua barese corretto in grassetto, tra virgolette alte  “ ” ,  seguito dalla trascrizione in italiano  in corsivo tra parentesi  ( ). Mentre gli errori vengono evidenziati tra virgolette basse - «» -, preceduti da - e no - o - peggio ancora - in grassetto.

Grazie alla pubblicazione dell’autorevole volume «Il Dialetto di Bari» (Guida alla grammatica) dello storico, demologo e linguista Alfredo Giovine a cura di Felice Giovine e con gli studi permanenti dell’ «Accademia della Lingua Barese Alfredo Giovine”», oggi si può scrivere ordinatamente con regole grammaticali disciplinando in un’unica scrittura, semplice e uniforme.

Buona lettura e riflessione

1) “Iè bbrutte cusse dialètte nèste” (È brutto questo nostro dialetto);  - e no - «jè brùt cùss dialètt nèst ».

Se è scritto come evidenziato nell'errore, il dialetto barese sarebbe veramente brutto. Le parole terminano sempre con la vocale (e) atona e non con una consonante. Peggio ancora con la consonante straniera (j=gei).

2) “Fresole”, “Scangellisce”, “Pedresìne” (Padella), (Cancelli), (Prezzemolo);  - e no - «Frsol», «Scancellisc'»«Pdrsin».

Fresole” “Pedresìne” scritte senza la vocale (e) atona, sia nel corpo sia in finale di parola, in barese, non si possono pronunciare con tre o quattro consonanti di seguito. Il gruppo consonantico (nc), in barese si tramuta in (ng)

3) “Chiangiamìuue (Mi piangi addosso; piagnone) - e no - «Chiangiaminue», «Chiangiamignue» -

Ancora oggi. nonostante, nei precedenti anni, Felice Giovine e Gigi De Santis, due degli studiosi dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”» hanno tempestivamente denunciato e corretto la grafia del vocabolo soprascritto sui giornali locali e in modo particolare su «La Gazzetta del Mezzogiorno», in trasmissioni radiofoniche e televisiva e su WEB, si continua a scrivere e pronunciare erroneamente Chiangiamìuue”... “Acquànne av'a fernèssce chèssa canzone de scrive oggnune accome vole barèse?.

4) “La gaddine fasce l'ove e o gardìidde ngi-abbrusce u cule(La gallina fa le uova e al gallo gli brucia il deretano),  - e no - «La galline fasc l’ove e o galle g’ abbrusc ’u cule ».

Un misto tra un italianizzato e... ostrogoto. Invece la Lingua Barese, sia scritta sia orale, è musicale. 

5) “Cazzecùmmere”, “capafrèscke”, “checchevàsce”, “chenèsse” (Capitomboli), (testa fresca),  (civetta), (calciare forte il pallone) - e no - «kazzekumm», «kapafresck», «kekkevasce», «kenèsse».  

La consonante straniera (k), nell'ortografia barese fa parte esclusivamente del gruppo (sc=sck) per distinguere e pronunciare, con un suono diverso dagli altri segni come (sch), (sca), (scu): sckeppètte (fucile a canna corta) da schepètte (spazzola); sckattà (scoppiare) da scattà (scattare); sckute (sputo) da scude (scudo).

Continua... 

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”

(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese) 


Commenti : 0 | Letto : 6 | Dettagli... (9 parole)

"LA VIDUA VIDUE" RICORRENZA PRETTAMENTE BARESE (1002-2015)
Inserito il 16 maggio 2015 alle 12:55:00 da Gigi. IT - Ricorrenze Notevoli

Domenica 17 maggio 2015

LA VIDUA VIDUE

Ricorrenza storica prettamente barese

 

Vidua Vidue

Iève bbèlle chèdda fèste   

Iève bbèlle chèdda fèste

Breggessiòne e ttutt’u rèste,

Breggessiòne e ttutt’u rèste.

Vidua Vidue se chiamàve

A la dì de l’Asscenziòne,

BBare vècchie reveldàve.

 Se sparave cu cannone.

Quanda ggènde accherrève

Do Fertine pe trè vvolde 

Chèdda dì de premavère, 

Sicche sicche ièv’u colpe:

De Barise stève chìine

«La vì, la vì, la vì»,

La Meràgghie e u Fertine.

A la palle se decì.

   

Se vennève tutte cose,

Fu nu fatte de tand’anne,

Melengèdde e la gazzose.

Che Venèzzie ngi-aitàmme

Salatìidde, spassatìimbe:

A caccià le Saracìne,

Fave, cigger’e semìinde.

Negasdè e assassìne.

Le famìgghie tutt’aunìte,

Iève bbèlle chèdda fèste

Le uaggnèdde che le zite,

Breggessiòne e ttutt’u rèste,

Pò la “BBanne de chiacùne”

La Meràgghie a le Barise

Devertève le uaggnùne.

Nge parève u paravìse.

Mò le tìimbe sò cangiàte,

Tutt’è state trascuràte,

Ma cchiù fforte am’a leccuà:

«Vidua Vidue ha da ternà».

