Il dialetto barese è Bari: la sua storia, la sua anima, la ragione stessa dell'essere suo.  ( Armando  Perotti )               * * *               Non si creda che i dialetti siano destinati a sparire, se mai si moltiplicheranno, pur tenendosi stretti alla lingua  " scritta  "  di Dante.  (Francesco Babudri)               * * *               Il dialetto è l’anima del popolo, la parte meno obliabile, non l’orpello o l’ignoranza come alcuni credono.  (Pasquale Sorrenti)               * * *               Non si può avere piena intelligenza della Divina Commedia senza tenere l’occhio rivolto al dialetto.  (Abbate Giuliani)               * * *              Il dialetto è un potente mezzo di comunicazione e ha diritto di cittadinanza nella scuola, e non solo a livello sperimentale. (Francesco Mininni)               * * *               Io credo che il poeta dialettale può e deve restare fedele al suo dialetto, se non lo fa, rischia di offrire ai suoi lettori, componimenti redatti o un dialetto annacquato o in un italiano adulterato.  (Oronzo Parlangeli)               * * *              Nella città di Bari, sono ancora in molti che identificano il dialetto con la povertà o come marchio di appartenenza agli strati più umili, gretti e ignoranti della società, al contrario di quanto avviene in altre città dove l’uso del dialetto è vezzo, sciccheria e ostentazione. (Alfredo Giovine)               * * *            I dialetti sono specchi più fedeli, più spontanei, forse anche primigenii dell'interiore linguaggio che precede ogni fatto linguistico. (Pio XII)
  BENVENUTO      
 
Immagini

Immagini di repertorio
Don Dialetto(12712)


Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
-- -- -- -- -- -- --




Visitatori
Visitatori Correnti : 10
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 274
Ultimo iscritto : xavier66
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 43
 
 Commenti: 12
 
 Immagini: 3013
 Immagini viste: 5649053
 
 Articoli: 87
 Pagine: 1313
 Pagine lette: 6921681
 
 Siti web: 6
 
 Notizie on line: 14
 
 Preferiti: 77
 Siti visitati: 265546
 
 Post sui forum: 18
 
 Libro degli ospiti: 24
 
 Eventi: 1568

Sponsor

Contattateci  per  inserire  la  vostra  Pubblicità



 
 

 


 
Ultimi inserimenti

Data:  31/12/2013 Sezione  Mercatino Ultimo Inserimento:  Calendario Barese 2014  - Data:  30/10/2014 Sezione  Articoli Ultimo Inserimento - Controlla l'ultima pagina di:  Ndeghelètte (dolci, leccornie)  - Data:  26/10/2014 Sezione  User Ultimo Iscritto:  xavier66  - Data:  01/01/1900 Sezione:   Ultimo Inserimento:   - Data:  31/10/2014 Sezione  Immagini Ultimo Inserimento:  Bari: 2 novemvre 2014  - Data:  01/01/1900 Sezione   Ultimo Inserimento:   - Data:  31/10/2014 Sezione  News Ultimo Inserimento:  Primo e Due Novembre 2014

Benvenuti sul sito web
Pagina di Benvenuto

Benvenuti sul sito web www.dondialetto.it

Gigi De Santis

Il portale dei Baresi nel Mondo

 

 
DonDialetto.it


Teniamo alta la BANDIERA
della STORIA, della TRADIZIONE, del DIALETTO di BARI,
ma senza...

Improvvisazioni - Errori - Strafalcioni - Scopiazzature - Alterazioni - Mistificazioni - Compromessi - Contaminazioni.

Il Dialetto,  innanzi tutto, è una cosa seria
(Grammatica, Scrittura, Lettura, Declamazione, Recitazione, Canto).

                                        
DonDialetto.it

La Voce... Il Suono... La Parola... La Gestualità... La Storia... Il Folclore...
I Racconti... I Canti... La Saggezza... Il Dialetto...
.La Pausì....
U Ndrattìine... U u-addòre... U Tiàdre... La Uascèzze...

 

DonDialetto.it

la BARESITÀ D.O.C. contributo al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione della Cultura Popolare e della Lingua Barese.

 

31 ottobre 2014
Primo e Due Novembre 2014
30 ottobre 2014
Colore ed Efficacia della Ligua Barese, attraverso la gastronomia
29 ottobre 2014
LE SUOCERE: Commedia in Lingua Barese di Mino De Bartolomeo e Rosaria Barracano
28 ottobre 2014
Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso vocaboli e locuzioni
26 ottobre 2014
DIALETTI PUGLIESI: IL VOCABOLARIO DEL DIALETTO DI GIOIA DEL COLLE
31 agosto 2014
Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 2
05 giugno 2014
COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
04 giugno 2014
PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
02 aprile 2014
Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
28 marzo 2014
Don Dialetto su Youtube: Cucina Tipica in Lingua Barese
09 marzo 2014
Grammatica Barese: La i che cambia i suoni
16 novembre 2013
Lingua Barese: Problema Grafico - Denuncia dell'Accademia della Lingua Barese "Alfredo Giovine"
13 agosto 2013
CULTURA e DIALETTO BARESE
08 marzo 2009
NOVITÀ BIBLIOGRAFICA BARESE ASSOLUTA su INTERNET
  
Top 5 - Forum
therock - 29/10/11 20:38:26
Vi posto il link, tratto da youtube, del...
mauror58 - 01/03/11 13:24:37
egr.dott.desantis, vedo che ha fatto presto...
therock - 07/01/11 14:40:35
Se seguite attentamente dal minuto 8:25,...
mauror58 - 06/01/11 11:01:18
Grazie Dott. DeSantis, mi scuso se non...
Gigi - 05/01/11 09:32:10
Gentile signor Mauro, ricambiamo con gioia...

Primo e Due Novembre 2014
Inserito il 31 ottobre 2014 alle 10:14:00 da Gigi. IT - Ricorrenze Notevoli

 

Ndra la notte do iùne (1) o (2) novèmbre, se credève ca l’aneme de le muèrte assèvene da le tombe e, scavalgàte (varcato) u cangìidde prengepàle du cammesande sparesscèvene iìnd’a l’oscuretà pe sscì a fernèssce le fatiche o le servèzzie c’avèvene lassate (sospese) prime de merì.

N’alda credènze ca se decève de la notte, ndra u prime e u novèmbre, iève c’acchemenzàve na breggessiòne de le muèrte assute do cammesande e pe ttutte Via Crispe arrevave e trasève iìnd’a la chièsie de Sam Brangische ca stà vecine o ciardìne Garebbàlde.

