Il dialetto barese è Bari: la sua storia, la sua anima, la ragione stessa dell'essere suo.  ( Armando  Perotti )               * * *               Non si creda che i dialetti siano destinati a sparire, se mai si moltiplicheranno, pur tenendosi stretti alla lingua  " scritta  "  di Dante.  (Francesco Babudri)               * * *               Il dialetto è l’anima del popolo, la parte meno obliabile, non l’orpello o l’ignoranza come alcuni credono.  (Pasquale Sorrenti)               * * *               Non si può avere piena intelligenza della Divina Commedia senza tenere l’occhio rivolto al dialetto.  (Abbate Giuliani)               * * *              Il dialetto è un potente mezzo di comunicazione e ha diritto di cittadinanza nella scuola, e non solo a livello sperimentale. (Francesco Mininni)               * * *               Io credo che il poeta dialettale può e deve restare fedele al suo dialetto, se non lo fa, rischia di offrire ai suoi lettori, componimenti redatti o un dialetto annacquato o in un italiano adulterato.  (Oronzo Parlangeli)               * * *              Nella città di Bari, sono ancora in molti che identificano il dialetto con la povertà o come marchio di appartenenza agli strati più umili, gretti e ignoranti della società, al contrario di quanto avviene in altre città dove l’uso del dialetto è vezzo, sciccheria e ostentazione. (Alfredo Giovine)               * * *            I dialetti sono specchi più fedeli, più spontanei, forse anche primigenii dell'interiore linguaggio che precede ogni fatto linguistico. (Pio XII)
  BENVENUTO      
 
Immagini

Immagini di repertorio
Don Dialetto(13032)


Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 -- -- -- --




Visitatori
Visitatori Correnti : 19
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 276
Ultimo iscritto : edgar332
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 43
 
 Commenti: 12
 
 Immagini: 3077
 Immagini viste: 5928656
 
 Articoli: 87
 Pagine: 1334
 Pagine lette: 7048666
 
 Siti web: 6
 
 Notizie on line: 14
 
 Preferiti: 77
 Siti visitati: 266139
 
 Post sui forum: 18
 
 Libro degli ospiti: 24
 
 Eventi: 1580

Sponsor

Contattateci  per  inserire  la  vostra  Pubblicità



 
 

 


 
Ultimi inserimenti

Data:  31/12/2013 Sezione  Mercatino Ultimo Inserimento:  Calendario Barese 2014  - Data:  17/12/2014 Sezione  Articoli Ultimo Inserimento - Controlla l'ultima pagina di:  Ndeghelètte (dolci, leccornie)  - Data:  17/12/2014 Sezione  User Ultimo Iscritto:  edgar332  - Data:  01/01/1900 Sezione:   Ultimo Inserimento:   - Data:  17/12/2014 Sezione  Immagini Ultimo Inserimento:  Teatro Abeliiano, Natale letterario nostrano  - Data:  01/01/1900 Sezione   Ultimo Inserimento:   - Data:  20/12/2014 Sezione  News Ultimo Inserimento:  Le cazzeuìcchie e U u-atterròne de nononne

Benvenuti sul sito web
Pagina di Benvenuto

Benvenuti sul sito web www.dondialetto.it

Gigi De Santis

Il portale dei Baresi nel Mondo

 

 
DonDialetto.it


Teniamo alta la BANDIERA
della STORIA, della TRADIZIONE, del DIALETTO di BARI,
ma senza...

Improvvisazioni - Errori - Strafalcioni - Scopiazzature - Alterazioni - Mistificazioni - Compromessi - Contaminazioni.

Il Dialetto,  innanzi tutto, è una cosa seria
(Grammatica, Scrittura, Lettura, Declamazione, Recitazione, Canto).

                                        
DonDialetto.it

La Voce... Il Suono... La Parola... La Gestualità... La Storia... Il Folclore...
I Racconti... I Canti... La Saggezza... Il Dialetto...
.La Pausì....
U Ndrattìine... U u-addòre... U Tiàdre... La Uascèzze...

 

DonDialetto.it

la BARESITÀ D.O.C. contributo al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione della Cultura Popolare e della Lingua Barese.

 

20 dicembre 2014
Le cazzeuìcchie e U u-atterròne de nononne
19 dicembre 2014
FRESCO di STAMPA: iì sò de BBare
17 dicembre 2014
La carteddate (La "cartellata")
16 dicembre 2014
La Novène du Bammine 2014
11 dicembre 2014
Sciàme a la grotte: Presepi di Bari - Associazione Culturale Bari P.A.C.
04 dicembre 2014
Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 3
11 novembre 2014
Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
05 giugno 2014
COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
04 giugno 2014
PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
02 aprile 2014
Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
09 marzo 2014
Grammatica Barese: La i che cambia i suoni
16 novembre 2013
Lingua Barese: Problema Grafico - Denuncia dell'Accademia della Lingua Barese "Alfredo Giovine"
13 agosto 2013
CULTURA e DIALETTO BARESE
08 marzo 2009
NOVITÀ BIBLIOGRAFICA BARESE ASSOLUTA su INTERNET
  
Top 5 - Forum
therock - 29/10/11 20:38:26
Vi posto il link, tratto da youtube, del...
mauror58 - 01/03/11 13:24:37
egr.dott.desantis, vedo che ha fatto presto...
therock - 07/01/11 14:40:35
Se seguite attentamente dal minuto 8:25,...
mauror58 - 06/01/11 11:01:18
Grazie Dott. DeSantis, mi scuso se non...
Gigi - 05/01/11 09:32:10
Gentile signor Mauro, ricambiamo con gioia...

Le cazzeuìcchie e U u-atterròne de nononne
Inserito il 20 dicembre 2014 alle 05:54:00 da Gigi. IT - Cucina barese

Colore ed Efficacia della Lingua Barese

attraverso le golosità di Natale

Altre due golosità che fanno parte della tradizione culinaria natalizia barese, sono “Le cazzeuìcchie” (piccoli panzerotti di pasta frolla ripieni di mandorle coperti di vin cotto) e “u u-atterròne de nononne” (torrone di mandorle). Due ricette gentilmente offertemi nel 2001, dall’amico poeta-pasticcere  Marcello Catinella, scomparso  il 15 ottobre 2003. - clicca canale «Personaggi», categoria “Le puète”, articolo Marcello Catinella -.

N’alde ndeghelètte (leccornìa, ghiottoneria) ca le fèmmene barise prepàrene prime de Natale, che ttutte u sendemènde, sò...

Le cazzeuìcchie

Se mètte trè qquinde (seicento grammi) de farine doppio zzère nzìim’a ddù quinde de sèmue, sop’o tavelìire (spianatoia) e se fasce nu mendrone (un mucchio). O cèndre du mendrone, che le dèscetre de le mane, se fasce na fosse e sse mètte: mìinze quinde (centro grammi) de zzùcchere, mìinze quinde d’ègghie d’auuì, quinnece gramme de sale e sse trèmbe (s’impasta) tutte nzìime cu mmìire bbiànghe pezzinghe acquànne u mbaste (l’impasto) devènde lissce e abbastànze tèste.

Fatte na bbèlla palle de paste, la se mètt’a ddorme pe n’orètte arrevegghiàte apprime iìnd’a nu panne bbiànghe e ppò iìnd’a na chevèrte. Dope, se pigghie la masse, se tagghie che nu chertìidde nu stèzz’a la volde e la se stènne cu laganàre, finghe a ffà la doppièzze de la paste accome se fasce pe le carteddate. Che nu becchìire, che la vocca larghe o che na tazze nu muèrse cchiù granne de chèdde de cafè, la se mètte sop’o stèzze de la masse stennute e s’acchemènz’a ffà tande formètte com’acquànne se prepare le calzengìidde (panzerotti) nè grèsse e mmanghe pecenùnne, na cosa terzine (di media grandezza). Se iègne che l’amìnue ca s’avonne mascenate apprime (mandorle tritate), se mmèscke ch’u zzùcchere, vanìgghie, cannèdde, scorze de marange grattate, nu picche d’uva passue (uva passa) e se mbaste che trè-quatt’ove. Mò, besogn’a mmètterse ad avìirte (stare molto attenti), angènne u bburde ch’u u-ève sbattute, s’achiùde com’a nu panzaròtte facènne bbèlle bbèlle u regghiètte (orlo del panzarotto; piegatura) e se fernèssce de frisce iìnd’a la fresore, s’affequèsce iìnd’o cuètte frevute (vincotto di fico bollente). Asaprànne (assaggiando) e mangiànne, v’avit’arrecherdà pe ssèmme, chisse cazzeuìcchie de Natale d’agguànne.

