Il dialetto barese è Bari: la sua storia, la sua anima, la ragione stessa dell'essere suo.  ( Armando  Perotti )               * * *               Non si creda che i dialetti siano destinati a sparire, se mai si moltiplicheranno, pur tenendosi stretti alla lingua  " scritta  "  di Dante.  (Francesco Babudri)               * * *               Il dialetto è l’anima del popolo, la parte meno obliabile, non l’orpello o l’ignoranza come alcuni credono.  (Pasquale Sorrenti)               * * *               Non si può avere piena intelligenza della Divina Commedia senza tenere l’occhio rivolto al dialetto.  (Abbate Giuliani)               * * *              Il dialetto è un potente mezzo di comunicazione e ha diritto di cittadinanza nella scuola, e non solo a livello sperimentale. (Francesco Mininni)               * * *               Io credo che il poeta dialettale può e deve restare fedele al suo dialetto, se non lo fa, rischia di offrire ai suoi lettori, componimenti redatti o un dialetto annacquato o in un italiano adulterato.  (Oronzo Parlangeli)               * * *              Nella città di Bari, sono ancora in molti che identificano il dialetto con la povertà o come marchio di appartenenza agli strati più umili, gretti e ignoranti della società, al contrario di quanto avviene in altre città dove l’uso del dialetto è vezzo, sciccheria e ostentazione. (Alfredo Giovine)               * * *            I dialetti sono specchi più fedeli, più spontanei, forse anche primigenii dell'interiore linguaggio che precede ogni fatto linguistico. (Pio XII)
  BENVENUTO      
 
Immagini

Immagini di repertorio
Don Dialetto(13888)


Eventi
<
Luglio
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 -- --




Visitatori
Visitatori Correnti : 14
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 287
Ultimo iscritto : Francesco62
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 42
 
 Commenti: 16
 
 Immagini: 9972
 Immagini viste: 6301050
 
 Articoli: 87
 Pagine: 1411
 Pagine lette: 7416964
 
 Siti web: 6
 
 Notizie on line: 15
 
 Preferiti: 83
 Siti visitati: 283814
 
 Post sui forum: 17
 
 Libro degli ospiti: 24
 
 Eventi: 1609

Sponsor

Contattateci  per  inserire  la  vostra  Pubblicità



 
 

 


 
Ultimi inserimenti

Data:  31/12/2013 Sezione  Mercatino Ultimo Inserimento:  Calendario Barese 2014  - Data:  01/07/2015 Sezione  Articoli Ultimo Inserimento - Controlla l'ultima pagina di:  U scazzecappetìte (antipasti, aperitivi)  - Data:  27/06/2015 Sezione  User Ultimo Iscritto:  Francesco62  - Data:  01/01/1900 Sezione:   Ultimo Inserimento:   - Data:  01/07/2015 Sezione  Immagini Ultimo Inserimento:  Bari, cequère e ffave  - Data:  01/01/1900 Sezione   Ultimo Inserimento:   - Data:  02/07/2015 Sezione  News Ultimo Inserimento:  Racconti, aneddoti, favole in Lingua Barese: La Uècchinère

Benvenuti sul sito web
Pagina di Benvenuto

Benvenuti sul sito web www.dondialetto.it

Gigi De Santis

Il portale dei Baresi nel Mondo

 

 
DonDialetto.it


Teniamo alta la BANDIERA
della STORIA, della TRADIZIONE, del DIALETTO di BARI,
ma senza...

Improvvisazioni - Errori - Strafalcioni - Scopiazzature - Alterazioni - Mistificazioni - Compromessi - Contaminazioni.

Il Dialetto,  innanzi tutto, è una cosa seria
(Grammatica, Scrittura, Lettura, Declamazione, Recitazione, Canto).

                                        
DonDialetto.it

La Voce... Il Suono... La Parola... La Gestualità... La Storia... Il Folclore...
I Racconti... I Canti... La Saggezza... Il Dialetto...
.La Pausì....
U Ndrattìine... U u-addòre... U Tiàdre... La Uascèzze...

 

DonDialetto.it

la BARESITÀ D.O.C. contributo al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione della Cultura Popolare e della Lingua Barese.

 

02 luglio 2015
Racconti, aneddoti, favole in Lingua Barese: La Uècchinère
01 luglio 2015
Fave de quìzze / Cequèr'e ffave / Fave bbiànghe che la cepodde.
30 giugno 2015
“Non z’affitte manghe a gastemà”. L'efficacia della Lingua Barese
29 giugno 2015
“Iàbbre l’ècchie! c'a d’achiùte no nge vole nudde”. L'efficacia della Lingua Barese
28 giugno 2015
Perché si buttava a mare l'avversario "robb'e ttutte": L'efficacia della Lingua Barese
26 giugno 2015
Lingua Barese: Pestrìgghie Pestregghiàte / Nguàcchie nguacchiàte / 7
04 giugno 2015
Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 5
02 aprile 2015
Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
11 novembre 2014
Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
05 giugno 2014
COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
04 giugno 2014
PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
09 marzo 2014
Grammatica Barese: La i che cambia i suoni
16 novembre 2013
Lingua Barese: Problema Grafico - Denuncia dell'Accademia della Lingua Barese "Alfredo Giovine"
13 agosto 2013
CULTURA e DIALETTO BARESE
08 marzo 2009
NOVITÀ BIBLIOGRAFICA BARESE ASSOLUTA su INTERNET
  
Top 5 - Forum
therock - 29/10/11 20:38:26
Vi posto il link, tratto da youtube, del...
mauror58 - 01/03/11 13:24:37
egr.dott.desantis, vedo che ha fatto presto...
mauror58 - 06/01/11 11:01:18
Grazie Dott. DeSantis, mi scuso se non...
Gigi - 05/01/11 09:32:10
Gentile signor Mauro, ricambiamo con gioia...
mauror58 - 04/01/11 22:12:10
salute a tutti voi, sono nuovo del forum...

Racconti, aneddoti, favole in Lingua Barese: La Uècchinère
Inserito il 02 luglio 2015 alle 05:55:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

Scecuànn’e redènne, screvènne m-barèse

(Racconto)

 

La uècchinère

(La occhi neri)

Bellònie (Apollonia) Roduaròdue e Vastiàne (Sebastiano) Marangialemòne tenèvene na figghie vacandì (nubile), ca iève l’ammìdie (l’invidia) du vecenàte (del vicinato): iàlde e slangiàte, nu pìitt’a palumme che dò vremecòcche (seni) iàggr’e ddolge (acre e dolce), nu cuèrpe (corpo) aggrazziàte, dò gamme cchiù mmègghie de chidde de na ballèrìne de tiàdre, na facce de na pepèdde (piccola bambola), dò labbre iàdeca iàdeche e rrosse come ce fossere tengiùte che le cìilze russe (gelsi rossi), dù iècchie ad amìnue (a mandorle) che dò palle ggnore ggnore, ca ièvene la spate iìnd’o core de le spasemande.

E ppe chidd’ècchie ggnore, la uaggnèdde iève chiamàte do vecenàte la Uècchinère.

M-bbacce a cchisse delìzzie, cchiù de nu ggiòvene fernecàve, nge scèv’atturn’atturne com’a la farènue (farfallina notturna che è attratta dalla luce di un lume o lampadina); e facènne u passe e spasse da nanz’a la case totte le sande dì, avèvene date u-ammìcce a le femmenèdde de sfelà la crone du... tagghia (maldicenze).

La mamme, Bellònie Roduaròdue, a vedè u spassègge e le chiamendàte ch’u u-èccchie du gusce de le ggiùvene, acchemenzò a nzospettìirse e a mondà de sendenèdde da drèt’o u-acchengìidde. Pò, o iè ca nessciùne de chidde ca facèvene u spass’e spasse piacèv’a ièdde o percè la bellèzze de la fìgghie se la velève gote ièdde asselute, trasì talmènde n-gelosì (in gelosia) ca la povra Uècchinère non la facève scì mà che nessciùne, non l’allassàve, nè la facève scì sola sole. Ma iìnd’o core de la Uècchinère, nu ggiòvene fadegatòre ngi-avève scavate affunn’affunne, tande ca chidd’ècchie ggnore stèvene pe devendà iècchie de pègra morte. E la mamme ne ghedève, spègge acquànne acchemenzò a vedè de scì sotte u và e vvìine de le gevenòtte.

La uaggnèdde ndande avève semate (intuita) la gelosì de la mamme e acchemenzò a mangiàrse u cervìidde p’acchià la cassiòne (l’occasione), pe scì a starse nu muèrse a mmuss’a mmusse e a ccor’a ccore ch’u uaggnòne ca velève tande bbène.

A cchidde tìimbe le puzze de l’acqua piovàne, acchemenzòrne a ppèrde la càuse: l’acque acchemenzò ad arrevà da l’Ofandìne (fiume Ofanto) e ffurene cuèste iìnd’a BBare do Menecìbbie trè rebenìitte: iùne nnanz’a la stanziòne, iùne o cuèste du Castìidde, da la vì de chiàzza Massare e u u-àlde o cuèste du Menecìbbie da Via Cairòle. Fu appunde u rebenètte, ca tanne chiamàvene «la fendane», a ffà u reffiàne a la Uècchinère.