Le vive petèvene vedè la longa breggessiòne mettènnese sop’a le logge (balconi) o sop’o u-àscre (terrazzo) vedènne iìnd’a nu cature (catino) chìine d’acque sènza parlà, stanne citte citte ca non z’avèv’a sendì manghe u ffiàte, percè, ci recanesscève ngocch’e mmuèrte e u nemenàve, stève u perìggue ca iìnd’a trè dì petève merì.

A la dì de le muèrte iève usanze ca le uaggnùne s’acchecchiàvene (si univano) e sscèvene a ffà visete a le parìinde o a ngocche canesscènde (conoscente).

Arrevate nanz’a la porte de la case de na parènde acchemenzàven’a recetà chisse parole: «Iòsce iè ll’aneme de le muèrte / Sott’a la cammise ce ppuèrte? / Puèrte u-affercìidde (o affreccìidde) e damme dù verrìggue» (Oggi è il giorno dei morti / Sotto la camicia che porti? / Porti un orletto ricucito e dammi due fichi secchi).

La crosce abbandenàte

 

Tutte avonne pertate nu ffiòre,

Na torce, nu cèrotte p’appeccià

NNanz’a na crosce.

Stonne tutte ddà

Le crestiàne che le vèste ggnore.

 

Tutte le crusce -iòsce- nnanz’a llore

Tènene larme e llambe de piatà;

Pur’oggn’e stèzze de terrène stà

Ammeddate de larme de delore.

 

Ma na crosce de tàuue abbandenàte,

Sènze de nu ffiòre e ssènza chiànde,

Stà che le vrazze totte straiettàte.

 

E ppare come ce decèsse: «Iì

Stogghe sole ddò iìnd’o cambesande,

Sènza nessciùne: ma pe mmè stà DDì»

Gaetano Savelli

Brano scelto dalla poesia: “La dì de le muèrte”. Libro: «Frambùgghie», Edizione S.E.T., Bari, 1928.

La saggezza popolare e la poesia sono state trascritte e aggiornate con la grammatica «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”». 

18 luglio 1899: Inaugurazione della Croce Monumentale.

Fototeca: «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari, 31-10-2014.

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 2 | Dettagli... (9 parole)

Colore ed Efficacia della Ligua Barese, attraverso la gastronomia
Inserito il 30 ottobre 2014 alle 09:24:00 da Gigi. IT - DIALETTO

L’aneme de le muèrte

Le sassanèddre

Nel mese di novembre (mese dedicato ai nostri cari defunti), c’è un dolce particolare che in lingua barese viene indicato al plurale: “Le sassanèddre” detti anche “l’aneme de le muèrte” (l’anima dei morti).

Un dolce casalingo (oggi viene anche confezionato dai pasticcieri e panettieri), che fa parte della gastronomia barese e pugliese.

 

Se prepàrene le sassanèddre pegghiànne nu chile de farine doppio zzère, mìinze quinde d’ègghie d’auuì, mìinze quinde e nu dègeme de zzucchere, trènda gramme de monìeche, na checchiàre chiène de cannèdda spezzettàte, quatte-cinghe chiòde de garofene mascenate, u ccuètte pe qquand’avaste e nnu quinde d’amìnue arrestute e cazzate.

Se mmèscke la farine ch’u zzucchere, la cannèlle, le chiòde de garofene e la monìeche; asseduànne u ttutte a fendane sop’o tavelìire, se mbaste che mmìinze quinde d’ègghie d’auuì e u ccuètte quande avaste pe ffà la masse nè assà tèste e mmanghe assà mmuèdde.

M-Mènz’o mbaste se mèttene pure pezzìitte d’amìnue pelzate e cazzate cu laganàre  e ppò fatte arrestute (tostate). Fatte chèsse, se iòngene le mane ch’u u-ègghie d’auuì e se fasce, mbastanne, tande pallotte grosse quand’a na nosce e cazzate pe ffange pegghià la forme cchiù pecenònne de na pastìire (pastiera).

Fernute de fà tutte le pallotte cazzate, se mèttene iìnd’a na tièdde, angiùte d’ègghie e mbarenate (infarinata). La tièdde iè ppronde pe ièsse mis’a ccosce iìnd’o furne ggià scaldate (preriscaldato) a ccìind’e uèttànda grade. Dope quase n’orètte se lèvene do furne e vvènene sestemàte iìnd’a nu piàtte cheppute de crète.

Traduzione sintetica

Ingredienti: Un chilogrammo di farina doppio zero, 100 grammi di olio d’oliva extra vergine, 150 gr. di zucchero, 30 gr. di ammoniaca, un cucchiaio abbondante di cannella spezzettata, quattro-cinque chiodi di garofano macinato, vincotto quanto ne basta, 200 gr. di mandorle tostate e tritate.

Esecuzione

S’incomincia a mescolare: la farina con lo zucchero, cannella, chiodi di garofano e ammoniaca. Sistemare il tutto a fontana sulla spianatoia e impastare con gr. 100 di olio d’oliva e mosto cotto quanto ne basta per ottenere una massa compatta ed omogenea che abbia una giusta consistenza, né troppo soda né troppo lenta.

Al momento dell’impasto si aggiungono mandorle tostate e tritate. Si ungono le mani di olio per evitare che l’impasto si attacchi, lavorare il contenuto formando delle pallottole della grossezza di una noce e poi schiacciarle per formare una pasta più piccola della pastiera.

Sistemare i sassanelli in una tiella opportunamente unta e infarinata, cuocerli in forno preriscaldato per circa un’ora. I sassanelli vengono conservati in un piatto concavo.

La grafia in barese della ricetta è stata trascritta e aggiornata con la grammatica «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”». 

Bibliografia: Angelina Stanziano/Laura Santoro, «Puglia la tradizione in cucina», Schena Editore, Fasano (BR), 1998;  Nicola Sbisà, «Puglia in Tavola», Adda Editore, Bari, 2004; Gigi De Santis, «Calannàrie Barèse dumìle e ssè», Edizioni del Tirso, Bari, 2005. 

Foto: «Sassanelli». Libro “a tavola nella piana della provincia B.A.T.”, Vito Buono, Levante Editori, Bari 2008.

