Il dialetto barese è Bari: la sua storia, la sua anima, la ragione stessa dell'essere suo.  ( Armando  Perotti )               * * *               Non si creda che i dialetti siano destinati a sparire, se mai si moltiplicheranno, pur tenendosi stretti alla lingua  " scritta  "  di Dante.  (Francesco Babudri)               * * *               Il dialetto è l’anima del popolo, la parte meno obliabile, non l’orpello o l’ignoranza come alcuni credono.  (Pasquale Sorrenti)               * * *               Non si può avere piena intelligenza della Divina Commedia senza tenere l’occhio rivolto al dialetto.  (Abbate Giuliani)               * * *              Il dialetto è un potente mezzo di comunicazione e ha diritto di cittadinanza nella scuola, e non solo a livello sperimentale. (Francesco Mininni)               * * *               Io credo che il poeta dialettale può e deve restare fedele al suo dialetto, se non lo fa, rischia di offrire ai suoi lettori, componimenti redatti o un dialetto annacquato o in un italiano adulterato.  (Oronzo Parlangeli)               * * *              Nella città di Bari, sono ancora in molti che identificano il dialetto con la povertà o come marchio di appartenenza agli strati più umili, gretti e ignoranti della società, al contrario di quanto avviene in altre città dove l’uso del dialetto è vezzo, sciccheria e ostentazione. (Alfredo Giovine)               * * *            I dialetti sono specchi più fedeli, più spontanei, forse anche primigenii dell'interiore linguaggio che precede ogni fatto linguistico. (Pio XII)
  BENVENUTO      
 
Immagini

Immagini di repertorio
Don Dialetto(13612)


Eventi
<
Aprile
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 -- -- --




Visitatori
Visitatori Correnti : 17
Membri : 1

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 283
Ultimo iscritto : GIUPPI
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 44
 
 Commenti: 15
 
 Immagini: 9917
 Immagini viste: 6162903
 
 Articoli: 87
 Pagine: 1374
 Pagine lette: 7277427
 
 Siti web: 6
 
 Notizie on line: 16
 
 Preferiti: 81
 Siti visitati: 282848
 
 Post sui forum: 17
 
 Libro degli ospiti: 24
 
 Eventi: 1606

Sponsor

Contattateci  per  inserire  la  vostra  Pubblicità



 
 

 


 
Ultimi inserimenti

Data:  31/12/2013 Sezione  Mercatino Ultimo Inserimento:  Calendario Barese 2014  - Data:  21/04/2015 Sezione  Articoli Ultimo Inserimento - Controlla l'ultima pagina di:  Cape gattone (giochi delle fanciulle e dei ragazzi)  - Data:  16/03/2015 Sezione  User Ultimo Iscritto:  GIUPPI  - Data:  01/01/1900 Sezione:   Ultimo Inserimento:   - Data:  15/04/2015 Sezione  Immagini Ultimo Inserimento:  Gli attori di Radio Bari  - Data:  01/01/1900 Sezione   Ultimo Inserimento:   - Data:  21/04/2015 Sezione  News Ultimo Inserimento:  Lingua Barese, attraverso i giochi di strada dei bambini e ragazzi baresi

Benvenuti sul sito web
Pagina di Benvenuto

Benvenuti sul sito web www.dondialetto.it

Gigi De Santis

Il portale dei Baresi nel Mondo

 

 
DonDialetto.it


Teniamo alta la BANDIERA
della STORIA, della TRADIZIONE, del DIALETTO di BARI,
ma senza...

Improvvisazioni - Errori - Strafalcioni - Scopiazzature - Alterazioni - Mistificazioni - Compromessi - Contaminazioni.

Il Dialetto,  innanzi tutto, è una cosa seria
(Grammatica, Scrittura, Lettura, Declamazione, Recitazione, Canto).

                                        
DonDialetto.it

La Voce... Il Suono... La Parola... La Gestualità... La Storia... Il Folclore...
I Racconti... I Canti... La Saggezza... Il Dialetto...
.La Pausì....
U Ndrattìine... U u-addòre... U Tiàdre... La Uascèzze...

 

DonDialetto.it

la BARESITÀ D.O.C. contributo al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione della Cultura Popolare e della Lingua Barese.

 

21 aprile 2015
Lingua Barese, attraverso i giochi di strada dei bambini e ragazzi baresi
20 aprile 2015
Lingua Barese: Pestrìgghie Pestregghiàte / Nguàcchie nguacchiàte / 2
19 aprile 2015
La Lingua Barese, attraverso la Cucina Tipica
18 aprile 2015
Iève fiìgghie e mmò sò mmamme, tènghe nu figghie marit'a mmamme
17 aprile 2015
U ciùmme, porte fertune... ce iè mmasque
15 aprile 2015
TEATRO DIALETTALE. RADIO BARI - LA CARAVELLA
12 aprile 2015
Lingua Barese: Pestrìgghie Pestregghiàte / Nguàcchie nguacchiàte
02 aprile 2015
Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
23 marzo 2015
Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 4
11 novembre 2014
Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
05 giugno 2014
COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
04 giugno 2014
PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
09 marzo 2014
Grammatica Barese: La i che cambia i suoni
16 novembre 2013
Lingua Barese: Problema Grafico - Denuncia dell'Accademia della Lingua Barese "Alfredo Giovine"
13 agosto 2013
CULTURA e DIALETTO BARESE
08 marzo 2009
NOVITÀ BIBLIOGRAFICA BARESE ASSOLUTA su INTERNET
  
Top 5 - Forum
therock - 29/10/11 20:38:26
Vi posto il link, tratto da youtube, del...
mauror58 - 01/03/11 13:24:37
egr.dott.desantis, vedo che ha fatto presto...
mauror58 - 06/01/11 11:01:18
Grazie Dott. DeSantis, mi scuso se non...
Gigi - 05/01/11 09:32:10
Gentile signor Mauro, ricambiamo con gioia...
mauror58 - 04/01/11 22:12:10
salute a tutti voi, sono nuovo del forum...

Lingua Barese, attraverso i giochi di strada dei bambini e ragazzi baresi
Inserito il 21 aprile 2015 alle 09:35:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Giochi di strada d’un tempo dei bambini e ragazzi baresi

Un gioco che si notava spesso a gruppi, tra femminucce, nella calda stagione, specialmente finita la scuola elementare, era... 

La cambane taggliàne ≈ (La campana italiana)

Iève nu scèche ca u facèvene le pecenènne, ma ngocch’e vvolde se sckaffàvene m-mènze pure le masquetìidde (maschietti). Stèvene mode (due versioni) pe scecuà a la cambane: la cambane taggliàne e la camban’amerecàne.

A la cambane taggliàne se scecuàve acchemenzànn’a scrive n-dèrre: sop’o marciappìite o sop’a l’asfalde (asfalto) o mègghie angore o giardenètte (giardino pubblico), cu ggisse (gesso) nu rettàngue (rettangolo) devise a chelonne che le nummere da iùn’a ssè (1 a 6) o da iùn’a uètte (1 a 8) o da iùn’a ddèsce (1 a 10). Sop’a la cambane, sèmme cu ggisse se facève nu mìinze cìirchie, na mènza lune e se screvève: Repose (appoggio, pausa).

Dope fatte la conde, iùne ndra le tande conde ca se facève spìisse iève: A-mbla-mbla-ci-cì-co-cò / tre-ci-vet-te-sul-co-mò / che-fa-ce-va-no-l’a-mor / con-la-fi-glia-del-dot-tor / il-dot-tor-s’am-ma-lò / a-mbla-mbla-ci-cì-co-cò.

Acchemenzàv’a scecuà la pecenènne c’assève pe iùldem’a la conde e che na petrodde (piccola pietra) o che na scorze de marange (buccia d’arancia) o che na ramètte (tappo di metallo), l’ammenave iìnd’a la prima casèlle p’acchemenzà la prima fase du scèche de la cambane. Zembanne (Saltellando) a nu pète, avèv’a trasì iìnd’a la casèlle e, pegghiànne la petrodde m-mane (in mano), avèv’a zembà pezzinghe a la casèlle nummere cinghe (5) facènn’attenziòne a non assì da la casèlle zembate o se no passave la mane a la seconda pecenènne. Arrevanne iìnd’o cìirchie du “Repose” petève abbeggià tutt’e ddù le pìite n-dèrre e reposarse. Dope nu picche, sèmm’a nu pète facève retorn’o punde de partènze zembanne iìnd’a le casèlle da a ddèsce (da 6 a 10). Ce u ggire u-avève fatte sènza sbagglià, ammenave la pète iìnd’a la seconda casèlle e acchemenzàve arrète u ggire pezzinghe acquànne combletave la prima fase, facènne tutte le casèlle a iùn’a iùne finghe ad arrevà a la casèlle nummere dèsce (10). La seconda fase ièv’a menà (lanciare) la petrodde arrète iìnd’a la prima casèlle e ssèmm’a nu pète avèv’a spostà la petrodde, spengènne cu pète pezzinghe a ll’uldema casèlle, avènne la possebeletà de fermarse iìnd’a la casèlle du “Repose” e asscènne la cambane reternànne o punde de partènze.