Bellònie Roduaròdue, oggn’e ssère velève nu surse d’acqua frèscke, e la Uècchinère, tande facì ca che la candre la scève ad aggnì, scènne da Sanda Varve (Piazza Santa Barbara oggi sostituita da largo Chyurlia) o rebenètte de nanz’o Menecìbbie, avènne acchesì u canze de fà la cenise (amoreggiamento per istrada).

E la mamme nudde sapènne, oggn’e ddì, a calate de sole, mannave la figghie sola sole a la fendana. Na sère la Uècchinère assì da la case, pertanne m-mane nu gneture, na zzole e la soleta candre.

Bellònie se facì meravìgghie, percè la figghie se iève carecate de chèdda sorte de manère, ma la Uècchinère decì ca s’avèv’a fà dà na mane da la chembagne e sse la squagghiò. Iìnd’o gneture e iìnd’a la zzole la Uècchinère pertave le robbe, percè se n’avèv’a fescì ch’u uaggnòne sù ca tande ièdde nge velève bbène e cca tande, ngi-avève fatte annegghià la cape. E acchesì seccedì!

La Uècchinère scì a la fendana e a la case cchiù non dernò, percè allassàte u gneture, la zzole e la candre o quèste du rebenètte, se la felò che ccudde ca l’avèv’a ièggne de bbène, l’avèv’acchemegghià de meuìne e d’amore!

La povra Bellònie, aspìitte n’ore, aspìitte dò iòre, pezzinghe acquànne se retrò u marite, Vastiàne Marangialemòne, ca u mannò a la fendana a vedè pe la figghie, ma Vastiàne se ne ternò a la case sènze manghe la zzole e u gneture.

La bbile (l’agitazione) ca pegghiò la povra Bellònie fu tande c’acchemenzò a smanià e a dà ndelìrie e a le sedetùre (inquilini) ca cherrènne decève: «Facève bbuène iì ce nge cenguàve le gamme... ca non la facève scì mà sola sole... e mmò u vì ce ssò recapetàte? E cca pò cudde svergoggnàte nom me mettèsse l’astie a la gole! (il gancio alla gola, mi mette alle strette chiedendo tutto quello che le spetta alla figlia: il corredo per esempio)».

Vastiàne, ca iève rema ndesàte (irrigidito) com’a na pèzzamarine, se facì forte e sckattò a ddisce: «Bellònie, ca nonn-è mmuèrte nessciùne, iè u munne c’av’a scì acchesì!... e ppò fìgghiete nonn-è nè la prime e mmanghe l’uldeme... a ffà u scesciàcchie!!!».

E ffu pe cchèdde ca chembenò la Uècchinère e ppe la gelosì de la mamme, c’assèrne u senètte: “La mamme de chèssa uaggnèdde iè gelose, no la velève mannà la Uècchinèra mì, no la velève mannà na vold’assola”.

(Benedetto Maggi)

Il monologo è stato trascritto e aggiornato con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Emerografia: Benedetto Maggi, «Giornale Pugliese», Bari, 20-02-1965.

Foto: «La fontana», fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2015). 

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Bari Don Dialetto - Lingua - Storia - Folclore

 


Commenti : 0 | Letto : 1 | Dettagli... (9 parole)

Fave de quìzze / Cequèr'e ffave / Fave bbiànghe che la cepodde.
Inserito il 01 luglio 2015 alle 10:15:00 da Gigi. IT - Cucina barese

U-addòre

CUCINA TIPICA in LINGUA BARESE

Fave de quizze / Cequèr'e ffave / Fave bbiànghe che la cepodde.

Nel mese di aprile (da un po’ di anni anche nell’ultima settimana di marzo), in piena  primavera si notano ancora agli angoli delle strade, venditori ambulanti che vendono le fave novelle; in barese e, in altri dialetti pugliesi, vengono pronunciate: “fave de quìzze” (fave fresche), da mangiare crude.

La saggezza popolare, a proposito delle fave, ha coniato due proverbi: “A SSande Stase, oggn’e ffave ha ffatte u nase” (A Sant’Anastasio (27 aprile) ogni fava ha già il nasello), incominciano a ingrossare e possono essere anche cucinate. “A SSanda Necole, oggn’e ffave che la capa ggnore” (A San Nicola ogni fava con la testa nera), la massima evidenzia che alla sagra di San Nicola (7, 8, 9 maggio), le fave non sono più buone da mangiare crude, ma vanno cucinate con altre verdure o con la pasta.

Continuando nella ricerca del folclore barese a proposito della fava novella, c’è anche un indovinello che esalta “la fave de quìzze”: “M-Mènz’a la cambagne stà nu seldate lènghe lènghe, nge spondene la braghètte e ièsse la baionètte” (In mezzo alla campagna c’è un soldato lungo lungo, gli sbottonano la brachetta ed esce la baionetta).

Nella gastronomia barese i piatti tipici con le fave cucinate sono: “Cequère e ffave”, “Fave frèscke che la cepodde”, e “Fave e checozze”. Diamo, però la precedenza, a una ricetta che spiega in breve come mangiare crude le fave novelle da uno scritto del drammaturgo e poeta dialettale barese Giovanni Panza, pubblicato nel volume “La checine de nononne, u mangià de le barise d’aiìre e de iòsce”.

Fave de quìzze

Acquànne iè la staggiòne e sse iàcchiene le fave novèlle (chidde barise dolge accom’o mmèle), nu mangià c’azzècche e nno goste nudde (nudde na volde, vogghe disce; iòsce pure le fave de quìzze gostene chèdde ca gostene) iè ddate da nu beccone de pane che ngocch’e ffave chegghiùte da picche e cca se lève da iìnd’a la scorze mèndre se mange. Ma la sère a BBare se mange pure cchiù sèmblece: che nu becchìire de mìire (cudde ca fascene da le vanne noste, ggnore ggnore accom’o ggnostre) e nu stèzze de pane spenzate iìnde o ce stonne dù o trè peciuatèddre.

Versione italiana:

Fave novelle

Quando è la stagione e si trovano le fave fresche baresi che sono dolcissime, una merenda molto gustosa è rappresentata da un boccone di pane che accompagna un mucchietto di fave tolte dal baccello là per là. Ma la sera a Bari si cena anche in maniera più frugale: con un bicchiere di vino in cui si inzuppa un po’ di pane o qualche tarallo.

(Giovanni Panza)

Alfredo Giovine, in un suo scritto del 1986 ha risaltato il piatto di cicorie e fave affermando: «Altra stella della dieta mediterranea è la pietanza rustica di antica tradizione “le cequère e ffave bbiànghe”. Pietanza principe per chi voglia nutrirsi e disintossicarsi. La cicoria è ricca di sali minerali e le fave, per l’elevatissimo contenuto di potassio (1230 milligr. su 100 gr. di parte commestibile), rappresentano uno dei più ricchi alimenti antifatica. I nostri incolti contadini avevano individuato istintivamente nelle fave una vigorosa fonte energetica».

Sempre dal libro di Giovanni Panza gustiamoci, dopo una briosa introduzione...“chisse”...

Cequère e ffave

Le barise de na volde crenzèvene (credevano) ca cusse piàtte iève nu piàtte pe le poverìidde; iòsce le restorande n’avonne fatte na menèstre ca vène scritte pure sop’a le carte e se sfezzièscene (sbizzarrendosi) a ffalle iùne cchiù asseduàte de l’alde.

A le tìimbe de nononne le cecuère (cicorie) scèvene nderrèse (costavano poco) e le fave se mangiàvene che ttutte la scorze (il guscio della fava) levanne asselute u nase (nasello) ca le fèmmene mezzecuàvene acquànne iève la staggiòne de fà la prevviste pe ttutte u u-ànne. Iòsce se iùse asselute u purè percè le viscere (stomaci) delecàte non zopportene (sopportano) le scorze. Le fave bbiànghe se vènnene iìnd’a le sckadue (scatole già sgusciate) e sse paghene cu perchè (si pagano salate); le cequère, pò, o mercate avonne devendàte na mèrce de lusse, pure chidde cecuère selvagge (cicorie selvagge, campestri) ca sò tande saperite (saporite) e ffascene tande bbène o ssanghe (giova tanto alla pressione arteriosa).

Le restorande, pò, tènene u mèrete (merito) d’avè accapessciùte ca le cose cchiù modèste barise, presendàte accome u sabene fà lore iìnd’a le locale a la mote che ttutte le ciàngere (le cure) ca nge sabene mètte, podene devendà - accome iè devendàte chèssa menèstre - na cosa da falle capì a ttutte le giargianìse (forestieri), ca remànene a vvocch’apèrte pe qquande sò saperite.

Accome se fàscene?