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 15 | Dettagli... (9 parole)

LE SUOCERE: Commedia in Lingua Barese di Mino De Bartolomeo e Rosaria Barracano
Inserito il 29 ottobre 2014 alle 07:24:00 da Gigi. IT - Teatro

Le sroche

 

Canate, faccia lavate; sroche e nnore, spina cammaràte

(Cognata, faccia lavata; suocera e nuora, spine velenose)

 

con

Gigi De Santis

Rosanna Farella

Marisa Iusco

Riccardo Lucchese

Giuseppe Pollonio 

Rita Scattarelli

Daniela Sicolo

luci e fonica

service for you

musiche originali

allestimento scenico

Lucciola

Nicola Santamato

M° Nino Lepore

Marisa Fraddosio

Regia di

Rosaria Barracano

Orari Spettacoli

Sabato ore 21:00

Domenica ore 18:00

Prenotazioni ed informazioni Soc. Coop. Teatrale “ARIETE” - Tel. 080.5562149

Le Suocere

Successo strepitoso!

Dopo diciannove anni gli autori, Mino De Bartolomeo e Rosaria Barracano, hanno ripreso dal loro cassetto dei copioni, la classica commedia

Le Suocere

Una rappresentazione teatrale che risalta la genuina baresità attraverso gli usi e costumi, i mestieri (u scarpare e la fèmmene de le strascenàte) gli intrighi amorosi (fraffuègghie de zite), u-apparolamènde, la dote (u panamènde e u chengìirte), “u sckatassce ndra le dò sroche”, “u madremònie”, il mistero familiare.

Tutto condito con la ricerca e il recupero di vocaboli, locuzioni, modi di dire, proverbi, nella lingua natia, u barèse.

In scena dal 4 ottobre sul palcoscenico del TEATRO DI CAGNO, Corso Alcìde De Gasperi, 320 - Bari.

La commedia, per questo fine settimana, sarà replicata sabato (ore 21:00) e domenica (18:00).

Le Suocere

 

In scena sino al 7 dicembre 2014.

Due atti comici, mò iè u fatte, di sano godimento, pe spadrià nu muèrse le penzìire e defresckà la cape.  

In dialetto numerose sono le espressioni artistiche, in poesia, in prosa, in teatro, degne di considerazione ed è giusto incoraggiare gli artisti a proseguire in tal senso.

(Francesco Mininni: Il Dialetto – Dignità di comunicazione, dignità sociale – AIERRE Bari, 2000).

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 57 | Dettagli... (9 parole)

Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso vocaboli e locuzioni
Inserito il 28 ottobre 2014 alle 08:54:00 da Gigi. IT - DIALETTO

La nzerràgghie”...

stranezze dialettali

 

 Alcune espressioni sembrano strane e invece hanno origine dall’italiano puro ≈

Molti baresi dell’ultima generazione restano perplessi di fronte a termini dialettali pronunciati da qualche vecchio popolano ancora abbarbicato a un vocabolario che va sfaldandosi e, in molte occasioni, sembrano ‘stranezze’ alcune espressioni rispetto all’italiano, mentre talune di esse sono soltanto apparenti come nel caso della frase “iì avanzeche trè llire do patrune mì” (traduzione letterale: ‘Io avanzo tre lire dal padrone mio’ e a senso ‘Io vanto un credito di tre lire dal mio datore di lavoro’ ). 

Il dialettale “avanzà” corrisponde a ‘vantare un credito’ e il verbo italiano ‘avanzare’, invece, significa correntemente ‘andare avanti’, ‘procedere vittoriosamente contro il nemico’, ‘migliorare nella vita sociale o professionale’, ‘superare’, ‘andar oltre’ e via di seguito. Ma se ci discostiamo da comuni significati già noti e ci tuffiamo nel ‘mare magnum’ della produzione letteraria troviamo la spiegazione della ‘stranezza’.

Nelle rime composte dopo il 1503 da Ludovico Ariosto, fra l’altro, si legge: «Farò come i famigli che il salario / non ponno aver, che co i padroni avanzano».

Ed ecco un esempio del Giusti: «... avanzo venti scudi dal tale» oppure del Tozzi: «Io pago subito, i debiti non li voglio. Se io avessi uno che avanzasse da me gli tirerei una fucilata dalla finestra». È chiaro che il verbo “avanzà” (significato: vantare un credito) è ancora vivo nel dialetto mentre il confratello italiano ‘avanzare’ non è più usato con tale accezione.

In un caso analogo rientra il verbo “ambarà” (imparare) col significato... strano di ‘insegnare’. Il barese dice: “T’agghie ambarà (l’arte, il mestiere) e ti ha pèrde” (t’insegnerò il mestiere e, ingrato, ti allontanerai da me). Per il colto l’uso di “ambarà” (o “mbarà) per ‘insegnare’ è un errore marchiato. Ma se ci addentriamo nell’immenso vocabolario della nostra lingua ci rendiamo conto che l’uso di ‘imparare’ con l’accezione di ‘insegnare’ lo riveliamo, ad esempio, a pag. 210 del volume delle lettere dell’Aretino (Parigi, 1609): «Se il canuto del tempo, che più di quindici lustri gli è stato maestro, non gli ha imparato tal cosa, uno indocile si può chiamare discepolo».

Altro esempio autorevole si può trarre dal vol. delle Opere del Carducci (Bologna, 1950 e segg.): «Essa la diva / con le dita d’ambrosia, essa da gli occhi / tergea de la mortal giovine il pianto: / e dolce un canto le imparava».

Questi esempi ci dicono come tali ‘stranezze’ non sono altro che testimonianze conservatrici di antiche e tipiche espressioni linguistiche che sopravvivono a nuove invadenze. Il non senso, invece, è evidente nel modo di dire “me rènde l’idè?” (mi rendo l’idea?) rivolta a chi ascolta per chiedere se il discorso è chiaro e fila liscio. L’assurdità sta proprio nel caso di dire “me rènde l’idè?” al posto di ‘ti rendo l’idea?’.

Stessa stranezza la troviamo nel linguaggio affettivo del genitore che si rivolge amorevolmente al figlioletto chiamandolo ‘papà’ e non ‘figlio mio’: “Vìine, papà, vìine. Vìine, la zzì, vìine”, il bimbo capirà che quelle parole del papà o della zia sono dense di amore per lui. E si allarmerà quando gli si dirà: “A ttè, maggabbònde, vìine ddò spezzate de gamme. Chiamìinde come te sì ffatte da la cap’o pète! Par’a vedè u puèrche ca s’ave reveldàte iìnd’a la fosse”.

Così “la caprie” è un enorme treppiede che sostiene un argano, “la rezzìgue” è la zeppa che s’infila nell’asse del carro per evitare la fuoriuscita della ruota durante la marcia.