Traduzione sintetica:

Panzerotti di pasta frolla ripieni di mandorle coperti di vin cotto

Su una spianatoia si mettono seicento grammi di farina doppio zero insieme a quattrocento grammi di semola formando un mucchio a forma di vulcano. Al centro del mucchio, con le dita, si fa una fossetta e s’inserisce: cento grammi di zucchero, cinquanta grammi di olio d’oliva extra vergine, quindici grammi di sale e s’impasta tutto insieme con vino bianco fino a quando l’impasto diventa liscio e abbastanza duro. Formata una bella palla di pasta, si copre prima con un panno bianco e poi si avvolge in una coperta e si lascia riposare per circa un’ora, tempo per far crescere la massa. Dopo si prende la pasta, si taglia con un coltello un pezzo per volta e si stende con il matterello, per formare la doppiezza della pasta, come quando si prepara la massa per le “cartellate”. Con un bicchiere a bocca larga o con una tazza un po’ più grande di quella da caffè, si mette sopra al pezzo di massa stesa e s’incominciano a produrre tante piccole forme simili ai panzerotti. Si riempiono con le mandorle tritate mischiate con zucchero, vaniglia, cannella, bucce d’arance grattugiate, un po’ di uva passa e s’impasta il tutto con tre-quattro uova. Si sta molto attenti ungendo il bordo con un uovo sbattuto, si chiude come un panzerotto chiudendo ben bene formando la piegatura e si frigge nella padella. Finito di friggere, i piccoli panzerotti, vanno messi nel vin cotto di fico bollente. Assaggiando e mangiando vi ricorderete per sempre, questi dolcetti di Natale del presente anno.

 U u-atterròne de nononne

E u u-atterròne de nononna Sabbèdde, ca non denève le dìinde… nu spettàgue acquànne u preparave.

Iìnd’a na cazzaròle d’allumìnie (casseruola di alluminio) adatte o besègne (preparata per l’occasione), se mètte mìinze chile de zzuccre, na scorze de lemone grattate e nu pizzeche de cannèle m-bbolve (cannella in polvere). A ssimete (separatamente) se tène pronde mìinze chile d’amìnue meddèsche (mandorle premici, dal guscio tenero) abbrustolìte (tostate). Se iònge (si unge) d’ègghie nu marme de tauuìne (base rettangolare di marmo) o se bbagne d’acque u tavelìire (spianatoia) e ppò se iònge d’ègghie a ddò se prepare u u-atterròne (il torrone).

Se tène pronde nu chertìidde e u laganàre (matterello). Se mètte sop’o ffuèche la cazzaròle a ddò è state mise u zzuccre, la scorze de lemone grattate e la cannèlle tenènne cure, che la checchiàre de tàuue, de rezzuà (girare energicamente) sèmme finghe acquànne chescènne, fasce bbiùnde com’o chelore de la caramèlle. Attenziòne a non scaldarve.

S’ammène iìnde l’amìnue e fescènne fescènne, dope date na mesckate, rezzeuànne sèmme che la checchiàre de tàuue, se sdevache sop’o pìizze de marme o sop’o tavelìire angiùte d’ègghie. Se cazze cu laganàre u ttutte pe ffàuue sezzà (spianare), se mètte nu muèrse d’anesine (confettini colorati) sope e… prime ca u u-atterròne sfreddèssce (si raffreddi) e devènde tèste com’o fìirre, se tagghie cu chertìidde pe ffàuue a stèzz’a stèzze (tagliato per quattro-cinque centimetri). S’assabre (si assaggia) nu stezzarìidde pe ffà levà… paranghe respètte (parlando con rispetto), u scketure da m-mocche (l’acquolina in bocca) e u rèste s’astipe iìnd’a nu bbèlle piàtte cupe o iìnd’a nu capasìidde, tenènne aschennute da l’ècchie e da le mane de le pecenìnne e de le grùusse (adulti), mise nzìim’a le carteddate, castaggnèdde, pasteriàche, iècchie de Sanda Lecì e iàlde ndeghelètte p’assìuue e mangiàuue a Natale e a le fìiste apprìisse, macare facènne criànze quann’avite le visete de le parìinde, amisce e chembare.

BBuène Natale a ttutte, a nnù cchiù de tutte.

Traduzione sintetica:

Torrone della nonna

In una casseruola d’alluminio preparata per l’occasione, si mettono cinquecento grammi di zucchero, una buccia di limone grattugiata e un pizzico di cannella in polvere. Separatamente si deve tener pronto mezzo chilo di mandorle premici, dal guscio tenero tostate. Si unge di olio una base di marmo rettangolare o si bagna di acqua la spianatoia e dopo si unge di olio per la preparazione del torrone. Si ha pronto un coltello e il matterello. Si mette sul fuoco la casseruola dove prima si è inserito lo zucchero, la buccia di limone grattugiata e la cannella tenendo cura con il cucchiaio di legno di girare energicamente fino a quando cocendo il tutto diventa color biondo come il colore della caramella. Attenzione a non scaldarvi. Sempre girando e rigirando il contenuto, si aggiungono le mandorle e si continua a girare con il cucchiaio di legno. Dopo aver notato che il tutto si unisce, svuotate sopra al pezzo di marmo o sulla spianatoia unta di olio. Si schiaccia con il matterello il tutto per far spianare, si aggiungono confettini colorati e, prima che il torrone si raffreddi e diventa duro come il ferro, si taglia col coltello per farlo a pezzetti di quattro-cinque centimetri. Si assaggia un pezzetto per togliere l’acquolina in bocca e il resto va conservato dentro a un bel piatto concavo o in un recipiente di terracotta a forma cilindrica tenendo nascosto dagli occhi e dalle mani dei bambini e degli adulti, insieme a “cartellate”, “castagnelle”, paste reali, occhi di Santa Lucia, e altri dolcetti che si devono mangiare non prima della vigilia di Natale e, magari, quando si ricevono nel giorno di Natale e nelle festività susseguenti i parenti, gli amici e i compari.

Buon Natale a tutti, a noi più di tutti

La grafia in barese delle ricette sono state trascritte e aggiornate con la grammatica «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”». 

Bibliografia: «Le cazzeuìcchie». Gigi De Santis, “Calannàrie Barèse dumile e iùne”, Edizione del Tirso, Bari, 2000; «U u-atterròne de nononne»,“Calannàrie Barèse dumile e trè”, Edizione del Tirso, Bari, 2002.

Foto: «Le cazzeuìcchie», fototeca, Gigi De Santis, Bari (1976-2014); «Panzerottini di mandorle», Libro “a tavola sulla costa barese”, Vito Buono – Angela Delle Foglie, Levante Editore, Bari, 2006; «Mandorle sgusciate», Libro “a tavola sulla Murgia barese di sud est”, Vito Buono – Angela Delle Foglie, Levante Editore, Bari, 2007; «U u-atterròne». Libro “Puglia. Viaggio nelle tradizioni e nel folklore”, Raffaele Nigro, Adda Editore, Bari, 2002;

Gigi De Santis

Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)

Lingua e Cucina Tipica Barese

sono materie di studio e d’insegnamento.

Impegno, coerenza, approfondimento, uniformità.


Commenti : 0 | Letto : 1 | Dettagli... (9 parole)

FRESCO di STAMPA: iì sò de BBare
Inserito il 19 dicembre 2014 alle 09:14:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

Ave assute (Av’assute)

    

Fresco di stampa il novissimo libro di cultura popolare

 

iì sò de BBare

(2021 modi di dire)

 

a cura di

Felice Giovine

presidente

dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”.