 
Gigi De Santis

Mantenere viva la memoria per diffondere un evento eccezionale che ha segnato uno dei periodi più rilevanti della storia di Bari, è un invito indeclinabile verso la nuova generazione barese. Una ricerca che sarà sempre più aggiornata nell’intento di far conoscere un avvenimento singolare per la cultura popolare e non barese. Soprattutto è un augurio e un messaggio preciso alle istituzioni locali che possano far riuscire finalmente, dopo molti anni, a ripristinare una festa che è stata una delle più rare ricorrenze notevoli.

Ebbene l’anno scorso, 18-19 ottobre, grazie all’ispiratore, lo scrittore  Vito Antonio Loprieno, in collaborazione con Paola Di Marzo e Luigi Spezzacatene, presidente e vicepresidente della nuova associazione “La Vidua Vidue”, si è ripristinata la festa storica-folclorica partendo con ‘numero zero’ che ha avuto molto successo fra baresi. La rievocazione della prima edizione 2015 già partita ad aprile scorso, avrà per domenica 27 settembre, finalmente, sarà fatto dono alla città, la posa in opera del recupero della lapide in marmo con l’iscrizione dello storico e poeta barese Armando Perotti (Bari, 1-02-1865 / Cassano delle Murge 24-06-1924), suggerita dal sottoscritto alla soprascritta Associazione; una targa del 1906 che riporta la motivazione del cambio di nome di Via Delle Mura in Via Venezia. Mentre il clou dell’evento avverrà nei tre giorni, dal venerdì a domenica 16 / 18 ottobre.

Una delle singolari ed espressive feste popolari baresi, ormai scomparse, era la “Vidua Vidue” molto seguita con grande entusiasmo dalla cittadinanza, come più volte scrisse lo storico e demologo Alfredo Giovine e, soprattutto, nell’interessante e raro libro «La Vidua Vidue – L’assedio saraceno di Bari del 1002 e l’intervento veneziano – Bari, ATPB, 1965» (Nel 1992 c’è stata una ristampa pubblicata dall’editore Franco Milella di Bari, mentre nel dicembre 2009, a cura di Felice Giovine è stata pubblicata la 2ª edizione, Bari, Stilo Editrice).

Giovine ha corretto strafalcioni e inesattezze di storici, frettolosi cronisti, estranei all’ambiente popolare e altri meno specialisti che si sono occupati dell’episodio in modo approssimativo, in altre parole «per sentito dire». Ancora oggi i sopraccitati volumi sono più che mai d’attualità perché si notano in giro pubblicazioni, articoli, persone che si spacciano esperti di storia patria e associazioni culturali che hanno un sito web occupandosi dell’argomento commettendo errori madornali sia sulla vicenda storica sia per quanto riguarda la definizione corretta della locuzione grammaticale barese “Vidua Vidue”.

 

Per ricordare il particolare avvenimento, per secoli i baresi, nel dì dell’Ascensione festeggiavano la festa chiamandola “Vidua Vidue” per far coincidere la ricorrenza con quello dello «Sposalizio del Mare» volgarmente detto “Festa della Sensa”. Una manifestazione spettacolare, che si organizza tuttora nella città di Venezia, per ricordare la vittoriosa impresa di Orseolo II contro i narentini (popolo trasmigrato dalla steppa sulle sponde dàlmate del fiume Narenta) nell’anno 997. Impresa che ebbe inizio proprio nel giorno dell’Ascensione. Ecco spiegato il perché i baresi festeggiavano l’avvenimento storico nel predetto giorno festivo (e no il 15 agosto, come alcuni hanno scritto). La manifestazione della “Vidua Vidue” significava: «Saluto di Bari a Venezia», nel ricordo e per riconoscenza alla città lagunare. Questa gratitudine verso la città sorella, in seguito, fu rafforzata anche con l’usanza di sparare tre colpi di cannone.

L’espressiva manifestazione ebbe il culmine nei periodi anni VentiTrenta dove i baresi aggiunsero, nell’occasione del 13 maggio 1920, un altro termine popolare: «Festa degli ombrellini» perché le donne oltre a indossare i primi abiti candidi e leggeri, consacrando la festa anche all’inaugurazione dell’estate, arricchirono l’abbigliamento con cappellini e l’immancabile ombrellino che, in quell’anno se ne videro veramente tanti, mentre gli uomini “se ngeggnàvene la pagghiètte” (indossavano la paglietta).

Il popolino a ogni colpo riteneva di vedere il proiettile cioè la palla nella sua traiettoria, soprattutto quando cadendo in mare sollevava una colonna di acqua schiumosa e gridava esultante: “La vì, la vì, ddà ha cadute la palle de cannone” (Vèdila, vèdila, lì è caduta la palla di cannone). La locuzione in questione che ebbe origini e intenzioni caricaturali, rimase celebre anche in chiave seria ed è da legarsi a tale festa e si riferisce prettamente alla palla di cannone e non come ho rilevato in alcuni libri e articoli di giornali, di ieri e di oggi: «che all’arrivo delle galee veneziane di circa mille anni fa il popolo avesse accolto le navi con parole dialettali che si usano oggigiorno».