Altro vocabolo è “la crecchère”: un aggeggio circolare o rettangolare con tante piccole ancore pendenti, un tempo molto usato per ripescare i secchi caduti e rimasti sul fondo di un pozzo.

Altra curiosità desta “u ngègne ad acque” (noria, bindolo) che, in campagna viene azionato da un quadrupede bendato per portare in superficie l’acqua sorgiva dal sottosuolo. “La nzerràgghie” è la serratura, “la scettùscene” è la tartaruga, “la paluscene” è la muffa che si forma sul pane, frutta e simili andati a male. Se un pezzo di pane invecchiato si spezza e risulta ‘avariato’ si dice che è “mbalgenàte” e quella che oggi è detta varechina si chiamava “la cressine”, il turacciolo di sughero per tappare bottiglie è chiamato “u feldure”, quello di legno che turava il foro di scarico “du galettone” (recipiente di legno per il bucato) veniva chiamato “u miggnue”, il colpire la palla o il pallone con la parte esterna del piede era detto “la paduècchie”, la capriola o il capitombolo si chiamano ancora “le cazzecumbre”, se venivano eseguiti bene “u uaggnongìidde” si meritava in premio “u chigghiriquì” o “u quiguiriquì” (le parti estreme  e dure dello sfilatino), la parte più saporosa dello sfilatino che si acquistava esclusivamente “do fernesòre” (fornaio con forno meccanico).

Le cicì” sono i pidocchi. “Zaraffe” è persona che vive di espedienti, loschi traffici e similari. È anche un tale che “addò tène l’ècchie tène le mane”. “Zaraffe” dà l’idea di ‘arraffa, arraffa’.

Aggìgghie”: pizzicore fastidiosissimo specie alla gola (U u-aggìgghie n-ganne). “U ruscete iìnd’a la rècchie” è il ronzio nelle orecchie, mentre “u rusce rusce” è il sommesso parlottare fra persone il più delle volte per fini non benevoli oppure complottare, parlare di un argomento da tenere nella dovuta riservatezza. È pure, fra tanti altri significati, mormorio di folla, foriero di avvenimenti spiacevoli.

Un fratellastro del precedente è “cerìgghie” che, pressappoco, corrisponde all’italiano ‘parlottare’, sussurrare con l’intenzione di criticare, biasimare, complottare, ecc. 

E chiudo con “u rattappìite”: pescatore scalzo che pesca con piccola e misera rete a pochi metri della riva e con “le scartapìite”: alici secche ed affumicate di nessun pregio e molto economiche.

L’articolo è stato trascritto e aggiornato con la grammatica dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Alfredo e Felice Giovine Biblioteca dell’Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi 

Bibliografia ed Emerografia: Alfredo Giovine, «Scomodiamo Ariosto e Giusti per spiegare il dialetto barese», ne “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 19-07-1985; Alfredo Giovine, «”La nzerràgghie” a prova di ladri», ne “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 13-08-1989; Alfredo Giovine, Prudenza e testa sul collo per evitare qualche “scesciàcchie”», ne “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 11-10-1989; Alfredo Giovine, «Nostalgia di Bari», Schena Editore, Fasano (BR), 1991; Gigi De Santis, “Paròle terciùte”, «“Calannàrie Barese dumìle e nnove”», Edizioni Tirsomedia, Bari, 2008.

Foto: «La crecchère». Libro, “Il Piacere di Ricordare Gioia”, Lorenzo Santoiemma,  Edito dall'Autore, Tipo Grafica Losi,  Milano, 2013; fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2014).

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)


Commenti : 0 | Letto : 44 | Dettagli... (9 parole)

DIALETTI PUGLIESI: IL VOCABOLARIO DEL DIALETTO DI GIOIA DEL COLLE
Inserito il 26 ottobre 2014 alle 11:54:00 da Gigi. IT - Libri

Novità Editoriale Pugliese

 

Il Vocabolario del Dialetto di Gioia del Colle

di

Lorenzo Santoiemma

 

Lorenzo Santoiemma, il gioviale cantore pugliese della sua Gioia del Colle

di

Ettore De Nobili

«In un luminoso e gradevole pomeriggio estivo di qualche anno fa ebbi la visita molto gradita del mio caro amico Tommaso Giannelli, con sua moglie Nina, nella mia tranquilla oasi di Quasano, sui primi declivi pugliesi delle Murge. Tommaso, che come me si diletta a scrivere versi del nostro comune dialetto barese, volle donarmi una copia di un bel libro in grande formato, dal significato titolo “Il piacere di ricordare Gioia”, la sua bella cittadina natale – Gioia del Colle -  in provincia di Bari. L’autore del libro però non era lui, ma suo cognato Lorenzo Santoiemma, fratello della moglie, emigrato da molti anni per motivi di lavoro nella grande metropoli lombarda, Milano.

È sempre stata struggente per Lorenzo la nostalgia per il suo paese natìo, dove aveva trascorso gli indimenticabili anni della sua giovinezza. Nonostante il benessere raggiunto e i figli di stampo milanese, a lui mancavano il sole e il mare di Puglia, le voci, i suoni, gli odori, i sapori… e il dialetto del suo paese. Per non essere coinvolto e travolto dalle espressioni verbali, i toni e le cadenze proprie delle voci milanesi e lombarde e per non dimenticare il dialetto delle sue origini, cominciò a trascrivere su fogli sparsi, che poi raccoglieva in buste, le parole e le espressioni tipiche del suo paese e poi anche avvenimenti, notizie storiche, mestieri, personaggi, ambienti, strumenti di lavoro ed altro con il preciso scopo di mantenere vivo il ricordo della sua Gioia. Si accorgeva però che doveva migliorare la parte ortografica e morfologica delle parole e delle espressioni dialettali in modo chiaro e comprensibili per tutti coloro che desiderano leggere, capire e parlare i comuni dialetti, molto simili fra loro, del territorio barese.

Avendo letto e apprezzato gradevolmente il suo primo libro, fui ben lieto di comunicargli la mia esperienza derivante specialmente dalle seguitissime lezioni di “Don Dialetto” (come dire “Illustre Dialetto) tenute da Gigi De Santis, docente di dialetto barese presso l’Università della Terza Età “Puglieuropa” di Bari. Volli suggerire a Lorenzo di procurarsi il pregevole testo “Il Dialetto di Bari” di Alfredo Giovine, attento e stimato studioso, scrittore e poeta barese vissuto nel secolo scorso.