La tèrza e l’uldema fase du scèche iève cchiù deffìggele. Che na mane s’acchemegghiàve l’ècchie e che la cap’alzate s’avèv’a fà totte la cambane sènz’assì da le casèlle trasènne zembanne cu pète dèstre iìnd’a la prima e zembanne cu pète mangine (sinistro) iìnd’a la seconda casèlle, pezzinghe arrevà a la casèlle du “Repose” addò s’affermave e aprènne l’ècchie, tenève u tìimbe d’acchiamendà e arrecherdàrse, addò avèv’a mètte ggiùste u pète e arresscì a ffarse la cambane da la casèlle nùmmere (6) a ddèsce (10) pe fernèssce chèssa fase, sèmme che la mane a ll’ècchie tenènne la cap’alzate.

Ce la pecenènne ca stèv’a fernèssce u scèche, zembann’a nu pète teccuàve u risce (riga di confine tra una casella e l’altra) o assève u pète fore de la casèlle, o abbeggiàve u-àlde pète n-dèrre, passave la mane a ll’alda chembagne. Iìnd’a ccuss’uldeme ggire de la cambane, o poste de zembà a nu pète, se petève decide de zembà a ddù pìite aprènne le gamme, mettènne le pìite iìnd’a le casèlle (1 e 10) e chendenuà a zembà iìnd’a (2 e 9); (3 e 8); (4 e 7); (5 e 6) e ppò zembave iìnd’o cìirchie du “Repose” addò petève fermarse e aprì l’ècchie pe pò reternà ndrète sèmme zembanne a ddù pìite che le gamm’apèrte. Oggn’e casèlle zembate che ll’ècchie achiùse se decève: “sarà?” e ll’alde chembagne ca partecepàven’o scèche respennèvene: “trià” ci-avève trasute ggiùste iìnd’a la casèlle sènza teccuà u risce, ma ci-assève fore da la casèlle, respennèvene: sbaggliàte e sendènn’acchesì, avèv’a passà la mane a la seconda pecenènne. Vengèv’o scèche de la cambane, ci-avève superate tutt’e trè le prove.

La camban’amerecàne (La campana americana)

A la camban’amerecàne, ca tenève le stèsse rèule (regole) de chèdda taggliàne,  cangiàve u desègne de la cambane, ca venève mbostàte deversamènde.

Se zembave a nnu pète iìnd’a le casèlle iùne (1) e ddù (2), pò s’abbeggiàvene le pìite a ggamm’apèrte: u pète mangine (sinistro) iìnd’o trè (3) e u pète dèstre iìnd’o quatte (4). Pò arrète che nu pète iìnd’o nummere cinghe (5) e a ddù pìite, iìnd’a le nummere (6) e sètte (7).

Arrète a nu pète iìnd’o nummere uètte (8) e ssèmme a ddù pìite iìnd’o nove (9) e ddèsce (10) e ppò, che nu scatte veldànnese ndrète se combletave u scèche reternànne o punde de partènze repetènne le stèsse passe: a nnu pète e a ddù pìite.

 

 

 

Le grafie dei due giochi sono stati  aggiornati con regole grammaticali dell’Associazione «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

 

Bibliografia: «Calannàrie Barèse, Dumìle e trè», Gigi De Santis, Edizioni del Tirso, Bari, 2002. 

Foto: Libro, «“Sa’ Nnïcòle e ’a ciôle”», Marco Tullio Punzi, Schena Editore, Fasano (BR), 1981;

Foto:Opuscolo, «Dai giochi della memoria ai giorni nostri», Daniele Giancane, Edizione C.R.S.E.C. BA/8-BA/9-BA/11-BA/13-BA/17 Regione Puglia, Levante Editore, Bari, 2002.

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 0 | Dettagli... (9 parole)

Lingua Barese: Pestrìgghie Pestregghiàte / Nguàcchie nguacchiàte / 2
Inserito il 20 aprile 2015 alle 10:55:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

Lingua Barese: Errori dialettali  / 2

Prontuario degli errori più comuni in lingua barese

Anche nel presente articolo desidero chiarire che l’intento non è disapprovazione per chi si diletta a scrivere il barese ma, va tenuto conto che nella lettura di essa si riscontrano tante maniere diverse di scrivere la stessa lingua barese.

Per comodità del lettore, si è pensato di presentare il vocabolo, la locuzione o la frase, scritta prima in lingua barese corretto in grassetto, tra virgolette alte  “ ” ,  seguito dalla trascrizione in italiano  in corsivo tra parentesi  ( ). Mentre gli errori vengono evidenziati tra virgolette basse - «» -, preceduti da - e no - o - peggio ancora - in grassetto.

Grazie alla pubblicazione dell’autorevole volume «Il Dialetto di Bari» (Guida alla grammatica) dello storico, demologo e linguista Alfredo Giovine a cura di Felice Giovine e con gli studi permanenti dell’ «Accademia della Lingua Barese Alfredo Giovine”», oggi si può scrivere ordinatamente con regole grammaticali disciplinando in un’unica scrittura, semplice e uniforme.

Buona lettura e riflessione

1) “Stèv’a mmètte trè scarcèdde iìnd'o stipe” (Stavo mettendo tre “scarcelle” nello stipo);  - e no - «Steve a mette tre scarcèdde jinde a u stipe».

In barese, la vocale (e) che si pronuncia, va accentata con l’accento grave (`). La (j=gei) non esiste nell’alfabeto barese tanto più in quello italiano e latino. Scrivere (a u) distaccati è sbagliato, le due vocali, come in francese, sono unite (au). Ma sono decenni e più che (au) non viene più adoperato perché è antiquato e fuor d’uso; esso è normalmente (o, al)

2) “ha da pertà” (devi portare);  - e no - «a da pertà»; - peggio ancora«àda pertá».

Questi due  madornali errori di ortografia li ho rilevati in due libri diversi pubblicati a giugno 2012. Come si nota, difettano di enunciare, in modo ordinato, la forma del verbo avere. Nel secondo strafalcione, gli autori hanno accentato la (a) di “pertà” con l’accento acuto (á) che non fa parte né della grafia barese, né di quella italiana.  

3) “Ghiemmerìidde (involtino/i confezionato con budella e altre parti delle viscere dell'agnello) - e no - «Ghjemmeriedde; ’gnumridd; gnumeredde; gnemeridde  » - peggio ancora - «’gmrid; ghjimmerjìdde».

4) “iàcchie; iàve(trova; ha)  - e no - «ijacchie; jiàve».

Le due parole sembrano scritte in ostrogoto. Rilevati in una poesia pubblicata in un volume del 2009, l’autore dei due strafalcioni, non conosce le regole grammaticali. Non sa che la (j=gei) è una consonante straniera e non esiste negli alfabeti: barese, italiano, latino. Non sa il fenomeno della (i) prostetica davanti a un’altra vocale, che è peculiarità della Lingua Barese. 

5) “Quande è state granne u danne?” (Quanto è stato grande il danno?) - e no - «Quànn jè stàte grànn u dànn?».  

Quande” (Quanto) è aggettivo quantitativo. Quanne” (Quando) è avverbio di tempo. Sempre da un libro di poesie in vernacolo pubblicato nel giugno 2012, il coordinatore che ha curato il volume affermando nell'introduzione: «... Ma ogni dialetto per dirsi lingua ed assurgere a vera dignità letteraria, necessita di una struttura morfologica, grammaticale sintattica, fatta di regole agevoli e snelle affinché non ci sia “[...] anarchia linguistica e sia priva -[...] - di astruserie per non creare impicci nel lettore”...». Ebbene, il coordinatore alla soprascritta affermazione, non ha saputo distinguere, nell’ortografia barese, “Quande” da  “Quanne” inserendo l’aggettivo al posto dell’avverbio e viceversa.

Continua... 

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”

(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese) 


Commenti : 0 | Letto : 3 | Dettagli... (9 parole)

La Lingua Barese, attraverso la Cucina Tipica
Inserito il 19 aprile 2015 alle 09:55:00 da Gigi. IT - Cucina barese

La Brasciòle

 

Brasciòle cu file

Brasciòle a ioiò

Te le puète mangià

Pure sop’o comò

 Un secondo piatto rigorosamente tipico della cucina barese, una volta preparato solo nei giorni festivi e, in particolar modo, la domenica (oggi lo si gusta tutti i giorni), è “la brasciòle treggnuta barèse” (involtino di carne farcita di cavallo o di vitello).

Ecco la laboriosa ricetta scritta dallo storico e demologo Alfredo Giovine, estratta dal libro «U Sgranatòrie de le Barise», aggiornata nell’articolo pubblicato su «La Gazzetta del Mezzogiorno» il 5 aprile 1991.

Brasciòla treggnuta barèse

 

Accattàte do veccìire fèdde settile settile, de carcavàdde (cavallo) o de carne de vaccine (vitello), sènza nìirve e ssènza grasse, pegghiàte do lombe o da la  sobbracovèrte (sopra la pancetta), oppure do gambenìidde (muscolo) o do garzale (guanciale) o da la falde (carne che si trova dentro la pancetta).

Se stènnene sop’a la beffètte (tavolo da cucina) e iìnde se mèttene stezzarìidde de llarde, nu stèzze o grattate de fremmagge romane o parmeggiàne, trè ffrunze de pedresìne e na pezzecàte de pèpe e s’arrevògghie (si avvolgono) passanne nu file de ghettone atturn’atturne (brasciòle a ioiò) o se ficche da na vann’a ll’alde, o trè stècchìne pe non ffall’aprì (brasciòle cu stècchìne, iè la mota pariggìne), preparanne tanda brasciòle pe qquande presune honn’a mangià partènne da na brasciòle a pedune.