 Per secoli fu una ricorrenza civile e religiosa organizzata sin dal primo mattino nel giorno dell’Ascensione, al suono di allegre marcette eseguite da bande cittadine che svegliavano i baresi, fra le quali la popolarissima “bbanne de le chiacùne” (banda dei fichi secchi) la più seguita dai ragazzi che la precedevano abbandonandosi a ogni sorta di capriole (“cazzecùmmere”) e di salti acrobatici in segno di festa. Oltre alle bande musicali, la popolazione veniva avvertita anche dai banditori: nell’Ottocento da “GGiàgheme u tèrte” (Giacomo lo storpio) e, in seguito, da “Maurùcce” (Mauruccio). Questi richiamava l’attenzione con il suo scampanellare e con il proprio saper dire spesse volte con frasi argute: “Dlìn, dlìn, dlìn,… Uè fèmmene, masque, mardate, nzerate, vacandìne e mmìinze chichì, sfelgìdeve le rècchie do pedresìne ca tenite e sendite. Stamatìne o muèle vècchie sop’o Fertine, honn’a sparà cu cannone o mbressàglie m-mènz’a mmare. Sciàt’a vedè. Da sop’a la Meràgghie, do Fertine a VVagghie Vagghie (soprannome di un panettiere di nome Pasquale Violante che ebbe il negozio sulla Muraglia in Vico Forno Santa Scolastica al numero civico 8. Di recente, Felice Giovine ha scoperto che il soprannome “Vagghie Vagghie” fu invece affibbiato a un altro panettiere, Onofrio Fanelli, proprietario di un negozio di pane e farine, alle spalle del seminario -Cattedrale-), se pote vedè la fèste de la Vidua Vidue… Dlìn, dlìn, dlìn,… U seggnore Sinneche disce de nom mangà. Pertate tutte le verrùggue (cavallette, in senso figurato: bambini) e le uaggnèdde vacandì (nubili) acchesì se iàcchiene u zite e se podene mètte a state de munne (sposarsi). E cche cchèsse, bbuèn’allègre a ttutte. Dlìn, dlìn, dlìn…”. Così, di buona lena, i cittadini si portavano lungo la Muraglia e sugli scogli che andavano dal bastione di Santa Scolastica, al Fortino di “Sand’Andè” (Sant’Antonio abate) e “sop’o muèle vècchie” (porto vecchio). I venditori di nocelle, ceci, fave arrostite, semi di zucca, lupini, cedri, limoni, palloncini, aquiloni, ventagli, gassose, raggiungevano in fretta il loro posto di vendita spingendo carretti carichi di mercanzie. Qui, i baresi cercavano di sistemarsi ben bene riparandosi dal sole con ombrelli, con tende improvvisate o con grosse paglie. Ingannavano l’attesa rosicchiando “u spassatìimbe” (fave, ceci e semi di zucca), “melengèdde” (cedro, frutto con corteccia abbastanza spessa che era acquistata soprattutto dai giovani tenendola fra le mani con molta evidenza perché la “melengèdde” costituiva un augurio per chi non era impegnato in una promessa d’amore); “salatìidde” (lupini salati) e bevendo gassose e “zambune” (altra specie di gassosa più rozza, con triplice dose di anidride carbonica). Mentre, qualche cantastorie e negli anni successivi, qualche «pianino» facevano sentire canzoni in voga offrendo per un soldo i versi stampati su foglietti di carta “leccuànne” (gridando): “È bbèlla a lèggere, aveto tutto il fatte e l’indera storie”. Non mancavano le liti per una contesa di un posto o per la corte mal gradita verso qualche ragazza... 

 

 ... Il 26 ottobre 2002, in occasione della ricorrenza millenaria, l’assessorato alla Cultura del Comune di Bari organizzò un convegno per ricordare l’importante avvenimento dove intervennero storici e studiosi di Bari e di Venezia: il prof. Giorgio Fedalto, dell’Università di Venezia, il prof. Pasquale Corsi, dell’Università di Bari, lo studioso Nicola Bux, dell’Istituto Ecumenico di Bari, il dott. Michele Mascolo, vicepresidente «Enec» e i cultori, Ferdinando Adornato, Franco Cardini e Marcello Veneziani

Il 6 novembre, anche il «Centro Studi Nicolaiani» diretto da padre Gerardo Cioffari organizzò una conferenza sull’interessante periodo storico con gli interventi degli studiosi, Michele Sforza e Luigi Bressan.

L’Università della Terza Età «Puglieuropa» e gli alunni della scuola media statale «Michelangelo» di Bari, nel 2002 e agli inizi dell’anno seguente, raccolsero molte firme fra gli studenti e i cittadini per ripristinare la festa della “Vidua Vidue” nel giorno dell’Ascensione, ma il nobile gesto non fu accolto dalle istituzioni.

Vano è stato anche il mio appello attraverso il quotidiano «La Gazzetta del Mezzogiorno» del 31 maggio 2003 «“Vidua Vidueridateci quella festa» invitando le istituzioni, gli studiosi, i cultori, i poeti, gli artisti e i cittadini, il primo giugno (festa dell’Ascensione), a riunirsi davanti al Fortino contribuendo con i loro ricordi, testimonianze, aneddoti, poesie, articoli, fotografie, ecc., tenendo viva la nostra festa, una delle tradizioni, se non unica, perché prettamente barese.