 

in vendita

nelle librerie e  nelle edicole “specializzate”,

 

l’anima intima dell’arguto popolo barese

 

al costo di

€ 15.00

 

Non v’u site facènne sfescì, regalàdue e regalatavìuue o se no nom bare ca iè:

 

Natale,

la Fine d’u u-ànne,

Capedanne,

Pasqua Befanì.

 

Disce u ditte: «Ci tìimbe aspètte, tìimbe pèrde»…

Amengepàte!

 

Sènza fodde, a iùn’a la volde... Non ve site cazzanne le cepodde.

 

iì sò de BBare

 

Un libro coi fiocchi!

 

Un volume che premia la corretta e uniforme scrittura barese.

 

Iì non zò Germanèse,

Nè Frangèse e nnè Nglèse.

Spaggnùle? Nèmmanghe,

Amerecàne? Manghe.

 

Iì sò na cosa rare…

 

iì sò de BBare

 

 

Per le prossime festività natalizie donate e regalatevi una gemma barese, un libro prezioso che risplende per rarità e autenticità, con immagini antiche,  inedite, particolari.

 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 29 | Dettagli... (9 parole)

La carteddate (La "cartellata")
Inserito il 17 dicembre 2014 alle 05:54:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Mò vène Natale cu capetone, Gesù, le carteddate quande sò bbone

(Adesso viene Natale col capitone, Gesù, le “cartellate” quante sono buone)

 La ‘cartellata’ è un dolce tradizionale pugliese ed è preparata e consumata nel periodo natalizio. L’etimologia è ancora ignota, come il luogo di provenienza. Alcuni linguisti e demologi hanno osato supposizioni facendo derivare il caratteristico dolce da ‘carta’; altri l’hanno fatto dedurre da un’onomatopea di tipo visivo: incartellare, sinonimo volgare di incartocciare, e le ‘cartellate’ sono come incartocciate a forma arabesca. Nel rituale del culto greco di Demètra compariva, insieme allo scherzo audace e osceno, anche un intruglio di farina, vino e miele, il cui uso appare analogo alla ‘lanxsatura’ ossia, il piatto ricolmo offerto agli dei secondo il culto di Cèrere, intruglio detto Ciceone, con cui, almeno per gli ingredienti, le ‘cartellate’ hanno alcune affinità. Giacomo Saracino, nel suo «Lessico Dialettale Bitontino», 2ª edizione riveduta e ampliata da Nicola Pice, Edipuglia, Bari-Santo Spirito 2013, ha scritto che il vocabolo “Carteddèute” (Cartellata) ha la probabile etimologia greca ‘Kàrtallos’ = cesta (per la forma originaria). Tommaso Nobile, nel suo «Dizionario del Dialetto Ostunese», Mario Congedo Editore, Galatina, 1999, fa derivare la parola «cartëddàta» dal greco “κάρταλλος” (Kaptallos) = cesto, paniere a forma puntuta. Nella fantasia popolare pugliese le ‘cartellate’ simboleggiano le lenzuola o le fasce di Gesù Bambino. L’usanza è antica parlandone il Du Cange sul vocabolo ìcuetellaì (nell’opera «De Media et infima Latinitate». Queste paste vanno sotto il nome di cialde, cialdoni o brigidini). Da “cartella” voce ital. merid. indicante una sorta di cesta in quanto la forma più tipica di questi dolci è simile a una cesta. (DEI l, s.v. cartellata)- La ‘cartellata’ in molti paesi della Puglia è chiamata nei seguenti dialetti (consultati vocabolari, glossari, libri, giornali e riviste). 

  

Ngartëddètë (Adelfia)

Carteddète (Martina Franca)

Cartddêt (Alberobello)

Cartiddàta (Maruggio)

’Ngartellète/Ngartəllεtə (Altamura)

 Carteddète (Massafra)

Carteddate (Bari)

 Chelustre (Mattinata)

Carteddéte (Barletta)

 Scarteddate (Minervino Murge)

Cartiddate (Bisceglie)

 Carteddate (Molfetta)  

’Ngart’ddòt (Bitetto)

 Scartellète (Noci)

Carteddèute (Bitonto)

 Mevl (Paesi dell’Appenino Dauno)

Ncartiddati (Brindisi)

 Carteddèute (Palese)

Crùstele/Chelustre (Cagnano Varano)

 Carteddate/Carteddeute/Nèvele (Poggio Imperiale)

Carteddéte (Capurso)

 Cartelléte (Polignano)

Crùstele/Chelustre (Carpino)

 Ngartëddètë (Putignano)

Scartagghjòte(Castellana Grotte)

 Karteddóte/Carteddòte (Ruvo)

Ncartedhate (Cavallino, Salento)

 Frínzele (San Ferdinando di Puglia)

’Ngartïdête (Cisternino)

 ’Ngarteddàte/Carteddàte (Sammichele di Bari)

Carteddète (Conversano)

 Crùstele/Chelustre (San Marco in Lamis)

Scartilléte (Costa garganica)

 Crùstele/Chelustre (San Nicandro Garganico)

Cartellate (Foggia)

  Névele (San Severo)

Chiòser (Gravina in Puglia)

 Carteddète (Statte)

Carteddête/Ngarteddête (Grumo Appula)

 Carteddate (Taranto)

Cartegghjète (Laterza)

 Carteddate (Trani)

Cartiddàte (Leporano)

 Cartëddàtë (Triggiano)

’Ncarteddète (Locorotondo)

 Ngarteddöte (Trinitapoli)

Crùstele/Chelustre (Lucera)

 Crùstele/Chelustre (Vico del Gargano)

Cartilléte (Manfredonia)

 Chelustre (Vieste)

 Ecco due ricette baresi per la preparazione delle ‘cartellate’. Incominciamo con quella dello storico, demologo e dialettologo Alfredo Giovine. La seconda è del poeta e scrittore dialettale Giovanni Panza

Le carteddate

Sop’o tavelìire se fasce nu mendrone (mucchio) de nu rète (rete: circa un chilogrammo) de farine. M-Mènze (In mezzo), che le dèscetre de le mane, se fasce na fosse. Iìnde s’ammène, na mesture de nu dègeme de mìire bbiànghe e nnu dègeme d’ègghie d’auuì mesckate e rescaldate buènarìidde. Se mbaste e se strefìnene m-mènz’a le mane le nute (nodi) de la farine ca se fascene acquànne s’ammène  (si aggiunge) la mesture. Pò se sciònge (si aggiunge) l’acqua calde e se mbaste arrète e se gramenèsce assà (si lavora molto). Cu laganàre sop’o tavelìire se fascene tande sfogghie (o «sfuègghie») settile ca se tàgghiene com’a ttande fettucce (nastrini) ca se fascene tonn’a metà (si curvano come piccoli canali). Pò s’accòcchiene (si congiungono) facènne tande taralle che le strissce m-mènze com’a le cangèdde. Se mèttene a seccà pe ddò dì. Se friscene ch’u u-ègghie e se fascene sfreddèssce (raffreddare). Pò s’ammène iìnd’a na fresole u ccuètte abbastànde e se fasce scaldà. Iìnde s’ammènene le carteddate ca se fascene stà nu picche e se lèvene che na palètte che le bbuche e s’abboggene (si posano) iìnd’a nu tiàne grèsse e s’acchemmògghiene (si coprono). Acchesì podene arremanì buènarìidde pe ffà na gevelèzze (complimento) a ngocch’e sedetùre (coinquilina) ca se va n’accorde oppure a ddange pe devezziòne u piattecìidde a la vecchiarèdde ca stà sola sole sènza nessciùne, ca iàvete com’a na povr’aneme de DDì o quarte matte e non dène ce mangià.