Se mètt’a ccosce, iìnd’a nu peggnatìidde, che ll’acque asselute, le fave bbiànghe ca s’avonne tenute a spenzà da la sèra nnanze. Acquànne se sò cotte se lèvene e sse mèttene iìnd’a nu passasàlze, se passene pe ffalle menì accom’a na crème, e sse mèttene o quèste. Se pelìzzene le cequère (qualùngue tipe sò adatte: le cime, le chiandìne, chidde du ciùcce, chidde salvagge) e sse mèttene a lessà. Da la matina subete se pelizze na bbèdda cepodde d’Acquavìve, tagghiàte a ffèdde non dande settile e sse mètte iìnd’a na zeppìire acchemegghiàte d’acqua dolge pe ffalle sprefemà d’o u-addòre. A l’oràrie de mangià se mètte iìnd’a le piàtte cheppute da nu quèste le cequère, d’o u-àlde le fave; s’acconze c’abbondànde ègghie crute e u piàtte iè ppronde.

Se mange pegghiànne, che la fercine, na ciòffe de cecuère e na pezzecàte de fave e se mètte m-mocche nzìim’a nu stèzze de pane casarùle e a ngocche feddozze de cepodda crute. Ngocch’e iàlde mèscke tutte nzìime cecuèr’e ffave e le sèrve iìnd’a zepperòdde de crète ggià cu ppane spenzàte iìnde. Oggn’e d’une s’adatte a iùse sù, ma n-gase, le barise mangene chèssa menèstre accome ve sò ditte apprime.

L’usanze vole, pò, ca sop’a ccusse piàtte s’av’a bève nu squicce (abbondànde) de mìire tenènne u nase strengiùte che le dèscetre pe ffange assì da la vocche u fìite c’arremane dope ca s’ha mangiàte la cepodde.

Traduzione sintetica della ricetta:

Cicorie e fave

Si mettono a cuocere le fave nella pignatta ricoperte di acqua; quando saranno cotte le passate al setaccio per ottenere una crema omogenea. A parte, si netta le cicorie (qualunque varietà va bene: dalle cime, alle piantine, a quelle selvatiche) e si mettono a lessare. La mattina, a prima ora, si pulisce qualche cipolla di quelle rosse di Acquaviva delle Fonti, affettate e messe in una scodella ricoperte di acqua perché diventino dolci. All’ora del pranzo si mette in ciascun piatto da un lato le cicorie, dell’altro il purè di fave; si condisce il tutto con abbondante olio crudo e si mangiano raccogliendo, con la forchetta, un ciuffo di cicorie, un bocconcino di fave e si mettono in bocca insieme a un pezzetto di pane e a una fettina di cipolla. Altri il piatto lo servono mescolando le cicorie con le fave, presentando la minestra in scodelle di creta nel cui fondo sono stati posti pezzetti di pane abbrustolito. Ognuno escogita un proprio modo di ammannire questo squisito piatto, ma a casa propria i baresi mangiano le cicorie e le fave come spiegato prima. Naturalmente, il piatto va seguito da un buon bicchiere di vino bevuto alla maniera antica, stringendo il naso tra due dita e soffiando con la bocca per consentire una certa purificazione dell’alito dal caratteristico odore di cipolla.

(Giovanni Panza)

 

Concludiamo con un’altra ricetta barese, pugliese estratta dal volume di Alfredo Giovine: “U sgranatòrie de le barìse” (cucina tipica barese) ed è “Fave frèscke che la cepodde”. Una pietanza che si accompagna con la pasta.  

Fave frèscke che la cepodde

Se pelìzzene le fave de quìzze. Pò se mètte nu tiàne sop’o ffuèche che ducìinde gramme d’ègghie e na cepodda tagghiàte.

Se lasse cosce nu picche. Prime ca la cepodde fasce bbiònde, s’ammènene le fave, sale, pedresìne, pèpe e nnu picche d’acque. Acquànne le fave sò ccotte, s’ammène iìnd’o tiàne lore nu pìcche de pasta corte cotte, s’agire e sse sèrvene.

BBuèn’appetite a cci se l’av’a mangià, lassanne  u-addòre a cci non le pote assaprà.

Traduzione sintetica:

Fave fresche con la cipolla

In un tegame messo sul fuoco si pongono duecento grammi di olio d’oliva e una cipolla tagliata. Quando questa è cotta un po’ e prima che diventi bionda, si mettono fave fresche tolte dal baccello nella quantità desiderata.

Si aggiunge sale, prezzemolo, pepe e un po’ d’acqua. Quando le fave risultano cotte, nello stesso tegame si aggiunge pasta corta, cotta. Si mescola il tutto e si serve.

(Alfredo Giovine)

 (Buon appetito a chi se li mangerà, lasciando l’odore a chi non li potrà assaggiare)

La grafia in barese delle ricette sono state trascritte e aggiornate con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Bibliografia: Giovanni Panza. Libro “La checine de nononne”, Schena Editore, Fasano (BR), 1982; Alfredo Giovine, «“U Sgranatòrie de le Barìse”», Edizioni Fratelli Laterza, Bari, 1980; Gigi De Santis “Calannàrie Barèse, Iànne Dumìle”, Edizioni del Tirso, Bari, 1999; Gigi De Santis, “Calannàrie Barèse dumìle e iùne”, Edizione del Tirso, Bari, 2000; Gigi De Santis, “Calannàrie Barèse dumìle e ddèsce”, Edizione del Tirso, Bari, 2009.     e Foto: «Fave novelle / “Cequère e ffave / Cequère, fave e cepodde”», Libro “La Terra dell’Ulivo”, Nicola Borri, Mario Adda Editore, Bari, 1993; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2015). 

 

  e Foto: «“Fave de quìzze” / Cequère e fave», Libro “La Terra dell’Ulivo”, Nicola Borri, Mario Adda Editore, Bari, 1993; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2015). 

  e Foto: «“Fave de quìzze” / Menèstre de fave e cequère», Libro “La Cucina della Valle dei Trulli”, Carmela e Rosa Calella, Schena Editore, Fasano (BR), 2008; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2015). 

Foto: «Piatto di fave e cicorie». Libro “Ricette di Puglia”, Giovanna Quaranta, Congedo Editore, Galatina (LE), 2006; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2015). 

Foto: «Cequère e ffave». Libro “Invito a Bari”, Lino Patruno, fotografia, Nicola Amato/Sergio Leonardi, Mario Adda Editore, Bari, 1998; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2015). 

Lingua e Cucina Tipica Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.

Gigi De Santis

Bari Don Dialetto - Lingua - Storia - Folclore


Commenti : 0 | Letto : 2 | Dettagli... (9 parole)

“Non z’affitte manghe a gastemà”. L'efficacia della Lingua Barese
Inserito il 30 giugno 2015 alle 05:56:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Vivacità d’espressione

della

Lingua Barese

di

Alfredo Giovine

Colore ed efficacia del nostro dialetto

Altro modo di dire caratteristico barese è “Non z’affitte manghe a gastemà”. Appartiene a quelle espressioni senza senso create per conseguire un effetto più marcato onde arrivare a segno per un maggiore risultato.

Lo pensate? con “ddò non ze vète nudde” oppure “ddò non z’affitte” il significato è chiaro. Ma dire “ddò non z’affitte manghe a gastemà” la efficace carica inusitata esplode paradossalmente per la sua assurdità.

Allo scopo di rendere maggiormente l’idea immaginiamo un capo famiglia che nel rientrare a casa trovi tutta la zona in piena oscurità. Lascia la moglie sulla porta dell’abitazione ed inizia ad inoltrarsi nell’interno “scarpenesciànne” (avanzare a passettini quasi impercettibili) allo scopo di evitare di urtare violentemente “la cannèdde de na gamme m-bbacce a ngocch’e ccassce o a na cose pezzute”. Egli procede “a l’attendùne” (a tentoni) sperando di avere al più presto sottomano la scatola dei “felmenànde aspìitte nu picche” (fiammiferi con zolfo con la testina di fosforo sulla punta del legnetto) per poter accendere la lampada ad olio, far luce e consentire alla famiglia di entrare in casa, ma è buio pesto e la marcia prosegue lentamente urtando senza farsi male vari mobili e sedie.

La moglie sollecita: “Angore. Possibele ca non zì arrevate ad’acchià le fiammìfere ca hann’a stà sop’o comò?”.

E lui, per giustificare le difficoltà incontrate dice: “Ce ttu sì acchesì bbrave, vìine tu. Trase, trase. Eppò te n’avvìirte ca ddò non z’affìtte manghe a gastemà”.

No”, aggiunge la moglie, per punzecchiarlo, “tu tìine pavure d’u agùrie de la case o de le spirde e nno uè cammenà. Sò secure ca stà tremuìsce e tte la stà ffasce iìnd'a le calzune. Chiamì, stogghe a sendì u fìite da ddò”.

Ma vatt’a scìitt’a mmare”, risponde inviperito l’uomo, “a mmè pavure? Ce ccose iè la pavure? Iì non zacce com’è ffatte. La pavure la lassabbe iìnd'a la vènde de mamme. La pavure ca tènene l’alde me la mangeche sènza pane”.