Iìnd’a nu tiàne se mèttene mìinze quinde (cìinde gramme) de llarde tagghiàte a stezzarìidde e nu picche d’ègghie.

Quanne u llarde s’ave fatte bbiùnde e av’acchemenzat’a squagghià, se sciònge (si aggiunge) nu piène (un pugno) de cepodda tagghiàte a fuègghie (sfoglie) settile.

O memènde ca pure la cepodde s’ave ndorate, s’ammènene le brasciòle iìnd’o tiàne (tegame) e se lassene sfrisce (soffriggere). Mane mane se sciònge nu picche d’acque.

Come la carne s’ave sfritte bonarèdde (abbastanza), s’ammène la salze de pemedòre da iìnd’a le buàtte o da iìnd’a le bettìglie che nu picche de pedresìne, sal’e ppèpe.

Se lassene cosce a ffuèche linde pe qquase trè iòre.

Come u suche se strusce (si consuma, evapora) s’ammène nu picche d’acque, avènne u penzìire d’aggerà sèmme u suche che na checchiàre de tàuue (cucchiaio di legno) pe nno ffà appezzecà sotte (attaccare al fondo del tegame) u suche e le braciòle. Acquànne la fercine se mbelèsce iìnd’a le brasciòle, vole disce ca sò ccotte e sse lèvene da sop’o ffuèche.

Proverbio:

Pinue de vaccine e scerubbe de candine, iè la cchiù mmègghia medecìne

(Pillole di vitello e sciroppo di cantina sono la migliore medicina).

 Le grafie della ricetta, del proverbio e i detti in barese sono stati  aggiornati con regole grammaticali dell’Associazione «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

 

Brasciòle ch’u stècchìne

Iè la mota pariggìne

Bibliografia ed emerografia: «Brasciòla treggnuta barèse», Alfredo Giovine, «U Sgranatòrie de le Barìse», Edizioni Fratelli Laterza, Bari, 1981; Alfredo Giovine, «La Gazzetta del Mezzogiorno», Bari 5-04-1991;  Gigi De Santis / Filippo Favia, «Calannàrie Barèse millenovecìindenovandasètte», Tipografia Uniongrafica Corcelli, Bari 1996; Alfredo Giovine, «Proverbi Pugliesi», Edizione Giunti, Firenze, 1998, (4ª edizione); Gigi De Santis «Detti Baresi», estratti dall' Archivio Centro Studi «Don Dialetto», Bari.  

e Foto «Brasciòle cu file / Brasciòle che le strascenate», Lino Patruno, Libro, “Invito a Bari”, fotografia, Nicola Amato/Sergio Leonardi, Mario Adda Editore, Bari, 1998; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2014). 

Foto «Brasciòle che le stècchìne», Libro "La terra dell’Ulivo", Nicola Borri, Mario Adda Editore, Bari, 1993; ; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2014). 

Lingua e Cucina Tipica Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 3 | Dettagli... (9 parole)

Iève fiìgghie e mmò sò mmamme, tènghe nu figghie marit'a mmamme
Inserito il 18 aprile 2015 alle 08:55:00 da Gigi. IT - DIALETTO

La Lingua Barese

attraverso i racconti, le fiabe, le storielle, le leggende

 

U Ndrattìine

≈ Storie e Patorie de Nononne ≈

 Il presente racconto è stato sviluppato da un indovinello di tremila anni fa inserito nel volume «Narutalis Historie» (VII 1217) di Plinio Il Vecchio. Trattasi di un episodio accaduto a Roma. Un vecchio condannato a morire di fame, è alimentato dal latte che la figlia gli dà a succhiare dalle sue mammelle. La storiella scritta in barese è stata recuperata dal demologo pugliese Saverio La Sorsa (Molfetta 1877-1970) nel suo libro: «Il Folklore nelle scuole di Puglia» anno 1926, raccontata da una popolana di Bari Vecchia a uno studente di nome Pietro Grimaldi.

 

Iève figghie e mmò sò mmamme, tènghe nu figghie marit’a mmamme

(Ero figlia e adesso sono mamma, ho un figlio marito a mia madre)

Ngère na volde n’ommene c’avève fatte nvolondariamènde nu mecìdie (omicidio), pe cchèsse scì ngarciaràte (carcerato). Dope ca se facì u precisse (processo), fu chennannàt’a merì de fame.

Iìdde tenèv’o munne sule na figghia fèmmene e cchèsse avì u premèsse do rrè de scì a ffà visete o u-attàne, asselùte a ll’uldeme dì prime ca iève secure c’avèv’a merì. La figghie seffrève, se desperàve a vedè u u-attàne scì ndrète dì pe ddì, percè no mangiàve, ma nom betève fà nudde. Tutte le volde ca trasève iìnd’o carcere pe ffà visete o u-attàne, le carcerìire nge passavene la screccògghie (perquisizione), e acchesì la povra figghie nom betève pertà manghe nu spinue (spillo).

Na dì, pegghiàte d’o schembuèrte (dallo sconforto), assì la zizze (la mammella) e nge mettì u capìcchie (il capezzolo) m-mocche (in bocca) o u-attàne, ca mbrime acchemenzò a serchià. Cusse fatte scì nnanze pe ttanda tìimbe e le carcerìire (carcerieri), vedènne ca u chennannate no merève, ma u vedèvene c’acchemenzàv’a mmètte pezzinghe chelore, allumòrne (sospettarono) ca la figghie nge pertave ngocch’e ccose da mangià, ci-u sape come, pe sestenèuue (sostenerlo).

Acchesì decedèrne d’achiùte pur’a ièdde iìnd’o carcere e nge decèrne c’avèv’a stà ddà, pezzinghe acquànne avèsse ditte u sagrète (segreto). La uaggnèdde dechiarò ca ièdde  iève necènde e cca nonn’avève pertate mà nudde da mangià o poverìidde du u-attàne.

Le carcerìire, ostenate (caparbi), velèvene sapè a fforze la veretàte (verità), ièdde decì o derettòre du carcere: «U digghe che nu ndevenìidde, ce vvu site bbuèn’a ndevenà, chennannat’a mmorte pur’a mmè, o se no ngi-avit’a leberà a mmè e a tatà. È ssciùte?». U derettòre ngi-u decì o ggiùdece, ca pe scheprì u fatte terciùte disse de sì.

La uaggnèdde, delènde (senza pensarci su), decì u ndevenìidde: «Iève figghie e mmò sò mmamme / tènghe nu figghie marit’a mmamme. Ci-è?»

U ggiùdece, le carcerìire e ppure u derettòre facèrne de tutte pe ndevenà cusse cheriùse ndevenìidde, ma non fu cose e ddope nu pare de dì, s’arrennèrne (si arresero). Acchesì scèrn’a la cèdde (cella) addò stève la uaggnèdde e la mettèrne a lebbertà nzìim’o u-attàne pregànnele de disce la soluzziòne. Ièdde, allore u sbiagò.

«Iève figghie o u-attàne, ma pe ccusse fatte iève devendàte da figghie a mmamme facènne serchià (succhiare) da la mènn’a so u llatte o u-attàne, ca u-avève fatte vevèssce (rivivere) e salvate da la chendanne c’avèv’avute a merì de fame».

«Iève figghie e mmò sò mamme / tènghe nu figghie marit’a mmamme».

Storia mè nonn-è cchiù, mal’a llore e bbèn’a nnù.

La fiaba in lingua barese, è stata trascritta e aggiornata con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”». 

Bibliografia ed Emerografia: Saverio La Sorsa, «Il Folklore nelle scuole di Puglia», Editori Albrighi, Segati & C., Roma, 1926; Gigi De Santis, «Calannàrie Barèse Dumìle e Uètte», Edizioni Tirsomedia, Bari, 2007.

Foto: «Cimone nutrito dalla figlia» di Francesco Cossa. Libro «Sessantotto Indovinelli Baresi», Alfredo Giovine, Edizioni A:T:P:B:, Bari, 1963.  

Lingua e Folclore Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis
Centro Studi “Don Dialetto”

 (Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)

 

 


Commenti : 0 | Letto : 4 | Dettagli... (9 parole)

U ciùmme, porte fertune... ce iè mmasque
Inserito il 17 aprile 2015 alle 10:05:00 da Gigi. IT - DIALETTO

 

 

U ciùmme porte fertune... ce iè mmasque

(Superstizioni, Consuetudini, Lingua Barese)

Il folclore barese e pugliese abbraccia un vastissimo campo di ricerche tra cui elementi che trattano la superstizione, le credenze, i pregiudizi, gli scongiuri. Contrariamente a quello che si dice, desta meraviglia costatare nell’era della tecnologia e del sapere, notare in tutti gli strati sociali, che è ancora forte l’atteggiamento irrazionale nell’efficacia, positiva o negativa, di cose, persone, animali, avvenimenti o pratiche.

Ebbene, il presente articolo è ricco di esempi ricavati da fonte orale del popolino e da scritti firmati da don Alfredo Giovine, fonte inesauribile della Baresità incontaminata. 