Il messaggio e l’augurio, che puntualmente lancio ogni anno è che si ripristina totalmente l’affascinante festa popolare incominciando ad apporre all’inizio di Via Venezia ad angolo di Piazza del Ferrarese, la lapide che propose lo storico e scrittore barese Armando Perotti. Può essere sicuramente un bel biglietto di visita a far sì che finalmente si ridà vita a sì lieta festa legata a un episodio significativo della storia cittadina. Come  ho scritto all'inizio del presente articolo, il messaggio è stato accolto dalla nuova costituenda associazione “La Vidua Vidue”. L’epigrafe che fu dettata dal Perotti è la seguente:

QUESTA VIA

CHE SI DISSE DELLE MURA

IL POPOLO ED IL CONSIGLIO BARESI

VOLLERO INTITOLATA

A VENEZIA

FEDELE SORELLA

CHE PER LE VIE SOLENNI DEL MARE

QUI VOLSE IN OGNI TEMPO

PAROLE ED OPERE

DI LIBERTÀ E DI GRANDEZZA

OGGI 24 MAGGIO 1906

COMMEMORANDO PER GENTIL COSTUME

LA GESTA LIBERATRICE

DEL 18 OTTOBRE 1002

BARI AFFIDA AL NOME GLORIOSO

I RINNOVATI AUSPICI

DELLA SUA FORTUNA

Per una approfondita ricerca sulla singolare festa barese  

Fare clic su canale «Folclore» categoria “Vidua Vidue”.

La poesia di Gigi De Santis è stata scritta e aggiornata con regole grammaticali dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Il componimento poetico è stato più volte pubblicato nei seguenti periodici, riviste e quotidiani locali:: «Rassegna delle Tradizioni Popolari di Puglia, Basilicata e Calabria», a cura del prof. Franco Novilello (1924-2011), Gravina in Puglia (BA), Aprile-Giugno 1994; «La Repubblica», Bari 18-10-2001; «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari 31-05-2003; «Calannàrie Barèse Dumìle e DDèsce», Gigi De Santis, Edizioni Tirsomedia, Bari 2009; Gigi De Santis, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2014). 

Per altre poesie sulla “Vidue Vidue

Fare clic su canale «Liriche» categoria “U mmiscke”, sezione <Vidua Vidue>.

Foto: «Sipario Teatro Petruzzelli»,  Libro, «Raffaele Armenise», Giuseppe Lucatorto, Schena Editore, Fasano (BR), 1987; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Foto: Copertina, libro «La “Vidua Vidue”», Alfredo Giovine, Edizione, «Biblioteca dell’Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi», Bari  1965; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Foto: «Presentazione libro La “Vidua Vidue” Facoltà di Lettere e Filosofia all'Università degli Stufi di Bari»,  fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

  e 6ª  Foto: Libro «La “Vidua Vidue”», Alfredo Giovine, Edizione, «Biblioteca dell’Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi», Bari  1965; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Foto: Copertina, libro «La “Vidua Vidue”», Alfredo Giovine, a cura di Felice Giovine, Stilo Editrice Baresi», Bari  2009; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Foto: «La Meràgghie, Via Delle Mura», Archivio fototeca,  Nico Tomasicchio,  Bari, 2012; fototeca,«Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Foto: «Epigrafe commemorativa, Fortino Sant’Antonio abate 2001», fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis (1976-2015).

Storia, Folclore e Lingua Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 11 | Dettagli... (9 parole)

FESTA DELLA BARESITA' - NUOVO TEATRO ABELIANO - 2015
Inserito il 16 maggio 2015 alle 10:15:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Festa della Baresità

 

PIEDIGROTTA BARESE 2015

 

NUOVO TEATRO ABELIANO

 

29 maggio ore 21:00


Commenti : 0 | Letto : 10 | Dettagli... (9 parole)

BARI: L'antico maggio barese: le maggiolate
Inserito il 13 maggio 2015 alle 12:15:00 da Gigi. IT - Maggio di Bari

Tradizione scomparsa

Le maggiolate

Antico Maggio Barese

 

E veniva Maggio a offrire Rose, amore e... San Nicola

Maggio barese, mese di San Nicola. Le rose si risvegliavano dal lungo letargo e si schiudono con la loro sgargiante bellezza parlando all’uomo con arcano linguaggio, linguaggio d’amore.

La rose disce a mmagge:

«Tu sì u-amòre mì

Sò state n’anne achiùse

E a ttè me vogghie aprì.

 

Te vogghie aprì u core

Nu core de reggine

Ca o rrè nge dà u-amòre

E a ll’alde dà le spine.

 

U vìirne c’ha passate

M’ave gelate u core

Stringeme forte a ttè

E abbrusceme d’amore.

 

Magge, tu sì la vite

Magge, tu sì u-amòre

Magge du core mì

Vìine cu sole d’ore.

 

Vìine che ll’aria nètte

Vìine cu cìile blù

Vìine che ll’àngeue sande

Mannate da Gesù

 

A benedìsce BBare

Frastìire e pellegrìne

U mare e la gambagne

Le fiùre e le ciardìne.

 

Acquànne vìine tu

Arrive la paranze

De fète e de speranze

Du sande Pretettòre.

 

Sanda Necole nèste

La grazzie ngi-ha da fà

Da male e da desgràzzie

Tìinge lendane assà».