Traduzione: Nella fossetta al centro di un mucchio di 1 Kg. di farina posta sul tavoliere si versa una miscela di 100 grammi di vino bianco e 100 grammi di olio fatto riscaldare non eccessivamente in precedenza. Si mescola il tutto con le mani cercando di sciogliere i grumi che si formano. Si aggiunge acqua calda fino a ottenere una pasta omogenea. Con un matterello si formano sfoglie molto sottili che si tagliano in strisce larghe da 2 a 2,5 cm. circa, che vanno piegate a metà nel senso longitudinale, pizzicando i bordi ogni 3 o 4 cm.. Si unisce un capo all’altro, formando una ciambella. Nell’interno di essa si adattano con le dita altre strisce simili alle precedenti, in modo da ricavarne una specie di cancelletti. Si lasciano indurire per due giorni, si friggono in olio e si lasciano raffreddare. S’immergono quindi nel “vincotto” riscaldato in una padella, e tolte con un arnese bucato e adatto, vengono poste in un grosso tegame, coprendolo. Con tale protezione le ‘cartellate’ possono conservarsi per lungo tempo. 

(Alfredo Giovine)

Canto popolare: “BBuèn’allègre a seggnerì / BBuèn’allègre a vesserì / Do piattòne chenzervàte / Dange tande carteddate. / Teretùppe a lariulà / Carteddate ngi-ha da dà / Castaggnèdde e terrengìne, / Mille grazzie a Serafine. / Grazzie pure a cci me sènde / Grazzie assà a cci acchiamènde / Grazzie o core ca tìine tu / Viv’o core de Gesù”.

Le carteddate

Sop’o tavelìire se mètte nu rète de sèmue “sèmue adavère, de grane dure; none farine, assenò le carteddate vènene sciàcque sciàcque, mbèsce ca croccande accome avonn'a ièsse”. M-Mènz’a la sèmue s’ammène quand’a nu quinde d’ègghie appèn’appène scaldate sop’o ffuèche, e se mbaste; pò s’ammène dò iòve “non dutte le mèttene, ma che ll’ove la masse vène cchiù gaddose” e se mbaste; pò se mètte nu mìinze quinde de mmìire bbiànghe, pure cusse scaldate; se mbaste e se trèmbe sènza stangarse e ssènza mà mètte nu squicce d’acque. Dope ca la masse iàve devendàte lisscia lissce accom’o vellute, se mètt’a nnu quèste a reposà pe na mènz’orètte. Pò se pigghie la masse, nu stèzz’a la volde, se gramenèsce e ppò, cu laganàre, se stènne finghe a ffà na stèse tonna tonne e settile com’a na carta veline; cchiù iè settile la stèse e cchiù bbèlle vènene le carteddate. M-Mane, m-mane ca se fascene le stèse, se pigghie la rotelline “ca nom bote mangà iìnd’a nessciùna casa barèse” e se tàgghiene a strissce de trè-quatte cendrìmetre larghe; se pìgghiene le strìssce e, strengènne m-mènz’a le dèscetre oggn’e dù-trè cendrìmetre, s’achiùde che nu pizzeche geranne atturn’atturne e facènne na sbèggie de rosètte. Chisse «rosètte» come se fascene, se mètten’a nnu quèste pe fall’asseccà. La matina dope iìnd’a na fresole se mètte abbondànde iègghie “non dat’adènze a le fessarì ca vonne decènne chidde ca nonn-accapìsscene nudde, ca pe frisce iè mmègghie u u-ègghie de semènze; arrecherdatangìuue, ca u u-ègghie nèste fatte che l’auuì barise (Provincia di Bari) iè ssèmbe  na cose ca iìnd’a ttutte u munne se fascene tande de cappidde”. Se friscene le rosètte da na vanne e da l’alde e se mètten’a cuà cape sotte; se pigghie pò la bettìglie du ccuètte “attenziòne ca u ccuètte av’a ièsse d’uve ce se volene le carteddate prefemate percè cudde de chiacùne nonn-è ttande pe la quale”. Se mètte la fresole cu ccuètte sop’o ffuèche e acquànne addevènde frevute “sènza fàuue bollì” s’ammène le carteddate iùn’a la volde; s’ammènene cape sotte e, dope nu picche, se volden’arrète cape sotte pe ffà remanì nu picche de cuètte iìnd’a le bbuche de le rosètte. S’asseduèscene le carteddate iìnd’a na zeppìire acchenzànne oggn’e ffile che nu picche de zuccre, cannèdde, pèpe garofene e ttande anesine coloràte ca parene bbèll’a vedè. U-asprigne du ccuètte, u ddolge d’u zzuccre,  u-addòre de la cannèdde e du garofene, nzìim’o sapore de la sèmua fritte, assaprànne, fasce la vocche scketure scketure (l’acquolina in bocca).

Traduzione: Sulla spianatoia si mette un chilogrammo di sfarinato di grano duro (deve essere vera semola, e non farina di grano tenero, se si vuole che le ‘cartellate’ riescano croccanti, come hanno da essere). In mezzo alla semola si mette due decilitri di olio, appena scaldato, e s’impasta; poi si aggiungono due uova (non tutti lo fanno, ma con le uova la pasta viene più soda) e s’impasta; si mette ancora un decilitro di vino bianco (anche questo intiepidito); s’impasta, si gramola, senza aggiungere un goccio d’acqua. Dopo che la pasta diventerà liscia e omogenea, si mette da parte a riposare per circa una mezz’ora. Si prende la pasta - un pezzetto per volta - e si gramola ancora a lungo; poi con il matterello, si stende la sfoglia sottilissima, come carta velina; più è sottile la sfoglia, più buone vengono le ‘cartellate’.  A mano a mano, che le sfoglie sono pronte, si usa la rotellina (che non può mancare in nessuna casa barese), si taglia a strisce larghe circa tre/quattro centimetri; si prendono queste strisce e, stringendo fra le dita ogni tre centimetri circa, si chiude la pasta con un pizzicotto e si girano le strisce torno torno fino a raccogliere in una specie di rosetta; si continua così fino a che tutta la pasta è stata lavorata. Si mettono le rosette su una tavola che si riporrà in un posto appartato per farle asciugare. Il mattino dopo si prende una padella per friggere, si mette abbondante olio (non si dà retta alle sciocchezze di qualcuno che afferma che, per friggere, l’olio di semi è migliore di oliva; l’olio nostrano, ricavato dalle olive dei comuni della provincia di Bari, rimane sempre un prodotto cui va fatto tanto di cappello). Si friggono le rosette da un lato e dall’altro e si mettono a sgocciolare. Si prende una bottiglia di vincotto (attenzione, che  sia di uva  se si vuole che le ‘cartellate’ vengano profumate; perché, se si dovesse usare quello di fichi, il profumo e il sapore ne risulterebbero alterati). Si mette al fuoco la padella con il vincotto e, quando questo sarà diventato molto caldo, si mettono le ‘cartellate’ già fritte, calandole una per volta, rigirandole e tirandole su con i buchi delle rosette rivolte verso l’alto in modo che nella parte concava vi rimanga un po’ di vincotto. Si sistemano in una zuppiera aggiungendo, per ogni fila, un po’ di zucchero, cannella, pepe garofano e tanti confettini multicolori che danno un piacevole effetto cromatico. Il sapore asprigno del vincotto, unendosi al dolce dello zucchero e agli aromi della cannella e del garofano, mescolandosi con il sapore della semola fritta, dà un sapore gustoso che stimola le ghiandole salivari.

 (Giovanni Panza)

 

Detto popolare: “Castaggnèdde e carteddate / La Madonne l’ha creiàte / L’ha creiàte m-Baravìse / P’u Natale de le Barise.

 BBuène Natale a ttutte, a nnù cchiù de tutte

 - Per altre ricette natalizie, cliccare canale «La cucina», categoria “Ndeghelètte” -.

La grafia in barese della ricette sono state trascritte e aggiornate con la grammatica «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”». 