Finalmente l’uomo riesce a ritrovare i fiammiferi e accendere la lampada ad olio. La famiglia rientra e l’uomo cerca di enfatizzare la sua impresa al buio. Gonfia le cose in modo così esagerato e sproporzionato al fatto che la moglie non ne può più e sbotta:

Cherrite crestiàne, cherrite, u traiìne de la nève s’av’abbresciàte”. Modo di dire ironico diretto a chi enfatizza cose, notizie e avvenimenti insignificanti cercando di farli apparire mirabolanti.

L’articolo è stato trascritto e aggiornato con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Foto: «“Non z’affìtte manghe a gastemà”», immagine Antonio Longo, Libro, “L’arguzia del popolo”, Anna Longo Massarelli, Edizioni Nuovi Orientamenti, Modugno (BA), 2007.  

Alfredo e Felice Giovine

Biblioteca dell’Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Bari Don Dialetto - Lingua - Storia - Folclore


Commenti : 0 | Letto : 1 | Dettagli... (9 parole)

“Iàbbre l’ècchie! c'a d’achiùte no nge vole nudde”. L'efficacia della Lingua Barese
Inserito il 29 giugno 2015 alle 05:55:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Vivacità d’espressione

della

Lingua Barese

di

Alfredo Giovine

- L’organo della vista è al centro di moltissimi detti popolari buoni e cattivi -

 

Nel conversare quotidiano del barese il riferimento ai vari aspetti espressivi “d’u u-ècchie” (dell’occhio) in termine reale o figurativo sono numerosissimi. Chi richiama su di sé l’attenzione divina, fra l’altro, potrà dire: “Gesù, n’ècchie sù, ngi-av’a veldà” (Gesù ci guarderà con occhio benevolo e generoso). Se l’invocazione è provocata dal comportamento ostile di qualcuno, la frase potrebbe essere, “Mal’ècchie tù, bbuèn’ècchie de DDì” (Malocchio tuo, buon occhio di Dio). E allora per ingraziarsi anche qualche santo la popolazione confeziona “l’ècchie de sanda Lecì” (piccole ciambelle dolci infornate) per invocare protezione per i propri occhi.

Ma l’uso del termine “u u-ècchie” (l’occhio) può essere usato per indicare il diavolo a questo si fa seguire l’aggettivo “russe” (rosso). Satana, quindi, può essere indicato con “u u-ècchie russe”. E qualche volta un tipo impressionato da particolari di un avvenimento che lo ha colpito dirà: “U u-ècchie russe? U tènghe nnanz’a ll’ècchie. U vègghe come ce ffosse mò. Acquànne u vedìibbe la prima volde me menì u ssanghe a ll’ècchie” (L’occhio rosso? L’ho davanti agli occhi. Lo vedo come se fosse adesso. Quando lo vidi la prima volta, mi venne il sangue agli occhi).

Ma “u u-ècchie” non guarda in una sola direzione, spazia sul campo alla sua portata, quindi, se “Mariètte” è una ragazza bellissima, i giovani “se la mangene che ll’ècchie” (se la divorano con gli occhi). La sua bellezza è arricchita da “l’ècchie rizze ca tène” (occhi ricci che ha). Ma solo, dicono altri: “Mariètte tène l’ècchie de calamìte ca fascene scì iìnd’a la pappe de line” (ha gli occhi che stregano qualsiasi giovane). Cosa che non potrà mai accadere “a cci tène l’ècchie sdramme” (occhi storti). Certo alle donne con «occhi di calamita» i giovani fanno loro “u u-ècchie sguèrre” (occhiolino). Ma le donne smaliziate non si lasciano incantare, quando vedono qualche “chèchè” (fessacchiotto) che le fissano possono dire: “Ci-è creiùse, n’ècchie apìirte e u u-àld’achiùse” (Com’è curioso, un occhio aperto e l’altro chiuso). Un modo come un altro per dimostrare di non avere buone considerazioni per chi aspira a cose più grandi di lui. Ma nel barese la molteplicità d’uso “d’u u-ècchie” è così copiosa da far parte di tante espressioni con significati i più disparati.

Ad esempio, “U rasule o u-ècchie” corrisponde all’italiano «orzaiolo». “Tène n’ècchie particolàre pe iùne” significa avere considerazione per qualcuno. Gli occhi cisposi sono in barese “l’ècchie scesciàte”. Per una persona squattrinata si può dire che “non dène manghe l’ècchie pe cchiànge”. Ma lo squattrinato “scètte la polva m-bbacce” a chi si rivolge per adularlo. La “polve” (polvere) si deve intendere «di cipria» secondo l’uso del Sei-Settecento. Ma il modo di dire è stato usato anche con significato di «gettare polvere in faccia» o «gettare polvere negli occhi» per impedire che altri vedano la verità che si vuole nascondere. Al contrario può capitare che un tale in possesso di ottimi requisiti si senta menomato da un maldicente. Al che potrebbe rispondere “t’ha dà folge iècchie e vvocche” (devi chiudere occhi e bocca quando parli di me). “E a cci no vvole, l’ècchie da fore” (A chi non vuole parlare bene di me, che gli vengano gli occhi fuori delle orbite).

Tutto bene, se il soggetto è sicuro di sé, ma chi vuole contrabbandare qualcosa che non convince è bene che tenga presente “iòsce nom bbuète pegghià pe ffèsse cchiù nessciùne percè tutte hann’apìirte l’ècchie” (Oggi non puoi prendere per fesso più nessuno perché tutti sono molti diffidenti).

E di qui il tarlo del dubbio tormenta il cuore dell’innamorato lontano. Che fa a quest’ora la mia Maria? Sono certo che la madre la sorvegli come si deve, se quasi dirimpetto a casa abita quel brutto muso che faceva l’occhio languido alla mia bella? Lei ha giurato e spergiurato che nessun altro ha nel suo cuore all’infuori di me, ma posso essere certo? A questo punto il popolano direbbe: “Iècchie ca non vète, core ca non grète” (occhio che non vede, cuore che non crede).

Ci sono taluni che, presi dall’ira del sospetto, si fanno dominare dagli eccessi della gelosia e allora arrivano perfino ad essere maneschi. In questi casi non ci vuol nulla che un innamorato inviperito possa, al posto delle carezze, “abbettà l’ècchie” (gonfiare gli occhi) all’amata per poi pentirsene e chiedere perdono all’oggetto amato. Stramberie, anch’esse uno strano prodotto dell’amore. E gli occhi “abbettate” possono lasciare il segno per molti giorni di un altro lato del loro aspetto. E quindi in questo caso rientra il sintagma “l’ècchie amelengiàte” (occhi del colore della melanzana: blu scuro).

Ora se questi occhi hanno bisogno di guarire, non bisogna fasciarli, dovrebbero prendere aria perché il detto popolare dice: “U u-ècchie vole u vìinde e la gamme vole u-abbìinde” (L’occhio malato vuole il vento, l’aria libera e la gamba malata il riposo). E sulla scia delle credenze popolari vi è da aggiungere quanto viene raccomandato, ad esempio, che “u u-ècchie du patrune ngrasse u cavadde” (l’occhio del padrone ingrassa il cavallo. Le tue cose devi curarle da te. Non c’è da fidarsi di altri). E se si vuol essere guardinghi per difendersi da più di un’insidia, “Tìine sèmbe n’ècchie o pèssce e u u-àld’a la gatte” (Tieni sotto controllo dove sta il pesce senza perdere di vista il gatto).

Altro suggerimento viene dato ai precipitosi: non partire mai in quarta. A tale proposito calza il consiglio: “Quatt’ècchie vèdene mègghie de dù” (Quattro occhi vedono meglio di due: il giudizio di due persone è migliore di quello di una persona sola). Ma “ci tène  u u-ècchie a la torre” non può essere idoneo nell’ultimo caso trattato perché è «strabico».

 

L’articolo è stato trascritto e aggiornato con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Foto: «“U u-ècchie”», fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2015). 

Foto: «“U rasule (l'orzaiolo)”», fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2015). 

Foto: «“A ttè, a ccì st’acchiamìinde? Non dìine spècchie a ccaste?”». Libro, “Bari d’altri atri tempi”, Alfredo Giovine, Edizioni Fratelli Laterza, Bari, 1980; fototeca, «Archivio Bari Don Dialetto -  Lingua - Storia - Folclore», Gigi De Santis, Bari (1976-2015).   