 

E così il mese delle rose ha continuato da tempi lontani a identificarsi con San Pietro in Bari Vècchia.

 

 Qui poeti dialettali estemporanei si radunavano per decantare e celebrare il più bel mese dell’anno. Partecipavano popolani indossando sgargianti vestiti adatti alla circostanza. Agitavano piccoli mazzi di spighe di grano, rami fioriti o con i primi frutti, specie ciliegie e altre primizie.

I fiori di campo erano indicati per far ghirlande, corone e adornate finestre ed inferriate della piazza. Papaveri, margherite, “vasenecòle” (basilico) ed altre piante decorative e odorose creavano una gioiosa atmosfera che allietava una festa popolare tendente a rinsaldare lo spirito di convivenza della comunità cittadina.

Giacinto Gimma, l’abate che, nel 1727, scriveva fra l’altro: « (…) Nella città di Bari le Maggiolate anche ai nostri tempi si veggono. Sogliono alcuni villani poeti, privi affatto di lettere, cantar il ‘Maggio’, come essi dicono, nei primi e nei seguenti giorni del mese e conducendo seco qualche coppia di buoi adornati, cantano con suoni per le strade e avanti i palagi valendosi dei quaternari con distici rimati e della propria lingua volgare del paese, e con un ramo anche di olivo tutto adornato con nastri di seta, con spiche di grano o con sonagli di argento che legano su la testa di un bue o portano nelle mani augurano buona fertilità della raccolta, onde ne ricavano qualche lucro dalla mercede che gli vien data ove cantano, e sono questi i poeti che ‘improvvisatori’ si appellano. Così le ‘Mattinate’ pur fanno in ogni tempo altri simili poeti anche senza lettere ed esercitando quest’arte usano pure la stessa lingua popolare e la forma dei quaternari o delle ottave rime».

Si cantava e si danzava al suono “du tammerrìidde” (tamburello) e “de le castaggnòle” (dallo spagnolo castañuela: nacchera). Sbocciavano idilli, fiorivano amori che portavano a felici conclusioni.

Melanconiche o tristi eccezioni potevano verificarsi. Nei vicoli la musa analfabeta cantava per una madre delusa o per un innamorato amareggiato:

Sò state iànn’e mmise a cherà na rose

Nessciùn’avute ardire d’alzà na mane;

Ha menute nu frastìire da lendane,

S’acchegghiùte la rose che ttutte u rame.

Il nostro spirito popolare, pur avendo mantenuto i suoi valori espressivi nei limiti della forma modesta, viene oggi da alcuni ritenuto dissolto, il che non è vero perché la sua anima, l’anima barese, non morirà mai.

L’ortografia dialettale inserita nell’articolo è stata trascritta e aggiornata con regole grammaticali dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Note bibliografiche: Alfredo Giovine, Quotidiano “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari 26-04-1989; Alfredo Giovine, Libro, «C’era una volta Bari», Edizioni Fratelli Laterza, Bari 1982;  “U Corrìire de BBàre”, Magge 2011, Felice Giovine (Direttore responsabile); Giacinto Gimma, «Idea della storia dell’Italia letteraria», Cacucci Editore, Bari 2011;  Gigi De Santis, Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore (1976-2015). 

Foto: “La rose”, estratta dal  «Manifesto: Maggio di Bari - Gino Boccasile 1951»,  Archivio fototeca, Felice Giovine; fototeca Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Foto: «Piazza San Pietro», Libro, “Bari belle époque”, Alfredo Giovine, Schena Editore, Fasano (BR) 1989; fototeca Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

  Foto: «“U masce”», Libro, “Puglia-Terra e mare”, Lorenzo Capone, Capone Editore / Edizioni del Grifo, Cavallino (LE) 2006; fototeca Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Foto: Le rose», Libro, “I 120 anni della Camera di Commercio di Bari”, Autori Vari, Unione Tipografica, Bari 2010; fototeca Archivio Bari Don Dialetto, Lingua-Storia-Folclore, Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Redazione Don Dialetto.it  - Bari


Commenti : 0 | Letto : 9 | Dettagli... (9 parole)

Dedicato al mese di Maggio, ai Baresi e Pugliesi
Inserito il 11 maggio 2015 alle 13:25:00 da Gigi. IT - Maggio di Bari

Masce de BBare

 

Iì sò mmasce cchiù galande de tutte.

Patrune du cìile e de l’alemènde.

E cci bballe, ci pizzeche e cci cande;

 Finghe le ciùcce stonne allegramènde.

 

...Era un bel giorno di maggio!

Il sole coceva coceva!

Il fringuello cantava cantava!...

«frì-frì-frì...cìp-cìp,cìp-cì...».

Al vostro Buon Cuore...

Buon...“Maggio di Bari”   

foto: «Manifesto: Maggio di Bari - Gino Boccasile 1951», Archivio fototeca, Felice Giovine; fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

foto: «Piripìcchie», Libro, “L'ultima mossa”, Angelo Saponara, Edizioni Gelsorosso, Bari 2006 ; fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Comunicato Promozione «Bari Immagine» 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari


Commenti : 0 | Letto : 12 | Dettagli... (9 parole)

BARI ILLUSTRATA: Maggio di Bari 1951-2015
Inserito il 03 maggio 2015 alle 10:45:00 da Gigi. IT - Maggio di Bari

AMARCORD

Ricordo luminoso

 

MAGGIO di BARI

 

1951 - 1968

≈ Collezione privata - Felice Giovine - Bari ≈

Il mese di maggio per i Baresi è considerato il più bel mese dell’anno non solamente per il suggestivo rito religioso che avrà il clou delle manifestazioni nella prima decade, ma perché è ricco di ricorrenze storiche, artistiche, folcloristiche e sportive.