Bibliografia ed Emerografia: Alfredo Giovine, «Le carteddàte», ne “Il Tempo di Roma, cronaca di Bari”, Bari, 21-10-1979; Alfredo Giovine, «Le carteddàte», ne “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Bari, 19-12-1993; Giovanni Panza, «La checine de nononne», Schena Editore, Fasano (BR), 1982; Gigi De Santis/Filippo Favia, Calannàrie Barèse millenovecìindenovandasètte, Uniongrafica Corcelli Bari, 1996; Felice Giovine, “U Corrìire de BBàre”, Bari, dicembre 2009;

Foto: “La carteddate”, «Periodico, «Puglia mi piaci.», Input Edizioni, Bari, Ott./Dic. 2008;

, e Foto: “Le carteddate”. Libro «a tavola sulla costa barese», Vito Buono/  Angela Delle Foglie, Levante Editore, Bari, 2006.

Il Dialetto di Bari è impegno, coerenza,

 approfondimento, uniformità.

È materia di studio e d’insegnamento.

Gigi De Santis
Centro Studi “Don Dialetto”
(Ricerca e Divulgazione della Cultura Popolare Barese)
 


Commenti : 0 | Letto : 6 | Dettagli... (9 parole)

La Novène du Bammine 2014
Inserito il 16 dicembre 2014 alle 06:14:00 da Gigi. IT - NATALE

Viàt’a ccudde core,

A cchèdda case

Addò u RRè du cìile, u RRè du munne,

Sèmme trase.

La Novène du Bammine

Acchemmènze do sìidece e fernèssce a  menzannotte de la Vescìgghie de Natale

 

In questa sacra novena, in compagnia dei fortunati Pastori, ci porteremo alla capanna di Betlemme, per ringraziare l’Eterno Padre del beneficio ineffabile, che si fece, nel darci visibile in terra il suo diletto Figliuolo e, benedicendo la Madre Santissima, che senza detrimento di sua intemerata verginità ce lo partorì.

Criste, ellèsiònne

Ora pronobìsse

 

 

NATALE

 

Se vète pe le strate nu da fà,

nu aggestà de vanghe e de vetrine,

de lusce ca non z’honne viste mà,

de rrobb’assà iìnde a le magazzìne.

 

Nu sène de zambogne da lendane,

com’a na voscia dolge e canessciùte,

m-mènz’a la nègghie vène chiàne chiàne

 e pparle a ttutte u munne addermessciùte:

 

«Allègre, non zendite vu u Natale?

Chèsse iè la fèste de Gesù Bammine;

penzate o bbène, non facite u male,

avit'a ièsse frate, e non Caiìne».

 

E ttutte le crestiàne, a sti scernate

saludene l’amisce e le nemisce;

de le despìitte s’honne ggià scherdate,

e pportene iìnde o core sule u prisce.

 

S’appiccene filande e le bengale,

e le presèbbie, m-mènz’a ngìinze e ccande

te fascene sendì cusse Natale,

e tte scuèrde de le pène e cchiànde.

 

Ce sse petève ièsse sèmbe frate

e amange com’a nnù ngi-amò Gesù,

le uà de cèrte uèrre desgrazziàte

nonn-èrene stepate probbie a nnù!

 

Vito Barracano

Poesia scelta dal libro: Do chiosche du Serìne, Molfetta (BA), 1969.

La frase (di Gigi De Santis), e la poesia (del poeta e drammaturgo Vito Barracano) sono stati trascritti e aggiornati con la grammatica «Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”». 

 

Foto: «“U presèbbie”», Rosa Bux di Bari, Mostra  d'Arte Presepiale a cura dell'Associazione Culturale Bari Presepi Arte e Cultura,, fa parte della fototeca Nico Tomasicchio, Bari 2014.

Foto: «Copertina: Libretto Sacra Novena», fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari, (1976-2014).

3ª  Foto: “U zambuggnàre”,  fototeca, «Archivio Centro Studi “Don Dialetto”», Gigi De Santis, Bari, (1976-2014). 

Foto: «“Natale in Piazza del Ferrarese”», fototeca Nico Tomasicchio, Bari 2014.

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 7 | Dettagli... (9 parole)

Sciàme a la grotte: Presepi di Bari - Associazione Culturale Bari P.A.C.
Inserito il 11 dicembre 2014 alle 12:14:00 da Gigi. IT - NATALE

 

Associazione Culturale Bari P.A.C.

Presepi Arte e Cultura

presenta

III edizione

 

Mostra d’Arte Presepiale

 

dal 4 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015

 

Via Santa Teresa dei Maschi, 11 - Bari Vecchia

 

Orario: dalle ore 10:00 alle ore 12:00 e dalle ore 19:00 alle ore 22:00

Tutti i giorni esclusi

24 e 31 dicembre

Gli Artisti

 
   

Anaclerio Anna (Giovinazzo)

Franco Giorgio (Bari)

Bux Rosa (Bari)

Guerra Mario (Foggia)

Cannale Michele (Bari)

Mastrandrea Vincenzo (Palo del Colle)

Convertini Francesco (Bari)

Occhionero Elide (Bari)

Cardaropoli Bruno (Bari)

Pace Angelo (Palo del Colle)

Corrente Nicola (Bari)

Pergolizzi Stefano (Bari)

Castellucci Angela (Bari)

Sabino Franco (Bari)

Cavaliere Alessandro (Giovinazzo)

Sicolo Vincenzo (Bitonto)

Dantino Anna (Bari)

Staffa Vinico (Capurso)

Elia Giovanni (Bari)

 

 

Contatti

 

Associazione Culturale Bari P.A.C.

Sede Legale: Via Luigi Ranieri, 3/C 70124 - Bari
 
Tel.: 3472988369 - Rosa Bux (Segreteria)
Tel.: 3206936211 - Angelo Pace (Presidente)
 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 20 | Dettagli... (9 parole)

Uno scoop nello scoop… ancora scoop - Pestrìgghie, pestregghiàte chìine de nguàcchie nguacchiàte 3
Inserito il 04 dicembre 2014 alle 10:54:00 da Gigi. IT - Comunicato stampa

Scherza coi fanti e lascia stare i santi.

Soprattutto San Nicola in Lingua Barese, e non solo.

 

La Cultura Barese (storia, folclore, lingua)

 è di  pubblico dominio, non può essere riservata solo, a parenti e amici. 

«... non si deve guardare al fiume di libri e di scritture facili dei nostri giorni in cui tutti col copia e incolla subito costruiamo montagne di stupidaggini ...».

(Raffaele Nigro, La Gazzetta del Mezzogiorno, Bari 22-10-2014).

Uno scoop nello scoop… ancora scoop

Il lupo continua a perdere il pelo ma non il vizio.

 

Pestrìgghie pestregghiàte, chìine de nguàcchie nguacchiàte.

 

«Saltar di palo in frasca» (Il proverbio evidenzia il comportamento, peraltro non insolito, di chi, per supeficialità o fretta, passa, parlando o scrivendo, da un argomento a un altro senza alcun nesso logico e facendo, ovviamente, molta confusione).

 

«Raglio d’asino non arriva in cielo» (le parole calunniose e le dicerie degli sciocchi non hanno effetto).

 
Ha scritto la grande poetessa,  Alda Merini: «La cattiveria è degli sciocchi, di quelli che non hanno ancora capito che non vivremo in eterno».
 

«Sacco vuoto non sta in piedi» (l’espressione va riferita a chi si vanta di particolari meriti e di virtù che non ha, ma la sua pochezza finisce presto per essere smascherata).

 

«La sella d’oro non migliora il cavallo» (se uno non ha talento o non è dotato di iniziativa e ingegno non può certamente comprarlo o mascherarlo con facili escamotage. È un po’ come dire che l’abito non fa il monaco).

 

Chiamare gli altri,  invidiosi e gelosi senza un nesso logico è come aver lanciato un boomerang che si ritorce su sé stesso. 

 
Ci iè ccudde? Lassue a pèrde, s’attacche a ttutte le pelidde e a la feliscene (Chi è quello? Lascialo perdere, si attacca a tutti i peluzzi e alla fuliggine). Si dice dei cavillosi, per i quali ogni pretesto è buono per attaccar briga.