L’uomo, generalmente, è stato sempre schiavo di superstizioni di vario genere. Alcune di esse sono state spazzate via dai tumultuosi tempi moderni, anche se i risultati non si sono verificati in modo uniforme dappertutto. Oggi, ben pochi baresi darebbero peso alla credenza del loro concittadino di oltre settant’anni fa che si faceva cupo in volto e nell’animo se si fosse imbattuto in una scarognata “cemmerùte” (gobba), sia pure facendo subito ricorso agli  scongiuri, dei quali i più efficaci erano considerati quelli sconvenienti.

E così il malcapitato non del tutto tranquillo, nonostante l’ «antidoto» usato, si affannava andando alla ricerca “de nu ciùmme” (di un gobbo, considerato porta fortuna) al quale potergli sfiorare la gobba per neutralizzare l’influsso malefico della “cemmerùte”. Se la “casscètte” (la gobba, ma qui vale per gobbo) prendeva tutte le misure atte a evitare l’«assalto» dei «toccatori di gobba», al «toccatore» bastava ripiegare lanciando da lontano bacetti con la punta delle dita verso la gobba porta fortuna, approfittando delle fugaci apparizioni del… fortunato possessore.

Il «toccatore» doveva far questo con rapidità, riducendo al minimo indispensabile i gesti per evitare il ridicolo e la derisione da parte di «sfottitori», che in simili frangenti, avrebbero fatto altrettanto. Se il gobbo s’infastidiva o dava segni d’insofferenza alle attenzioni dei «toccatori», poteva sentirsi indirizzare da qualcuno l’invettiva “Cemmerùte e ggamme settile, non zì iòmmene pe ffà le file”. Sulla «gobba» (“la cemmerùte”), invece, correvano i versetti ironici: “A uèllì, a uèllà / Ce vvole la cemmerùte / De cap’a mmare s’av’a scettà”.

Fra gli anziani appartenenti al popolino della città vecchia si possono cogliere ancora resti di credenze che in altri strati della popolazione sono quasi del tutto scomparsi. Ad esempio, un vecchio barese non poggerà mai il cappello o il berretto sul letto di casa perché porta disgrazia. E poiché la disgrazia “sciòche degessètte” è bene neutralizzare il suo maleficio nominandolo, come è noto “sìidece cchiù iùne” (sedici più uno). Però il 17 può tramutarsi in ottimo portafortuna giocandolo al lotto, sempreché venga suggerito in sogno oppure proposto da un frate o da un gobbo non «travestito». Come si è soprascritto, la gobba dell’uomo porta fortuna, quella della donna, il contrario. Che “la fèmmene” sia sinonimo di guai è detto dal maschilista modo di dire “figghia fèmmene e mmala nettate”. Tipica espressione quasi un rito dopo una nottata di tribolazioni per assistere la moglie che dà alla luce una femminuccia. “Me sò mettute  n-guèdde n’alda cambiàle. Acquànne s’av’a sfrangià?”. E una volta “fattese mènda capasce” (una volta rassegnatosi) è bene dare “na regettàte a ttutte la case pe recève le parìinde”.

Dalla pulizia generale una volta si escludevano le ragnatele.  “La felìscene non ze lève mà, assenò tanda uà puète passà”. «Erravano», quindi quanti ritenevano senza conseguenze funeste l’eliminazione con uno zolfanello. Altrettanto da evitare era accendere il sigaro o la sigaretta a persona più anziana, sarebbe stato foriero di sciagure. È evidente che il fumatore in erba non poteva temere una simile evenienza per la sua giovane età, ma correva rischi gravissimi se qualcuno lo misurava dalla testa ai piedi: una cassa da morto da riempire era dietro l’angolo. Quel tale, destinato a passare ad altra vita, avrebbe sognato “u tavute” o carne macellata di significato indubbiamente infausto, oppure la caduta di un “gangale” (molare). Quest’ultimo caso, poi, preannunciava addirittura un lutto in famiglia. Meno grave era considerata, invece, la perdita di tutti i denti purché la caduta fosse stata conseguenza di un energico peto sganciato molto vicino alla bocca. Una volta rimasto “scheggnate” (sdentato), il poveretto veniva additato e deriso: “scheggnate sènza dìinde vase u cule. a le pezzìinde”.

Questi soggetti, particolarmente impressionabili, se non riuscivano a chiudere occhio, complice il caldo d’estate, dovevano stare attenti quando passavano la notte “sop’a la logge”. La tentazione di volgere lo sguardo al cielo e contare le stelle per conciliare il sonno secondo l’uso degli insonni, avrebbe prodotto qualche spiacevolezza. Alle prime luci dell’alba sul corpo dell’imprudente contemplatore del firmamento sarebbero apparsi tanti foruncoli per quante stelle avesse contato. Se qualcuno dovesse avvertire prurito nella palma di una mano, non crederebbe che tanti anni fa avrebbe dovuto interpretare tale sensazione molesta come buona predisposizione o segno premonitore di “terrise” o “mazzate”.

Se la notte “u malacìidde” (la civetta) svegliava di soprassalto chi dormiva saporitamente, questi si levava dal letto precipitosamente farfugliando imprecazioni verso il maledetto animale messaggero di morte, cercando un amuleto che potesse neutralizzare o quanto meno attutire l’influenza malefica “du malagùrie”. Annaspando nell’oscurità, rovesciando qualche sedia o il vaso da notte si portava “auuandànn’auuandànne a l’attandùne” (a tentoni) dietro la porta dove era affisso l’immancabile ferro di cavallo, il corno di bue e immagini di santi toccandoli freneticamente come esorcismo liberatore. Ma riprendere sonno diveniva un serio problema per questi «fissati». La “papagne” (papavero) e la lattuga pur considerate di «sicuro» effetto soporifero, non esplicavano alcuna azione positiva su un «fifone» su di giri per il suo stato ansioso. Chi aveva “u segghiùtte” (il singhiozzo) doveva preoccuparsi perché qualcuno stava tramando misteriosamente ai suoi danni. Così era foriero di guai “u ruscete” (ronzio) nell’orecchio destro perché nell’altro significava l’opposto: “a mmane manghe (sinistra) core franghe (cuore franco)”. 

Altro esempio di stramba credenza? Bastava veder passare un funerale, un cavallo bianco e un prete ed ecco che la giornata doveva svolgersi nel migliore dei modi senza intoppi e contrattempi. Il contrario di questa giornata lieta era il due novembre. In quella notte le anime dei morti uscivano dalle tombe e, varcato il cancello del cimitero, sparivano nell’oscurità per andare a sistemare quanto lasciato in sospeso prima di morire. Qualcun altro “a la bonate” credeva che tre persone dello stesso nome potevano battezzare un asino, mentre chi la sapeva lunga se la rideva.

Se il gatto si leccava lo zampino e lo passava sulla testa, oppure il gallo cantava di giorno, la pioggia era vicina. Cosa bisognava fare, invece, in caso di temporali onde proteggersi dai fulmini? Bastava invocare: “Sand’Irène e ssand’Èlisabbètte / Protiggece da le fulmene e da le saiètte”. Qualcosa di vero, invece, c’era nel credere che il carrubo e il noce attirassero i fulmini. I contadini evitavano di rifugiarsi sotto una delle due piante durante il temporale. Il noce era particolarmente temuto. I fulmini lo preferivano perché esso rappresentava l’albero delle streghe e del diavolo.

Se si rompeva uno specchio per volontà o per distrazione e se s’investiva un gatto, si subiva per sette anni disgrazie. Buon segno se feci umane fossero sognate. Di valore opposto era l’atto di sedersi sulla tavola da pranzo, come anche di cattivo augurio se si rovesciava sulla tovaglia o per terra l’olio o il sale, mentre il vino rovesciato continua a significare “uascèzze”, lieto augurio.

L’articolo è stato trascritto e aggiornato con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”». 

Emerografia: Alfredo Giovine, «Non è vero ma ci credo», “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 28-08-1980; Alfredo Giovine, «Se è uomo porta bene»,  “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 10-08-1985; Alfredo Giovine, «Se quei numeri li dava il monaco...»,  “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 24-02-1989; Alfredo Giovine, «Se il gatto si lecca lo zampino»,  “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 26-05-1989; Alfredo Giovine, «L'affannosa ricerca “de nu ciùmme”»,  “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 11-10-1989; Gigi De Santis, «Calannàrie Barèse dumìle e dù», Edizione del Tirso”, Bari 2001; Gigi De Santis, «Che sfortuna, è passata una gobba»,  “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 3-10-2013.

Foto: «U ciùmme ce iè mmasque... porte fertune». Disegno, «Piccolo viaggio nel mondo delle superstizioni»,  Alfredo Giovine, “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 10-08-1985; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” - Bari (1976-2014). 

Foto: «“La fuèrce”, contro le maldicenze», Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” - Bari (1976-2014). 

Foto: «“Cuèrne e cciùmme”». Libro, «Puglia: Viaggio nelle tradizioni e nel folklore», Raffaele Nigro, immagine di Nicola Amato e Sergio Leonardi, Adda Editore, Bari 2002; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” - Bari (1976-2014). 

Lingua e Folclore Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis
Centro Studi “Don Dialetto”

 (Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)

 

17 aprile 2015

Siete superstiziosi?