Alfredo e Felice Giovine Biblioteca dell’Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi 

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Bari Don Dialetto - Lingua - Storia - Folclore


Commenti : 0 | Letto : 1 | Dettagli... (9 parole)

Perché si buttava a mare l'avversario "robb'e ttutte": L'efficacia della Lingua Barese
Inserito il 28 giugno 2015 alle 10:46:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Vivacità d’espressione

della

Lingua Barese

di

Alfredo Giovine

 La Lingua barese non è avara di «stranezze» e particolari curiosità. Eccone qualcuna per fare un esempio. Se un tale dovesse dire ad un amico: “Non vègghe cchiù Uaddìche (Diego) u sa addò se iàcchie mò?” l'altro potrebbe rispondere: “Sacce ca stà in aldr’Itàglie”. Se invece chi risponde ha altro da dire, ma lasciando intendere qualcosa di malizioso, potrà dire con un tono particolare di voce: “Sacce”.  In questo caso “sacce” non significa più «so» (ind. pr. del verbo sapere) bensì «non so» con sottintese allusioni come «chissà dove sia andato a finire!». Chissà a cosa si dedichi quel pasticcione. Chissà  come andrà a finire quel Diego. quindi, ripeto, “sacce” vuol significare «io so» oppure «non so», «non mi rendo conto», «chissà perché», «va a capire perché» e via di seguito.

Esaminiamo ora “Vacavàche” che corrisponde a «posso ammettere che» e similari. Esempio: “Andò, come sì ffatte a mbratta n-dèrre add’acchesì. Sì nu uaggnòne granne. Vacavàche nu pecenìnne (posso ammettere che lo possa fare un bambino) ma nu cecciòne granne com’a ttè no”.

Altra curiosità:  “... e ttutte” aggiunto a determinate    la presente espressione: “U scettò a mmare robb’e ttutte” (Lo buttò in mare con tutti i vestiti). Qui sorgono alcune considerazioni.

In passato certe vertenze fra popolani si risolvevano gettando a mare l’avversario. Ciò aveva lo scopo punitivo anche grave perché l’infortunato poteva rimetterci la pelle, ma aveva anche significato spregiativo perché era l’uso di gettare a mare rifiuti i più ripugnanti o inquinanti. Nel far ciò il più forte toglieva i pochi stracci del punito per impossessarsi di ben misere cose allora, «preziose».

Il modo di dire: “Vatt’a scìitt’a mmare robb’e ttutte” (Buttati a mare con tutti gli indumenti che indossi) è usato in circostanze diverse e ha molteplicità di applicazioni con sfumature da illustrare con una lunga trattazione.

Vediamo di considerarlo nella sua parte preminente d’uso. Si dice “vatt’a scìitt’a mmare e ddì ca sì cadute” con l’intenzione di sottolineare, a chi è destinato al tuffo, di prendere coscienza della propria nullità e quindi la doverosa utilità di purgare la società di un essere ignobile, inutile, spregevole, insignificante.

Chi giudica potrebbe dire: «Se per caso ti vedono cadere in mare e accorrono in tuo aiuto, salvati la faccia. Non dire che sei stato tu a gettarti perché vieni considerato ‘cosa soltanto da buttare’ o ‘un vuoto a perdere’, ma perché un passo falso ti ha fatto cadere in acqua. Non dimenticare di gettarti con quanto ti ricopre la persona. Non lasciare sulla terra ferma miseri resti miserabili come te».

Indubbiamente un collezionista di «gaffe», un tale che non ne imbrocca una buona, un tizio che familiarizza con l’errore che si ostina a fare buchi nell’acqua, provoca il disprezzo in chi, nauseato, dica a chi lo merita: “Vatt’a scìitt’a mmare e ddì ca sì cadute. E ccuànne te dà menà, scìittete robb’e ttutte”.

Detto barese: “Tu ca sì u rrè de tutte le nguàcchie / Ngocch’e ddì vattinne m-bbond’o Mandràcchie / Dope ca te sì spegghiàte a-la-nùte / Scìittet’a mmare e ddì ca sì cadute” (Tu che sei il re di tutte le boiate / Qualche giorno dirigiti in fondo al Mandracchio - piccolo specchio d’acqua chiuso e riparato del porto (Molo Pizzoli) con ingresso da Corso Vittorio Veneto angolo Via Pizzoli - / Dopo che ti sei spogliato del tutto / Buttati in mare e fai sapere che sei caduto).

 

 

L’articolo è stato trascritto e aggiornato con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Alfredo e Felice Giovine Biblioteca dell’Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi 

Foto: «N-dèrr'a la lanze al principio del secolo». Libro, “Bari la Zita mè”, Alfredo Giovine, Edizioni Fratelli Laterza, Bari, 1981.

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Bari Don Dialetto - Lingua - Storia - Folclore


Commenti : 0 | Letto : 2 | Dettagli... (9 parole)

Lingua Barese: Pestrìgghie Pestregghiàte / Nguàcchie nguacchiàte / 7
Inserito il 26 giugno 2015 alle 10:55:00 da Gigi. IT - Errori Dialettali

Lingua Barese: Errori dialettali  / 7

Prontuario degli errori più comuni in lingua barese

Per comodità del lettore, si è pensato di presentare il vocabolo, la locuzione o la frase, scritta prima in lingua barese corretto in grassetto, tra virgolette alte  “ ” ,  seguito dalla trascrizione in italiano  in corsivo tra parentesi  ( ). Mentre gli errori vengono evidenziati tra virgolette basse - «» -, preceduti da - e no - o - peggio ancora - in grassetto.

Grazie alla pubblicazione dell’autorevole volume «Il Dialetto di Bari» (Guida alla grammatica) dello storico, demologo e linguista Alfredo Giovine a cura di Felice Giovine e con gli studi permanenti dell’ «Accademia della Lingua Barese Alfredo Giovine”», oggi si può scrivere ordinatamente con regole grammaticali disciplinando in un’unica scrittura, semplice e uniforme.

Buona lettura, buona riflessione

1) “Marnarìidde” (Marinaretto); “U varvìire” (Il Barbiere); “U canarùte” (Il goloso); “u ggnore” (i nero); Scorz’e ttutte” (Scorza e tutto); “U scaffuàte” (Il crollato); - e no - «Marnarid», «U’ varvir»; «U’ canarut»; «ù gnore»; «Scoorz & tutt»; «U’ scafuat».

Sono nomi di insegne commerciali, tre fortunatamente scomparse per cessata attività, l'ultimo è di un Centro Socio Educativo dell’IX Circoscrizione, a Bari Vecchia. M auguro che non  c siano altre insegne scritte in barese che offendano la Baresità... O stonne?

2) “Iì digghe c'avèv'a ièsse chendènde e cchiène de felecetà”, (Io dico che doveva essere contenta e molto felice), - e no - «Ij digghe ca ijèdde ijère ijèsse chendènde e chijène de feliscitate». 

Nelle precedenti schede ho evidenziato più volte l’incongruenza di inserire nella grafia, la consonante o semiconsonante straniera (j=gei), che in lingua barese, come in quella italiana e latina, non esiste. Nel pronome personale di prima persona singolare (iì=io), in barese la prima (i) è sempre semivocale (a differenza dell’italiano che è sempre semiconsonante) e la seconda (ì) accentata è vocale piena formando un semidittongo che l’italiano non ha ed è un fenomeno esclusivamente linguistico barese.

3) “ndrame (Interiora degli animali), “tembane (timballo), “meggneuìcchie (cavatelli), “strascenate (orecchietta/e), “checozze (zucchina/e),  “u-àcce (sedano),  “cerase (ciliegia/e), - e no - «’ndram»; «tmban»; «meneujcche / megnuicche»; «strascnat / strasc’nat’»; «c’cozz»; «uacch»; «c'ras».

Sono alcuni vocaboli  del gergo gastronomico che tutt'ora si trovano nei libri di culinaria, in poesie, nei racconti, soprattutto su facebook, scritti in un barese ostrogoto, come evidenziato tra virgolette basse. Nu nguàcchie, nguacchiàte.

4) “Resòglie(Rosolio), Attìglie(Attilio), Itàglie(Italia),  Giùglie(Giulia), taggliàne(italiano), Gliuggliàne(Giuliano/a), meggliòne(milione), - e no - «Resolie»;  «Attilie»; «Italie»; «Giulie»; «italiane»; «Giuliane»;  «melione».

La consonante (l), unita a (ia) e (io): (lia, lio), sia all'interno sia a fine parola, in barese diventa (gl), quando è preceduta da vocale tonica. Esempi: Resòglie(Rosolio); Itàglie(Italia). Fanno eccezione (ègghie = olio) e (vescìgghie = vigilia); oggi si sente pronunciare anche (vescìglie).

5) “U mègghie amiche mì”  (Il mio migliore amico), “U mèste d'assce”  (Il falegname), - e no - «U’ megghj amic mì», «U’ mèste d'àscjie».  

La prima frase scritta scorretta, non può essere mio amico. La seconda, non chiamerei neanche gratis un falegname del genere. A parte le due battute ho più volte evidenziato, nella scrittura barese,, l'apostrofo davanti e dopo agli articoli determinativi e indeterminativi non va inserito, è un errore madornale (u, nu, na) vanno scritte così  e non (’u, u’, ’na, ’nu, ’n’). Scrivere «megghj», «àscjie», «amic», non fanno parte della corretta e uniforme lingua barese.

Continua... 