Domenica 8 giugno 2014, per  la XXI Edizione del «Premio Internazionale di Poesia e Narrativa “Città di Bitetto” 2013-2014», la giuria, con il presidente del Premio, il prof. Michele Lucatuorto, grazie alla denuncia di uno dei partecipanti al concorso, ha scoperto, dopo la classificazione dei premiati, nella sezione B «Poesia singola in vernacolo, inedita, a tema libero», la poesia spedita dal furbetto era “edita” e, prontamente, è stata radiata.

Il furbetto non è nuovo a simili azioni, infatti, anche in un’altra manifestazione è stato scoperto partecipando al VII «Concorso di Poesie in Vernacolo Pugliese» Anno 2011-2012 organizzato dalla UIL PENSIONATI di  BARI e di PUGLIA e dall’«A.D.A di Puglia» (Associazione di volontariato per i Diritti dell’Anziano), perché ha inteso partecipare con altra poesia edita, (mentre il regolamento del concorso specificava, con la dichiarazione firmata dal partecipante sottoscrivendo (approvare incondizionatamenteche la poesia è inedita),

Ma chi è il furbetto che si è fatto cogliere con le mani nel miele? Tentando, da buon italiano, di aggirare le regole? Sempre lui, colui che continua a dichiararsi giornalista (invece è pubblicista), scrittore (e non abbiamo ancora visto pubblicare un suo libro scritto di proprio pugno, frutto della sua capacità inventiva), che più volte si firma quale ‘esperto di dialetti e tradizioni’ e dichiara:  «... io non scrivo in dialetto ma mi piace seguire e scrivere eventualmente qualche considerazione, quindi non posso dare alcun apporto in materia» e poi, si permette di correggere chi si diletta con il dialetto barese, demolendone lo scritto con critiche aspre e violente; uno che di ortografia barese non capisce e non ha mai capito niente di grammatica barese.

Ma chi è costui? Non c’è bisogno di citarlo è ARCINOTO negli ambienti della cultura dialettale barese e, soprattutto, più volte nominato nel presente sito «cliccate sui canali Dialetto, categoria Dialetto barese: Errori dialettali, Pestrìgghie pestregghiàte e nella  stessa categoria agli articoli <Critiche Severissime>, <Pestrìgghie pestregghiàte (Critiche Severissime)>  e <Dialetto barese: Nguàcchie Nguacchiàte (Critiche Severissime)»; «Folclore», categoria Decève tagrànne che mammarànne”, articoli <Decève Vastiàne posa piàne>, <Decève la sroche a la nore> e categoria A ccì appartìine (soprannomi)”, articolo <Le sopanòme (4)> ; «Personaggi», categoria “Le puète”, articoli <Giuseppe Romito> e <Giovanni Lotito>).

L’espertologo ( ! ) ha carpito per ben due volte, partecipando a concorsi di poesia, la buona fede dei Presidenti, delle soprascritte organizzazioni, dott. Rocco Matarozzo e prof. Michele Lucatuorto.

Ci siamo domandati: con quale coraggio, con che faccia continua a presentare il suo cosiddetto nuovo libro (che è tutto dire, dichiarato pomposamente barese) che, come nelle sue precedenti pubblicazioni, è un copia-incolla, senza una spiegazione di note linguistiche per agevolare la lettura del dialetto barese, campo nel quale regna l’anarchia grafica assoluta, ciascuno adopera un proprio sistema, il barese viene scritto in tanti dialetti quanti sono gli autori.

Alla presentazione (ha evidenziato che si accede solo per invito. L’espertologo ha avuto timore di rispondere alle domande di studiosi seri, competenti della lingua barese e non solo. La Cultura Barese (storia, folclore, lingua), non può essere riservata solo, a parenti e amici, ma è di pubblico dominioDivulgare la Cultura Locale è una vera e propria missione, se non si vuole continuare ad avere ancora pregiudizi, in modo particolare, sulla lingua barese scritta e orale), ci hanno riferito: non un cenno, neanche le più elementari e condivise regole di grammatica barese, l’espertologo ha illustrato agli astanti (confermando la sua totale incompetenza sull’ortografia e ortoepia barese), i fenomeni di gruppi consonantici all’inizio e nel corpo della parola che per lui non esistono soprattutto a inizio di parola.

Asserisce che è cosa del tutto personale e ignora, invece, che è regola grammaticale non solo barese, ma delle parlate meridionali.

Non sa rispondere all’abuso del j=gei (consonante straniera) che lui pronuncia erroneamente  i lunga (che non esiste negli alfabeti barese, italianolatino). 

Non chiarisce perché in alcune poesie e componimenti in prosa è usato il gei (j) e in altri no?

Perché alcuni autori usano la doppia B scrivendo in dialetto BBare e altri no?

Perché (è questo è gravissimo), alcuni, e soprattutto lui, usano accentare la vocale a, con l’accento acuto (á), mentre in molti usano correttamente l’accento grave (à)? (La (á) con l’accento acuto nella lingua barese come nella lingua italiana non viene scritta e pronunciata chiusa, perché è l’unica vocale di massima apertura).

Perché gli autori hanno adoperato, nelle loro poesie, parole con l’accento grave e nel suo libro, sono state modificate con l’accento acuto e viceversa?

Perché ha modificato parole, accenti, punteggiatura ad alcune poesie? 

Non si è accorto inserendo per intero con il più classico copia-incolla, errori storici e linguistici: «Il poemetto in dialetto barese inedito del sec. XVIII» inserito all’inizio del libro, non documentandosi se esiste la copia originale, perché non si capisce, per esempio, il canonico Francesco Bux, nato a Bari nel 1885, diventa ordinato sacerdote nel 1888, a tre anni dalla nascita. 

Perché in alcune pagine cita la fonte e in alcune no, come a pag. 134, volutamente ha omesso l’autore del capitolo «Poesie dialettali baresi», appropriandosi dello scritto?

E va dicendo e scrivendo in giro che altri sono invidiosi di lui. Di che? Di che cosa? Che si impadronisce degli scritti altrui?

Perché a pag. 38 spiega a chiare lettere: (...) «… Infine non per tutti c’è la traduzione nella lingua italiana, poiché non sempre riportata dagli autori nelle loro originali composizioni.», mentre alle pagg. 87, 88, 163, 164 e 165 inserisce la traduzione di alcuni vocaboli di quattro poesie scritte da Vito Barracano e Agnese Palummo, che non le hanno tradotte?

Perché a pag. 124 nel titolo della poesia è scritto () e nella prima quartina del componimento (du) senz’accento? Qual è la definizione giusta spiegando nella lingua italiana?

Perché in alcuni racconti e poesie non si distingue la vocale (e) tonica da quella atona scrivendo tutte e due senz’accento? Mentre in altre liriche vengono evidenziate?

Perché in alcune poesie la (e) senz’accento a fine vocabolo non è scritta, ma sostituita con un apostrofo?

Come si spiega a pag. 123 il nome Nicola, nelle due lingue: italiano e barese, è scritto con l’accento acuto la vocale (ó), quando è ben documentato che la pronunzia è aperta come si evidenzia correttamente in altre poesie?

E ci fermiamo qui! PE MMÒ! (PE MMÒ, si scrive in barese con l’accento grave sulla (Ò) e no apostrofare (PE MMO’), come ha scritto l’espertologo. 

Continua a dire e scrivere  che siamo invidiosi.

Invidiosi di che? Che continua a fare il furbetto partecipando a concorsi di poesia, non rispettando il regolamento, carpire la buona fede degli organizzatori?

Invidiosi di che? Che ha pubblicato libri che sono copia-incolla?

Invidiosi di chi? Che non risponde alle domande specifiche sull’ortografia barese?

Di sicuro l’espertologo non risponderà, come non ha mai risposto agli inviti di alcuni studiosi dell’Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”, che più volte lo hanno cortesemente invitato a un confronto pubblico, nel quale possa spiegare perché la sua insistenza nel dire che Bari non ha una grammatica, mentre in una delle sue pubblicazioni ha scritto che la sua collaboratrice, studiosa del dialetto barese, ha contribuito alla redazione di regole grammaticali e ortografiche per la stesura del testo.