Commenti : 0 | Letto : 4 | Dettagli... (9 parole)

TEATRO DIALETTALE. RADIO BARI - LA CARAVELLA
Inserito il 15 aprile 2015 alle 13:25:00 da Gigi. IT - Spettacoli in dialetto barese

Un modesto contributo storico-artistico del dialetto a teatro elenca le «prime» di spettacoli teatrali in dialetto barese (commedie, farse, scenette, bozzetti). Tenteremo di diffondere notizie sulle rispettive compagnie, gruppi, che si sono cimentati nella recitazione in dialetto barese dal 1946 ai giorni nostri. Pochi ci sono riusciti, alcuni hanno tentato, molti altri hanno creduto e credono di recitare in dialetto, imbastardendolo con imbarbarimenti, volgarità grasse e gratuite. Il recitare, come scrivere, quadretti e scenette popolari in dialetto barese, non è recente. Già dal 1883, ci furono i primi tentativi di contribuire a scenette popolari attraverso periodici locali però, un incremento più sostanzioso e decisivo fu dopo la fine della seconda guerra mondiale con testi scritti in barese sul settimanale ‘Papiol’ che riprendeva a pubblicare il 5-01-1946 diretto da Nicola Calitri fino al 23-08-1952 (dal 23-03-1952 al 18-02-1958, il periodico cambiò nome in ‘Giornale di Puglia’ diretto, fino al 1956, da N. Calitri e poi dal figlio Aurelio, il quale cambiò nuovamente testata in ‘Giornale Pugliese’ dall’8-03-1958 fino al 1976).  Gli autori dialettali furono parecchi dal tipico favolista Benedetto Maggi (Alias Mangi Bene), Vito Barracano (Barra), Vito De Fano (Zù Vite), Gaetano Savelli (Gas), Pasquale Sorrenti, A. Costanzo, Leopoldo Laviosa, Gino Schirone (Neroschi), “U Paisane” (autore sconosciuto), Giuseppe Fato, Antonio Lucio Mongelli (Al.mo), Antonio Del Vecchio, Antonio Fiore, F. De Giglio, V.N. Morisco  e molti altri ancora che si firmarono solamente con lo pseudonimo.

Dopo le scenette popolari presentate in vernacolo barese sul soprascritto periodico, in contemporanea (settembre 1947) si dette un altro contributo alla recitazione in dialetto con il debutto della popolarissima trasmissione radiofonica ‘La Caravella’, in onda ogni domenica dalle ore 14:00 alle ore 14:30. I primi autori che firmarono i bozzetti in vernacolo, furono Gianni Casieri, Vincenzo Quinto, Hermann Carbone e Vito Maurogiovanni, quest’ultimo si firmava con il nomignolo ‘Dauro’. Il successo radiofonico spalancò, agli autori e attori dialettali de ‘La Caravella’, le porte del Politeama Petruzzelli dove ogni fine settimana si presentò una scenetta dal vivo, inserita in una scaletta che prevedeva tra l’altro, un concorso popolare con la partecipazione di giovani artisti e di nuovi interpreti della canzone presentati da Vito Speranza, con l’orchestra diretta dal m° Paolo Grimaldi. A seguire un film in programmazione. Il debutto avvenne venerdì 21 luglio 1950, con il quadretto “Le uà de Mariètte” (I guai di Marietta) scritto da Casieri-Quinto, in scena gli attori: Gianni Colella, Vanda Rinaldi (la popolare “Mariètte” di Radio Bari), Nada Cortese, Osvaldo Ruggieri. Le scenette in barese furono chiamate «Fantasia», con numero progressivo, fino a ventotto, che fu l’ultima rappresentazione data domenica 17 dicembre 1950. Ecco alcuni titoli, delle scenette con i rispettivi autori e attori.

 

La vingete o lotte” (La vincita al lotto). Scenetta dialettale di Casieri-Quinto. Confermati tutti gli artisti della prima Fantasia (28/29/30-07-1950).

La fertune de Mariètte” (La fortuna di Marietta), di Casieri-Quinto, con Gianni Colella, Vanda Rinaldi, Nada Cortese, Osvaldo Ruggieri, Pino Sciacqua (4/5/6-08-1950).

Mariètte cèrche case” (Marietta cerca casa),  di  Casieri-Quinto, con gli artisti di Radio Bari, protagonista l’acclamata Vanda Rinaldi (12/13/14/15-08-1950).

La gelosia di Marietta”, di Casieri-Quinto, con gli artisti di Radio Bari: Gianni Colella, Vanda Rinaldi, Nada Cortese, Osvaldo Ruggieri, Pino Sciacqua, Maurizio Marini (18/19/20-08-1950).

U prisce de Mariètte a SSan Gatalde” (La gioia di Marietta a San Cataldo), di Casieri-Quinto, con gli artisti di Radio Bari: Gianni Colella, Vanda Rinaldi, Nada Cortese, Pino Sciacqua, Maurizio Marini, Nico Speranza (24/25/26-08-1950).

Mariètte se vole affedà” (Marietta si vuole fidanzare), di  Casieri-Quinto, con Gianni Colella, Vanda Rinaldi, Nada Cortese, Pino Sciacqua, Maurizio Marino (8/9/10-09-1950).

La scole de Mariètte” (La scuola di Marietta), di Casieri-Quinto, con Gianni Colella, Vanda Rinaldi, Nada Cortese, Pino Sciacqua, Maurizio Marini (15/16/17-09-1950).

La figghie de chemmà Iangelìne” (La figlia di comare Angelina), di H. Carbone-Dauro, con Gianni Colella, Vanda Rinaldi, Nada Cortese, Pino Sciacqua, Maurizio Marini (22/23/24-09-1950).

U u-appundamènde” (L’appuntamento), di H. Carbone-Dauro, con Gianni Colella, Vanda Rinaldi, Nada Cortese, Maurizio Marino, Osvaldo Ruggeri, Nico Speranza. Regia di Herman Carbone (6/7/8-10-1950).

U figghie de nessciùne” (Il figlio di nessuno), di H. Carbone-Dauro, con Gianni Colella, Vanda Rinaldi, Nada Cortese, Maurizio Marini, Osvaldo Ruggeri, Nico Speranza (20/21/22-10-1950).

U mùute” (Il muto), di Casieri-Quinto, con Gianni Colella, Vanda Rinaldi, Nada Cortese, Pino Sciacqua, Maurizio Marini, Osvaldo Ruggieri, Nico Speranza, Lisetta Croce (27/28/29-10-1950).

Na tembèste” (Una tempesta), di H. Carbone-Dauro, con Gianni Colella, Vanda Rinaldi, Nada Cortese, Maurizio Marini, Osvaldo Ruggeri, Pino Sciacqua, Nico Speranza, regia di H. Carbone (3/4/5-11-1950).

Mariètte a la chiàzze” (Marietta al mercato),  di  Casieri-Quinto. Tutti gli attori confermati (10/11/12-11-1950).

Mèste Pèppe u varvìire” (Mastro Giuseppe il barbiere), di H. Carbone-Dauro. Tutti gli attori confermati (17/18/19-11-1950).

Ultima fantasia giunta al numero 28 fu data nei giorni 15, 16 e 17 dicembre riproponendo la scenetta dialettale “La fìgghie de chemmà Iangelìne”, di H. Carbone-Dauro, con i noti attori de «La Caravella» di Radio Bari. 

I titoli delle scenette in barese sono stati trascritti e aggiornati con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Bibliografia ed Emerografia: Papiol, «periodico barese», Bari, luglio-dicembre 1950; Antonio Stornaiolo, La recita curiosa (Il teatro dialettale a Bari), Edizione Gius. Laterza & Figlia Spa, Roma-Bari, 1996; Vito Maurogiovanni, Come eravamo, Levante Editore, Bari, 2005.

Foto: «Testa giornalistica, Papiol, Bari, 28-04-1951. », fototeca Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Foto: «Locandina  scenetta dialettale barese al Teatro Petruzzelli, Papiol  Bari, 14-10-1950.», fototeca Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Foto: «Attori di Radio Bari», fototeca Gigi De Santis, Bari (1976-2015).

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”

(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese) 


Commenti : 0 | Letto : 4 | Dettagli... (9 parole)

Lingua Barese: Pestrìgghie Pestregghiàte / Nguàcchie nguacchiàte
Inserito il 12 aprile 2015 alle 09:35:00 da Gigi. IT - Errori Dialettali

 

 

La presente pagina, e le altre che susseguiranno, vuol essere una breve guida nell’evidenziare gli errori più comuni che si commettono, per distrazione, per fretta o per disinformazione quando si scrive, Barese. Questi errori sono stati notati in testi poetici e di prosa, in articoli di quotidiani, periodici, riviste, titoli di farse e commedie; finanche su insegne commerciali, in alcuni siti web, in modo particolare su face book.

Pestrìgghie pestregghiàte” / “Nguàcchie nguacchiàte

Errori dialettali

 

Prontuario degli errori più comuni in lingua barese

L’intento non è disapprovazione per chi si diletta a scrivere il barese ma, va tenuto conto che nella lettura di essa si riscontrano tante maniere diverse di scrivere la stessa lingua barese.