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”

(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese) 


Commenti : 0 | Letto : 2 | Dettagli... (9 parole)

Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 5
Inserito il 04 giugno 2015 alle 08:05:00 da Gigi. IT - Comunicato stampa

«Il bue dice cornuto all’asino» (È una triste  consuetudine che persone  poco mature, o volutamente false, vedano e rinfaccino negli altri i limiti di cui sono responsabili essi stessi. Non riuscendo a vedere i propri difetti, li criticano negli altri).

«Allevare la serpe in seno» (Persona che, accolta e trattata con affetto e sollecitudine, si rivela infida e irriconoscente. È quindi un individuo ipocrita e subdolo, che ricambia il calore e l’amicizia con l’ingratitudine e il tradimento).

 

«Mosca cocchiera» (Pur non possedendo le capacità e i requisiti necessari, pretende di porsi alla guida di altri o di assumersi responsabilità che non gli competono). 

La veretà iùscke!

U besciàrde av’a tenè bbona memòrie.

 

Non si possono usare le parole del Santo Padre...

 

essendo acceccato d’ira contro il prossimo. Per essere stato scoperto, per l’ennesima volta, con le mani nella marmellata. Per quello che si vuole apparire, ma non si è. L’abito non fa il monaco.

 

Non si possono usare le parole del Santo Padre...

 
Accusando d’invidia chi lo ha scoperto nel commettere plagi, mistificazioni, millanterie.
 
Non si può usare la lingua barese scrivendo il seguente strafalcione:

NZÒMME “JÈ NU POVER’A JÌDDE”

 
La consonante straniera j=gei  che  viene  pronunciata erroneamente  i lunga, non esiste negli alfabeti barese, italiano e latino. 
Nella grammatica italiana la vocale i, a inizio di parola, con un’altra vocale, è semiconsonante, al contrario della grammatica barese che è semivocale formando un semidittongo, che l’italiano non ha.  Il trattino indica che la parola è una locuzione e non un vocabolo. 
Quindi, la corretta grafia in barese è:

N-ZOMME “IÈ NU POVER’A IÌDDE”

 
Confermando la sentenza: “Ce sckute n-gìile, m-bbacce nge vène.

Scherza coi fanti e lascia stare i santi.

Soprattutto San Nicola in Lingua Barese, e non solo.

 

La Cultura Barese (storia, folclore, lingua)

 è di  pubblico dominio, non può essere riservata solo, a parenti e amici. 

«... non si deve guardare al fiume di libri e di scritture facili dei nostri giorni in cui tutti col copia e incolla subito costruiamo montagne di stupidaggini ...».

(Raffaele Nigro, La Gazzetta del Mezzogiorno, Bari 22-10-2014).

Uno scoop nello scoop… ancora scoop... più Scoop.

Il lupo continua a perdere il pelo ma non il vizio.

 

Pestrìgghie pestregghiàte, chìine de nguàcchie nguacchiàte.

 

«Saltar di palo in frasca» (Il proverbio evidenzia il comportamento, peraltro non insolito, di chi, per superficialità o fretta, passa, parlando o scrivendo, da un argomento a un altro senza alcun nesso logico e facendo, ovviamente, molta confusione).

 

«Raglio d’asino non arriva in cielo» (le parole calunniose e le dicerie degli sciocchi non hanno effetto).

 
Ha scritto la grande poetessa,  Alda Merini: «La cattiveria è degli sciocchi, di quelli che non hanno ancora capito che non vivremo in eterno».
 

«Sacco vuoto non sta in piedi» (l’espressione va riferita a chi si vanta di particolari meriti e di virtù che non ha, ma la sua pochezza finisce presto per essere smascherata).

 

«La sella d’oro non migliora il cavallo» (se uno non ha talento o non è dotato di iniziativa e ingegno non può certamente comprarlo o mascherarlo con facili escamotage. È un po’ come dire che l’abito non fa il monaco).

 

Chiamare gli altri,  invidiosi e gelosi senza un nesso logico è come aver lanciato un boomerang che si ritorce su sé stesso. 

 
Ci iè ccudde? Lassu-a pèrde, s’attacche a ttutte le pelidde e a la feliscene (Chi è quello? Lascialo perdere, si attacca a tutti i peluzzi e alla fuliggine). Si dice dei cavillosi, per i quali ogni pretesto è buono per attaccar briga.

Domenica 8 giugno 2014, per  la XXI Edizione del «Premio Internazionale di Poesia e Narrativa “Città di Bitetto” 2013-2014», la giuria, con il presidente del Premio, il prof. Michele Lucatuorto, grazie alla denuncia di uno dei partecipanti al concorso, ha scoperto, dopo la classificazione dei premiati, nella sezione B «Poesia singola in vernacolo, inedita, a tema libero», la poesia spedita dal furbetto era “edita” e, prontamente, è stata radiata.

Il furbetto non è nuovo a simili azioni, infatti, anche in un’altra manifestazione è stato scoperto partecipando al VII «Concorso di Poesie in Vernacolo Pugliese» Anno 2011-2012 organizzato dalla UIL PENSIONATI di  BARI e di PUGLIA e dall’«A.D.A di Puglia» (Associazione di volontariato per i Diritti dell’Anziano), perché ha inteso partecipare con altra poesia edita, (mentre il regolamento del concorso specificava, con la dichiarazione firmata dal partecipante sottoscrivendo (approvare incondizionatamenteche la poesia è inedita).

Ma chi è il furbetto che si è fatto cogliere con le mani nel miele? Tentando, da buon italiano, di aggirare le regole? Sempre lui, colui che continua a dichiararsi giornalista (invece è pubblicista), scrittore (e non abbiamo ancora visto pubblicare un suo libro scritto di proprio pugno, frutto della sua capacità inventiva), che più volte si firma quale ‘esperto di dialetti e tradizioni’ e dichiara:  «... io non scrivo in dialetto ma mi piace seguire e scrivere eventualmente qualche considerazione, quindi non posso dare alcun apporto in materia» e poi, si permette di correggere chi si diletta con il dialetto barese, demolendone lo scritto con critiche aspre e violente; uno che di ortografia barese non capisce e non ha mai capito niente di grammatica barese.

Ma chi è costui? Non c’è bisogno di citarlo è ARCINOTO negli ambienti della cultura dialettale barese e, soprattutto, più volte nominato nel presente sito «cliccate sui canali Dialetto, categoria Dialetto barese: Errori dialettali, Pestrìgghie pestregghiàte e nella  stessa categoria agli articoli <Critiche Severissime>, <Pestrìgghie pestregghiàte (Critiche Severissime)>  e <Dialetto barese: Nguàcchie Nguacchiàte (Critiche Severissime)»; «Folclore», categoria Decève tagrànne che mammarànne”, articoli <Decève Vastiàne posa piàne>, <Decève la sroche a la nore> e categoria A ccì appartìine (soprannomi)”, articolo <Le sopanòme (4)> ; «Personaggi», categoria “Le puète”, articoli <Giuseppe Romito> e <Giovanni Lotito>).

L’espertologo ( ! ) ha carpito per ben due volte, partecipando a concorsi di poesia, la buona fede dei Presidenti, delle soprascritte organizzazioni, dott. Rocco Matarozzo e prof. Michele Lucatuorto.

Ci siamo domandati: con quale coraggio, con che faccia continua a presentare il suo cosiddetto nuovo libro (che è tutto dire, dichiarato pomposamente barese) che, come nelle sue precedenti pubblicazioni, è un copia-incolla, senza una spiegazione di note linguistiche per agevolare la lettura del dialetto barese, campo nel quale regna l’anarchia grafica assoluta, ciascuno adopera un proprio sistema, il barese viene scritto in tanti dialetti quanti sono gli autori.

Alla presentazione (ha evidenziato che si accede solo per invito. L’espertologo ha avuto timore di rispondere alle domande di studiosi seri, competenti della lingua barese e non solo. La Cultura Barese (storia, folclore, lingua), non può essere riservata solo, a parenti e amici, ma è di pubblico dominioDivulgare la Cultura Locale è una vera e propria missione, se non si vuole continuare ad avere ancora pregiudizi, in modo particolare, sulla lingua barese scritta e orale), ci hanno riferito: non un cenno, neanche le più elementari e condivise regole di grammatica barese, l’espertologo ha illustrato agli astanti (confermando la sua totale incompetenza sull’ortografia e ortoepia barese), i fenomeni di gruppi consonantici all’inizio e nel corpo della parola che per lui non esistono soprattutto a inizio di parola.

Asserisce che è cosa del tutto personale e ignora, invece, che è regola grammaticale non solo barese, ma delle parlate meridionali.

Non sa rispondere all’abuso del j=gei (consonante straniera) che lui pronuncia erroneamente  i lunga (che non esiste negli alfabeti barese, italianolatino). 

Non chiarisce perché in alcune poesie e componimenti in prosa è usato il gei (j) e in altri no?

Perché alcuni autori usano la doppia B scrivendo in dialetto BBare e altri no?