Il colmo è che anche nella nuova pubblicazione ha citato nella bibliografia, libri di Alfredo Giovine, il più autorevole autore barese (come è stato definito recentemente dal prof. Pasquale Corsi, docente Ordinario, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi Aldo Moro - Bari e dal prof. Daniele Giancane, docente del Dipartimento di Scienze Pedagogiche e Didattiche dell’Università di Bari), il quale ha prodotto la Grammatica del Dialetto di Bari (a cura di Felice Giovine).

Come spiega questa grave incongruenza?

Non ha ancora risposto alle nostre sopraindicate affermazioni. È bravo solo nello scrivere che siamo invidiosi e gelosi... di chi? Di che? Che cosa c’entra l’invidia, la gelosia se abbiamo semplicemente posto domande specifiche nel difendere, a spada tratta, la storia, le tradizioni e la lingua barese?  

Non c’è che dire, l’individuo in questione, per l’ennesima volta è stato scoperto con le mani nella marmellata, al pari di un plagio commesso, e non solo.

Speriamo fortemente che negli ambienti culturali e, soprattutto, nel mondo dell’Università degli Studi di Bari, si dia degna considerazione e rispetto alla Baresità autentica (Storia-Lingua-Folclore). 

Comitato Difesa Baresità

Ogni componente, anche individualmente, si impegna, in qualunque luogo, occasione e con ogni mezzo, ad intervenire, contrastando, riprendendo, correggendo affermazioni false e inquinanti, mistificazioni, banalizzazioni, da chiunque provengano, tendenti a distorcere, diffondere inesattezze e travisare la storia, la cultura, la lingua e le tradizioni di Bari e della sua Terra. L’invito ad Aderire è indirizzato a chiunque si riconosca e condivida gli scopi che il Comitato si prefigge, compresa l’uniformità della grafia dialettale.

Campagna di Sensibilizzazione

a cura dei siti web:

www.centrostudibaresi.it (Felice Giovine)

www.dondialetto.it (Gigi De Santis)

La Redazione


Commenti : 0 | Letto : 389 | Dettagli... (9 parole)

Colore ed Efficacia della Lingua Barese, attraverso cenni di grammatica
Inserito il 11 novembre 2014 alle 11:04:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

Due parole sulla Lingua Barese

 

Chiunque si sia dedicato con passione al proprio idioma si è poi cimentato a impostare una grafia che fosse in grado di esprimere termini e particolari fonemi, caratteristici di quel territorio.

Egli ha ritenuto, lodevolmente, di dare una propria impronta e ha creato sistemi grafici misti tra l’alfabeto fonetico (IPA, segni diacritici, ecc.), quello italiano e lettere di lingue straniere (j, x, y, w), trascurando l’elemento basilare, cioè una scrittura semplice, da tutti comprensibile e utilizzabile, giustificata grammaticalmente.

Il più delle volte, non hanno considerato che è l’italiano che deriva dai dialetti e non il contrario. Premesso che l’Alfabeto Fonetico Internazionale (IPA) è quello scientifico, tutti gli altri, debbono scrivere come e per la gente comune, con il solo mezzo che conoscono, imparato a scuola, il più semplice: l’italiano.

Per porre fine all’uso indiscriminato e incondizionato delle non poche e sofisticate grafie adottate (per la propensione del barese e non solo, al più sfrenato individualismo) il cui utilizzo ha creato e crea grave nocumento quanto a diffusione e incomprensibili equivoci, suggeriamo,

una scrittura di base, semplice e utilizzabile da tutti

 

adottando l’alfabeto italiano;

approfondendo i fenomeni tipici dialettali:

- legati alla a delle coniugazioni verbali, agghie a scì a cattà le cìggere;

- gli incontri consonantici, andìche (antico); non zènde (non sente), ecc.

- il raddoppio consonantico in principio che nel corpo della parola, vogghe a ccase (vado a casa), cassce (cassa), fassce (fascia), ecc.;

- altri fonemi (per es: tipici, ma diversi tra loro, traiìne (carretto), cappìidde (cappello);

-   usando la ‘e’ atona invece di altri segni grafici (apostrofi, e capovolte: ǝ, spazi vuoti)

-   uniformando e condividendo la scrittura. 

ALFABETO

 L’alfabeto barese si compone di ventuno lettere e, come nell’alfabeto italiano, ciascuna lettera ha un suo nome, secondo il suono che rappresenta.

1. a - 2. b (be) - 3. c (ce) - 4. d (de) - 5. e - 6. f (fe) - 7. g (ge) - 8. h - 9. i - 10. l (le) - 11. m (me) - 12. n (ne) - 13. o - 14. p (pe) -15. q (qu) - 16. r (re) - 17. s (se) -18. t (te) - 19. u - 20. v (ve) – 21. z (ze).

La lettera h solo per le voci verbali del verbo avè (avere); tu ha da scì (tu devi andare).   

Importanza della vocale e

La e ha una funzione importante e di base nella scrittura barese. Tutte le ‘e’ delle parole dialettali, non accentate, hanno suono indistinto, ma la loro funzione è quella di dare suono vocalico, sonorità alle consonanti cui sono legate, come nella lingua francese. (Es.: ruscte/rùscete - marnàre/marenàrepudce/pùdece - volne/vòlene).

La non trascrizione renderebbe la grafia illeggibile: descetàmece (dsctàmc).

Lo stesso dicasi qualora la e semimuta venga sostituita con l’apostrofo (): r’nn’nèdd’ (rondinella) – fr’mm’nànd’ (fiammifero) – d’sc’tàm’c’ (svegliamoci).

Si tenga conto che la e semimuta è pur sempre un suono, ancorché poco distinto, ma è opportuno trascriverla.

Per comprendere meglio e subito quanto detto si provi a pronunciare la parola marinaio che in barese può essere espressa graficamente marnàre e marenàre, e ‘andiamo al mare’: sciame o mare e non sciame o mar (lo sceicco). Sarà sufficiente a quanti sostengono l’inutilità della trascrizione della e ?

Emblematico è l’esempio di “ì so d BBàààr” così scritto, e con un certo impegno, si afferma che si è di Bar (Antivari), città di fronte a noi, mentre se si vuole affermare di essere di Bari, occorre scrivere ì sò de BBare.

Le e del dialetto barese hanno svariati suoni e diversi fra loro, per cui è impossibile distinguerle e rappresentarle nelle diverse sfumature, se non da coloro che la pronunciamo.

Nota Bene

 

J (gei)

 Si suggerisce l’eliminazione totale della j (gei), in quanto lettera straniera (la cosiddetta i lunga, è invenzione di qualche “snob”), è solo un segno grafico e non esiste in italiano e in latino; (sono errati e non esistono in alcun vocabolario, jus, juris, justitia, jacopo, jonio, japigia, jolanda, fidejussione, ecc.), in italiano esiste: giungla (e non jungla), iunior (non junior), ionico (non jonico, pron.: gionico); se si scrive juventino lo si deve pronunciare giuventino.

Chi volesse approfondire l’argomento può riferirsi al volume “Il dialetto di Bari” a cura di Felice Giovine, edito da Giuseppe Laterza nel 2005. Per i confronti e proficui scambi di idee siamo sempre a disposizione per il bene della nostra lingua e della città.

Articolo estratto dal mensile: Speciale “U Corrìire de BBàre” fascicolo 3°/3 – Aprile 2013.

Direttore responsabile e Presidente dell’ «Accademia della Lingua Barese “Alfredo, Giovine» (costituitasi ufficialmente l’otto maggio 2012), Felice Giovine.

 

Redazione Don Dialetto.it  - Bari 


Commenti : 0 | Letto : 51 | Dettagli... (9 parole)

COMITATO BARESE PER L'ABOLIZIONE DELLA J (gei)
Inserito il 05 giugno 2014 alle 08:14:00 da Gigi. IT - DIALETTO

Credenze linguistiche

 

Comitato barese per l’abolizione della J (gei)

Per combattere il punteruolo rosso che sta decimando il patrimonio delle palme, occorre una massiccia e sistematica azione di contrasto e annientamento del nefasto coleottero, stesso impegno per combattere uso e abuso della J (gei).