La spontanea disponibilità e i suggerimenti di De Santis si dimostrarono subito utili e preziosi all’ormai nostro simpatico amico Lorenzo che, nelle successive edizioni del suo pregevole libro, ha portato opportune rettifiche e correzioni ortografiche ormai accettate dalla maggioranza degli scrittori dialettali del vasto territorio della provincia di Bari, con le varie sfumature locali»…

Il Vocabolario del Dialetto di Gioia Del Colle

Presentazione

di

Gigi De Santis

Un ulteriore contributo all’arricchimento dei dialetti pugliesi, in modo particolare a Gioia del Colle è una pubblicazione dell’appassionato cultore Lorenzo Santoiemma di anni settantanove, residente a Milano dal 1962 [freschissima è la notizia: il soprascritto autore nella scorsa settimana ha ottenuto una menzione speciale al concorso di poesie dialettali pugliesi organizzato dalla «UIL» (pensionati di Puglia) e  «ADA» (Associaszione di volontariato per i Diritti degli Anziani) di Bari, con la poesia scritta in dialetto gioiese: “N’arrecuàrde de mamma mè” (Un ricordo di mia madre)]. 

Dopo aver stampato ben quattro corposi dattiloscritti, è riuscito a pubblicare in edizione cartacea e in CD-ROM, questa raccolta ben nutrita di lemmi, locuzioni, modi di dire, tipicità sul vocabolo “angòre”, frasi idiomatiche un po’ curiose, cognomi (i più ricorrenti, di personaggi noti e di famiglie importanti che hanno retto al tempo), soprannomi, nomi propri di persona, mestieri, punti di riferimento più espressivi di Gioia, denominazioni di alcune contrade.

Un volume che va ad arricchire la biblioteca linguistica e folclorica della sua Gioia del Colle.

Ma la particolarità della presente pubblicazione è nell’uniformità della scrittura dialettale, rispettando regole grammaticali, grazie alla sua caparbietà di approfondimento nel consultare un libro di grammatica barese dello storico, demologo e linguista Alfredo Giovine, curato dal figlio Felice, attuale presidente dell’«Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”».

Confrontando le regole di ortografia barese con il dialetto di Gioia del Colle ha risolto buona parte dei problemi presentatisi all’inizio della sua ricerca, adattando con regole basilari, una grafia semplice alla portata di tutti.

Si può sicuramente affermare che il nuovo libro di Santoiemma è un successivo contributo alla conoscenza del patrimonio linguistico-folclorico, di sicuro non farà che sensibilizzare giovani studiosi locali in nuove ricerche e approfondimenti.

La pubblicazione è stata corredata da fotografie di alcuni scorci caratteristici di Gioia. Un libro che non può mancare nello scaffale della cultura popolare dando dignità alla parlata gioiese.

Mi piace concludere questa presentazione con il finale dell’introduzione dell’autore:

«In commiato – mi sia concesso – mi piace citare quattro parole, quattro, dell’illustrissimo scrittore e Maestro, Niccolò Tommaseo»:

OGNI LINGUA FU GIÀ DIALETTO

 

L’autore ha inteso pubblicare Il Vocabolario del Dialetto di Gioia Del Colle, in un centinaio di copie donandolo esclusivamente agli amici e ad alcune istituzioni culturali. 

 

 

Foto: «Gioia del Colle: Arco Santa Maria di Costantinopoli». Libro, “Il vocabolario del Dialetto di Gioia del Colle”, Lorenzo Santoiemma,  Edito dall'Autore, Tipo Grafica Losi,  Milano, 2014; fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari (1976-2014).

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 42 | Dettagli... (9 parole)

Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 2
Inserito il 31 agosto 2014 alle 10:14:00 da Gigi. IT - Comunicato stampa

Uno scoop nello scoop… ancora scoop

Il lupo continua a perdere il pelo ma non il vizio.

 

Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte.

 
«Saltar di palo in frasca» (Il proverbio evidenzia il comportamento, peraltro non insolito, di chi, per supeficialità o fretta, passa, parlando o scrivendo, da un argomento a un altro senza alcun nesso logico e facendo, ovviamente, molta confusione).
 

«Raglio d’asino non arriva in cielo» (le parole calunniose e le dicerie degli sciocchi non hanno effetto).

 

«Sacco vuoto non sta in piedi» (l’espressione va riferita a chi si vanta di particolari meriti e di virtù che non ha, ma la sua pochezza finisce presto per essere smascherata).

 

«La sella d’oro non migliora il cavallo» (se uno non ha talento o non è dotato di iniziativa e ingegno non può certamente comprarlo o mascherarlo con facili escamotage. È un po’ come dire che l’abito non fa il monaco).

 

Chiamare gli altri,  invidiosi e gelosi senza un nesso logico è come aver lanciato un boomerang che si ritorce su sé stesso. 

 
Ci iè ccudde? Lassue a pèrde, s’attacche a ttutte le pelidde e a la feliscene (Chi è quello? Lascialo perdere, si attacca a tutti i peluzzi e alla fuliggine). Si dice dei cavillosi, per i quali ogni pretesto è buono per attaccar briga.

Domenica 8 giugno 2014 a Bari si sono verificati tre scoop nelle categorie: politica, sportiva e dialettale. Uno dei tre lo definiamo, a pieno titolo: «uno scoop nello scoop… ancora scoop». Andiamo per ordine.

Il primo scoop è intitolato alla politica strettamente locale, Bari ha un nuovo Sindaco, Antonio Decaro che ha stravinto al ballottaggio nel confronto con il rappresentante di centrodestra, l’ingegnere Domenico Di Paola, con il 65,4%.

Il secondo scoop è dedicato alla Bari Calcio per nuovo record di spettatori nel campionato di serie B, allo stadio «San Nicola», quasi sessanta mila, con una coreografia singolare; uno striscione con la gigantesca figura del Santo Patrono di Bari “Sanda Necole”.

Veniamo allo scoop più scoop, vale a dire al furbetto che continua a perdere... il pelo ma non il vizio.

Domenica 8 giugno, per  la XXI Edizione del «Premio Internazionale di Poesia e Narrativa “Città di Bitetto” 2013-2014», la giuria, con il presidente del Premio, il prof. Michele Lucatuorto, grazie alla denuncia di uno dei partecipanti al concorso, ha scoperto, dopo la classificazione dei premiati, nella sezione B «Poesia singola in vernacolo, inedita, a tema libero», la poesia spedita dal furbetto era “edita” e, prontamente, è stata radiata.