Purtroppo la maggior parte delle iniziative è rimasta nell’oblìo. Una in particolare il «Maggio di Bari».

Fu una grande kermesse su iniziativa del ragioniere Nicola Lippolis (Bari 1902-1953), figlio di Felice (noto pasticcere, proprietario della rinomata pasticceria sita fino alla fine degli anni Settanta in Piazza Luigi di Savoia, famoso per la preparazione dei dolci ‘Sanguinaccio’ e ‘Pan di Spagna’. Nel 1930 alla prima edizione della «Fiera del Levante» presentò i famosi ‘Gelati al Forno’. Fu proprietario anche di due alberghi: ‘Adria’ in Via Zuppetta 10 e ‘Corona’ in Via Vittorio Veneto 17 - già Via Sparano -).

Nicola fu presidente degli albergatori della Provincia di Bari, assessore comunale ai Servizi Annonari, presidente dell’Ept (Ente Provinciale del Turismo) di Bari e presidente del Comitato «Maggio di Bari». Fu un innamorato pazzo della sua Bari. Purtroppo dopo tre anni, a causa della sua improvvisa morte avvenuta il 7 novembre 1953, la presidenza del «Maggio» fu provvisoriamente affidata a Enzo Cappabianca in funzione di commissario. Nel 1955 Lippolis fu sostituito degnamente, dall’avvocato Francesco Saverio Lovero (Bari 1914-2002) sia come presidente dell’Ept sia come presidente del già accennato Comitato. 

Il «Maggio di Bari» fu per diciotto anni, nonostante le difficoltà economiche già evidenziate dalle prime edizioni, un evento di richiamo internazionale con una folta partecipazione di pubblico non solo barese e pugliese.

Una manifestazione che durava per più di un mese, con un finale avvincente, la sfilata dei carri: «Il Corso dei Fiori». La prima edizione fu inaugurata il 7 maggio 1951 con un bellissimo e raro manifesto: una rosa scarlatta posata su una conchiglia con sfondo blu (vedi prima foto sopra), ideato e realizzato da Gino Boccasile (Bari 1901-Milano 1952), l’inventore delle ‘Signorine Grandi Firme’ che accompagnò tutte le annate del «Maggio».

La riuscitissima manifestazione durò fino al 1968 crescendo di anno in anno per l’alto livello artistico locale, nazionale e internazionale.

Nel 1958 l’edizione fu caratterizzata con due concerti della Filarmonica di Vienna diretta dal famoso m° Herbert Von Karajan (musiche: Mozart, Strauss, Beethoven V Sinfonia, Haendel, Wagner, Ciaicovski).

Nel 1964 la XIV edizione si arricchì di una importante pagina sportiva; il «Circolo Tennis» organizzò in grande il 1° turno eliminatorio della «Coppa Davis», zona Europa, tra Italia e R.A.U. (Repubblica Arabia Unita). La squadra azzurra vinse per 4 a 1 ed era formata da Nicola Pietrangeli, Sergio Tacchini, con le riserve Giuseppe Merlo e Giordano Maioli.

Il programma del «Maggio» in linea di massima incominciava con il «Corteo Storico» della cosiddetta ‘Caravella’ - Prosa dialettale e nazionale - Mostra d’arte contemporanea di quadri e sculture con la partecipazione dei maggiori pittori pugliesi e italiani - CinemaMusica - Sport - Raduno dei Poeti Dialettali d’Italia - Torneo di Bridge - Spettacoli di gruppi folk e costumi regionali - Festival Internazionale delle Bande Militari - Stagione Lirica con opere di musicisti pugliesi e di italiani famosi - Concerti sinfonici - Gare pirotecniche - Gran Premio Automobilistico di Bari - Targa Puglia Sei ore notturne circuito automobilismo - Gran Premio Ippico - Feste delle Barche - Orchestra da Camera della Polifonica Barese diretta dal m° Biagio GrimaldiCorso dei Fiori.

Fare clic su canale «Storia», categoria “Maggio di Bari”.   

Per un’approfondita ricerca su cenni storici del «Maggio di Bari»

 

Oggi il «Maggio di Bari» avrebbe festeggiato sessantaquattro anni (1951 - 2015) e ci piace esprimere serenamente una nostra osservazione. Forse la Città con l’esperienza dei sessantaquattro anni, avrebbe cambiato mentalità, vedendola migliorata in tutti settori. Con le istituzioni, pubbliche e private, organizzare con competenza, passione ed entusiasmo una manifestazione dello stesso spessore del «Maggio di Bari», non sarebbe follia, né utopia. Di sicuro recupereremmo l’immagine di una Bari artistica, culturale e turistica, soprannominata negli anni ’50/’60, “la Milano del Sud” risvegliandoci da un lungo letargo.