Impegno che il Centro Studi Baresi intende perseguire per debellare tale erroneo utilizzo. Non sono pochi coloro che ignorano che la J con la lingua italiana non ha nulla a che spartire. Ma la cosa grave e che, lo ignorino giornali e telegiornali, alimentando convincimenti errati per l’uso incondizionato.

Per esempio scrivono jaluronico e lo sentiamo pronunciare ialuronico, scrivono jella, jettatore e le sentiamo pronunciare iella e iettatore. Scrivono junior e lo pronunciano iunior. Jesolo per Iesolo, Jole per iole, jaja per iaia, e ancora scrivono jonio, japigia, e leggono ionio, ionico, iapigia e iapigi, e poi non si comprende perché pronuncino Giazz per Jazz, Gim per Jim, Giolli per Jolly, Giumbo per Jumbo, giungla per jungla, ecc. Allora se scrivi Juventus devi leggere Giuventus, al pari di Jovanotti per Giovanotti, se leggi iunior devi scrivere iunior, se scrivi junior devi leggere giunior.

Tale confusione, la si riscontra anche nelle trascrizioni dialettali, generando il convincimento che trattandosi di dialetto, ognuno possa adottare il sistema di scrittura che più preferisce, senza tener conto che ciò ne limiterà la comprensione, relegando lo scritto solo a quanti riusciranno a interpretarlo. Chiunque riconoscendosi tra “gli insorti” voglia aderire al Comitato, è sollecitato a segnalare, non solo, alla redazione dell’«Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”», ma soprattutto a chi le commette, le scorrette grafie sollecitandone la correzione, per la salvaguardia della lingua italiana e della nostra grafia barese.

«Se si parla e si scrive italiano italianamente, si scriva barese, baresemente»

 Felice Giovine

Presidente dell’Accademia della Lingua Barese“Alfredo Giovine”

Noi,

Centro Studi Don Dialetto

Contributo alla Ricerca, Recupero, Difesa,

Valorizzazione e Diffusione

della Cultura Popolare e della Lingua Barese -

 

Aderiamo al

«Comitato Barese»

del

Centro Studi Baresi

La Redazione “Don Dialetto.it” - Bari

La Lingua Barese

è impegno, coerenza,

approfondimento, uniformità.

 È materia di studio e d’insegnamento.


Commenti : 0 | Letto : 2464 | Dettagli... (9 parole)

PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO: ACCADEMIA DELLA LINGUA BARESE - A. GIOVINE
Inserito il 04 giugno 2014 alle 07:54:00 da Gigi. IT - Accademia della Lingua Barese

  

A tutti i baresi e “giargianesi

 

L’ Accademia della lingua barese 

Alfredo Giovine

 

comunica che è operativo il

 

Pronto Soccorso Linguistico

cui rivolgersi per non commettere

errori nella scrittura.

 

Non mortificate Bari

con grafie astruse.

 

Basta una telefonata:

 

iè n-dune !!!

Comunicato Stampa

Accademia della Lingua Barese “Alfredo Giovine”


Commenti : 0 | Letto : 669 | Dettagli... (9 parole)

Ricordo di don Alfredo Giovine, indimenticabile anima di Bari
Inserito il 02 aprile 2014 alle 06:04:00 da Gigi. IT - Auguri

Alfredo Giovine

Memorabile, Ineguagliabile Cantore di Bari

1907 - 2 aprile2014

Storico, musicografo, demologo, dialettologo, poeta popolare.

Custode e Divulgatore delle Tradizioni e della Cultura Popolare Barese e Civiltà Musicale Pugliese

BBare la zita mè

 

U-amòre mì sì TTu.

Ì pènze sèmb’a TTè

BBare du core mì 

Tu sì la zita mè      

 

E qquann’arrive magge

Ì sènghe atturn’a mmè

Ca l’arie, mare e rrose

Addorene de Tè.

(...) Chi non conosce l’amore dei Napoletani per la loro Napoli? Ma l’opera di folkloristica barese e questa nuova testimonianza di baresità mi fanno dire all’indirizzo di Alfredo Giovine, che molti Napoletani messi insieme, non superano in intensa e in trasporto l'amore che il Giovine nutre con così inestinguibile fiamma per quella Bari della quale tant’è invaghito, da chiamarla costantemente la “Zita mè”  - la sposa mia.

Francesco Babudri (1963)

Abbrile

 

 Quann’arrive premavère,:

N-gann’a mmare la matine,

Stà n’addore, no de fiùre,

Ma de laghena marine.

 

Assedùdet’a nu chiangòne,

 M’acchiamènghe le gaggiàne,

E stu core nzìim’a llore,

Va e vvène da lendane.

 

Pò u sole che le ragge,

Com’a nu prestigiatòre,

 Le capidde mì d’argìinde,

Me le tènge tutte d’ore.

 

Com’acquànne da maffiùse

Iì facève u trembettìire,

Nanza nanz’a la fanvare

 De le uàppe bressagglìire.

 

Pò, na larma breveggnòse

Scorre m-bbacce chiàne chiàne

E se spèrde tremuànne

Sop’o squèrze de la mane.

 
Alfredo Giovine

Per riconoscenza e ricordarlo negli anni, la Giunta Municipale, il 29 giugno 2000 con delibera n° 779 gli ha dedicato il tratto terminale dell’attuale Strada Adriatica che si sviluppa dopo il complesso balneare ‘Il Trullo’ finendo all’altezza dell’ex ‘Camping San Giorgio’. 

La mattina del 24 marzo 2001 c’è stata l’inaugurazione della nuova denominazione stradale Via Alfredo Giovine (demologo 1907-1995).

Servì Bari, senza servirsene


Commenti : 0 | Letto : 6843 | Dettagli... (3239 parole)


 
Menu

 

 
 

 


Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:


Cerca nel Web
Google


Top - Siti web
Centro Studi Baresi (IT)
Riccardo Guglielmi - Cardiologo (IT)
Wip Edizioni (IT)
Angela Guglielmi (IT)
Mondo Antico (IT)
Modugno.it (IT)

I preferiti
Associazione Onlus Mondo antico e Tempi Moderni (31142)
Angela Guglielmi - Web master (20817)
Modugno.it Il Portale della Comunità Modugnese (19979)
GioArt di Giovanni Cellamare (15181)
Università Popolare Pugliese Terza Libera Età Ause (13889)
PugliaTeatro-L'Eccezione (13170)
Forza San Paolo - Bari (12359)
Sapore tipico (11403)
Promuoviamo il Turismo in Puglia (10740)
Libreria Culture Club Cafè (10703)
Telestreet Bari (10575)
Web Aperto (10234)
Premio Letterario Osservatorio (10053)
Teatro Abeliano - Bari (10032)
TirsoMedia -Bari- (9958)
Wip Edizioni (9927)
Liliana Carone (9757)
Helicam service (9165)

Statistiche
Siamo on line dal 1° Novembre 2006 e ci hanno visitato in:

Il tuo indirizzo IP è: 54.226.136.179

 

Tema grafico a cura di
 Nessuno
 © Don Dialetto di Gigi De Santis - © Rielaborazione Grafica e Webmaster Angela Guglielmi - © AspNuke Gli "Articoli, gli E lementi grafici e quant'altro" presenti su Dondialetto.it  sono da considerarsi d'esclusiva proprietà di http://www.dondialetto.it L'Associazione "Don Dialetto" di Bari adirà alle vie legali contro chi, intenzionalmente, abusa dei contenuti pubblicati sul nostro portale senza alcuna comunicazione, convenzione e autorizzazione della redazione 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 Grafica prodotta da "Artimedia" - www.studioquattro.com
Questa pagina è stata eseguita in 0,7792969secondi.
Versione stampabile Versione stampabile