Perché (è questo è gravissimo), alcuni, e soprattutto lui, usano accentare la vocale a, con l’accento acuto (á), mentre in molti usano correttamente l’accento grave (à)? (La (á) con l’accento acuto nella lingua barese come nella lingua italiana non viene scritta e pronunciata chiusa, perché è l’unica vocale di massima apertura).

Perché gli autori hanno adoperato, nelle loro poesie, parole con l’accento grave e nel suo libro, sono state modificate con l’accento acuto e viceversa?

Perché ha modificato parole, accenti, punteggiatura ad alcune poesie? 

Non si è accorto inserendo per intero con il più classico copia-incolla, errori storici e linguistici: «Il poemetto in dialetto barese inedito del sec. XVIII» inserito all’inizio del libro, non documentandosi se esiste la copia originale, perché non si capisce, per esempio, il canonico Francesco Bux, nato a Bari nel 1885, diventa ordinato sacerdote nel 1888, a tre anni dalla nascita. 

Perché in alcune pagine cita la fonte e in alcune no, come a pag. 134, volutamente ha omesso l’autore del capitolo «Poesie dialettali baresi», appropriandosi dello scritto?

E va dicendo e scrivendo in giro che altri sono invidiosi di lui. Di che? Di che cosa? Che si impadronisce degli scritti altrui?

Perché a pag. 38 spiega a chiare lettere: (...) «… Infine non per tutti c’è la traduzione nella lingua italiana, poiché non sempre riportata dagli autori nelle loro originali composizioni.», mentre alle pagg. 87, 88, 163, 164 e 165 inserisce la traduzione di alcuni vocaboli di quattro poesie scritte da Vito Barracano e Agnese Palummo, che non le hanno tradotte?

Perché a pag. 124 nel titolo della poesia è scritto () e nella prima quartina del componimento (du) senz’accento? Qual è la definizione giusta spiegando nella lingua italiana?

Perché in alcuni racconti e poesie non si distingue la vocale (e) tonica da quella atona scrivendo tutte e due senz’accento? Mentre in altre liriche vengono evidenziate?

Perché in alcune poesie la (e) senz’accento a fine vocabolo non è scritta, ma sostituita con un apostrofo?

Come si spiega a pag. 123 il nome Nicola, nelle due lingue: italiano e barese, è scritto con l’accento acuto la vocale (ó), quando è ben documentato che la pronunzia è aperta come si evidenzia correttamente in altre poesie?

E ci fermiamo qui! PE MMÒ! (PE MMÒ, si scrive in barese con l’accento grave sulla (Ò) e no apostrofare (PE MMO’), come ha scritto l’espertologo. 

Continua a dire e scrivere  che siamo invidiosi.

Invidiosi di che? Che continua a fare il furbetto partecipando a concorsi di poesia, non rispettando il regolamento, carpire la buona fede degli organizzatori?

Invidiosi di che? Che ha pubblicato libri che sono copia-incolla?

Invidiosi di chi? Che non risponde alle domande specifiche sull’ortografia barese?

Di sicuro l’espertologo non risponderà, come non ha mai risposto agli inviti di alcuni studiosi dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”, che più volte lo hanno cortesemente invitato a un confronto pubblico, nel quale possa spiegare perché la sua insistenza nel dire che Bari non ha una grammatica, mentre in una delle sue pubblicazioni ha scritto che la sua collaboratrice, studiosa del dialetto barese, ha contribuito alla redazione di regole grammaticali e ortografiche per la stesura del testo.

Il colmo è che anche nella nuova pubblicazione ha citato nella bibliografia, libri di Alfredo Giovine, il più autorevole autore barese (come è stato definito recentemente dal prof. Pasquale Corsi, docente Ordinario, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi Aldo Moro - Bari e dal prof. Daniele Giancane, docente del Dipartimento di Scienze Pedagogiche e Didattiche dell’Università di Bari), il quale ha prodotto la Grammatica del Dialetto di Bari (a cura di Felice Giovine).

Come spiega questa grave incongruenza?

Non ha ancora risposto alle nostre sopraindicate affermazioni. È bravo solo nello scrivere che siamo invidiosi e gelosi... di chi? Di che? Che cosa c’entra l’invidia, la gelosia se abbiamo semplicemente posto domande specifiche nel difendere, a spada tratta, la storia, le tradizioni e la lingua barese?  

Non c’è che dire, l’individuo in questione, per l’ennesima volta è stato scoperto con le mani nella marmellata, al pari di un plagio commesso, e non solo.

Speriamo fortemente che negli ambienti culturali e, soprattutto, nel mondo dell’Università degli Studi di Bari, si dia degna considerazione e rispetto alla Baresità autentica (Storia-Lingua-Folclore). 

Comitato Difesa Baresità

Ogni componente, anche individualmente, si impegna, in qualunque luogo, occasione e con ogni mezzo, ad intervenire, contrastando, riprendendo, correggendo affermazioni false e inquinanti, mistificazioni, banalizzazioni, da chiunque provengano, tendenti a distorcere, diffondere inesattezze e travisare la storia, la cultura, la lingua e le tradizioni di Bari e della sua Terra. L’invito ad Aderire è indirizzato a chiunque si riconosca e condivida gli scopi che il Comitato si prefigge, compresa l’uniformità della grafia dialettale.

Campagna di Sensibilizzazione

a cura dei siti web:

www.centrostudibaresi.it (Felice Giovine)

www.dondialetto.it (Gigi De Santis)

La Redazione


Commenti : 0 | Letto : 648 | Dettagli... (9 parole)

Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
Inserito il 02 aprile 2015 alle 06:05:00 da Gigi. IT - Auguri

Alfredo Giovine

Memorabile, Ineguagliabile Cantore di Bari

1907 - 2 aprile2015

Storico, musicografo, demologo, dialettologo, poeta popolare.

Custode e Divulgatore delle Tradizioni e della Cultura Popolare Barese e Civiltà Musicale Pugliese

BBare la zita mè

 

U-amòre mì sì TTu.

Ì pènze sèmb’a TTè

BBare du core mì 

Tu sì la zita mè      

 

E qquann’arrive magge

Ì sènghe atturn’a mmè

Ca l’arie, mare e rrose

Addorene de Tè.

(...) Chi non conosce l’amore dei Napoletani per la loro Napoli? Ma l’opera di folkloristica barese e questa nuova testimonianza di baresità mi fanno dire all’indirizzo di Alfredo Giovine, che molti Napoletani messi insieme, non superano in intensa e in trasporto l'amore che il Giovine nutre con così inestinguibile fiamma per quella Bari della quale tant’è invaghito, da chiamarla costantemente la “Zita mè”  - la sposa mia.

Francesco Babudri (1963)

Abbrile

 

 Quann’arrive premavère,:

N-gann’a mmare la matine,

Stà n’addore, no de fiùre,

Ma de laghena marine.

 

Assedùdet’a nu chiangòne,

 M’acchiamènghe le gaggiàne,

E stu core nzìim’a llore,

Va e vvène da lendane.

 

Pò u sole che le ragge,

Com’a nu prestigiatòre,

 Le capidde mì d’argìinde,

Me le tènge tutte d’ore.

 

Com’acquànne da maffiùse

Iì facève u trembettìire,

Nanza nanz’a la fanvare

 De le uàppe bressagglìire.

 

Pò, na larma breveggnòse

Scorre m-bbacce chiàne chiàne

E se spèrde tremuànne

Sop’o squèrze de la mane.

 
Alfredo Giovine

Per riconoscenza e ricordarlo negli anni, la Giunta Municipale, il 29 giugno 2000 con delibera n° 779 gli ha dedicato il tratto terminale dell’attuale Strada Adriatica che si sviluppa dopo il complesso balneare ‘Il Trullo’ finendo all’altezza dell’ex ‘Camping San Giorgio’. 

La mattina del 24 marzo 2001 c’è stata l’inaugurazione della nuova denominazione stradale Via Alfredo Giovine (demologo 1907-1995).

Servì Bari, senza servirsene


Commenti : 0 | Letto : 7303 | Dettagli... (3239 parole)

Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
Inserito il 11 novembre 2014 alle 11:04:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

Due parole sulla Lingua Barese

 

Chiunque si sia dedicato con passione al proprio idioma si è poi cimentato a impostare una grafia che fosse in grado di esprimere termini e particolari fonemi, caratteristici di quel territorio.

Egli ha ritenuto, lodevolmente, di dare una propria impronta e ha creato sistemi grafici misti tra l’alfabeto fonetico (IPA, segni diacritici, ecc.), quello italiano e lettere di lingue straniere (j, x, y, w), trascurando l’elemento basilare, cioè una scrittura semplice, da tutti comprensibile e utilizzabile, giustificata grammaticalmente.

Il più delle volte, non hanno considerato che è l’italiano che deriva dai dialetti e non il contrario. Premesso che l’Alfabeto Fonetico Internazionale (IPA) è quello scientifico, tutti gli altri, debbono scrivere come e per la gente comune, con il solo mezzo che conoscono, imparato a scuola, il più semplice: l’italiano.