 Schede storiche: La Gazzetta del Mezzogiorno, «mag./giu. 1950-1969»; Alfredo Giovine. Libro, «Bari dei Fanali a Gas», Edizioni F.lli Laterza, Bari 1982. Gigi De Santis «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Bari (1976-2015).

foto:  «Manifesto: Maggio di Bari - Gino Boccasile 1951»,  Archivio fototeca, Felice Giovine;   fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015)

 2ª,,,,e foto:  Libro «Maggio di Bari 1951-1968», a cura di Pietro Marino, Mario Adda Editore, Bari, 1998;  fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2015)

Comunicato Promozione «Bari Immagine»

 

 

 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 25 | Dettagli... (9 parole)

Lingua Barese, attraverso i giochi di strada dei bambini e ragazzi baresi
Inserito il 27 aprile 2015 alle 13:25:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Giochi di strada d’un tempo dei bambini e ragazzi baresi

Nelle stagioni primavera-estate, un gioco di gruppo assai diffuso era...

U verruzze

 (La trottola)

N’alde bbèlle scèche, ca le uaggnùne scecuàvene volèndìire, ièv’o verruzze (alla trottola). Iève fatte de leggname de fiche (fico) o de nosce (noce) e tenève la forme de nu cone capesotte (cono rovesciato munito di scanalature), che nu prone a la ponde (piccolo pezzo di metallo inserito alla punta) de fìirre o, mègghie, d’azzare (d’acciaio).

Pe ffà rezzeuà (girare), nge velève nu lazze (cordicella) ca le uaggnùne de na volde u sfelàvene do bbuste de le mammre lore, ca tanne s’usavene assà, cu passà du tìimbe, u lazze se vennì nzìim’o verruzze. Se ndrettegghiàve u lazze atturn’atturne a la cassce (si avvolgeva la cordicella iniziando dal basso in alto della trottola coprendo le scanalature); a la ponde du lazze, le uaggnùne nge facèvene nu nute (nodo), cèrte mbèsce nge mettèvene, dope fatte u nute, na ramètte cazzate, fatte nu bbuche o cèndre, p’avè la forze de strènge cchiù mmègghie u lazze ndra l’uldem’e ddù discete (anulare e mignolo) de la mana drètte (destra) o mangine (sinistra) mèndre, m-mènz’a le prime discete (pollice e indice) tenèvene mandenute u verruzze pronde pe ièsse langiàte facènne scì, nnanz’e drète la mane, a iùse de standuffe, pò facèvene sceuuà u lazze do verruzze e ccusse, cadènne n-dèrre, acchemenzàv’a rezzeuà (girare).

Le cchiù nzìiste (i più bravi) arresscèven’a ffàuue rezzeuà menànnue: “a la ssùgghie” (si lanciava la trottola direttamente verso il basso obliquamente) pegghiàt’a vvole (senza farla toccare a terra); da sott’a la gamme (nel momento del lancio la si faceva passare da sotto a una gamba) o da sott’a la gamme pegghiànnue (prendendolo) a vvole. Ma ce non z’arresscèv’a ffàuue rezzeuà, se decève ca u verruzze avève fatte “carrozze”.

U verruzze avèv’a ièsse “pennìidde” avèv’a rezzeuà sènze ca facève nessciùne remore (senza sussulti), mbèsce ce zembave (saltellava) iève “trappeta trappe”. Pe ffàuue devendà pennìidde, u uaggnòne levav’u prone, nge mettève iìnd’a la ponde de la cassce nu picche de carta vèlìne o la vammasce (bambagia) e mmèrde de cavadde (sterco di cavallo) e ppò nge sckaffave arrète u prone.

A scecuà o verruzze, s’acchecchiàvene da le trè a le cinghe e ppure cchiù uaggnùne. Oggnune tenève u verruzze sù, ngocch’e iàlde avève nu verruzze cchiù ggrèsse, ca iève volde de cudde normale. Tenute come na relìggue (reliquia, gelosamente custodito), pettate a ll’use, che nu bbèlle chelore, oppure a ddù o a ttrè chelure e ngocch’e vvolde se vedèvene verruzze seggnate (disegnati) che ccèrte fegure, c’acquànne u facèvene rezzuà, iève nu spettàgue a vedèuue.

Prime d’ammenà u tècche, se decedève le nummere de le zècche (colpi di punta di ferro o d’acciaio, addirittura colpi di “cendrone” grosso chiodo) ca s’avèven’a dà a la fine du scèche a ccudde c’arremanève sotte.

Ammenate u tècche, u prime c’assève, scènne sotte, mettève u verruzze sù m-bbacce a la frabbeche (alla parete del fabbricato) e ll’alde scequatùre, a tturne, facènne apprime rezzeuà u verruzze lore, u pegghiàvene sop’o palme de la mane (palma della mano) e ssèmme geranne, s’avvecenàvene o verruzze ca stève sotte e nge dèvene le bbotte pe ffàuue cammenà vèrse la ponde du marciappìite e ffàuue cadè da sop’o marciappìite ditte: “o macidde”.