Il furbetto non è nuovo a simili azioni, infatti, anche in un’altra manifestazione è stato scoperto partecipando al VII «Concorso di Poesie in Vernacolo Pugliese» Anno 2011-2012 organizzato dalla UIL PENSIONATI di  BARI e di PUGLIA e dall’«A.D.A di Puglia» (Associazione di volontariato per i Diritti dell’Anziano), perché ha inteso partecipare con altra poesia edita, (mentre il regolamento del concorso specificava, con la dichiarazione firmata dal partecipante sottoscrivendo (approvare incondizionatamenteche la poesia è inedita),

Ma chi è il furbetto che si è fatto cogliere con le mani nel miele? Tentando, da buon italiano, di aggirare le regole? Sempre lui, colui che continua a dichiararsi giornalista (invece è pubblicista), scrittore (e non abbiamo ancora visto pubblicare un suo libro scritto di proprio pugno, frutto della sua capacità inventiva), che più volte si firma quale ‘esperto di dialetti e tradizioni’ e dichiara:  «... io non scrivo in dialetto ma mi piace seguire e scrivere eventualmente qualche considerazione, quindi non posso dare alcun apporto in materia» e poi, si permette di correggere chi si diletta con il dialetto barese, demolendone lo scritto con critiche aspre e violente; uno che di ortografia barese non capisce e non ha mai capito niente di grammatica barese.

Ma chi è costui? Non c’è bisogno di citarlo è ARCINOTO negli ambienti della cultura dialettale barese e, soprattutto, più volte nominato nel presente sito «cliccate sul canale Dialetto, categoria Dialetto barese: Errori dialettali, Pestrìgghie pestregghiàte e nella  stessa categoria agli articoli <Critiche Severissime>, <Pestrìgghie pestregghiàte (Critiche Severissime)>  e <Dialetto barese: Nguàcchie Nguacchiàte (Critiche Severissime)»; «Folclore», categoria Decève tagrànne che mammarànne”, articoli <Decève Vastiàne posa piàne>, <Decève la sroche a la nore> e categoria A ccì appartìine (soprannomi)”, articolo <Le sopanòme (4)> ; «Personaggi», categoria “Le puète”, articoli <Giuseppe Romito> e <Giovanni Lotito>).

L’espertologo ( ! ) ha carpito per ben due volte, partecipando a concorsi di poesia, la buona fede dei Presidenti, delle organizzazioni, dott. Rocco Matarozzo e prof. Michele Lucatuorto.

Ci siamo domandati: con quale coraggio, con che faccia ha presentato il suo cosiddetto nuovo libro in dialetto barese che, come nelle sue precedenti pubblicazioni, è un copia-incolla, senza una spiegazione di note linguistiche per agevolare la lettura del dialetto barese, campo nel quale regna l’anarchia grafica assoluta, ciascuno adopera un proprio sistema, il barese viene scritto in tanti dialetti quanti sono gli autori.

Alla presentazione non ha spiegato (e come poteva spiegare?) i fenomeni di gruppi consonantici all’inizio e nel corpo della parola che per lui non esistono soprattutto a inizio di parola. Asserisce che è cosa del tutto personale e ignora, invece, che è regola grammaticale non solo barese, ma delle parlate meridionali.

Non sa rispondere all’abuso del j=gei (consonante straniera) che lui pronuncia erroneamente  i lunga (che non esiste negli alfabeti barese, italianolatino). 

Non chiarisce perché in alcune poesie e componimenti in prosa è usato il gei (j) e in altri no?

Perché alcuni autori usano la doppia B scrivendo in dialetto BBare e altri no?

Perché (è questo è gravissimo), alcuni, e soprattutto lui, usano accentare la vocale a, con l’accento acuto (á), mentre in molti usano correttamente l’accento grave (à)?

Perché gli autori hanno adoperato, nelle loro poesie, parole con l’accento grave e nel suo libro, sono state modificate con l’accento acuto e viceversa?

Perché ha modificato parole, accenti, punteggiatura ad alcune poesie? 

Non si è accorto inserendo per intero con il più classico copia-incolla, errori storici e linguistici «Il poemetto in dialetto barese inedito del sec. XVIII» inserito all’inizio del libro, non documentandosi se esiste la copia originale, perché non si capisce, per esempio, il canonico Francesco Bux, nato a Bari nel 1885, diventa ordinato sacerdote nel 1888, a tre anni dalla nascita. 

Perché in alcune pagine cita la fonte e in alcune no come a pag. 134, volutamente ha omesso l’autore del capitolo «Poesie dialettali baresi», appropriandosi dello scritto?

E va dicendo e scrivendo in giro che altri sono invidiosi di lui. Di che? Di che cosa?

Perché a pag. 38 spiega a chiare lettere: (...) «… Infine non per tutti c’è la traduzione nella lingua italiana, poiché non sempre riportata dagli autori nelle loro originali composizioni.», mentre alle pagg. 87, 88, 163, 164 e 165 inserisce la traduzione di alcuni vocaboli di quattro poesie scritte da Vito Barracano e Agnese Palummo, che non le hanno tradotte?

Perché a pag. 124 nel titolo della poesia è scritto () e nella prima quartina del componimento (du) senz’accento? Qual è la definizione giusta in italiano?

Perché in alcuni racconti e poesie non si distingue la vocale (e) tonica da quella atona scrivendo tutte e due senz’accento? Mentre in altre liriche vengono evidenziate?

Perché in alcune poesie la (e) senz’accento a fine vocabolo non è scritta ma sostituita con un apostrofo?

Come si spiega a pag. 123 il nome Nicola, nelle due lingue: italiano e barese, è scritto con l’accento acuto la vocale (ó), quando è ben documentato che la pronunzia è aperta come si evidenzia correttamente in altre poesie?

E ci fermiamo qui! PE MMÒ! (PE MMÒ, si scrive in barese con l’accento grave sulla (Ò) e no apostrofare (PE MMO’), come ha scritto l’espertologo. 

Continua a dire e scrivere  che siamo invidiosi. Invidiosi di che? Che continua a fare il furbetto partecipando a concorsi di poesia, non rispettando il regolamento, carpire la buona fede degli organizzatori? Invidiosi di che? Che ha pubblicato libri che sono copia-incolla? (... non si deve guardare al fiume di libri e di scritture facili dei nostri giorni in cui tutti col copia e incolla subito costruiamo montagne di stupidaggini ... Raffaele Nigro, La Gazzetta del Mezzogiorno, Bari 22-10-2014). Invidiosi di chi? Che non risponde alle domande specifiche sull’ortografia barese?