Grazie alla pubblicazione dell’autorevole volume «Il Dialetto di Bari» (Guida alla grammatica) dello storico, demologo e linguista Alfredo Giovine a cura di Felice Giovine e con gli studi permanenti dell’ «Accademia della Lingua Barese Alfredo Giovine”», oggi si può scrivere ordinatamente con regole grammaticali disciplinando in un’unica scrittura, semplice e uniforme.

Per comodità del lettore, si è pensato di presentare il vocabolo, la locuzione o la frase, scritta prima in lingua barese corretto in grassetto, tra virgolette alte  “ ” ,  seguito dalla trascrizione in italiano  in corsivo tra parentesi  ( ). Mentre gli errori vengono evidenziati tra virgolette basse - «» -, preceduti da - e no - o - peggio ancora - in grassetto.

Buona lettura e riflessione

 

 

1) “N-dèrr’a la lanze o N-dèrre la lanze” (In terra la lancia)  

Locuzione avverbiale (per questa frase leggere attentamente il seguito) – In/a terra la lancia, luogo caratteristico del vecchio porto, per la vendita di pesci e frutti di mare. Vanno rettificate le capotiche e scorrette grafie: «Nderre à la lanze»; «’Nderr a la lanze»;  «’Nderr a la lanz»;  «Nderr’ la lanze»; «N’derr a la lanz»; «’N derr a la lanze»; «Nterra a la lanza»; «’Nderr a la lanz’».

La parola «N-dèrre» (in terra), non è un vocabolo.  Composto quindi da due termini, il trattino (-), posto tra due consonanti (anche tra due vocali, all’inizio di un vocabolo), serve a indicare che elementi diversi vanno letti come se fossero una sola parola, tutta di seguito, in una sola emissione di fiato come nei seguenti esempi: “n-ziamà” (non sia mai), “n-dramèndre” (nel frattempo, nello stesso tempo), “n-dune” (in dono), “n-dutte” (del tutto; in tutto), “m-bonde” (in punta, in fondo), n-guèdde (in dosso: composto di a e dosso), “n-galde” (in caldo), “n-gape” (in testa), “n-gìile” (in cielo), “n-guèrpe” (in corpo), “n-zalze” (in salsa), “n-zine” (in seno), “n-zomme” (insomma, -composto da in e somma-, in conclusione) “n-zùunne” (in sonno). La “n” in barese, si tramuta in “m” davanti alle consonanti ‘b’, ‘f’, ‘p’: “m-mocche” (in bocca), “m-bbacce” (in faccia), “m-baravìse” (in paradiso), ecc. Nei sopraesposti esempi è chiaro che la “n” o la “m” dialettale quando fa parte di una locuzione che in italiano inizia con la preposizione semplice ‘in’, è consigliabile segnalarlo sempre con il trattino: (n-), (m-) e mai con l’aferesi: ’n.

2) “iì sò de BBare o ì sò de BBare” (Io sono di Bari);  - e no - «ij sò de Bàààre»; - peggio ancora - «i' so d' Baar».

3) “Ce nge n’am’a scì, sciamanìnne, ce no nge n’am’a scì, no nge ne sime scènne (Se ce ne dobbiamo andare andiamocene, se non ce ne dobbiamo andare non ce ne andiamo) - e no - «Ce ge namascì sciamanìnn’ ce non ge namascì non ge ne sim’ scenn’» - peggio ancora - «Cê 'nge nnama sci', sciamaninnê, cê non 'ngê 'nnama sci, non 'ngê nê simê scennê».

4) “Come facèvene l’andiche, mangiàvene u squèrze e scettàvene la meddiche(Come facevano gli antichi, mangiavano la crosta e buttavano la mollica)  - e no - «Com' facèv'n' l'antich', mangiàv'n' la scorz' e scettàv'n' la m'ddich».

5) “BBare Vècchie aiìre” (Bari Vecchia ieri) - e no - «Bar vecch ajire».  La (e) atona, sia nel mezzo, sia a fine vocabolo, va scritta categoricamente. Si scrive ma non si pronuncia. La consonante straniera (j=gei) non esiste negli alfabeti: barese, italiano e latino. Scrivere Bari, in lingua barese senza la (e) finale, è facile che si confonda con il (Bar) di Giacinto.

Continua... 

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”

(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese) 

 


Commenti : 0 | Letto : 12 | Dettagli... (9 parole)

Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
Inserito il 02 aprile 2015 alle 06:05:00 da Gigi. IT - Auguri

Alfredo Giovine

Memorabile, Ineguagliabile Cantore di Bari

1907 - 2 aprile2015

Storico, musicografo, demologo, dialettologo, poeta popolare.

Custode e Divulgatore delle Tradizioni e della Cultura Popolare Barese e Civiltà Musicale Pugliese

BBare la zita mè

 

U-amòre mì sì TTu.

Ì pènze sèmb’a TTè

BBare du core mì 

Tu sì la zita mè      

 

E qquann’arrive magge

Ì sènghe atturn’a mmè

Ca l’arie, mare e rrose

Addorene de Tè.

(...) Chi non conosce l’amore dei Napoletani per la loro Napoli? Ma l’opera di folkloristica barese e questa nuova testimonianza di baresità mi fanno dire all’indirizzo di Alfredo Giovine, che molti Napoletani messi insieme, non superano in intensa e in trasporto l'amore che il Giovine nutre con così inestinguibile fiamma per quella Bari della quale tant’è invaghito, da chiamarla costantemente la “Zita mè”  - la sposa mia.

Francesco Babudri (1963)

Abbrile

 

 Quann’arrive premavère,:

N-gann’a mmare la matine,

Stà n’addore, no de fiùre,

Ma de laghena marine.

 

Assedùdet’a nu chiangòne,

 M’acchiamènghe le gaggiàne,

E stu core nzìim’a llore,

Va e vvène da lendane.

 

Pò u sole che le ragge,

Com’a nu prestigiatòre,

 Le capidde mì d’argìinde,

Me le tènge tutte d’ore.

 

Com’acquànne da maffiùse

Iì facève u trembettìire,

Nanza nanz’a la fanvare

 De le uàppe bressagglìire.

 

Pò, na larma breveggnòse

Scorre m-bbacce chiàne chiàne

E se spèrde tremuànne

Sop’o squèrze de la mane.

 
Alfredo Giovine

Per riconoscenza e ricordarlo negli anni, la Giunta Municipale, il 29 giugno 2000 con delibera n° 779 gli ha dedicato il tratto terminale dell’attuale Strada Adriatica che si sviluppa dopo il complesso balneare ‘Il Trullo’ finendo all’altezza dell’ex ‘Camping San Giorgio’. 

La mattina del 24 marzo 2001 c’è stata l’inaugurazione della nuova denominazione stradale Via Alfredo Giovine (demologo 1907-1995).

Servì Bari, senza servirsene


Commenti : 0 | Letto : 7112 | Dettagli... (3239 parole)

Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 4
Inserito il 23 marzo 2015 alle 15:45:00 da Gigi. IT - Comunicato stampa

La veretà iùscke!

U besciàrde av’a tenè bbona memòrie.

 

Non si possono usare le parole del Santo Padre...

 

essendo acceccato d’ira contro il prossimo. Per essere stato scoperto, per l’ennesima volta, con le mani nella marmellata. Per quello che si vuole apparire, ma non si è. L’abito non fa il monaco.

 

Non si possono usare le parole del Santo Padre...

 
Accusando d’invidia chi lo ha scoperto nel commettere plagi, mistificazioni, millanterie.
 
Non si può usare la lingua barese scrivendo il seguente strafalcione:

NZÒMME “JÈ NU POVER'A JÌDDE”

 
La consonante straniera j=gei  che  viene  pronunciata erroneamente  i lunga, non esiste negli alfabeti barese, italiano e latino. 
Nella grammatica italiana la vocale i, a inizio di parola, con un’altra vocale, è semiconsonante, al contrario della grammatica barese che è semivocale formando un semidittongo, che l’italiano non ha.  Il trattino indica che la parola è una locuzione e non un vocabolo. 
Quindi, la corretta grafia in barese è:

N-ZOMME “IÈ NU POVER'A IÌDDE”

 
Confermando la sentenza: “Ce sckute n-gìile, m-bbacce nge vène.

Scherza coi fanti e lascia stare i santi.

Soprattutto San Nicola in Lingua Barese, e non solo.

 

La Cultura Barese (storia, folclore, lingua)

 è di  pubblico dominio, non può essere riservata solo, a parenti e amici. 

«... non si deve guardare al fiume di libri e di scritture facili dei nostri giorni in cui tutti col copia e incolla subito costruiamo montagne di stupidaggini ...».

(Raffaele Nigro, La Gazzetta del Mezzogiorno, Bari 22-10-2014).

Uno scoop nello scoop… ancora scoop... più Scoop.

Il lupo continua a perdere il pelo ma non il vizio.

 

Pestrìgghie pestregghiàte, chìine de nguàcchie nguacchiàte.

 

«Saltar di palo in frasca» (Il proverbio evidenzia il comportamento, peraltro non insolito, di chi, per superficialità o fretta, passa, parlando o scrivendo, da un argomento a un altro senza alcun nesso logico e facendo, ovviamente, molta confusione).

 

«Raglio d’asino non arriva in cielo» (le parole calunniose e le dicerie degli sciocchi non hanno effetto).