Tutte le uaggnùne, tenèvene nu seconde verruzze, la “casscetèdde”. Iève nu verruzze cchiù ggrèsse addò nge nzaccàvene nu cendrone da sope-sotte pe non ffàuue cammenà faggelmènde o acquànne s’acchiàve a ppèrde la partite, u uaggnòne du verruzze grèsse u mettève sotte pe recève le zècche. Ma servève, pur’a la fine du scèche, de dà cèrte sorte de zècche.

N-dratànde (nel frattempo) ca se chendenuàv’a scecuà, iùne de le uaggnùne, ce sbaggliàve a menà u verruzze n-dèrre, non gerave dritte o nonn-u pegghiàve bbùun’a vvole, oppure non facèv’a ttìimbe a menduà che na bbotte la casscetèdde, scève sotte e u scèche se repegghiàve do punde de cudde ca stève sotte prime e se scève nnanze pezzinghe acquànne u verruzze de sotte venève spengiùte o macìdde, sott’o marciappìite. DDò (Qui) u scèche trasève iìnd’a la seconda fase e se facève criùse.

 

Pegghiàvene la casscetèdde e la mettèvene fermate che na mane iìnd’o bbuche de nu tombine de la feggnatùre. La casscetèdde trasève asselute da la vanne de sotte mèndre la cassce, u ssope du verruzze, iève pronde p’avè le zècche. A oggn’e stèzze de leggname ca se ne menève (che si staccava) da sop’a la casscetèdde, dope na mazzate asseduàte de zècche, le uaggnùne lecquàvene: «Mòooocche! ce ssorte de pane tèste. Nah! damangìuue a le zocchene (topi)» e scettàvene u frambùgghie (truciolo) iìnd’o bbuche du tombine de la feggnatùre.

Ma petève seccète ca iùne de le scequatùre, nge dève na zècche cchiù fforte, macare che la ponde du cendrone de la casscetèdda so, spaccànnue a metà e ttanne, se lecquàve (si gridava di gioia) mèndre cudde ca u-avève spaccate in (in due parti), avève deritte a pegghiàrse u prone o u cendrone, come trofè (si aggiudicava il pezzo di metallo come trofeo). 

 

L’articolo è stato trascritto e aggiornato con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”». 

Bibliografia: «Calannàrie Barèse, Dumìle e trè», Gigi De Santis, Edizioni del Tirso, Bari, 2002. 

Foto: Libro, «I giochi dei ragazzi», Alfredo Tanzarella, Schena Editore, Fasano (BA), 1992. 

Foto: Libro, «Dizionario dei dialetti Pugliesi», Vol. 2, Giovanni Colasuonno, Edizione curata dall’autore, stampa Franco Milella Editore, Bari, 1992.

Foto: Libro, «Poesia e tradizioni popolari dalla Magna Grecia ai giorni nostri», Luigi Vellucci, Edizioni Pugliesi, Martina Franca (TA), 2006.

Foto: Opuscolo, «Dai giochi della memoria ai giorni nostri», Daniele Giancane, Edizione C.R.S.E.C. BA/8-BA/9-BA/11-BA/13-BA/17 Regione Puglia, Levante Editore, Bari, 2002.

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis
Centro Studi “Don Dialetto”

 (Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)

 

 

 


Commenti : 0 | Letto : 24 | Dettagli... (9 parole)


 
Menu

 

 
 

 


Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:


Cerca nel Web
Google


Top - Siti web
Centro Studi Baresi (IT)
Riccardo Guglielmi - Cardiologo (IT)
Wip Edizioni (IT)
Angela Guglielmi (IT)
Mondo Antico (IT)
Modugno.it (IT)

I preferiti
Associazione Onlus Mondo antico e Tempi Moderni (32477)
Angela Guglielmi - Web master (22230)
Modugno.it Il Portale della Comunità Modugnese (21317)
GioArt di Giovanni Cellamare (15867)
Università Popolare Pugliese Terza Libera Età Ause (14701)
PugliaTeatro-L'Eccezione (13854)
Forza San Paolo - Bari (13105)
Sapore tipico (12090)
Promuoviamo il Turismo in Puglia (11494)
Libreria Culture Club Cafè (11457)
Telestreet Bari (11262)
Web Aperto (10918)
Premio Letterario Osservatorio (10738)
Teatro Abeliano - Bari (10720)
TirsoMedia -Bari- (10654)
Wip Edizioni (10636)
Liliana Carone (10436)
Helicam service (10087)

Statistiche
Siamo on line dal 1° Novembre 2006 e ci hanno visitato in:

Il tuo indirizzo IP è: 23.22.19.253

 

Tema grafico a cura di
 Nessuno
 © Don Dialetto di Gigi De Santis - © Rielaborazione Grafica e Webmaster Angela Guglielmi - © AspNuke Gli "Articoli, gli E lementi grafici e quant'altro" presenti su Dondialetto.it  sono da considerarsi d'esclusiva proprietà di http://www.dondialetto.it L'Associazione "Don Dialetto" di Bari adirà alle vie legali contro chi, intenzionalmente, abusa dei contenuti pubblicati sul nostro portale senza alcuna comunicazione, convenzione e autorizzazione della redazione 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 Grafica prodotta da "Artimedia" - www.studioquattro.com
Questa pagina è stata eseguita in 0,8125secondi.
Versione stampabile Versione stampabile