Di sicuro l’espertologo non risponderà, come non ha mai risposto agli inviti di alcuni studiosi dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”, che più volte lo hanno cortesemente invitato a un confronto pubblico, nel quale possa spiegare perché la sua insistenza nel dire che Bari non ha una grammatica, mentre in una delle sue pubblicazioni spiega che la sua collaboratrice, studiosa del dialetto barese, ha contribuito alla redazione di regole grammaticali e ortografiche per la stesura del testo.

Il colmo è che anche nella nuova pubblicazione, ha citato nella bibliografia, libri di Alfredo Giovine, il più autorevole autore barese (come è stato definito recentemente dal prof. Pasquale Corsi, docente Ordinario, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi Aldo Moro - Bari e dal prof. Daniele Giancane, docente del Dipartimento di Scienze Pedagogiche e Didattiche dell’Università di Bari), il quale ha prodotto la Grammatica del Dialetto di Bari (a cura di Felice Giovine).

Come spiega questa grave incongruenza?

Non ha ancora risposto alle nostre soprascritte affermazioni. È bravo solo nello scrivere che siamo invidiosi e gelosi... di chi? Di che? Che cosa centra l’invidia, la gelosia se abbiamo semplicemente posto domande specifiche nel difendere, a spada tratta, la storia, le tradizioni e la lingua barese.  

Non c’è che dire, l’individuo in questione, per l’ennesima volta è stato scoperto con le mani nella marmellata, al pari di un plagio commesso, e non solo.

Speriamo fortemente che negli ambienti culturali e, soprattutto, nel mondo dell’Università degli Studi di Bari, si dia degna considerazione e rispetto alla Baresità autentica (Storia-Lingua-Folclore). 

Comitato Difesa Baresità

Ogni componente, anche individualmente, si impegna, in qualunque luogo, occasione e con ogni mezzo, ad intervenire, contrastando, riprendendo, correggendo affermazioni false e inquinanti, mistificazioni, banalizzazioni, da chiunque provengano, tendenti a distorcere, diffondere inesattezze e travisare la storia, la cultura, la lingua e le tradizioni di Bari e della sua Terra. L’invito ad Aderire è indirizzato a chiunque si riconosca e condivida gli scopi che il Comitato si prefigge, compresa l’uniformità della grafia dialettale.

Campagna di Sensibilizzazione

a cura dei siti web:

www.centrostudibaresi.it (Felice Giovine)

www.dondialetto.it (Gigi De Santis)

La Redazione


Commenti : 0 | Letto : 289 | Dettagli... (9 parole)

COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
Inserito il 05 giugno 2014 alle 08:14:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Credenze linguistiche

 

Comitato barese per l’abolizione della J (gei)

Per combattere il punteruolo rosso che sta decimando il patrimonio delle palme, occorre una massiccia e sistematica azione di contrasto e annientamento del nefasto coleottero, stesso impegno per combattere uso e abuso della J (gei).

Impegno che il Centro Studi Baresi intende perseguire per debellare tale erroneo utilizzo. Non sono pochi coloro che ignorano che la J con la lingua italiana non ha nulla a che spartire. Ma la cosa grave e che, lo ignorino giornali e telegiornali, alimentando convincimenti errati per l’uso incondizionato.

Per esempio scrivono jaluronico e lo sentiamo pronunciare ialuronico, scrivono jella, jettatore e le sentiamo pronunciare iella e iettatore. Scrivono junior e lo pronunciano iunior. Jesolo per Iesolo, Jole per iole, jaja per iaia, e ancora scrivono jonio, japigia, e leggono ionio, ionico, iapigia e iapigi, e poi non si comprende perché pronuncino Giazz per Jazz, Gim per Jim, Giolli per Jolly, Giumbo per Jumbo, giungla per jungla, ecc. Allora se scrivi Juventus devi leggere Giuventus, al pari di Jovanotti per Giovanotti, se leggi iunior devi scrivere iunior, se scrivi junior devi leggere giunior.

Tale confusione, la si riscontra anche nelle trascrizioni dialettali, generando il convincimento che trattandosi di dialetto, ognuno possa adottare il sistema di scrittura che più preferisce, senza tener conto che ciò ne limiterà la comprensione, relegando lo scritto solo a quanti riusciranno a interpretarlo. Chiunque riconoscendosi tra “gli insorti” voglia aderire al Comitato, è sollecitato a segnalare, non solo, alla redazione dell’«Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”», ma soprattutto a chi le commette, le scorrette grafie sollecitandone la correzione, per la salvaguardia della lingua italiana e della nostra grafia barese.

«Se si parla e si scrive italiano italianamente, si scriva barese, baresemente»

 Felice Giovine

Presidente dell’Accademia della Lingua Barese“Alfredo Giovine”

Noi,

Centro Studi Don Dialetto

Contributo alla Ricerca, Recupero, Difesa,

Valorizzazione e Diffusione

della Cultura Popolare e della Lingua Barese -

 

Aderiamo al

«Comitato Barese»

del

Centro Studi Baresi

La Redazione “Don Dialetto.it” - Bari

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.


Commenti : 0 | Letto : 2305 | Dettagli... (9 parole)

PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
Inserito il 04 giugno 2014 alle 07:54:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

  

 

A tutti i baresi e “giargianesi

 

L’ Accademia della lingua barese 

Alfredo Giovine

 

comunica che è operativo il

 

Pronto Soccorso Linguistico

cui rivolgersi per non commettere

errori nella scrittura.

 

Non mortificate Bari

con grafie astruse.

 

Basta una telefonata:

 

iè n-dune !!!

Comunicato Stampa

Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”


Commenti : 0 | Letto : 509 | Dettagli... (9 parole)

Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
Inserito il 02 aprile 2014 alle 06:04:00 da Gigi. IT - Auguri

Alfredo Giovine

Memorabile, Ineguagliabile Cantore di Bari

1907 - 2 aprile2014

Storico, musicografo, demologo, dialettologo, poeta popolare.

Custode e Divulgatore delle Tradizioni e della Cultura Popolare Barese e Civiltà Musicale Pugliese

BBare la zita mè

 

U-amòre mì sì TTu.

Ì pènze sèmb’a TTè

BBare du core mì 

Tu sì la zita mè      

 

E qquann’arrive magge

Ì sènghe atturn’a mmè

Ca l’arie, mare e rrose

Addorene de Tè.