 
Ha scritto la grande poetessa,  Alda Merini: «La cattiveria è degli sciocchi, di quelli che non hanno ancora capito che non vivremo in eterno».
 

«Sacco vuoto non sta in piedi» (l’espressione va riferita a chi si vanta di particolari meriti e di virtù che non ha, ma la sua pochezza finisce presto per essere smascherata).

 

«La sella d’oro non migliora il cavallo» (se uno non ha talento o non è dotato di iniziativa e ingegno non può certamente comprarlo o mascherarlo con facili escamotage. È un po’ come dire che l’abito non fa il monaco).

 

Chiamare gli altri,  invidiosi e gelosi senza un nesso logico è come aver lanciato un boomerang che si ritorce su sé stesso. 

 
Ci iè ccudde? Lassue a pèrde, s’attacche a ttutte le pelidde e a la feliscene (Chi è quello? Lascialo perdere, si attacca a tutti i peluzzi e alla fuliggine). Si dice dei cavillosi, per i quali ogni pretesto è buono per attaccar briga.

Domenica 8 giugno 2014, per  la XXI Edizione del «Premio Internazionale di Poesia e Narrativa “Città di Bitetto” 2013-2014», la giuria, con il presidente del Premio, il prof. Michele Lucatuorto, grazie alla denuncia di uno dei partecipanti al concorso, ha scoperto, dopo la classificazione dei premiati, nella sezione B «Poesia singola in vernacolo, inedita, a tema libero», la poesia spedita dal furbetto era “edita” e, prontamente, è stata radiata.

Il furbetto non è nuovo a simili azioni, infatti, anche in un’altra manifestazione è stato scoperto partecipando al VII «Concorso di Poesie in Vernacolo Pugliese» Anno 2011-2012 organizzato dalla UIL PENSIONATI di  BARI e di PUGLIA e dall’«A.D.A di Puglia» (Associazione di volontariato per i Diritti dell’Anziano), perché ha inteso partecipare con altra poesia edita, (mentre il regolamento del concorso specificava, con la dichiarazione firmata dal partecipante sottoscrivendo (approvare incondizionatamenteche la poesia è inedita),

Ma chi è il furbetto che si è fatto cogliere con le mani nel miele? Tentando, da buon italiano, di aggirare le regole? Sempre lui, colui che continua a dichiararsi giornalista (invece è pubblicista), scrittore (e non abbiamo ancora visto pubblicare un suo libro scritto di proprio pugno, frutto della sua capacità inventiva), che più volte si firma quale ‘esperto di dialetti e tradizioni’ e dichiara:  «... io non scrivo in dialetto ma mi piace seguire e scrivere eventualmente qualche considerazione, quindi non posso dare alcun apporto in materia» e poi, si permette di correggere chi si diletta con il dialetto barese, demolendone lo scritto con critiche aspre e violente; uno che di ortografia barese non capisce e non ha mai capito niente di grammatica barese.

Ma chi è costui? Non c’è bisogno di citarlo è ARCINOTO negli ambienti della cultura dialettale barese e, soprattutto, più volte nominato nel presente sito «cliccate sui canali Dialetto, categoria Dialetto barese: Errori dialettali, Pestrìgghie pestregghiàte e nella  stessa categoria agli articoli <Critiche Severissime>, <Pestrìgghie pestregghiàte (Critiche Severissime)>  e <Dialetto barese: Nguàcchie Nguacchiàte (Critiche Severissime)»; «Folclore», categoria Decève tagrànne che mammarànne”, articoli <Decève Vastiàne posa piàne>, <Decève la sroche a la nore> e categoria A ccì appartìine (soprannomi)”, articolo <Le sopanòme (4)> ; «Personaggi», categoria “Le puète”, articoli <Giuseppe Romito> e <Giovanni Lotito>).

L’espertologo ( ! ) ha carpito per ben due volte, partecipando a concorsi di poesia, la buona fede dei Presidenti, delle soprascritte organizzazioni, dott. Rocco Matarozzo e prof. Michele Lucatuorto.

Ci siamo domandati: con quale coraggio, con che faccia continua a presentare il suo cosiddetto nuovo libro (che è tutto dire, dichiarato pomposamente barese) che, come nelle sue precedenti pubblicazioni, è un copia-incolla, senza una spiegazione di note linguistiche per agevolare la lettura del dialetto barese, campo nel quale regna l’anarchia grafica assoluta, ciascuno adopera un proprio sistema, il barese viene scritto in tanti dialetti quanti sono gli autori.

Alla presentazione (ha evidenziato che si accede solo per invito. L’espertologo ha avuto timore di rispondere alle domande di studiosi seri, competenti della lingua barese e non solo. La Cultura Barese (storia, folclore, lingua), non può essere riservata solo, a parenti e amici, ma è di pubblico dominioDivulgare la Cultura Locale è una vera e propria missione, se non si vuole continuare ad avere ancora pregiudizi, in modo particolare, sulla lingua barese scritta e orale), ci hanno riferito: non un cenno, neanche le più elementari e condivise regole di grammatica barese, l’espertologo ha illustrato agli astanti (confermando la sua totale incompetenza sull’ortografia e ortoepia barese), i fenomeni di gruppi consonantici all’inizio e nel corpo della parola che per lui non esistono soprattutto a inizio di parola.

Asserisce che è cosa del tutto personale e ignora, invece, che è regola grammaticale non solo barese, ma delle parlate meridionali.

Non sa rispondere all’abuso del j=gei (consonante straniera) che lui pronuncia erroneamente  i lunga (che non esiste negli alfabeti barese, italianolatino). 

Non chiarisce perché in alcune poesie e componimenti in prosa è usato il gei (j) e in altri no?

Perché alcuni autori usano la doppia B scrivendo in dialetto BBare e altri no?

Perché (è questo è gravissimo), alcuni, e soprattutto lui, usano accentare la vocale a, con l’accento acuto (á), mentre in molti usano correttamente l’accento grave (à)? (La (á) con l’accento acuto nella lingua barese come nella lingua italiana non viene scritta e pronunciata chiusa, perché è l’unica vocale di massima apertura).

Perché gli autori hanno adoperato, nelle loro poesie, parole con l’accento grave e nel suo libro, sono state modificate con l’accento acuto e viceversa?

Perché ha modificato parole, accenti, punteggiatura ad alcune poesie? 

Non si è accorto inserendo per intero con il più classico copia-incolla, errori storici e linguistici: «Il poemetto in dialetto barese inedito del sec. XVIII» inserito all’inizio del libro, non documentandosi se esiste la copia originale, perché non si capisce, per esempio, il canonico Francesco Bux, nato a Bari nel 1885, diventa ordinato sacerdote nel 1888, a tre anni dalla nascita. 

Perché in alcune pagine cita la fonte e in alcune no, come a pag. 134, volutamente ha omesso l’autore del capitolo «Poesie dialettali baresi», appropriandosi dello scritto?

E va dicendo e scrivendo in giro che altri sono invidiosi di lui. Di che? Di che cosa? Che si impadronisce degli scritti altrui?

Perché a pag. 38 spiega a chiare lettere: (...) «… Infine non per tutti c’è la traduzione nella lingua italiana, poiché non sempre riportata dagli autori nelle loro originali composizioni.», mentre alle pagg. 87, 88, 163, 164 e 165 inserisce la traduzione di alcuni vocaboli di quattro poesie scritte da Vito Barracano e Agnese Palummo, che non le hanno tradotte?

Perché a pag. 124 nel titolo della poesia è scritto () e nella prima quartina del componimento (du) senz’accento? Qual è la definizione giusta spiegando nella lingua italiana?

Perché in alcuni racconti e poesie non si distingue la vocale (e) tonica da quella atona scrivendo tutte e due senz’accento? Mentre in altre liriche vengono evidenziate?

Perché in alcune poesie la (e) senz’accento a fine vocabolo non è scritta, ma sostituita con un apostrofo?

Come si spiega a pag. 123 il nome Nicola, nelle due lingue: italiano e barese, è scritto con l’accento acuto la vocale (ó), quando è ben documentato che la pronunzia è aperta come si evidenzia correttamente in altre poesie?

E ci fermiamo qui! PE MMÒ! (PE MMÒ, si scrive in barese con l’accento grave sulla (Ò) e no apostrofare (PE MMO’), come ha scritto l’espertologo. 

Continua a dire e scrivere  che siamo invidiosi.

Invidiosi di che? Che continua a fare il furbetto partecipando a concorsi di poesia, non rispettando il regolamento, carpire la buona fede degli organizzatori?

Invidiosi di che? Che ha pubblicato libri che sono copia-incolla?

Invidiosi di chi? Che non risponde alle domande specifiche sull’ortografia barese?

Di sicuro l’espertologo non risponderà, come non ha mai risposto agli inviti di alcuni studiosi dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”, che più volte lo hanno cortesemente invitato a un confronto pubblico, nel quale possa spiegare perché la sua insistenza nel dire che Bari non ha una grammatica, mentre in una delle sue pubblicazioni ha scritto che la sua collaboratrice, studiosa del dialetto barese, ha contribuito alla redazione di regole grammaticali e ortografiche per la stesura del testo.