Per porre fine all’uso indiscriminato e incondizionato delle non poche e sofisticate grafie adottate (per la propensione del barese e non solo, al più sfrenato individualismo) il cui utilizzo ha creato e crea grave nocumento quanto a diffusione e incomprensibili equivoci, suggeriamo,

una scrittura di base, semplice e utilizzabile da tutti

 

adottando l’alfabeto italiano;

approfondendo i fenomeni tipici dialettali:

- legati alla a delle coniugazioni verbali, agghie a scì a cattà le cìggere;

- gli incontri consonantici, andìche (antico); non zènde (non sente), ecc.

- il raddoppio consonantico in principio che nel corpo della parola, vogghe a ccase (vado a casa), cassce (cassa), fassce (fascia), ecc.;

- altri fonemi (per es: tipici, ma diversi tra loro, traiìne (carretto), cappìidde (cappello);

-   usando la ‘e’ atona invece di altri segni grafici (apostrofi, e capovolte: ǝ, spazi vuoti)

-   uniformando e condividendo la scrittura. 

ALFABETO

 L’alfabeto barese si compone di ventuno lettere e, come nell’alfabeto italiano, ciascuna lettera ha un suo nome, secondo il suono che rappresenta.

1. a - 2. b (be) - 3. c (ce) - 4. d (de) - 5. e - 6. f (fe) - 7. g (ge) - 8. h - 9. i - 10. l (le) - 11. m (me) - 12. n (ne) - 13. o - 14. p (pe) -15. q (qu) - 16. r (re) - 17. s (se) -18. t (te) - 19. u - 20. v (ve) – 21. z (ze).

La lettera h solo per le voci verbali del verbo avè (avere); tu ha da scì (tu devi andare).   

Importanza della vocale e

La e ha una funzione importante e di base nella scrittura barese. Tutte le ‘e’ delle parole dialettali, non accentate, hanno suono indistinto, ma la loro funzione è quella di dare suono vocalico, sonorità alle consonanti cui sono legate, come nella lingua francese. (Es.: ruscte/rùscete - marnàre/marenàrepudce/pùdece - volne/vòlene).

La non trascrizione renderebbe la grafia illeggibile: descetàmece (dsctàmc).

Lo stesso dicasi qualora la e semimuta venga sostituita con l’apostrofo (): r’nn’nèdd’ (rondinella) – fr’mm’nànd’ (fiammifero) – d’sc’tàm’c’ (svegliamoci).

Si tenga conto che la e semimuta è pur sempre un suono, ancorché poco distinto, ma è opportuno trascriverla.

Per comprendere meglio e subito quanto detto si provi a pronunciare la parola marinaio che in barese può essere espressa graficamente marnàre e marenàre, e ‘andiamo al mare’: sciame o mare e non sciame o mar (lo sceicco). Sarà sufficiente a quanti sostengono l’inutilità della trascrizione della e ?

Emblematico è l’esempio di “ì so d BBàààr” così scritto, e con un certo impegno, si afferma che si è di Bar (Antivari), città di fronte a noi, mentre se si vuole affermare di essere di Bari, occorre scrivere ì sò de BBare.

Le e del dialetto barese hanno svariati suoni e diversi fra loro, per cui è impossibile distinguerle e rappresentarle nelle diverse sfumature, se non da coloro che la pronunciamo.

Nota Bene

 

J (gei)

 Si suggerisce l’eliminazione totale della j (gei), in quanto lettera straniera (la cosiddetta i lunga, è invenzione di qualche “snob”), è solo un segno grafico e non esiste in italiano e in latino; (sono errati e non esistono in alcun vocabolario, jus, juris, justitia, jacopo, jonio, japigia, jolanda, fidejussione, ecc.), in italiano esiste: giungla (e non jungla), iunior (non junior), ionico (non jonico, pron.: gionico); se si scrive juventino lo si deve pronunciare giuventino.

Chi volesse approfondire l’argomento può riferirsi al volume “Il dialetto di Bari” a cura di Felice Giovine, edito da Giuseppe Laterza nel 2005. Per i confronti e proficui scambi di idee siamo sempre a disposizione per il bene della nostra lingua e della città.

Articolo estratto dal mensile: Speciale “U Corrìire de BBàre” fascicolo 3°/3 – Aprile 2013.

Direttore responsabile e Presidente dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo, Giovine» (costituitasi ufficialmente l’otto maggio 2012), Felice Giovine.

 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 240 | Dettagli... (9 parole)

COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
Inserito il 05 giugno 2014 alle 08:14:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Credenze linguistiche

 

Comitato barese per l’abolizione della J (gei)

Per combattere il punteruolo rosso che sta decimando il patrimonio delle palme, occorre una massiccia e sistematica azione di contrasto e annientamento del nefasto coleottero, stesso impegno per combattere uso e abuso della J (gei).

Impegno che il Centro Studi Baresi intende perseguire per debellare tale erroneo utilizzo. Non sono pochi coloro che ignorano che la J con la lingua italiana non ha nulla a che spartire. Ma la cosa grave e che, lo ignorino giornali e telegiornali, alimentando convincimenti errati per l’uso incondizionato.

Per esempio scrivono jaluronico e lo sentiamo pronunciare ialuronico, scrivono jella, jettatore e le sentiamo pronunciare iella e iettatore. Scrivono junior e lo pronunciano iunior. Jesolo per Iesolo, Jole per iole, jaja per iaia, e ancora scrivono jonio, japigia, e leggono ionio, ionico, iapigia e iapigi, e poi non si comprende perché pronuncino Giazz per Jazz, Gim per Jim, Giolli per Jolly, Giumbo per Jumbo, giungla per jungla, ecc. Allora se scrivi Juventus devi leggere Giuventus, al pari di Jovanotti per Giovanotti, se leggi iunior devi scrivere iunior, se scrivi junior devi leggere giunior.

Tale confusione, la si riscontra anche nelle trascrizioni dialettali, generando il convincimento che trattandosi di dialetto, ognuno possa adottare il sistema di scrittura che più preferisce, senza tener conto che ciò ne limiterà la comprensione, relegando lo scritto solo a quanti riusciranno a interpretarlo. Chiunque riconoscendosi tra “gli insorti” voglia aderire al Comitato, è sollecitato a segnalare, non solo, alla redazione dell’«Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”», ma soprattutto a chi le commette, le scorrette grafie sollecitandone la correzione, per la salvaguardia della lingua italiana e della nostra grafia barese.

«Se si parla e si scrive italiano italianamente, si scriva barese, baresemente»

 Felice Giovine

Presidente dell’Accademia della Lingua Barese“Alfredo Giovine”

Noi,

Centro Studi Don Dialetto

Contributo alla Ricerca, Recupero, Difesa,

Valorizzazione e Diffusione

della Cultura Popolare e della Lingua Barese -

 

Aderiamo al

«Comitato Barese»

del

Centro Studi Baresi

La Redazione “Don Dialetto.it” - Bari

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.


Commenti : 0 | Letto : 2730 | Dettagli... (9 parole)


 
Menu

 

 
 

 


Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:


Cerca nel Web
Google


Top - Siti web
Centro Studi Baresi (IT)
Riccardo Guglielmi - Cardiologo (IT)
Wip Edizioni (IT)
Angela Guglielmi (IT)
Mondo Antico (IT)
Modugno.it (IT)

I preferiti
Associazione Onlus Mondo antico e Tempi Moderni (32501)
Angela Guglielmi - Web master (22269)
Modugno.it Il Portale della Comunità Modugnese (21334)
GioArt di Giovanni Cellamare (15876)
Università Popolare Pugliese Terza Libera Età Ause (14799)
PugliaTeatro-L'Eccezione (13866)
Forza San Paolo - Bari (13122)
Sapore tipico (12104)
Promuoviamo il Turismo in Puglia (11512)
Libreria Culture Club Cafè (11477)
Telestreet Bari (11277)
Web Aperto (10931)
Premio Letterario Osservatorio (10752)
Teatro Abeliano - Bari (10733)
TirsoMedia -Bari- (10667)
Wip Edizioni (10651)
Liliana Carone (10446)
Helicam service (10202)

Statistiche
Siamo on line dal 1° Novembre 2006 e ci hanno visitato in:

Il tuo indirizzo IP è: 54.158.51.150

 

Tema grafico a cura di
 Nessuno
 © Don Dialetto di Gigi De Santis - © Rielaborazione Grafica e Webmaster Angela Guglielmi - © AspNuke Gli "Articoli, gli E lementi grafici e quant'altro" presenti su Dondialetto.it  sono da considerarsi d'esclusiva proprietà di http://www.dondialetto.it L'Associazione "Don Dialetto" di Bari adirà alle vie legali contro chi, intenzionalmente, abusa dei contenuti pubblicati sul nostro portale senza alcuna comunicazione, convenzione e autorizzazione della redazione 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 Grafica prodotta da "Artimedia" - www.studioquattro.com
Questa pagina è stata eseguita in 0,84375secondi.
Versione stampabile Versione stampabile