(...) Chi non conosce l’amore dei Napoletani per la loro Napoli? Ma l’opera di folkloristica barese e questa nuova testimonianza di baresità mi fanno dire all’indirizzo di Alfredo Giovine, che molti Napoletani messi insieme, non superano in intensa e in trasporto l'amore che il Giovine nutre con così inestinguibile fiamma per quella Bari della quale tant’è invaghito, da chiamarla costantemente la “Zita mè”  - la sposa mia.

Francesco Babudri (1963)

Abbrile

 

 Quann’arrive premavère,:

N-gann’a mmare la matine,

Stà n’addore, no de fiùre,

Ma de laghena marine.

 

Assedùdet’a nu chiangòne,

 M’acchiamènghe le gaggiàne,

E stu core nzìim’a llore,

Va e vvène da lendane.

 

Pò u sole che le ragge,

Com’a nu prestigiatòre,

 Le capidde mì d’argìinde,

Me le tènge tutte d’ore.

 

Com’acquànne da maffiùse

Iì facève u trembettìire,

Nanza nanz’a la fanvare

 De le uàppe bressagglìire.

 

Pò, na larma breveggnòse

Scorre m-bbacce chiàne chiàne

E se spèrde tremuànne

Sop’o squèrze de la mane.

 
Alfredo Giovine

Per riconoscenza e ricordarlo negli anni, la Giunta Municipale, il 29 giugno 2000 con delibera n° 779 gli ha dedicato il tratto terminale dell’attuale Strada Adriatica che si sviluppa dopo il complesso balneare ‘Il Trullo’ finendo all’altezza dell’ex ‘Camping San Giorgio’. 

La mattina del 24 marzo 2001 c’è stata l’inaugurazione della nuova denominazione stradale Via Alfredo Giovine (demologo 1907-1995).

Servì Bari, senza servirsene


Commenti : 0 | Letto : 6650 | Dettagli... (3239 parole)

Don Dialetto su Youtube: Cucina Tipica in Lingua Barese
Inserito il 28 marzo 2014 alle 17:35:00 da Gigi. IT - Cucina barese

Cucina Tipica in Lingua Barese

Non è una novità. È una peculiarità vedere in video la scrittura uniforme e sentire la pronuncia corretta della lingua barese su Youtube, grazie alla collaborazione di Nico Tomasicchio.

Il nostro Gigi ha aderito all’idea di pubblicare, a puntate, l’iniziativa culturale «La Lingua Barese», in collaborazione con l’«Accademia della Lingua Barese”Alfredo Giovine”» a cura di Gigi De Santis e Felice Giovine, presentata il 22 febbraio scorso nella sede dell’ECCEZIONE di  Bari del direttore artistico Rino Bizzarro, giunta alla XII stagione artistica.

21 e 26 marzo sono state messe in visione le prime due puntate della «Cucina Tipica in Lingua Barese», col titolo gastronomico locale “La Caldare” e con la briosa sigla di testa del gruppo barese i «Radicanto».

Le prime due ricette sono state: “Accome se fascene le strascenàte” e “Le ciggere che la pasta mesckate”. Ricette scelte da due tradizionali volumi di due noti autori baresi: Alfredo Giovine e Giovanni Panza: “U Sgranatòrie de le Barìse”, edito dalla Biblioteca dell’Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi, collana gastronomica, 1968 (ristampato con l’arricchimento delle illustrazioni nel 1980, Edizioni Fratelli Laterza di Bari e nel 1992, Franco Milella Editore di Bari) e “La Checine de nononne”, Schena Editore, Fasano (BR1982 (giunto alla edizione: 1984, 1989, 2003, 2010).

Gigi e Nico hanno pensato a una gradita iniziativa continuando nel diffondere, grazie anche al prezioso e autorevole contributo dell’«Accademia della Lingua Barese”Alfredo Giovine”», un’ulteriore testimonianza video, per promuovere la lingua natia di Bari, scritta, parlata e recitata gustando l’ascolto delle pietanze ricche anche di condimenti linguistici: vocaboli, locuzioni, frasi idiomatiche, recuperate e diffuse nella loro genuinità.

La nuova ricetta

Patane, ris’e ccozze.

è inserita

Buona visione su Youtube, scrivendo Cucina Tipica in Lingua Barese o Nico Tomasicchio.

 

1ª Immagine dell’Istituto Geografico De Agostini, «Puglia, guida turistica e gastronomica», Novara, 1978; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2014).

 Foto: «L'ECCEZIONE», fototeca, Nico Tomasicchio, Bari 2014; Gigi De Santis, fototeca, Archivio Centro Studi “Don Dialetto” (1976-2014).

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 428 | Dettagli... (9 parole)


 
Menu

 

 
 

 


Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:


Cerca nel Web
Google


Top - Siti web
Centro Studi Baresi (IT)
Riccardo Guglielmi - Cardiologo (IT)
Wip Edizioni (IT)
Angela Guglielmi (IT)
Mondo Antico (IT)
Modugno.it (IT)

I preferiti
Associazione Onlus Mondo antico e Tempi Moderni (31124)
Angela Guglielmi - Web master (20762)
Modugno.it Il Portale della Comunità Modugnese (19955)
GioArt di Giovanni Cellamare (15168)
Università Popolare Pugliese Terza Libera Età Ause (13841)
PugliaTeatro-L'Eccezione (13152)
Forza San Paolo - Bari (12322)
Sapore tipico (11387)
Promuoviamo il Turismo in Puglia (10692)
Libreria Culture Club Cafè (10666)
Telestreet Bari (10553)
Web Aperto (10221)
Premio Letterario Osservatorio (10034)
Teatro Abeliano - Bari (10014)
TirsoMedia -Bari- (9938)
Wip Edizioni (9903)
Liliana Carone (9742)
Helicam service (9122)

Statistiche
Siamo on line dal 1° Novembre 2006 e ci hanno visitato in:

Il tuo indirizzo IP è: 54.81.77.93

 

Tema grafico a cura di
 Nessuno
 © Don Dialetto di Gigi De Santis - © Rielaborazione Grafica e Webmaster Angela Guglielmi - © AspNuke Gli "Articoli, gli E lementi grafici e quant'altro" presenti su Dondialetto.it  sono da considerarsi d'esclusiva proprietà di http://www.dondialetto.it L'Associazione "Don Dialetto" di Bari adirà alle vie legali contro chi, intenzionalmente, abusa dei contenuti pubblicati sul nostro portale senza alcuna comunicazione, convenzione e autorizzazione della redazione 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 Grafica prodotta da "Artimedia" - www.studioquattro.com
Questa pagina è stata eseguita in 0,84375secondi.
Versione stampabile Versione stampabile