Il colmo è che anche nella nuova pubblicazione ha citato nella bibliografia, libri di Alfredo Giovine, il più autorevole autore barese (come è stato definito recentemente dal prof. Pasquale Corsi, docente Ordinario, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi Aldo Moro - Bari e dal prof. Daniele Giancane, docente del Dipartimento di Scienze Pedagogiche e Didattiche dell’Università di Bari), il quale ha prodotto la Grammatica del Dialetto di Bari (a cura di Felice Giovine).

Come spiega questa grave incongruenza?

Non ha ancora risposto alle nostre sopraindicate affermazioni. È bravo solo nello scrivere che siamo invidiosi e gelosi... di chi? Di che? Che cosa c’entra l’invidia, la gelosia se abbiamo semplicemente posto domande specifiche nel difendere, a spada tratta, la storia, le tradizioni e la lingua barese?  

Non c’è che dire, l’individuo in questione, per l’ennesima volta è stato scoperto con le mani nella marmellata, al pari di un plagio commesso, e non solo.

Speriamo fortemente che negli ambienti culturali e, soprattutto, nel mondo dell’Università degli Studi di Bari, si dia degna considerazione e rispetto alla Baresità autentica (Storia-Lingua-Folclore). 

Comitato Difesa Baresità

Ogni componente, anche individualmente, si impegna, in qualunque luogo, occasione e con ogni mezzo, ad intervenire, contrastando, riprendendo, correggendo affermazioni false e inquinanti, mistificazioni, banalizzazioni, da chiunque provengano, tendenti a distorcere, diffondere inesattezze e travisare la storia, la cultura, la lingua e le tradizioni di Bari e della sua Terra. L’invito ad Aderire è indirizzato a chiunque si riconosca e condivida gli scopi che il Comitato si prefigge, compresa l’uniformità della grafia dialettale.

Campagna di Sensibilizzazione

a cura dei siti web:

www.centrostudibaresi.it (Felice Giovine)

www.dondialetto.it (Gigi De Santis)

La Redazione


Commenti : 0 | Letto : 565 | Dettagli... (9 parole)

Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
Inserito il 11 novembre 2014 alle 11:04:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

Due parole sulla Lingua Barese

 

Chiunque si sia dedicato con passione al proprio idioma si è poi cimentato a impostare una grafia che fosse in grado di esprimere termini e particolari fonemi, caratteristici di quel territorio.

Egli ha ritenuto, lodevolmente, di dare una propria impronta e ha creato sistemi grafici misti tra l’alfabeto fonetico (IPA, segni diacritici, ecc.), quello italiano e lettere di lingue straniere (j, x, y, w), trascurando l’elemento basilare, cioè una scrittura semplice, da tutti comprensibile e utilizzabile, giustificata grammaticalmente.

Il più delle volte, non hanno considerato che è l’italiano che deriva dai dialetti e non il contrario. Premesso che l’Alfabeto Fonetico Internazionale (IPA) è quello scientifico, tutti gli altri, debbono scrivere come e per la gente comune, con il solo mezzo che conoscono, imparato a scuola, il più semplice: l’italiano.

Per porre fine all’uso indiscriminato e incondizionato delle non poche e sofisticate grafie adottate (per la propensione del barese e non solo, al più sfrenato individualismo) il cui utilizzo ha creato e crea grave nocumento quanto a diffusione e incomprensibili equivoci, suggeriamo,

una scrittura di base, semplice e utilizzabile da tutti

 

adottando l’alfabeto italiano;

approfondendo i fenomeni tipici dialettali:

- legati alla a delle coniugazioni verbali, agghie a scì a cattà le cìggere;

- gli incontri consonantici, andìche (antico); non zènde (non sente), ecc.

- il raddoppio consonantico in principio che nel corpo della parola, vogghe a ccase (vado a casa), cassce (cassa), fassce (fascia), ecc.;

- altri fonemi (per es: tipici, ma diversi tra loro, traiìne (carretto), cappìidde (cappello);

-   usando la ‘e’ atona invece di altri segni grafici (apostrofi, e capovolte: ǝ, spazi vuoti)

-   uniformando e condividendo la scrittura. 

ALFABETO

 L’alfabeto barese si compone di ventuno lettere e, come nell’alfabeto italiano, ciascuna lettera ha un suo nome, secondo il suono che rappresenta.

1. a - 2. b (be) - 3. c (ce) - 4. d (de) - 5. e - 6. f (fe) - 7. g (ge) - 8. h - 9. i - 10. l (le) - 11. m (me) - 12. n (ne) - 13. o - 14. p (pe) -15. q (qu) - 16. r (re) - 17. s (se) -18. t (te) - 19. u - 20. v (ve) – 21. z (ze).

La lettera h solo per le voci verbali del verbo avè (avere); tu ha da scì (tu devi andare).   

Importanza della vocale e

La e ha una funzione importante e di base nella scrittura barese. Tutte le ‘e’ delle parole dialettali, non accentate, hanno suono indistinto, ma la loro funzione è quella di dare suono vocalico, sonorità alle consonanti cui sono legate, come nella lingua francese. (Es.: ruscte/rùscete - marnàre/marenàrepudce/pùdece - volne/vòlene).

La non trascrizione renderebbe la grafia illeggibile: descetàmece (dsctàmc).

Lo stesso dicasi qualora la e semimuta venga sostituita con l’apostrofo (): r’nn’nèdd’ (rondinella) – fr’mm’nànd’ (fiammifero) – d’sc’tàm’c’ (svegliamoci).

Si tenga conto che la e semimuta è pur sempre un suono, ancorché poco distinto, ma è opportuno trascriverla.

Per comprendere meglio e subito quanto detto si provi a pronunciare la parola marinaio che in barese può essere espressa graficamente marnàre e marenàre, e ‘andiamo al mare’: sciame o mare e non sciame o mar (lo sceicco). Sarà sufficiente a quanti sostengono l’inutilità della trascrizione della e ?

Emblematico è l’esempio di “ì so d BBàààr” così scritto, e con un certo impegno, si afferma che si è di Bar (Antivari), città di fronte a noi, mentre se si vuole affermare di essere di Bari, occorre scrivere ì sò de BBare.

Le e del dialetto barese hanno svariati suoni e diversi fra loro, per cui è impossibile distinguerle e rappresentarle nelle diverse sfumature, se non da coloro che la pronunciamo.

Nota Bene

 

J (gei)

 Si suggerisce l’eliminazione totale della j (gei), in quanto lettera straniera (la cosiddetta i lunga, è invenzione di qualche “snob”), è solo un segno grafico e non esiste in italiano e in latino; (sono errati e non esistono in alcun vocabolario, jus, juris, justitia, jacopo, jonio, japigia, jolanda, fidejussione, ecc.), in italiano esiste: giungla (e non jungla), iunior (non junior), ionico (non jonico, pron.: gionico); se si scrive juventino lo si deve pronunciare giuventino.

Chi volesse approfondire l’argomento può riferirsi al volume “Il dialetto di Bari” a cura di Felice Giovine, edito da Giuseppe Laterza nel 2005. Per i confronti e proficui scambi di idee siamo sempre a disposizione per il bene della nostra lingua e della città.

Articolo estratto dal mensile: Speciale “U Corrìire de BBàre” fascicolo 3°/3 – Aprile 2013.

Direttore responsabile e Presidente dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo, Giovine» (costituitasi ufficialmente l’otto maggio 2012), Felice Giovine.

 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 176 | Dettagli... (9 parole)


 
Menu

 

 
 

 


Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:


Cerca nel Web
Google


Top - Siti web
Centro Studi Baresi (IT)
Riccardo Guglielmi - Cardiologo (IT)
Wip Edizioni (IT)
Angela Guglielmi (IT)
Mondo Antico (IT)
Modugno.it (IT)

I preferiti
Associazione Onlus Mondo antico e Tempi Moderni (32463)
Angela Guglielmi - Web master (22207)
Modugno.it Il Portale della Comunità Modugnese (21302)
GioArt di Giovanni Cellamare (15858)
Università Popolare Pugliese Terza Libera Età Ause (14632)
PugliaTeatro-L'Eccezione (13847)
Forza San Paolo - Bari (13087)
Sapore tipico (12081)
Promuoviamo il Turismo in Puglia (11477)
Libreria Culture Club Cafè (11440)
Telestreet Bari (11250)
Web Aperto (10906)
Premio Letterario Osservatorio (10730)
Teatro Abeliano - Bari (10710)
TirsoMedia -Bari- (10639)
Wip Edizioni (10621)
Liliana Carone (10424)
Helicam service (9981)

Statistiche
Siamo on line dal 1° Novembre 2006 e ci hanno visitato in:

Il tuo indirizzo IP è: 184.73.110.237

 

Tema grafico a cura di
 Nessuno
 © Don Dialetto di Gigi De Santis - © Rielaborazione Grafica e Webmaster Angela Guglielmi - © AspNuke Gli "Articoli, gli E lementi grafici e quant'altro" presenti su Dondialetto.it  sono da considerarsi d'esclusiva proprietà di http://www.dondialetto.it L'Associazione "Don Dialetto" di Bari adirà alle vie legali contro chi, intenzionalmente, abusa dei contenuti pubblicati sul nostro portale senza alcuna comunicazione, convenzione e autorizzazione della redazione 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 Grafica prodotta da "Artimedia" - www.studioquattro.com
Questa pagina è stata eseguita in 0,890625secondi.
Versione stampabile Versione stampabile